Durant 26 ma OKC dice 10! Curry 44, Big Al 40!

Su ferma la striscia di Durant ma non quella dei Thudner (10 consecutive) Curry 44 ad Utah, Jefferson 40 ad L.A, bene Memphis e Toronto!

 

 

 

Orlando Magic – Milwaukee Bucks 113-102
ORL: Afflalo 21, Vucevic 12, Oladipo 15, Moore 13, Harris 18, Harkless 10
MIL: Middleton 10, Ilyasova 10, Sanders 10, Knight 10, Butler 10, Antetokounmpo 15, Neal 13

Tutto facile per gli Orlando Magic di Aaron Afflalo che in 12’ sbrigano la pratica Bucks; la guardia ex Nuggets registra 14 dei suoi 21 punti finali nei primi 12’ portando i suoi sul 35-20.

Philadelphia 76ers – Atlanta Hawks 99-125
PHI: Young 29, Carter-Williams 17, Allen 11 (10 rimb), Williams 15
ATL: Carroll 13, Millsap 12, Korver 11, Teague 12, Brand 18, Williams 12, Scott 18

Anche a Philadelphia partita senza storia con gli Hawks che hanno preso le redini del match si dalla palla a due; avanti 52-64 all’intervallo, Atlanta ha ucciso il match con un 3° periodo da 23-38 toccando anche il +32 (70-102).

Minnesota Timberwolves – Memphis Grizzlies 90-94
MIN: Love 28 (16 rimb), Martin 14, Barea 12, Cunningham 12
MEM: Prince 11, Randolph 26 (12 rimb), Lee 16, Conley 12

Zach Randolph si innesca negli ultimi minuti di partita trascinando da solo i Grizzlies a Minnesota; a 6’38” dalla fine, sul 79-79), Mike Conley si infortuna e non farà più ritorno, Minnesota va avanti 83-80 ma sarà l’ultima volta che comanderà, Memphis chiuderà la patita con un parziale di 14-7 con Z-Bo reo di 7 punti, suoi i canestri del sorpasso (85-86) e dell’allungo (85-88)!

Brooklyn Nets – Oklahoma City Thunder 95-120
BKN: Pierce 10, Livingston 16, Williams 14, Terry 11, Plumlee 13
OKC: Durant 26, Ibaka 25, Sefolosha 14, Jackson 14, Jones 11, Lamb 12

Si ferma a 12 la striscia di partita sopra ai 30 punti di Kevin Durant (26) ma non quella dei Thunder che vincono la loro 10ima consecutiva espugnano Brooklyn; partita risolta grazie ad un 13-0 col quale OKC ha chiuso il 1° quarto portandosi sul 16-30, KD 11 punti nei primi 12’.

Dallas Mavericks – Sacramento Kings 107-103
DAL: Nowitzki 34, Ellis 20, Calderon 14, Wright 10 810 rimb)
SAC: Gay 35 (12 rimb), Thomas 19

Dirk Nowitzki festeggia con 34 punti e il referto rosa la sua 12^ convocazione all’All Star Game; Sacramento però fa sudare i texani in quanto a metà del 4° periodo è avanti 80-87, break di 9-0 Mavs per il sorpasso sull’89-87, a decidere il match una persa di Rudy Gay a 2’53” che ha portato Ellis a segnare il canestro del +4 (98-94).

Denver Nuggets – Toronto Raptors 90-100
DEN: Chandler 10, Faried 12, Hickson 18 (13 rimb), Foye 10 (16 ass), Fournier 18, Miller 10
TOR: Ross 18, Valanciunas 13, DeRozan 19, Lowry 13, Salmons 11

Toronto espugna Denver grazie ai soliti noti quali DeRozan-Ros-Lowry, stagione finita per Nate Robinson (ACL); DeRozan, dopo 2 gare di assenza (schiena), torna e si fa subito sentire realizzando 14 dei suoi 19 punti nel 3° quarto portando Toronto dal +2 (60-62) al +16 (70-86)!

