Durant (48) piega Love a casa sua, che Sixers!

Durant spettacolare a casa di Love che si mangia 3 liberi nel finale, LeBron e Indiana sul velluto, Clippers massacrati, Sixers non si fermano più!

 

 

 

Indiana Pacers – New Orleans Pelicans 99-82
IND: George 24 (10 rimb), Stephenson 19, Hill 10, Granger 13
NOP: Davis 10, Ajinca 17, Gordon 21, Evans 12

Nessun problema per gli Indiana Pacers che rimontano e battono d’autorità i Pelicans; infatti nel 1° quarto gli ospiti volano sul +14, Indiana all’intervallo accorcia il gap sul -5 (44-49) e nel 3° piazza un break di 26-6 col quale scappa sull’80-63 dopo 3’ del 4° periodo!

Orlando Magic – Miami Heat 94-110
ORL: Harris 17 (10 rimb), Davis 14, Afflalo 16, Nelson 21, Oladipo 16
MIA: James 15, Lewis 18, Bosh 20, Wade 20, Beasley 13

Terzo derby della Florida stagionale e 3° successo firmato Miami Heat con l’ex di turno protagonista, Rashard Lewis (18 punti in 31’); proprio Lewis, a metà del 3° quarto, segna da 3 con fallo, il suo gioco da 4 punti da il via ad un 13-0 che spingerà Miami dal +1 al +14 (59-73) a 3’26” dalla sirena, Orlando non andrà mai oltre i 9 punti di scarto.

Brooklyn Nets – Cleveland Cavaliers 89-82
BKN: Pierce 17, Evans 8 (11 rimb), Williams 21, Blatche 12
CLE: Varejao 4 (12 rimb), Miles 19, Waiters 26, Dellavedova 13

Kyrie Irving preferisce non scendere in campo a Brooklyn (ginocchio) e i Nets battono i Cavs col duo Williams-Pierce; la partita viene decisa a cavallo tra il 3° e il 4° quarto, Brooklyn si trova sotto 60-63 e realizzerà un parziale di 16-4 col quale toccherà i +9 (76-67) a metà frazione, protagonisti del break Blatche e Teletovic rispettivamente rei di 8 e 6 punti, Cleveland non recupererà più.

Chicago Bulls – Atlanta Hawks 91-84
CHI: Deng 17 (11 rimb), Gibson 10 (12 rimb), Noah 10 (12 rimb), Butler 11, Dunleavy 20, Augustin 11
ATL: Carroll 10, Millsap 16 (12 rimb), Teague 16, Scott 12

Tre doppie-doppie in casa Bulls nella vittoria interna contro gli Hawks; partita combattuta e decisa negli ultimi 5’ con ancora una volta lo zampino di Mike Dunleavy, Hawks sul -1 (80-79) quando Chicago piazza il break decisivo di 8-0 per il +9 (88-79) con Dunleavy autore di 4 punti.

Minnesota Timberwolves – Oklahoma City Thunder 111-115
MIN: Brewer 15, Love 30 (14 rimb), Pekovic 32 (11 rimb), Martin 17, Rubio 13 (10 rimb)
OKC: Durant 48, Ibaka 17, Jackson 10, Adams 10, Fisher 13

I Minnesota Timberwolves e Kevin Love non hanno potuto nulla contro i 48 punti con 16/32 dal campo di Kevin Durant nel successo esterno dei Thunder; Durant gioca un 4° periodo spettacolare d 23 punti facendo venire il mal di testa a tutti i T-Wolves e per non farsi mancare nulla è suo il canestro in step-back a 4” dalla sirena finale che vale il sorpasso sul 111-113. Ma Minnesota ha la madre di tutte le chance visto che Kevin Love va in lunetta per 3 tiri liberi..0/3 (co, 3° tirato sul tabellone intenzionalmente) e vittoria OKC!

