James vuole un colloquio con…Adam Silver!

La stella di Miami ha chiesto di poter parlare con il prossimo Commissioner in quanto ha delle idee da esporgli per il futuro della Lega.

Stanotte tutti i riflettori e gli occhi saranno all’American Airlines Arena di Miami dove gli Heta riceveranno gli Oklahoma City Thunder di quell’indemoniato di Kevin Durant (25 anni) in striscia da 30+ punti da 11 partite consecutive (il record è di McGrady con 14), LeBron James (29 anni) lo attende con ansia ma sta pensando anche ad un altro face-to-face!

Infatti il “King” vorrebbe parlare col prossimo Commisioner Adam Silver in merito al futuro della Lega: “Spero di potermi sedere con lui ad un tavolo per proporgli delle idee e spero che lui ne abbia per me” aggiungendo: “Non voglio proporre grandi cambiamenti ma voglio che la Lega diventi ancora più grande, ad esempio ci sono un sacco di persone che amano l’NBA e non possono guardare la partita, così eventualmente si potrebbe espandere ancor di più il brand”.

James ha parlato anche di David Stern, definendolo unico al mondo: “Per quello che ha fatto e per quello che è stato, nessun Commisioner è stato migliore di lui!” ma allo stesso tempo è molto contento della nomina di Silver: “Ho avuto modo di stare al suo fianco quando era il vice di Stern, è facile dialogare con lui! Capisce il business e il gioco e uno che conosce il gioco vuol dire tanto, una gran fetta di torta” concludendo: “Gli auguro il meglio, almeno 30 anni!”

Dopo aver battuto gli Spurs i Miami Heat hanno partecipato al “Battioke” (Karaoke organizzato da Shane Battier) dove i giocatori si sono esibiti in alcune canzoni, sul profilo Instagram della franchigia (@miamiheat) torvate tutti gli highlights ed esibizioni, qui sotto LeBron, Wade ed Haslem denominati “The HeatLess” nella hit della passata estate “Blurred Lines” di Robin Thicke feat. Pahrrell & T.I

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • michele

    immagino cosa gli dirà….”sono sempre stato il cocco del tuo predecessore, spero che le cose non cambino!”

  • Michael Philips

    Lebron: Hey Adam, just three words: “three step rule” eh?

    Adam: Well Bron, frankly it seems to me that this rule is already active, unofficially.

    Lebron: true…true..somehow eheh… Ok, listen, other three words: “Free Flop Rule”

    Adam: uhm…interesting…let me think about this…

  • tom

    lebron james e la sua puttanella si toccano l’uccello mentre cantano ergo hanno la candida ergo se la sono attaccata a vicenda ergo fanno la doccia insieme ergo sono froci ergo cantano canzoni da froci ergo sono froci al 100%.

  • lilin

    tom

    blurred lines è una gran canzone e pharrel Williams è il re mida delle produzioni!

    Gira al largo da quella canzone!

  • Nostradamus

    ecco in anteprima le 3 proposte che Lebron James avanzerà al futuro commissioner:

    -legalizzare i passi;

    -legalizzare i flop;

    -abolire il tiro da 3 punti.

  • tom

    lilin

    ahhh se mi chiamassi vladimir e non tom, punirei l’insolenza insita nel tuo messaggio con un biglietto di sola andata per bolshie uki, mio caro ominimo di nicolai wannabe russian badass. io voglio il video di chris andersen che canta walk dei pantera altrimenti sentenzio in maniera definitiva ed assoluta la serata di karaoke quale l’evento clou 2014 della movida gay miamiese.

  • tom

    secondo me siete tutti fuori strada.
    chiederà la legalizzazione delle fasce para sudore di dimensioni tipo scalda collo per nascondere la calvizia precoce oppure la bandana del trendsetter silvio.

  • gasp

    Nostradamus
    Se aboliscono il tiro da tre sarei molto contento

  • Jurassic_Park

    Non oso immaginare cosa potrebbe chiedere in quanto a salary cap… Mi immagino 2 squadre piene di stelle e tutte le altre a tankare clamorosamente (un po’ ad est succede già…)