Los Angeles Lakers – Charlotte Bobcats 100-110
LAL: Kelly 13, Gasol 24, Meeks 19, Marshall 10 (12 ass), Young 21
CHA: Kidd-Gilchirst 10, Jefferson 40 (18 rimb), Henderson 20, Sessions 9 (13 rimb)

Neanche l’uniforme “Hollywood Night” salva i Lakers dalla sconfitta interna contro i Bobcats trascinati da un mostruoso Al Jefferson (40+18); Charlotte comanda sul +15 (49-64) ad inizio 3°, Meeks spara la tripla del -12 ma i Lakers successivamente sbaglieranno tutti gli 11 tiri presi, da -12 a -19 (52-71) con un 7-0 tutto firmato Mike Kidd-Gilchrist!

Utah Jazz – Golden State Warriors 90-95
UTA: Evans 10, Kanter 15, Burks 26, Garrett 13
GSW: Bogut 16 (17 rimb), Thompson 11, Curry 44

Uomo della notte Steph Curry che chiude a referto con 44 punti (8/13 da 3!) e da solo batte in rimonta gli Utah Jazz a domicilio; partita tirata fino a 1’37” (88-87), Curry realizza il canestro del sorpasso sull’88-89, Thompson 2 liberi per il +3 il tutto con Utah che non segnerà più dal campo, Golden State chiuderà la partita con un parziale di 8-2!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • gasp

    Il futuro MVP fa solo 26 punti in una larga vittoria contro i Nets? Ovverrated 🙂

    I Lakers sono in modalità tanking estremo, speriamo che si arrivi almeno a 20 W e vantarsi di aver fatto schifo ma non aver mai vinto meno di una ventina di partite.
    A giugno però top 5 al Draft.

  • docpretta

    ma jefferson che fa 40 + 18 ? ma i lunghi dei lakers dov’erano?

  • marcus833

    A giugno, arriva un play a LA dal Draft con una scelta altissima. Nash si ritira e Marshall rimane a fare il backup.
    Ricostruzione estrema e D’Antoni va cacciato il giorno dopo che la RS è terminata.

  • Michael Philips

    Gasp

    Assurdo Durant nel secondo quarto, la gara era già bella e finita altrimenti sarebbero stati altri 40+ facili.

    Ibaka mi sta letteralmente sorprendendo. In difesa è migliorato molto perché cerca meno la stoppata(e ne fa parecchie meno)ma per assurdo intimidisce di più di prima.

    In attacco bisogna dirlo, è diventato(non so come)un tiratore mortifero. Segna da ogni posizione e ormai sta prendendo fiducia e la mette anche fuori ritmo.

    Curry ne mette 44 ma nessuno so sorprende, il che rende l’idea di quanto sia buona la sua reputazione di realizzatore.

    Docpretta

    Al Jefferson è da un pezzo che sta spaccando il culo a chiunque. Dicasi 29+12 di media nelle ultime 10 gare.

  • BAUBAU

    Durant non merita l’MVP, ne fa solo 26 e non ne fa 30? E che giocatore è?!

    LBJ MVP!!

  • KD IL CONQUISTATORE

    tremate perchè l’apocalisse sta per arrivare, Lebron sarà solo un lontano ricordo. Best player to ever play this game in the making

  • gasp

    MP
    Sicuro, ha giocato neanche trenta minuti con 12-10 al tiro, se giocava altri 10 minuti non ne faceva 40, ma 50.

    Marcus833
    Ma Kobe con un play giovane adatterà di grande caratura si adatterà? Con Nash è fallito prima di iniziare.

  • Michael Philips

    Intanto ai lakers marshall viaggia vicino ai 10 assist a gara senza avere dei fenomeni come compagni. Pensare che questo lo hanno buttato via come fosse il kwame brown dei playmaker.

  • L’Ammiraglio

    Michael

    Pure Knight faceva 9 assist a gara ma era considerato una sega abominevole.