San Antonio Spurs – Los Angeles Clippers 116-92
SAS: Leonard 10, Duncan 19 (11 rimb), Splitter 22, Parker 17, Ginobili 15
LAC: Griffin 19, Jordan 4 (10 rimb), Collison 14

Italian Job: Belinelli 5 pt (1/4, 1/1 da 3), 2 rimb, 7 ass, 1 persa

La prima senza Chris Paul è un vero massacro per i Clippers che devono alzare bandiera già dopo 12’ e all’intervallo lungo sono già in doccia; 37-17 il parziale del 1° quarto con Parker e Splitter rei di 10 punti a testa, al riposo lungo il tabellone reciterà 70-35 Spurs!

Phoenix Suns – Milwaukee Bucks 116-100
PHX: Frye 22, Green 24, Dragic 15, Markieff Morris 14
MIL: Ilyasova 12, Knight 25, Mayo 20, Butler 16

Serata da non dimenticare per Gerald Green che realizza il suo career-high di punti (24) e di recuperi (5) nella vittoria contro Milwaukee; match chiuso ad inizio 2° quarto quando Phoenix ha premuto il pedale dell’acceleratore con 12-0 per il +12 (40-28), Milwaukee è arrivata massimo sul -7 (87-80) ma senza mai impensierire i padroni di casa.

Portland Trail Blazers – Philadelphia 76ers 99-101
POR: Aldridge 29 (14 rimb), Batum 4 (10 rimb, 10 ass), Matthews 13, Lillard 17, Williams 16
PHI: Young 30, Turner 23, Carter-Williams 16, Wroten 12

Continua al cavalcata magica dei 76ers che vincono la 4^ partita consecutiva in trasferta sempre sull’asse Turner-Young con Carter-William che sfiora la tripla-doppia (16+8+9), per Portland solo 3/22 da 3 punti; partita da ultimi secondi, Turner fa 2/2 dalla lunetta per ul +4 (97-101) a 14”, Lillard segna il layup del -2 e, dopo una persa di Turner, ancora il #0 avrà la palla ma stavolta niente pareggio sulla sirena.

Sacramento Kings – Charlotte Bobcats 103-113
SAC: Gay 17 810 rimb), Thompson 15 (14 rimb), Cousins 26 (11 rimb), Thomas 21, Thronton 12
CHA: Douglas-Roberts 10, McRoberts 5 (11 imb), Jefferson 27, Henderson 16, Walker 30, Sessions 12

Il nostro amico Kemba Walker scrive 30 punti a referto guidando, con Al Jefferson, i Bobcats sul campo dei Kings; partita delle non-difese tanto che con breka di 15-0 sul finire del 2° quarto Charlotte tocca il +13 (52-65) e per Sacra,ento non ci sarà più nulla da fare

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Michael Philips

    Prima di irritare i kobians. Il mio discorso era che ad L.A. ci fu un cambio di registro: kobe divenne la prima opzione offensiva e i lakers, da anni abituati ad avere shaq come punto di riferimento, non vinsero perché quando si sconvolgono gli equilibri è difficile reggere il colpo.

    Chiaro che Kobe aveva 25 anni e shaq 31 e che quindi prima o poi il team doveva passare nelle mani di kobe. Senza litigi avrebbero avuto 1-2 anni per adattarsi e vincere.

    Su Love:

    Qualcuno crede che il roster dei wolves sia superiore a quello dei blazers? Il quintetto poi? ALdridge pare il nuovo duncan, love un super bargnani…

  • mad-mel

    Inverti paul con rubio…e vedi quanto perdente è Love, Minnesota diventa una potenziale finalista. e i Clippers da 40 %.
    Anche lo stesso Garnett quando era a Minnesota aveva una rooster molto piu adatto e costruito attorno a lui sebbene limitato.
    Love non si può discutere.
    Poi se pretendete che sia come un James che da solo ti rende una franchigià gia da playoffs allora è un altro discorso.
    Anche lo stessi Dirk ha avuto sempre un gran rooster attorno a lui.

  • prescelto

    michael philips quando il tuo nuovo idolo farà 5 partite consecutive con almeno 50 punti potrai metere kobe e durant nella stessa frase forza spurssssss

  • michele

    mad mel, però si dice roster…il rooster è il gallo ( e una bellissima canzone degli Alice In Chains)eheheh

    il paragone con dirk e garnett non si pone proprio per adesso, lasciamo stare i santi…… i paralleli con aldridge e griffin invece sono ottimi temi da sviluppare, concentriamoci su quelli.

