Utah sorprende Miami, Houston 5 di fila!

Miami cade a sorpeesa sul campo dei Jazz, Spurs e Rockets a fatica ma vincono, Pistons e Suns a valanga, bene Memphis e Portland su Minnesota senza Love!

 

 

 

Charlotte Bobcats – San Antonio Spurs 100-104
CHA: Jefferson 26, Kidd-Gilchrist 4 (12 rimb), Henderson 23, Walker 18, Sessions 10
SAS: Duncan 16 (13 rimb), Doaw 13, De Colo 15, Mills 32

Italian Job: Belinelli DNP

San Antonio vince a Charlotte in un match tirato e grazie ai 32 punti di Patty Mills; a 8’ 22” dalla fine del match il punteggio è di perfetta parità a quota 82, poi ecco il break di 12-4 col quale i texani spaccano il match per il +8 (86-94) a 3’53” dal termine.

Atlanta Hawks – Memphis Grizzlies 76-79
ATL: Carroll 13, Millsap 20 (11 rimb)
MEM: Randolph 20, Lee 14, Calathes 10

Vittoria in trasferta anche per i Grizzlies che di misura espugnano la Philips Arena di Atlanta col solito Zach Randolph; a 39” dall’ultima sirena Millsap trova la tripla del -3 (76-79), Marc Gasol manca il tiro del K.O ma all’ultimo secondo Lou Williams non troverà l canestro del pareggio.

Detroit Pistons – Denver Nuggets 126-109
DET: Smith 30 (10 rimb), Monroe 14, Drummond 18 (15 rimb), Singler 10, Jennings 35 (12 ass), Stuckey 19
DEN: Chandler 20, Faried 11, Hickson 15 (16 rimb), Foye 15, Fournier 12

Italian Job: Datome DNP

Partita perfetta dei Detroit Pistons che tra le mura amiche del Palace spazzano via i Nuggets col duo Smith-Jennings autore di 66 punti; l’ex Virtus Roma protagonista nella volata che ha portato i suoi sul +16 (93-77), nel break di 18-6 ha confezionato 7 punti e 3 assist!

Minnesota Timberwolves – Portland Trail Blazers 110-117
MIN: Brewer 26, Cunningham 14 (10 rimb), Turiaf 8 (13 rimb), Budinger 19, Rubio 25, Muhammad 12
POR: Batum 15, Aldridge 26, Lopez 7 (11 rimb), Lillard 14, McCollum 19

Minnesota lascia a riposo Kevin Love e se la gioca per 3 quarti di partita prima di cedere di fronte a LaMarcus Aldridge e i suoi Blazers; infatti i T-Wolves toccano il massimo vantaggio sul +7 (82-75) sul finire del 3° quarto, poi Portland cambia marcia e rifila un 23-6 in 7’30”, 88-98 a 5’ dalla fine e game over per Minnesota

Milwaukee Bucks – Houston Rockets 95-101
MIL: Middleton 20, Henson 14 (10 rimb), Wolters 19, Knight 23, Pachulia 12 (10 rimb)
HOU: Howard 27 (13 rimb), Harden 22, Beverley 15, Lin 18

Continua il buon momento degli Houston Rockets che registrano la loro 5^ vittoria consecutiva vincendo a Milwaukee; Bucks che hanno venduto cara la pelle e che, a 12” hanno avuto la chance di accorciare sul -1 ma l’ottima difesa di Patrick Beverley su Brandon Knight lo ha costretto a sbagliare, rimbalzo di Howard e subito fallo sistematico. Dwight fa 1/2 (95-99) che basterà per dare la vittoria ai suoi.

Phoenix Suns – Golden State Warriors 122-109
PHX: Tucker 16 (15 rimb), Frye 13, Plumlee 12, Green 25, Dragic 34 (10 ass), Markieff Morris 14
GSW: Iguodala 12, O’Neal 11, Thompson 17, Curry 28, Barnes 23, Crawford 10

Phoenix manda tutto il quintetto base in doppia-cifra guidato dal career-high di Goran Dragic (34 punti) nel successo contro Golden State; match equilibrato (102-100) a 7’54” dalla fine poi break di 11-2 con 2 bombe di Dragic e 6 punti di Tucker, 113-102 e match finito.