    A me ‘sto Marshall non dice nulla, ora come ora. Il sistema di D’Antoni droga troppo i numeri del playmaker ( vedi caso Nash).

  • Michael Philips

    anche nash aveva le cifre drogate grazie a d’antoni? Ho capito male immagino.

  • Michael Philips

    Un pò di numeri riguardo i tiri presi dal passato MVP e il futuro MVP:

    http://www.basketball-reference.com/players/d/duranke01/shooting/2014/

    http://www.basketball-reference.com/players/j/jamesle01/shooting/2014/

    Per una qualche strana ragione, Durant nei quarti periodi tira molto male(45%) rispetto ai primi 3 quarti, mentre LeBron tira con le stesse %:

    Durant 4th quarter: FG 88/193 45.6% 3P: 26/68 38.2%
    Lebron 4th quarter: FG 86/150 57.3% 3p: 13/32 40.6%

    Durant OT: FG 2/8 25.0% 0/1 0%
    Lebron OT: FG 7/9 77.8% 3/5 60%

  • Michael Philips

    Un pò di numeri riguardo i tiri presi dal passato MVP e il futuro MVP:

    Per una qualche strana ragione, Durant nei quarti periodi tira molto male(45%) rispetto ai primi 3 quarti, mentre LeBron tira con le stesse %:

    Durant 4th quarter: FG 88/193 45.6% 3P: 26/68 38.2%
    Lebron 4th quarter: FG 86/150 57.3% 3p: 13/32 40.6%

    Durant OT: FG 2/8 25.0% 0/1 0%
    Lebron OT: FG 7/9 77.8% 3/5 60%

  • L’Ammiraglio

    A te che piacciono tanto i numeri, Nash passa esattamente, alla veneranda età di 29 anni, da 8.8 di massimo in carriera a 11.5.

    No, non era per il sistema di D’Antoni questo improvviso aumento di statistiche, no, è che si uno a 30 anni suonati si sveglia ed è un giocatore così tanto migliore, da un giorno all’altro.

  • Michael Philips

    Così come i numeri di Magic Johnson erano drogati dallo showtime. Com’è che blake non ha viaggiato a 10 assist a gara con il sistema drogato di d’antoni?
    Sarà per caso che serve anche avere una notevole visione di gioco?

  • Nitrorob

    “Ibaka quando mai rifarà in 11/11??”
    cit. Michele

    oggi, 12/12 ahahahahah misà che ha letto il tuo commento!

    KD che gioca pochissimo, ovviamente non gli fregava gran che della striscia visto che 4 punti se voleva li faceva tranquillo
    ma ha pensato bene di andare a riposarsi visto che non si può permettere infortuni!
    partita mai iniziata, eppure i Nets erano una delle squadre più calde del momento!

    Big Al che era già un ottimo centro e oggi ce ne da la conferma!!
    se i Bobcats vanno ai PO lo devono a lui

  • L’Ammiraglio

    Ma ovvio che serva una visione di gioco notevole, non sto mica dicendo che Nash era una sega; ciò non toglie che i numeri sono drogati dal sistema D’Antoni, lo sanno pure i selci della Palestina.

    Che centra Magic? Di lui non hai riprova alcuna, il paragone non esiste.

  • Michael Philips

    Ammiraglio

    Già che mi piacciono i numeri ti posso dire che Marshall aveva 9.8 assista a gara anche in ncaa(senza la d’antoni drug)e che questa è tipo la terza media assist più alta nella ncaa degli ultimi 12 anni.

    Quindi, nessun sistema drogato, o affidabili finalizzatori come compagni, eppure sto stronzo pare abbia idea di come servire chi gioca con lui.

    Su Nash ai Mavs era al servizio di Dirk, ma arrivato ai Suns il team lo aveva in mano lui, completamente. Sarà anche per quello che ha fatto 2-3 stagioni assurde.

