Wall ferma Durant, Miami di forza a NY!

Durant sconfitto nella capitale, Miami vince a NY, vittorie in extremis per Indiana, San Antonio, Atlanta contro Super-Love e Portland su Toronto.

 

 

 

Indiana Pacers – Brooklyn Nets 97-96
IND: George 20, West 17, Hibbert 20, Stephenson 14, Hill 10
BKN: Johnson 16, Pierce 15, Garnett 12 (10 rimb), Livingston 24, Williams 13

La prima partita dell’era Adam Silver viene vinta dai Pacers di misura contro i Nets; a 7” dalla fine David West va in lunetta sul +1 Indiana, l’ala forte non trema e fa 2/2 per il +3 (96-93), Brooklyn va da Paul Pierce ma la sua tripla non andrà a segno e a David West basterà un solo libero per chiudere la pratica. West ha realizzato 7 degli ultimi 8 punti dei suoi.

Washington Wizards – Oklahoma City Thunder 96-81
WAS: Ariza 18, Nene 17, Gortat 14 (14 rimb), Wall 17 (15 ass), Webster 10
OKC: Durant 26, Ibaka 14, Jackson 12

E nella capitale si fermava la striscia di 10 vittorie consecutive dei Thunder, KD tira 8/21 per 26 punti e deve arrendersi ai 17+15 assist di John Wall; match equilibrato e punto-a-punto fino a 4’09” dalla fine del 3° quarto, sul 58-57 i capitolini hanno chiuso la frazione con un parziale di 20-7 per il +17 (89-72), John Wall ha realizzato 13 dei suoi 17 nel 3° quarto!

Atlanta Hawks – Minnesota Timberwolves 120-113
ATL: Carroll 19, Millsap 20 (13 rimb), Korver 24, Teague 19, Scott 14
MIN: Brewer 10, Love 43 (19 rimb), Martin 17, Rubio 5 (11 ass), Barea 12

Kevin Love registra una pazzesca doppia-doppia da 43+19 ma Minnesota cade di misura ad Atlanta sotto i colpi di Millsap e Korver; a 1’26” alla fine Love porta i suoi sul -3 (112-10) ma gli Hawks risponderanno con un pesante 6-0 per il +9 (118-109) con 26” da giocare.

Detroit Pistons – Philadelphia 76ers 113-96
DET: Monroe 21 (12 rimb), Drummond 22 (14 rimb), Caldwel-Pope 12, Jennings 10, Singler 20 (10 rimb)
PHI: Turner 15, Young 14, Anderson 12, Wroten 18, Williams 15

Italian Job: Datome (0/2, 0/2 da 3), 1 rimb

Le torri dei Pistons non fanno ostaggi, 43 punti e 26 rimbalzi in due per la coppia Monroe-Drummond nel successo sui Sixers; Detroit va al riposo lungo avanti di 8 (57-49) ma nei successivi 12’ chiuderà la pratica (36-21) entrando nell’ultima frazione sul +23 (93-70).

Houston Rockets – Cleveland Cavaliers 106-92
HOU: Jones 17, Howard 26, Harden 28, Beverley (10 rimb), Lin 15 (11 rimb, 10 ass)
CLE: Deng 24, Irving 21, Waiters 19

Torna James Harden nelle file dei Rockets ma l’uomo della notte è Jeremy Lin, tripla-doppia per lui (15+11+10) e vittoria Houston; i texani comandano dall’inizio alla fine e nel momento di difficoltà, sul (72-66) Beverley ruba palla a Waiters ed innesca un break di 10-2 (Howard 6, Harden 4) per il +14 (82-68) a 2’ dalla sirena del 3°!

Memphis Grizzlies – Milwaukee Bucks 99-90
MEM: Randolph 23 (10 rimb), Gasol 19, Calathes 22, Johnson 14
MIL: Middleton 12, Ilyasova 14 (13 rimb), Knight 23, Butler 10

Anche senza Mike Conley i Grizzlies proseguono il loro ottimo momento con il duo Randolph-Gasol e il career-high di Nick Calathes; successo arrivato in rimonta perché Milwaukee ha tenuto le redini del match fino a metà del 3° quarto toccando anche il +11 (64-53), Memphis si sveglia sparando un parziale di 23-7 andando su +5 (71-76) e senza più girarsi.