Utah Jazz – Miami Heat 94-89
UTA: Jefferson 14, Williams 23, Hayward 9 (11 ass), Burke 13, Burks 12
MIA: James 13, Bosh 12, Wade 19, Chalmers 12, Cole 12

LeBron James gioca la peggior partita della stagione (4/13 dal campo) e Miami viene sconfitta a Salt Lake City dai Jazz; la giocata decisiva porta la firma di Trey Burke, suo il tiro del +4 (93-8) realizzato sulla sirena dei 24” a 24” dalla fine del match, Allen sbaglierà al tripla del -1 e sarà W Jazz.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Michael Philips

    Durant che oltre a segnare con una facilità disarmante ormai riesce a flirtare con la tripla doppia quando e come vuole.

    Ha un passato da eterno secondo, ma credo proprio che in futuro sarà facilissimo arrivare secondi dietro a lui.

    Imbarazzante il divario con Melo.

  • low profile

    Durant eterno secondo?
    Ma ha 26 anni e fino ad un paio di stagioni fa il dualismo era Kobe vs James. è arrivato secondo si, ma eterno? manco avesse 30 anni e 5 finali perse

  • aekeros70

    speravo in uno scontro a chi facesse più punti tra melo e durant… Invece non c’è stato… Questo rattristerà la mia giornata(a meno che i bulls non vincano)

  • Iceman

    MP
    Se vincerà l’anello credo che molti lo metteranno già al primo posto

  • Partita discreta di Durant stasera…

  • GOAT

    in realtà nemmeno 26, durant è eterno secondo giusto perchè ha 4 anni in meno di lebron

  • Michael Philips

    Iceman

    Ricordo che durante le finals del 1991, nelle interviste pre-partita a Magic Johnson, che all’epoca aveva collezionato 5 anelli, 3 finals MVP 3 MVP e si apprestava a giocare la sua NONA finale, quando parlava di Jordan, che stava per affrontare, diceva cose tipo: è bello affrontare in finale il n.1 della NBA. E Jordan all’epoca aveva vinto 2 MVP ed era alla prima finale NBA.

    Se Durant vince l’anello(oltre ad un MVP certo)allora a malincuore saò il primo a considerarlo il n.1 della lega.

    Spero di no, ma questo ragazzo è destinato a dominare.

  • ILoveThisGame

    quindi secondo te Felton, per citarne uno, è meglio?? Rio non è un play puro perchè non è un gran passatore o giocatore di Pik’n’Roll ma ti assicuro che difensivamente è più che sufficiente,cosa molto rara fra i play di oggi, è freddo nei finali, penetrazioni tiri da 3 e da 2 li mette , per valutarlo bene bisognerebbe vederlo in un altro contesto, forse quando gli scadrà il contratto.

  • gasp

    Mah, se non sistema la difesa l’ anello arriverà con ritardo… ha i mezzi per farlo comunque

  • Michael Philips

    ILoveThisGame

    il tuo “ti assicuro” mi fa ridere.

    Scusa eh, ma sono 4 anni che lo vedo giocare e sono 4 anni che bestemmio per le cazzate nonsense che riesce a produrre fresche fresche ogni dannata gara.

    Non capisco il paragone con Felton che oltre a non avere grande talento a livello di testa sta poco sopra j.r. smith.

  • Iceman

    MP
    Giustamente direi,anche stasera,va bene che la difesa di New York non è il massimo,ma ha fatto quello che voleva,letteralmente.
    Mi fa quasi arrabbiare il fatto che non riesco a farmelo piacere.
    Spero sempre un giorno di vedere un lungo dominare così,lungo ovviamente intendendo il ruolo.

  • Michael Philips

    Gasp

    Dirk nel 2011 ha vinto l’anello senza MAI difendere.

    Per ora i Thunder anche senza la difesa di Durant vanno che è una meraviglia.

    Questo Durant per ora pare addirittura di un’altra categoria rispetto a quella versione deluxe di Nowitzki.

    Poi certo, la RS non è come i playoffs e KD dovrà dimostrare di poter dominare anche quando le difese si stringono e quando tutti danno il 110% ogni singola gara. Ma per ora il 35 fa davvero paura.

  • ILoveThisGame

    perchè hai detto che non sarebbe titolare in nessun team…nemmeno a NY?? dire che uno così ha poco talento quando per giocare si basa su quello fa ridere

  • Michael Philips

    ILoveThisGame

    hai giusto preso i knicks che attualmente fanno cagare e non hanno un play decente.

    Il che già rende l’idea.

    Chalmers dubito che partirebbe titolare nella maggior parte dei team NBA.

