Wall lo snobbato: “Sarà la mia motivazione!”

Il PG dei Wizards sta giocando un’ottima annata ma nessuno gli riconosce i meriti tanto da essere snobbato pure dalla Nazionale, ma lui non molla!

Il detto dice “Date a Cesare quel che è di Cesare” ma in NBA nessuno sta dando credito o riconoscendo la più che ottima stagione che sta disputando John Wall (23 anni), il PG dei Washington Wizards sta mostrando una grande maturità sia in campo che fuori…ma nessuno lo considera!

Washington ha un record di 21 vinte e 22 perse col quale è, attualmente, 6^ ad East ma l’ex Kentucky non è presente nel quintetto base dell’Eastern Conference in favore di quel Kyrie Irving (21 anni) del quale Marco ha parlato prima (CLICCA QUI per leggere), nella lista dei candidati alla maglia di Team USA per i Mondiali 2014 in Spagna non è neanche stato inserito, un duro colpo per un giocatore alla sua miglior stagione in carriera (20.0 punti e 8.5 assist) mentre è presente uno che ha giocato solo 4 partite (Derrick Rose); Wall però non si è scoraggiato e ha dichiarato: “Ci sono già passato, devo rimanere un professionista e uscire ogni  sera giocsndo nella giusta maniera, posso usare questo come motivazione per fare meglio, di più non posso”.

Il giocatore prosegue sul discorso Team USA: “Non voglio stare qui a piangere o avere persone che mi consolano, loro hanno fatto la loro lista e sono contenti, non devo guardare al passato e usare il tutto come motivazione come quando non fui invitato al McDonald’s Game, quando non fui nominato National Player Of The Year e quando non vinsi il Rookie Of The Year”.

Wall ha fatto notevoli miglioramenti soprattutto in attacco dove gioca meno da solo, prende tiri migliori e infatti Washington è vicina al 50% ed è in lotta nei Playoffs; uno degli aspetti su cui dovrebbe lavorare è la gestione del contropiede, spesso all’ultimo secondo/metro di campo scarica la palla in quanto si trova al limite.

Sta di fatto che lasciare fuori Wall dalla Nazionale per far spazio a Rose, che non si sa neanche come ci arriverà, è stato un gesto di poco gusto e di poca onestà.

 

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B