    Su Magic, è chiaro, i Lakers viaggiavano anche a 120pts a gara(…)ed è ovvio che in un altro sistema, tipo i knicks dei 90’s fare 12 assist a gara o anche 15 nei playoffs diventava improbabile.

    un pò tutti i giocatori dipendono dal sistema in cui giocano, ma ci sono alcuni di loro che riescono a rendere meglio di altri.

    Magic anche senza mettere 12 assist a gara sarebbe stato mostruso(e lo era). Invece un Marbury che sulla carta metteva 22+9assist non ha mai spostato una cippa.

  • Joe Yabuki

    anche se è una cosa forse non da valutare oggi,visto ieri Oklahoma giocare di squadra,mi chiedo quanto di possibilità ci siano che rimangano i vari Lamb , Reggie Jackson,Perry Jones,appena il loro contratto arriverà a scadenza dato che potrebbero continuare a crescere e diventare davvero utili ai thunder ;

  • mad-mel

    Ma cosa si è fatto conley?
    Cmq il record ad est si sta stabilizzando. Credo che Nets e Knicks miglioreranno il record attuale e per arrivare all’ottavo sede servirà praticamente il 50 per cento di vittorie.
    Lakers:
    Secondo me Kobe è bello che guarito ma è fuori per questione di tanking puro. Logicamente non vedo il motivo, se non per il record di punti all time, per cui debba giocare.
    Curioso di vedere cosa faranno questi Lakers in estate.
    Scelta altissima, Se gasol rifirma a cifre basse, prendono un ottimo free agent hanno già al volo una buonissima squadra.
    Peccato per i tifosi gialloviola quel rinnovo folle fatto a kobe…

  • Michael Philips

    mad-mel

    “Peccato per i tifosi gialloviola quel rinnovo folle fatto a kobe…”

    Preparati al peggio…questa tua frase potrebbe aprire un vaso di pandora colmo di kobe lovers.

  • Hanamichi sakuragi

    Paul gasol e’ il vero re del losing effort. Poco da fare

  • in your wais

    Beh, ad onor del vero, Nash anche dopo la partenza di D’Antoni ha vinto 2 volte la classifica degli assist ai Suns, e non è mai sceso sotto i 9.7 in 4 anni…

    Resta il fatto che un sistema in cui si aumenta a dismisura il numero dei possessi droghi in parte le cifre, non solo dei playmakers…

    Riguardo Marshall, le sue doti si sapevano anche prima di entrare nella Lega, come si conoscevano bene i difetti. 2 in particolare: è lento una quaresima, e tira male da fuori…

    Rimane comunque un passatore geniale, che già a North Carolina aveva messo su cifre mostruose, considerando che al college si gioca molto più col cronometro…

    Dubito diventi mai il play titolare di una squadra da titolo, ma come ottimo back-up sarebbe un lusso

  • Michael Philips

    Ma infatti il punto è che non mi spiego come mai blake non abbia avuto di punto in bianco lo stesso impatto di marshall che il giorno dopo essere stato messo titolare ne metteva 16, così senza nemmeno avere particolare feeling con i compagni.

    “un sistema in cui si aumenta a dismisura il numero dei possessi droghi in parte le cifre, non solo dei playmakers…”

    aumenta tutto in ogni aspetto: più si corre, più in fretta si andrà al tiro, quindi più tiri, più canestri e più rimbalzi. Più tiri vuol dire anche più stoppate e più palle perse, oltre ad alzare anche il numero di falli.

    Se il gioco è veloce le difese non hanno il tempo di organizzarsi, quindi si segnerà con percentuali migliori.

    Più doppie doppie, più triple doppie, le quadruple doppie di hakeem, david robinson e alvin robertson e quelle sfiorate da bird, drexler e jordan appartengono appunto ad un periodo in cui i numeri venivano “gonfiati” dai ritmi folli. Poi se avevi anche il talento di MJ, Bird e altri allora riuscivi a mettere a referto numeri improponibili oggi.

