NCAA Night Report (20/02/2014)

North Carolina vince il big Match contro Duke con tanto di invasione, bene gli Spartans e UConn, soffre Memphis, BYT “upsetta” Gonzaga.

 

 

 

North Carolina – Duke (#5) 74-66
UNC: McDonald 21, Paige 13, McAdoo 10 (10 rimb.), Tokoto 9, Britt 6, Johnson 5, Meeks 4, Hubert 2, James 2, Hicks 2, Simmons
DUKE: Parker 17 ( 11 rimb.), Cook 17, Hood 16, Sulaimon 6, Dawkins 5, Plumlee 3, Jefferson 2, Thornton

Purdue – Michigan State (#13) 79-94
PUR: Stephens 19, Johnson 17, Davis 13, Hammons 8, Smotherman 7, Simpson 5, Carter 3, Johnson 3, Peck 2, Scott 2, Carroll
MSU: Harris 25, Payne 23, Valentine 16, Trice 14, Kaminski 5, Ellis 4, Byrd 3, Costello 2, Gauna 1, Appling 1, Bohnhoff, Wollenman, Schilling, Chapman, Wetzel

Temple – Connecticut (#21) 55-68
TEM: DeCosey 16, Pepper 11, Lee 10, Cummings 10, Williams 8, Watson, McDonnell, Brown
CONN: Napier 17 ( 12 rimb.), Boatright 14, Daniels 13, Brimah 10, Giffey 8, Kromah 4, Nolan 2, Facey, Calhoun

Rutgers – Memphis (#22) 59-64
RUT: Jack 22 ( 10 rimb.), Mack 10, Kone 10, Moore 8, Judge 4, Brown 3, Etou 2, Lewis, Seagears,
MEM: Dixon 15, Jackson 11, Goodwin 10, Nichols 10, Johnson 7, King 6, Crawford 5, Pellom

Byu – Gonzaga (#25) 73-65
BYU: Winder 17, Carlino 15, Mika 13, Haws 12, Collinsworth 8, Halford 4, Austin 2, Worthington 2, Sharp, Bartley
GONZ: Dower 14, Pangos 13, Karnowski 8, Bell 7, Coleman 7, Dranginis 6, Edwards 5, Barham 3, Stockton 2, Nunez

Commento

Ancora altra bella prova di Connecticut che in facilità supera Temple, Napier flirta ancora con la tripla doppia con una partita da 17 punti, 12 rimbalzi e 7 assist: Altra vittoria dopo una sconfitta per gli Spartans che continuano la loro altalena di risultati ormai da quasi un mese, Purdue non riesce a doppiare la bella prova contro Indiana di una settimana fa e l’attacco degli Spartans trova un’eccellente prova da 94 punti realizzati 48 dei quali portano la firma di Harris e Payne. L’avversario non è certo ai livelli di Uconn, ma contro Rutgers Memphis riesce a portare a casa una vittoria che cancella in parte lo stop contro gli Huskies del 15 febbraio scorso, i 22 punti e 10 rimbalzi di Jack si scontrano contro i 4 giocatori ( su 8) in doppia cifra dei Tigers. Upset poco a sorpresa quello di BYY su Gonzaga. I Cougars si portano quasi subito in vantaggio toccando anche il + 10 nel primo tempo, nella seconda parte i Bulldogs provano a dare l’accelerate alla partita ma non riescono ad agguantare BYU che resta in vantaggio fino al 40’.

Nella notte è andata in scena anche l’attesissima sfida della Tobacco Road fra North Carolina e Duke, la partita in programma 3 giorni fa era stata rinviate per maltempo ( sicurezza) a poche ore dalla palla 2.
Questa volta la palla a 2 si è alzata e come sempre ne è venuta fuori una bella e intensa partita. I Tar Hells partono subito forte portandosi sul 6-0 nei primi 3 minuti ma Duke si rifà subito passando in vantaggio 12-18 dopo 8’. Seguono 2 minuti di vuoto, UNC segna 4 canestri di fila e si riporta in vantaggio sul 20-18. Negli ultimi 8 minuti del primo tempo i Blue Devils provano a portare l’attacco in ritmo e il vantaggio sale fino ai 7 punti dell’intervallo. Nella ripresa North Carolina scende subito sul -9 toccando anche il -11 dopo 5’. Da quel momento inizia la lenta ma inesorabile rimonta dei padroni di casa. Duke segna solo 2 punti in 10 minuti e il punteggio passa da 40-51 a 51-53 a 7’ dal termine. Duke prova a rilanciarsi dopo il timeout TV ma l’inerzia è ormai cambiata e a 4’25” dalla sirena arriva il pareggio, trenta secondi dopo il sorpasso di UNC sul 62-60. La partita rallenta di ritmo con le squadre che sentono la pressione della palla sui polpastrelli e stentano a trovare canestri su azione. A 1’30” dalla fine i Tar Hells allungano a +4 sul 66-62. I tiri liberi finali fissano il punteggio sul 74-66 finale

S.Bei

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste