Denver batte Miami in crisi, Clippers a forza 10!

Denver sbanca Miami e la manda in crisi, Indiana vince a Phila, Clippers in striscia, tutto facile per San Antonio, vittorie importanti per Toronto e Cleveland!

 

 

Charlotte Bobcats – Minnesota Timberwolves 105-93
CHA: Kidd-Gilchrist 10, Jefferson 25 (16 rimb), Henderson 10, Zeller 10, Neal 19, Douglas-Roberts 10
MIN: Brewer 10, Love 18, Martin 19, Cunnigham 10

Al Jefferson registra l’ennesima doppia-doppia (25+16) e guida i Bobcats sui T-Wolves; Charlotte domina nel pitturato dove ne Pekovic ne Love sono riusciti a contenere lo scatenato Jefferson, padroni di casa che comandano dall’inizio alla fine uccidendo la partita con un 7-0 per il +17 (78-61) a metà del 3° quarto.

Orlando Magic – Washington Wizards 101-105 OT
ORL: Afflalo 18, Vucevic 8 (12 rimb), Nelson 13, Oladipo 15, Harris 21
WAS: Ariza 21 (11 rimb), Booker 11 (11 rimb), Gortat 19 (14 rimb), Beal 20, Wall 21

Washington riesce a battere dopo un tempo supplementare i Magic grazie ai 41 del suo Beal-Wall; proprio John Wall salva i suoi a 10” dalla fine con la tripla dell’87-87, cosa non riuscita da Oladipo sulla sirena. Ancora il tiro pesante tirerà fuori dai guai Washington, a 60” dal termine Ariza spara al tripla che da il via ad un break di 7-0 che porta i Wizards dal -1 al +6 con 8” da giocare.

Philadelphia 76ers – Indiana Pacers 94-101
PHI: Young 25 (10 rimb), Anderson 11, Carter-Williams 12, Mullens 15
IND: George 25, West 18, Stephenson 13 (12 rimb), Hill 14, Allen 13

Philadelphia fa soffrire Indiana ma non riesce ad evitare la 19^ sconfitta consecutiva; a 2’31” dal termine Young chiude il break di 6-0 per il -3 Sixers (90-93) ma prima George e poi Hill da 3 chiuderanno i giochi sul 90-98!

Toronto Raptors – Memphis Grizzlies 99-86
TOR: Johnson 12, Valanciunas 23, DeRozan 16, Lowry 22, Vasquez 17
MEM: Randolph 16, Lee 12, Coney 10, Calathes 11, Allen 10

Vittoria importante per i Raptors che battono in casa Memphis e mantengono il 1° posto nell’Atlantic Division; a 6’24” dalla fine il punteggio è in perfetta parità (80-80), si scatena Greivis Vasque che realizza 5 punti consecutivi dando vita ad un parziale di 12-0 per il +12 a 2’34”!

Boston Celtics – Phoenix Suns 80-87
BOS: Humphries 11 (13 rimb), Johnson 11, Olynyk 8 (10 rimb)
PHX: Tucker 11 (10 rimb), Bledsoe 17 (10 rimb), Dragic 20, Markieff Morris 15

Doppia-doppia alla seconda partita dal rientro per Eric Bledsoe (17+10) e successo esterno per i Suns a Boston; partita decisa sul finale dal rookie Alex Len, suo il tap-in con fallo a 54” dopo un errore di Bledsoe, libero a segno e +3 Suns (80-83), Boston non troverà il canestro del pareggio e Markieff Morris chiuderà i giochi con una schiacciata.

Miami Heat – Denver Nuggets 107-111
MIA: James 21, Bosh 11, Wade 19, Chalmers 16, Allen 22, Andersen 14
DEN: Faried 24 (10 rimb), Lawson 13, Hickson 11, Fournier 14, Arthur 18

Continua la crisi dei Miami Heat, 5^ sconfitte nelle ultime 6 e 2^ consecutiva in casa, stavolta loro carnefici i Denver Nuggets; Miami insegue e arriva fino al -4 (90-94) con 6’ da giocare nel 4° periodo, ma Denver non si fa prendere dal panico e risponde alla grande con break di 10-2 per il +12 (92-104)!

