Phil Jackson torna sul duo Kobe and Shaq

Phil Jackson parla del duo Shaq & Kobe nel loro periodo in maglia Lakers riuscendo a dire sempre qualcosa di interessante

Quando coach Phil Jackson parla del rapporto intercorso tra il  duo Bryant-O’Neal sembra sempre molto divertito. Gli compare un sorrisino beffardo, sua tipica espressione ed ogni tanto regala qualche chicca.

Anche perchè ognuno di noi ha le sue idee, più o meno valide, su quel binomio in quel contesto in quel periodo, che sembrava poter diventare invincibile ma che si sciolse sul più bello come neve al sole.

Così intervenendo al  MIT Sloan Sports Analytics Conference a Boston, Jackson ha parlato delle differenze dentro e fuori dal campo tra Kobe e Shaq, arrivando a raccontare che una delle cause scatenanti la loro frattura è stato il ruolo da clown che O’Neal amava ricoprire nello spogliatoio e durante le sedute di allenamento dei Lakers.

Questo per Bryant era inaccettabile, specie quando la squadra attraversava dei momenti di difficoltà.

Jackson poi ha anche parlato di altri argomenti, in particolare sul periodo Rodman ai Chicago Bulls ma senza aggiungere nulla di nuovo rispetto a quello che già aveva detto in passato.

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70

Nickname: Doc.Abbati

  • briga

    scusate l’ignoranza dell’italiano medio ma….una mezza traduzione??

  • briga

    vogliamo una traduzione!!scusate l’ignoranza da italiano medio

  • i.graphicplayer

    Parla in sostanza dell’attitudine mentale che Kobe condivideva con Jordan, allenarsi sempre duramente, essere concentrati, dare il massimo, pretendere il massimo, e per contro c’era il lato bambinesco di O’Neal che invece prendeva tutto come un divertimento, c’è anche il fatto che O’Neal non si preparava in prestagione e anche durante la stagione “cazzeggiava”, Kobe si metteva degli obiettivi e faceva di tutto per perseguirli. Non c’è molto più di quello che aveva già scritto nell’articolo comunque (nulla che comunque già non si sapesse).

  • Mamba 93

    Chissà se sarebbe andate diversamente se non si fossero odiati,invece di 3,forse qualche anello in più 🙁