    Oh, tra le cose il buon mario oltre ad avere un atteggiamento da HOF quando sta in campo, è anche realmente convinto di essere tra i 10 migliori playmaker della lega.

    “I’d say top 10,” the Miami Heat fifth-year man said of where he ranks. “I’m not in the lower part (of the top 10), I’m in the middle part. I just have confidence in myself. I think I can compete with the best of them.”

    OK Mario, ok!

  • gasp

    Mp
    Ok, ma c’era Chandler. Attualmente nei Thunder un difensore così non lo vedo

    Iceman
    Lo spero anch’io, uno alto 2.20 che domina come Chamberlain, vedi poi sto smallball dove se lo possono mettere…

  • low profile

    Tranquilli, l’anno prossimo arriva Embiid e spacca il culo a tutti gli small ball di sto mondo

  • Michael Philips

    low profile

    scherzi a parte, io spero davvero che embiid rimanga ancora un anno in ncaa per poi fare il salto in nba magari come prima scelta, già oggi si parla di lui come di un top 3 per il 2014.

    Già è grasso che cola vedere una nuova generazione di lunghi con talento, che è mancata nel post Garnett/Duncan/Dirk e Howard comunque è del draft 2005.

    Ora invece abbiamo tanti lunghi ottimi, da Cousins a Davis, a Brook Lopez ad Aldridge passando per l’atipico Love e arrivando ai due dei pistons(monroe si sta lasciando andare di brutto)fino ad un altro lungo atipico come griffin che comunque domina i tabelloni, più qualche altro.

    Pensare a tutti i lunghi osceni scelti nelle top 10 dei draft dal 1999 ad oggi…

  • low profile

    MP

    alcuni mock già lo danno alla 1, temo che farà il salto, io non perdo occasione di sfotterlo ma tra tutti è quello che mi sta più simpatico, speriamo bene.

    è vero che alla fin fine di lunghi decenti ce ne sarebbero parecchi, specialmente tra i draftati negli ultimi 5-6 anni ma il punto è un altro, quanti di loro hanno il mix di testa-classe-fisico per essere il frinchise player di una vera contender? per me solo Davis

    Ah sempre in tema di lunghi dominanti stasera abbiamo sfiorato di un inezia il trilione, peccato per quel falletto del kiwi, 12 zeri con 5 minuti di gioco sarebbero stati una gran bella storia

  • Iceman

    Gasp
    Ahahah,il concetto era esattamente quello!

    Dai non prendete in giro embiid:) il talento è purissimo,non è molto continuo in attacco ma ha già buoni movimenti,e in difesa a volte oscura tutto.
    Lasciatemi una speranza cavolo

  • cuni

    Non ricordo play titolari di una squadra campione nba più scarsi di Chalmers, sinceramente. Anche se a me sta proprio sulle scatole a prescindere, e le tre righe di intervista riportate da mp confermano la mia idea…pieno di sé come pochi..dio che fastidio..

  • hakiro

    pensavo che il passaggio di consegne potesse avvenire fra due o tre anni,mi sbagliavo.
    durant è già oggi il miglior giocatore del mondo e fra qualche anno le finali vinte da miami nel 2011 con james vincitore del duello verranno ricordate con un certo stupore.
    è ufficialmente iniziato l’era durant,poveretti i suoi contemporanei.

  • GOAT

    fisher era più scarso di chalmers, e di titoli ne ha vinti 5.

  • alert70

    shaq4ever

    DMC è sottovalutto come difensore. Il suo errore più comune sono i tempi di lettura negli aiuti ma nelle altre fasi difensive si fa sentire. Purtroppo come già scritto se hai una difesa colabrodo non puoi certo emergere.

    Basta vedere come sta faticando Chandler che tutto si può dir meno che non sappia difendere. Figuriamoci DMC che ha tanto da imparare.

  • hanamichi sakuragi

    a proposito del n.1 OGGI.. per quanto mi stia sulle palle lebron e ami durant aspetterei i play off.
    oggi quello che vediamo è il miglior durant della sua carriera ma purtroppo, questo durant non è meglio del james visto dal 2012 alla fine della RS 2013.
    non cito i play off di james 2013 in quanto non sono stati a livello di quelli dell’anno prima.
    ma cmq quanto fatto vedere in quell’anno e mezzo da james secondo me è superioriore a quello fatto da durant quest’anno.
    dobbiamo aspettare i play off di lebron per vedere se ha abbassato il suo livello di gioco o si sta risparmiando. e al contempo vedere se durant mantiene questi standard anche nella post season.