New Orleans Pelicans – Portland Trail Blazers 103-11
NOP: David 36, Gordon 16, Roberts 19, Evans 16
POR: Batum 22 (18 rimb), Wright 15, Lopez 19, Matthews 20, Lillard 27

Portland vince a New Orleans malgrado la super prestazione di Anthony Davis (36+9); padroni di casa che si portano sul -2 (100-102) a 2’12” dal termine, Damian Lillard decide che è il suo momento e realizza tutti gli ultimi 9 punti finali dei suoi (9-3 il parziale)

San Antonio Spurs – Los Angeles Lakers 119-85
SAS: Green 15, Belinelli 13, Joseph 11, Baynes 12, Bonner 13 (10 rimb), Ayres 10
LAL: Gasol 18 (11 rimb), Meeks 15, Bazemore 10

Italian Job: Belinelli 13 pt (3/9, 1/2, 3/3) 5 rimb (2 off), 7 ass, 2 perse

San Antonio archivia i Lakers mandando ben 5 giocatori della seconda linea in doppia-cifra, guidati dal nostro Beli; match chiuso all’intervallo con gli speroni avanti 61-34!

Utah Jazz – Los Angeles Clippers 87-96
UTA: Jefferson 14, Kanter 11 (15 rimb), Favors 18, Hayward 7 (10 ass), Burke 18, Burks 10
LAC: Barnes 15, Griffin 20, Jordan 9 (10 rimb), Collison 14, Paul 18, Green 12

I Jazz ci hanno provato ma i Clippers in questo momento non si fermano, vittoria consecutiva n°10 con un sempre più solido Blake Griffin; con un break di 19-4 L.A rimonta e si porta sul +5 (72-77) a fine del 3° quarto, nei primi 5’ dell’ultima frazione Utah realizza un solo canestro dal campo subendo un mini-parziale di 8-2 per il -11 (74-85), i Clips non si gireranno più.

Golden State Warriors – Cleveland Cavaliers 94-103
GSW: Iguodala 11, Lee 16, Bogut 4 (12 rimb), Curry 27, Green 18
CLE: Deng 16, Hawes 22 (13 rimb), Irving 16, Waiters 18

Gran vittoria in rimonta ed in trasferta per i Cleveland Cavaliers sul campo dei Warriors; dopo esser stati sotto di 16 (32-16), Cleveland rimonta e chiude all’intervallo sul -1 (53-52). Sul finire del 3° quarto ecco il break chiave, Cleveland è avanti di 3 (68-71) a 2’48” dalla sirena e chiude il quarto 13-3 per il +13 (71-84), Golden State non riuscirà più a rimontare.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Il Nichilista

    Davvero incredibile questa crisi di Miami…
    Ho perso un fanta per colpa di Lebron, chi l’avrebbe mai detto

  • Michael Philips

    Mi erano parse sospette le gare dopo i 61 punti, molte difese forti ecc… ora mi pare evidente che non sono state tante le super difese a limitarlo, perché se lebron è questo, privo di forze, allora basta denver a stopparlo.

    Gli Heat ora dovrebbero perderne una di 20 o 30, così per darsi una svegliata.

  • Magic

    Raramente ho visto Lebron così in difficoltà e limitato agevolmente addirittura dai Nuggets.

  • cuni

    Fmb

    Mi pare che i Clippers siano a 10 di fila non a 9!!

  • cuni

    MP

    Penso che le probabilità che Miami perda una di trenta siano pressoché identiche alla possibilità che io venga draftato quest’anno. La prossima hanno Houston alla AAA e poi vanno a Cleveland. A meno di serate di grazia non vedo 20/30 punti di distacco…a memoria solo gli Spurs possono darglieli

  • nitrorob

    non male!! non male proprio queste sconfitte!!
    se c’era OKC al posto loro ci sarebbero stati mille messaggi su quanto siano perdenti e fatti male!
    invece per gli Heat è normale fare una serie cosi
    mi pare giusto eheheh

    io intanto me la godo da lontano!:-)

  • Magic

    Nitro
    Non soffrire di manie di persecuzione, non vedo Okc così bistrattata come dici tu…

  • Michael Philips

    nitrorob

    dire che questi heat sono perdenti sarebbe abbastanza strano, considerando gli ultimi due anni. Storia diversa per i Thunder che ancora devono vincere.

    Poi in realtà se il team campione in carica perde questo filotto di gare potrebbe scatenare discussioni ancora più feroci, proprio perché non te lo aspetti da loro.

    Cuni

    Lo so, era per dire. A loro forse serve una botta di realtà(non che le 5 L in 6 gare non lo sia)tale da farli incazzare al punto giusto.

    Ora, su Lebron e le gare in retromarcia:

    A) è stanco morto e non riesce a spostare come al solito.

    B) si sta gestendo per risparmiare le energie in vista dei playoffs

    C) è improvvisamente diventato un brocco perché il fisico non regge più come prima, o lo è sempre stato(opzione scelta da alcune persone, eheheh)

    Io credo che lui sia a corto di energie e un pò sta evitando contatti, o almeno questo è quello che hanno detto alcuni giornalisti, ovvero che lebron da quando si è tolto la maschera protettiva(che avrebbe dovuto tenere di più)ha cercato di evitare i contatti. Non saprei, l’ho visto demotivato, scazzato e senza grinta.