New Orleans Pelicans – Chicago Bulls 88-79
NOP: Davis 24, Evans 11
CHI: Noah 14 (16 rimb), Butler 10, Augustin 23, Gibson 17 (10 rimb)

Il solito Anthony Davis guida i Pelicans alla vittoria contro i Bulls; l’inizio di 2° quarto è stato fatale agli uomini di coach Thibodeau, dal -1 (24-23) si sono ritrovati sotto di 13 (37-24) dopo i primi 6’ e hanno passato tutta la gara ad inseguire.

San Antonio Spurs – Sacramento Kings 95-93
SAS: Duncan 23 (17 rimb), Parker 18 (10 ass), Diaw 14, Mills 15
SAC: Gay 23, Thompson 10, Thomas 26, Acy 2 (10 rimb)

Italian Job: Belinelli 8 pt (1/3, 2/7 da 3), 3 rimb, 1 ass, 3 perse

Con le unghie e con i denti gli Spurs riescono ad avere la meglio sui Kings grazie ad un mostruoso Duncan (23+17); a 36” dalla fine Thoma sporta Sacramento sul -1 (94-93), Duncan va in lunetta a 12” ma fa 0/2 dando la chance ai Kings di sorpassare ma Rudy Gay (ad 1”) mancherà il tiro della vittoria

New York Knicks – Miami Heat 91-106
NYK: Anthony 26, Smith 20, Hardaway Jr. 17, Chandler 8 (11 rimb)
MIA: Battier 16, James 30, Bosh 4 (10 rimb), Chalmers 11, Wade 22, Andersen 10

Italian Job: Bargnani DNP

I Miami Heat sfatano il tabu New York imponendosi sui Knicks con personalità e con un LeBron James quasi da tripla-doppia (30+8+7); i Knicks inseguono tutto il tempo, arrivano sul -5 (79-84) dopo 3’ del 4° ma poi Miami darà il colpo di gas finale decisivo, 12-2 di break per il +15 (81-96).

Phoenix Suns – Charlotte Bobcats 105-95
PHX: Dragic 25, Markieff Morris 13, Marcus Morris 15, Plumlee 6 (11 rimb)
CHA: Kidd-Gilchrist 11, McRoberts 11, Jefferson 10, Sessions 11, Pargo 12, Zeller 11, Tolliver 14

I Phoenix Suns vincono la loro 5^ partita consecutiva cavalcando l’onda dei gemelli Morris e dello straordinario Goran Dragic; match chiuso all’intervallo con i padroni di casa avanti 59-41 grazie ad un break di 9-0 con quale hanno chiuso la seconda frazione.

Portland Trail Blazers – Toronto Raptors 106-103
POR: Batum 18, Aldridge 27 (15 rimb), Matthews 21, Lillard 21
TOR: Valanciunas 18, DeRozan 36 (12 ass), Lowry 23, Patterson 13

Anche Portland vince di misura ed in rimonta contro i Toronto Raptors grazie al solito implacabile Damian Lillard; Raptorsa avanti 102-103 a 25” dal termine, ci pensa il #0 che segna il canestro del sorpasso (104-103) con 11” da giocare ma DeRozan perde una sanguinosa palla (scippo di Aldridge) che costerà il match!

Los Angeles Clippers – Utah Jazz 102-87
LAC: Griffin 25 (11 rimb), Jordan 10 (14 rimb), Collison 11, Crawford 27
UTA: Jefferson 19, Williams 9 (10 rimb), Kanter 23 (14 rimb), Hayward 15

Infine nessun problema per i Clippers contro i Jazz tra le mura amiche dello Staples Center; il break decisivo arriva a 3’30” dalla fine del 3° quarto, Jamal Crawford realizza 8 punti nel parziale di13-6 per il +11 (76-65).

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B