  • L’Ammiraglio

    è passato da avere come prima opzione Nowitzki a Stoudemire, non vedo la differenza.

    Che senso ha prendere Magic e piazzarmelo 10 anni dopo ai Knicks?
    Io parlo di numeri poi, non del valore complessivo del giocatore.

    Non ho paragonato Blake a Marshall. Ho detto solo che quei numeri mi sembrano esagerati rispetto al valore del giocatore che ho visto io, fine. Felicissimo di sbagliarmi.

    Blake è bollito ormai.

    iyw

    D’Antoni se ne è andato, ma il sistema è rimasto quello pari identico.

  • BBW_3

    “Riguardo Marshall, le sue doti si sapevano anche prima di entrare nella Lega, come si conoscevano bene i difetti. 2 in particolare: è lento una quaresima, e tira male da fuori…”

    In verità Marshall per ora sta tirando con il 45,5% da tre, meglio di quanto tiri dal campo(44,5%).
    I numeri potrebbe essere anche un pò drogati dal sistema di D’Antoni ma questo è un gran play, di quelli alla Rondo per intendersi! L’anno scorso a Phoenix non ha quasi neanche avuto la possibilità di giocare, quest’anno sta facendo vedere quello che aveva già fatto in NCAA, cioè di essere un gran playmaker alla vecchia maniera!

  • mad-mel

    Secondo me L.a al draft prenderà tutto tranne che un play per tre motivi: con Kobe il play è inutile, hanno Marshall che male non fa, a prescindere dal sistema del baffo, ed è di prospettiva, ma soprattutto perché il baffo a giugno lo manderanno fuori dai coglioni a meno che la dirigenza L.A. nel cassetto della scrivania in ufficio abbia avanzato un po di magic blue.

    Qualcuno mi può spiegare questa voce di Melo a Chicago? Non capisco il motivo, è pura follia per lui a 30 anni andare in una squadra tutta da ricostruire.
    E non ditemi perché c’è rose, il ragazzo è palesemente finito. Lo sanno anche i sassi.
    Lo tengono per contratto e marketing.

  • LOL

    si vede che non ne vedete di partite dei lakers (e vi dirò che fate anche bene dato lo scempio…). Marshall è un passatore sopraffino, su quello niente da dire, per me non è il sistema che lo droga, non più di tanto. Ma per il resto non è uno che può fare lo starter in una contender o comunque in una squadra seria, perchè non ha un tiro affidabile ma soprattutto perchè difensivamente è una sciagura, ma non per altro ma semplicemente per un fatto fisico. Quindi qui rispondo a mad mel, se pensi che non prendano un play perchè c’è marschall sei fuori strada, è il peggior play che puoi affiancare a kobe, sostanzialmente è una versione scarsa di nash, senza tiro, o un rondo 10 volte meno dotato fisicamente, quindi vedi un pò te. Al draft c’è smart che è una bestia fisicamente, uno che ti cambierebbe la vita per l’impatto fisico che ha, lo stesso exum che però è più grezzo, altro che marshall, marshall è buono dalla panchina a guidare la second unit. In una squadra seria non può giocare

  • alert70

    Domanda: i Raptors vogliono andare ai PO? Invece di tankare nell’anno buono, fanno di tutto per vincere la division?

    Da un punto di vista sportivo è un bene anche per dare credibilità al team, dall’altro si perdono un prospetto niente male.

    Kings
    Hanno lottato come dei dannati cedendo nel finale. Non è la prima volta. La base è buona, tre innesti mirati e la squadra è da PO. Per innesti intendo un play, una guardia più difensiva che offensiva e un panchinaro da aggiungersi ai due/tre decenti che abbiamo.

    Gay va rifirmato se rimane questo, soprattutto perchè fa scopa con DMC ed è in grado di segnare nei finali.

    Lakers
    Fanno più schifo dei Kings che sono contati come squadra. Il che non mi dispiace…….:)