    Le prossime gare diranno se lui aveva bisogno di riprendersi, o se lui è davvero bollito e gli heat sono in crisi.

    Intanto Davis allunga la serie di gare ottime, questo sembra poter diventare anche un discreto realizzatore.

  • nitrorob

    20 noi glie li abbiamo dati all’andata veramente

  • cuni

    MP

    Ah ecco, mi pareva un po’ strano infatti 🙂

  • nitrorob

    ve lo dico io
    è la barba!! si stà facendo crescere la barba, ma al contrario di Harden a lui lo rende più scarso ahah

  • michele

    l’anno scorso di questi tempi miami era in pieno filotto di W mi pare, poi sono calati ai playoff…magari quest’anno fanno il contrario, pessimo marzo e poi tornano in gran forma ai playoff…..fossi un loro tifoso non mi preoccuperei, sono tutti giocatori esperti e sanno gestirsi.

    poi sono umani anche loro e magari faranno fatica pure nella post season, sono comunque nella fase conclusiva di un ciclo che ha già portato 3 finali.

    per il resto anche cleveland si è definitivamente svegliata, lotta playoff per l’ottavo posto molto aperta. in generale eastern conference che nell’ ultimo mese ha cambiato completamente faccia, i playoff potrebbero riservare serie più avvincenti del previsto.

    al jefferson sempre più dominante, grande big al!

  • peppiniello

    mannaggia lu carlo della scarola.
    sempre a trovare scuse alle gare incolore di james.
    è svogliato,non ci mette grinta,manca di esplosività,ha troppi pensieri per la testa,la moglie lo tradisce,ha problemi con la banca,è malato,l’auto che doveva portarlo alla partita l’ha lasciato a piedi,il figlio è stato sospeso a scuola.
    che palle mannaggia lu carlo della scarola.

  • in your wais

    Mah, perchè scuse? Nessuno dice che sta giocando bene o che non abbia responsabilità. Ma dire che sia eventualmente stanco (se questa è la ragione delle sue pessime prestazioni), che male ci sarebbe?

    Stessa cosa per la squadra, 100 partite l’anno da 3 anni, età media alta, qualche acciaccato…dire che siano un po’ a corto di fiato non mi pare dire un’eresia, se è questo il loro problema principale

    Io da mesi penso che questa RS dice poco o niente degli Heat. Non che gli faccia piacere perdere o non ci provino a vincere, solo dubito prendano le sconfitte in modo troppo drammatico. Sanno bene che il miglior record della Lega o ad Est sarebbe bello, ma che se per arrivarci bisogna spremersi o rischiare qualche infortunio, meglio lasciar perdere

    Tanto sanno che se stanno tutti bene, fattore campo o meno possono ribaltare ogni serie, e che se stanno male, idem ma in negativo

    Ammetto però che qualche indicazione poco positiva non deve essere sfuggita a Riley e compagnia immagino. Su Battier o Allen non mi soffermerei troppo, si sa che hanno 45 anni per gamba, stanno facendo cagare, ma di tutto mi stupirei, tranne che di vederli tirare fuori una partita con 6-7 bombe quando serve

    Direi invece che i grandi acquisti d’Estate, quelli che dovevano allungare le rotazioni e far riposare i titolari, oltre a dare contributo in settori critici (vedi rimbalzi), stanno fallendo su tutta la linea

    Beasley da quando gli hanno garantito il contratto fino a fine stagione ha smesso di giocare, su Oden è come sparare sulla croce rossa, davvero si muove come un ex giocatore, sembra Galeazzi

    Dal mercato di febbraio non è arrivato niente, mentre gli avversari puntellavano la panca con i vari Granger, Turner, Butler, Bynum…

    Resta il fatto che se non arriva il three peat, ci sarà da ridere questa estate

  • michele

    un grosso problema per miami puo’ essere il record degli spurs. se li ritrovano in finale con gara 1 in texas diventa un test decisamente più probante del 2012 ( gli inesperti thunder che si sono liquefatti alla prima difficoltà) e del 2013 ( gara 7 giocata in casa). anche perchè lebron non è che in texas storicamente brilli più di tanto.

