Bryant calvario senza fine, stop 2/4 settimane!

Non c’é pace per il leader dei Lakers che dovrà aspettare ancora molto tempo prima di poter tornare e ci si interroga se ne valga davvero la pena.

Che ne sarà di questi Lakers chi lo sa ma cosa si farà a questo punto con Kobe Bryant (35 anni)?

Ieri è arrivato l’ennesimo bollettino negativo della stagione, infatti il “Black Mamba” dovrà restare fermo ancora 2 massimo 4 settimane per l’infortunio al ginocchio sinistro rimediato il 17 dicembre a Memphis; Kobe ha provato a caricare il ginocchio e ha avvertito ancora un forte dolore, quindi il rientro è posticipato e lui continuerà a lavorare prima di un secondo test a febbraio, ma adesso bisogna capire se vale davvero la pena tornare! Su questo argomento è intervenuto Magic Johnson il quale, Al Los Angeles Times; ha dichiarato: “Questo ragazzo è reduce da 2 infortuni, gli ci vorrebbe almeno un intero anno per recuperare” Charles Barkley già la notte dopo l’infortunio si espose: “Deve stare fuori tutta la stagione”.

Tra l’altro Magic su Twitter (@MagicJohnson), giusto per far parlare di se, ha tirato in ballo quelli che per lui sono i più grandi di sempre….e il #24 NON c’è!

Kobe vuole tornare e lo h ribadito più volte e stare fermo ai box lo irrita non poco, l’All Star Game è ufficiosamente saltato, i Lakers stanno andando di male in peggio…gli conviene tornare? Ditecelo nel sondaggio qui sotto!

[poll id=”163″]

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • gasp

    Kobe fai come l’ Ammiraglio nel ’97…

  • tom

    … o come Schettino nel 2012.

  • gasp

    Buss Jr. ha già affondato la nave Lakers…

  • shaq4ever

    Tom idolo. Punto.

  • Alessio

    Beh, i giocatori citati da Magic avevano una caratteristica: potevano segnare 30+ punti e, contemporaneamente, far giocare la squadra meglio.
    Questo, al sia pur grandissimo Bryant, non è mai riuscito.