San Antonio doma Noah, Durant stende Houston!

Chicago non può nulla contro l’armata Spurs, Durant batte i Rockets nella notte di Westbrook vs Beverley, bene Memphis, Detroit ed Indiana con Bynum!

 

 

 

Indiana Pacers – Boston Celtics 94-83
IND: George 12, West 24, Hill 12, Scola 11, Bynum 8 (10 rimb)
BOS: Green 12, Bass 11, Humphries 15, Johnson 14, Sullinger 17

Gli Indiana Pacers tornano a vincere nel giorno dell’esordio di Andrew Bynum (8 punti, 10 rimbalzi in 15’); Boston però fa sudare i padroni di casa che non riescono mai a scappare e, a 6’44” dalla fine dell’incontro, i Celtics sono sotto 77-76. Indiana riesce a dare quel colpo di reni per staccarsi con un 6-0 per il +7 (83-76) che alla fine risulterà decisivo.

Detroit Pistons – Sacramento Kings
DET: Smith 24, Monroe 6 (12 rimb), Drummond 15, Singler 11, Stuckey 23
SAC: Gay 20, Cousins 13 (14 rimb), Thomas 19, Williams 10

Italian Job: Datome DNP

Josh Smith e Rodney Stuckey tengono in vita le speranze Playoffs per Detroit battendo i Kings; decide un break di 8-0 nei primi 2’ del 3° quarto per il +6 Pistons (60-54) in una frazione che ah visto gli ospiti tirare 4/20 dal campo, il vantaggio a fine 3° sarà di 7 punti (72-65) e Detroit lo difenderà fino alla fine.

Chicago Bulls – San Antonio Spurs 96-104
CHI: Noah 13, Butler 23, Augustin 24
SAS: Leonard 16, Parker 20, Ginobili 22, Mills 10, Belinelli 10

Italian Job: Belinelli 10 pt (1/3, 2/6, 2/2), 4 rimb, 2 ass

San Antonio espugnando di personalità lo United Center di Chicago vincendo la 7^ partita consecutiva e la 10^ delle ultimi 11; primo tempo spettacolare (dopo 8’ di partita era avanti 6-23!) dei texani che vanno al riposo lungo avanti 33-61, Chicago ci proverà ma stavolta l’avversario domerà il cuore e la grinta degli uomini di Thibodeau.

)

Memphis Grizzlies – Portland Trail Blazers 109-99
MEM: Randolph 18 (12 rimb), Gasol 19, Lee 16, Cinley 17, Miller 14
POR: Batum 15, Aldridge 19 (10 rimb), Lillard 32

Anche i Memphis Grizzlies tengono in vita le loro speranze Playoffs battendo in casa i Portland Tral Blazers grazie alla “Strana Coppia”; uomo chiave del successo Courtney Lee, l’esterno non segna nei primi 24’ ma realizza 13 dei 24 punti del 3° periodo dei suoi spingendoli dal +7 dell’intervallo al +9 (78-69) di fine frazione. Portland non riuscirà a rimontare.

)

Minnesota Timberwolves – Milwaukee Bucks 112-101
MIN: Love 27 (10 rimb), Pekovic 14, Martin 26, Rubio 11 (10 ass), Barea 19
MIL: Middleton 11, Henson 10, Pachulia 9 (10 ass), Wolters 14, Adrien 12, Sessions 11

Speranze Playoffs ancora accese per i T-Wolves di Kevin Love, vincenti in rimonta contro Milwaukee; dopo aver toccato il -10 nel 3° quarto Minnesota si sveglia, rimonta e si porta sul +2 (86-84) a fine 3° periodo. I Buck, come sempre, crollano alla distanza e dal -2 sprofonderanno sul -17 nell’ultima frazione.

Oklahoma City Thunder – Houston Rockets 106-98
OKC: Durant 42, Ibaka 12 (16 rimb), Westbrook 24, Butler 11
HOU: Parsons 19, Harden 28, Howard 9 (10 rimb), Garcia 11

Kevin Durant chiude con 42 punti a referto (12/22 dal campo) e trascina i Thunder contro i Rockets; OKC costruisce la sua vittoria grazie ad un 2° quarto da 30-17 per il +15 (56-41) con KD autore di soli 5 punti in quei 12’. ma la vera partita è tra Russell Westbrook e Patrick Beverley, tra i due scintille dal primo minuto con tanti contatti duri e anche un accenno di rissa sfiorato quando, chiamando un time-out, Westbrook ha quasi rivissuto l’incidente degli scorsi playoffs.

)

Golden State Warriors – Dallas Mavericks 108-85
GSW: Bogut 15 (10 rimb), lee 6 (11 rimb), Thompson 14, Curry 10, Barnes 19, Crawford 19
DAL: Nowitzki 12, Ellis 15, Calderon 13, Carter 10

Steph Curry non è in serata (4/12 dal campo) ma Jordan Crawford si e l’ex Celtics trascina i Warriors contro Dallas per la 5^ W consecutiva; Mavericks che ha metà del 1° quarto volano sul +12 (6-18), coach Jackson chiama tima-out, cambia il quintetto base e Golden State finirà 21-6 la frazione (29-22) e non si girerà più.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B