Kaman sul calvario Lakers: “Chi se lo immaginava”

Il lungo europeo dei giallo-viola è emerso nelle ultime sconfitte con prestazioni di notevole fattura, però ha anche commentato desolatamente la stagione.

Ultime due prestazioni alla Kevin Love per Chris Kaman (31 anni) ma le sue doppie-doppie non sono servite ai Los Angeles Lakers sconfitti sia domenica che ieri contro Chicago ed Utah (2-8 nelle ultime 10), l’infermeria è piena e la classifica piange visto che ad oggi i giallo-viola sono penultimi ad Ovest con 18 vinte e 34 perse con una sola partita di vantaggio sugli scappati di casa dei Sacramento Kings.

Dopo il K.O contro i Jazz il tedesco ha parlato con i media dichiarando desolatamente: “Nessuno aveva previsto tutti questi infortuni e nessuno pensava che sarebbe stata una stagione così, dobbiamo solo migliorare soprattutto per la proprietà e per i fans che vengono a vederci” poi risponde a chi vede i Lakers in fase di tanking vista ormai la situazione tragica: “No, noi vogliamo vincere! Non scendiamo in campo per prenderci la pick, non è quello che vogliamo e che stiamo facendo, posso giurarvelo.

Kaman potrebbe essere uno de giocatori in partenza per la Dead-Line e ha commentato così: “Perdiamo di 20, a chi gliene frega qualcosa di quello che accadrà, io vorrei stare qui perché Los Angeles è casa mia, ma se succederà non avrò problemi”.

Il fattore campo a L.A, per i Lakers, non esiste più: 6 sconfitte consecutive (pareggiato il record di franchigia) tra le mura dello Staples Center e, in occasione del K.O contro Utah, si è fatto registrare il 2° NO-SOLDOUT della stagione, questa la situazione degli infortunati con grandi punti interrogatici su Nash e sul “Black Mamba“:
• Pau Gasol
• Xavier Henry
• Jordan Farmar
• Steve Nash
• Kobe Bryant
• Nick Young
• Joodie Meeks

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B