  • low profile

    491

    ciao Magic ciao Kareem, ci vediamo presto Larry!

    con tutti gli infortuni di Ginobili probabilmente l’aggancio sarebbe arrivato quest’anno ma va bene, salvo imprevisti si farà comunque

  • Lebron ha 30 anni ormai e dovrebbe iniziare a pensare che non può fare tutto da solo, solo Michael Jordan poteva pensare di farlo, ma secondo me dovrebbe davvero cominciare seriamente a pensare ad accasarsi a Cleveland dove con un giovane Kyrie Irving e tanti altri validi elementi potrebbe integrarsi alla grande e conservarsi almeno fino ai 35 a livelli medio alti, questo è dal 2003 che corre e spinge come un cavallo tra regular e playoffs e a Miami gioca in 3 ruoli, comunque davvero l’east dopo una partenza imbarazzante sta tirando fuori le palle e di brutto, Chicago, Toronto, Brooklyn e incredibile a dirsi pure Charlotte stanno dando spettacolo e secondo me i playoff ad east saranno tutt altro che noiosi e scontati, e come si fa a non simpatizzare per Chicago, questi senza Rose e Deng non si sono persi d animo e hanno pescato un super DJ Augustin tagliato da Toronto e vedere Noah che ogni partita gioca con la stessa grinta di una gara 7 di finale ti gasa persino più dei super lob da metà campo dei Clippers e se non ci fosse Durant oggi in NBA io l’MVP lo darei proprio a lui senza pensarci 1 secondo

  • michele

    beh direi che di infortuni bird ne ha avuti almeno quanti gino, adesso non tranquilleggiare, low :)))

  • shaq4ever

    Comunque la % di vittorie dei trii di lakers e Boston è più alta
    E il trio dei lakers considerato è magic – Jabbar – cooper

  • lilin

    cmq questa mini crisi di lebron fa capire quanto valga il giocatore…in una squadra con wade in forma bosh piu tanti altri ottimi giocatori, se non gira lui va a puttane tutto…poche storie.
    Questo nell nba sposta piu di tutti, non mi preoccupo per il calo…molto meglio ora che ai play off, certo però che giocarsele tutte con il fattore campo a sfavore non è il massimo!

  • low profile

    Michele

    quando si nominano i C’s, qualcuno che ci ha giocato o qualsiasi cosa di colore verde te ne esci con Tranquillo!?!?!? mi fai morire, non cambiare mai!

    comunque si Ginobili ha saltato più partite di Bird: the legend ha giocato 897 partite in 13 anni l’anguilla 780 in 12.

    Shaq

    e allora?
    E Gonobili ha la quarta miglior percentuale di vittorie nei PO, gne gne!!

  • michele

    veramente i Cs non c’entrano niente, è l’associazione Tranquillo-Ginobili che regge sempre benissimo da sola eheheh.

    se non fossi abbonato sky non la noterei e non ne parlerei, credimi.

  • Mamba 93

    @Bubba chuck, lascia stare lo spingere come un cavallo, porcone!

  • low profile

    Un pò come Sella e Cavallo, un abbinamento giè fetto. Io divido la camera con Aristoteles

  • oral b

    lebron è un giocatore troppo emotivo,si fa condizionare dagli eventi circostanti.
    non è come jordan che le rare volte che steccava una partita trovava uno stimolo di rivalsa per giocare una gara successiva che avrebbe fatto dimenticare la precedente.
    lebron è uno dei più grandi talenti della storia che abbina una testa da giocatore normale.

  • zed

    ehhhhh ehhhhhhhh ricordatevi sempre le parole di rodman:se avesse giocato nella mia epoca sarebbe stato un giocatore normale,magari normale no ma altro che 4 mvp ,che noia avere sempre ragione,spero che incontrino i nests nei playoffs e poi magari indiana,poi sai che risate sarebbe vedere i miami heat senza fattore campo contro san antonio o okc,mi immagino le mega prestazioni…che grasse risate mi sto facendo nel legere le giustificazioni dei suoi tifosi con le fette di prosciutto davanti agli occhi,fate come me aprite gli occhi ;il ragazzo ha già dato il massimo e la fase discendente è cominciata,da quest’anno inizia l’era durant.

  • Kobe 24

    Tutti a volte non giocano al meglio.E’ successo a Kobe,Durant ad inizio stagione,ora Lebron non sta attraversando un periodo roseo,ma non è un brocco e presto lo dimostrerà.Poveri Lakers,sempre più in fondo.Mamma mia che Clippers

  • Marimba

    Lebron oltre che pelato presto diventerai un giocatore scadente.Vai a fare space jam 2,almeno con bugs bunny resty dominante

  • L’Ammiraglio

    Ma ricordo male o “zed” sarebbe “prescelto”?

  • LOL

    sono scioccato dalla crisi mistica di prescelto