  • redbull

    michele

    non ho visto molte partite quest’anno di griffin, ma da quel poco e dagli highlights ho notato che sta migliorando davvero tantissimo in attacco

    insomma il controllo del corpo è pauroso, poi sta iniziando a giocare in post con ganci, piedi perno, tiri dalla media

    ok non sarà hakeem, ma credo sia migliorato molto nella fase offensiva, confermi?

  • shaq4ever

    eccomi qui, fresco di visione della partita (a differenza di molti che parlano parlano)

    innanzitutto mi suona strano che nessuno dica che nella penultima azione in situazione di parità c’è un fallo netto di ibaka su love e invece danno fallo a brewer inesistente con lamb che gli salta addosso e cadendo si fa male. okc va così sul +2 e partita falsata, per la seconda volta dopo il fallo enorme su love di qualche giorno fa

    love sbaglia 2 liberi (il 3° lo sbaglia intenzionalmente), shame on him. ma il resto della partita l’avete visto? boh, contenti voi. come sputare sentenze a caso. ok, ha sbagliato 2 liberi e l’hanno persa per colpa sua, ma il resto della partita non conta più?

    rubio nel finale ha forzato 4 brutti tiri (tutti sbagliati) mentre prima di quel momento stava andando benone, complice anche una pessima difesa thunder che lasciava penetrazione senza nessun aiuto

    comunque il vero problema wolves è la difesa e la panchina: 5 punti in tutto contro i 40 di okc. appena usciva il quintetto cadeva notte fonda

  • L’Ammiraglio

    Michael

    Quei Lakers andarono ad un tiro uscito per miracolo dal vincere e l’anno dopo tornarono in finale, perdendola per motivi che non hanno nulla a che vedere con questi presunti equilibri.

  • shaq4ever

    durant molto buono ma comunque ha tirato 32 volte, segnando col 50%, cioè in media stagionale (e peggio della media dello scorso anno)
    non proprio “vicino alla tripla doppia” visto che ha fatto 7 rimbalzi e 7 assist

    per il resto in questo periodo di assenza di westbrook mi aspetterei un deciso step in avanti di ibaka e collison che tarda ad arrivare

    mi accodo alla voci di un ibaka sopravvalutato dal punto di vista difensivo (buono ma non eccezionale), ma la partita di oggi non fa testo visto che love da marcare è un caso a parte. esagerando mi verrebbe da dire che per il suo gioco soffrirebbe di più la marcatura di durant (quando imparerà a difendere) che può seguirlo sull’arco e contestargli il jumper con le lunghe braccia

  • shaq4ever

    per il resto ho visto in diretta miami orlando, poca roba. un po’ di gatto col topo, un po’ nelson indiavolato

    lewis col dente avvelenato (chissà, forse incazzato perché orlando l’ha pagato poco ehhehe), lebron che litiga con gli arbitri più che col canestro (qualche mazzata sotto se l’è presa impunemente, ma vabbè) ma serve 8+8

    beasley sempre meglio dalla panca: preciso, pulito, non forza e si sbatte

  • shaq4ever

    cleveland vede allontanarsi i sogni di gloria, con un record 11-22 che è decisamente al di sotto di ogni aspettativa. tra il caso bynum, irving fuori, il caso waiters, bennet desaparecido e quant’altro, vedo molti problemi sia dentro che fuori dal campo

    per dire, anche i nets li hanno superati.. e non hanno mai avuto il quintetto al completo

    atlanta alla seconda sconfitta, certo che perdere il tuo uomo migliore non ti dà molti stimoli, visto che rischi di non passare il turno neanche passando come terza. tallonati dai raptors (!!)

    phoenix (20-15!) vince anche senza bledsoe, anche se si trattava solo di milwaukee

    portland in leggero calo, ma chi ne approfitta? i clippers sono 4° a -4 e sono senza paul

  • hanamichi sakuragi

    domani mi aspetto tanti juve merda…

  • in your wais

    Allora apro io le danze…Juve Merda (ma ci hanno comunque distrutto stasera, dobbiamo stare zitti e portare a casa)