LeBron e Love da favola, che Belinelli per la 16^!

Triple-doppie per James e Love nei successi delle loro squadre, il Beli scatenato per la 16esima di San Antonio, cade Indiana, bene i Suns, colpo Portland!

 

 

 

Orlando Magic – Charlotte Bobcats 110-105 OT
ORL: O’Quinn 13, Vucevic 24 (23 rimb), Afflalo 17, Nelson 11, Oladipo 14, Harris 15
CHA: Kidd-Gilchrist 10, McRoberts 24, Jefferson 20, Henderson 14, Walker 24

Gli Orlando Magic battono i Bobcats dopo un tempo supplementare grazie alla super doppia-doppia di Kikola Vucevic (24+23); proprio i padroni di casa riacciuffano la partita a 7” dalla fine con la bomba di Aaron Afflalo (97-97), vano l’ultimo tentativo per Kemba Walker. Nell’overtime c’è partita fino a 2’41” dalla fine, poi break di 6-0 Magic per il +4 (105-101).

Toronto Raptors – Boston Celtics 105-103
TOR: Ross 17, Valanciunas 13, DeRozan 30, Vasquez 15
BOS: Green 16, Bradley 11, Rondo 11, Sullinger 11, Olynyk 10, Bayless 20

Dopo 6 anni i Toronto Raptors tornano ai Playoffs grazie al successo di misura contro i Boston Celtics; a 28” dalla conclusione Rondo pareggia a quota 103, Kyle Lowry si incarica dell’ultimo tiro, sbaglia il layup ma ecco Amit Johnson che corregge col tap-in il canestro del vantaggio (105-103) a 7” dalla sirena. Boston va per la vittoria con Sullinger ma la sua tripla non andrà a segno.

Washington Wizards – Indiana Pacers 91-78
WAS: Ariza 11, Gortat 17 812 rimb), Wall 20, Webster 11, Harrington 12
IND: George 19, West 10, Hibbert 8, Stephenson 13 (14 rimb), Scola 10

I Washington Wizards tengono aperte le danze per il 1° posto ad East battendo in casa gli Indiana Pacers (+2-0 su Miami); uomo partita Al Harrignton che realizza 10 (consecutivi!) dei suoi 12 punti ad inizio 2° quarto spingendo sul +13 i suoi (36-23), Indiana non mai riuscita a ritornare in partita.

Brooklyn Nets – Cleveland Cavaliers 108-97
BKN: Johnson 14, Pierce 22, Williams 9 (10 rimb), Livingston 13, Thornton 10, Blatche 10, Anderson 13
CLE: Deng 20, Thompson 14, Hawes 16, Waiters 20, Varejao 8 813 rimb)

Anche a Brooklyn l’inizio di secondo quarto è decisivo per decidere la partita con i Nets (versione pigiama) che battono i Cavs; i giocatori di Jason Kidd piazzano un 12-0 ad inizio 2° periodo scappando sul 41-29, di questi 12 punti 5 di Thornton e 5 di Anderson!

Detroit Pistons – Miami Heat 78-110
DET: Monroe 12, Drummond 9 (14 rimb), Singler 11, Bynum 12
MIA: James 17 (10 rimb, 12 ass), Bosh 15, Haslem 17, Jones 10, Cole 12, Andersen 13

Italian Job: Datome (0/2 da 2), 1 rimb

Senza Ray Allen, Dwyane Wade, Mario Chalmers e Greg Oden LeBron James registra la tripla-doppia (17+10+12) guidando Miami al successo al Palace di Detroit; a 3’04” dall’intervallo lungo i Pistons sono in scia agli avversari sul -4 (42-46) ma gli Heat chiudono con un 11-0 la frazione andando al riposo lungo avanti 42-57! Da sottolineare l’ottima prova di James Jones, scongelato dalla panchina con 10 punti e 3 assist.

Chicago Bulls – Portland Trail Blazers 74-91
CHI: Boozer 16 (12 rimb), Noah 11 (10 rimb), Butler 10, Augustin 15, Gibson 13 (10 rimb)
POR: Batum 13, Aldridge 5 (13 rimb), Lopez 13, Matthews 11, Lillard 16, Robinson 10, Williams 18

Seconda vittoria consecutiva per i Portland Trail Blazers che espugnano l’ostico campo dei Bulls; partita segnata a cavallo tra il 2° e il 3° quarto, Portland realizza gli ultimi 5 punti del 1° tempo e i primi 5 della ripresa portandosi sul +16 (36-52), Chicago non andrà mai più sotto la doppia-cifra di scarto.

Minnesota Timberwolves – Los Angeles Lakers 143-107
MIN: Brewer 11, Love 22(10, rimb, 10 ass), Pekovic 16, Martin 17, Rubio 10, Dieng 14, Budinger 11
LAL: Bazemore 21, Hill 10, Meeks 19, Johnson 13, Young 11, Sacre 14

A Minnesota notte magica per i T-Wolves, record di punti realizzati (143) e tripla-doppia per Kevin Love (22+10+10) nel comodo successo contro i Lakers; la partita è già finita dopo i primi 12’ sul 41-24 Minnesota, all’intervallo il vantaggio toccherà il +31 (74-43)

New Orleans Pelicans – Utah Jazz 102-95
NOP: Aminu 13, Morrow 20, Evans 22 (15 ass), Ajinca 9 (10 rimb), RIvers 12, Miller 12
UTA: Favors 18 (11 rimb), Hayward 21, Burke 12, Williams 12

Anthony Davis si infortuna dopo neanche 5’ ma New Orleans vince lo stesso contro i Jazz grazie a Tyreke Evans; i Jazz arrivano sul -1 (80-79) a 4’20” dal termine ma i Pelicans reagiscono prima con il jumper di Miller e poi la la tripla di Anthony Morrow per il +6 (85-79) che gestiranno fino alla fine.

Oklahoma City Thunder – Sacramento Kings 94-81
OKC: Durant 29, Westbrook 18, Lamb 13
SAC: McLemore 18, McCallum 13, Thomspon 10 (14 rimb), Outlaw 17, Acy 6 813 rimb)

Ad Oklahoma City Kevin Durant ne scrive 29 a referto nel successo dei Thunder sui Kings; ad OKC bastano i primi 12’ per archiviare la pratica (32-15) con la difesa che in 16’ ha concesso solo 15 punti agli ospiti.

Denver Nuggets – San Antonio Spurs 102-133
DEN: Faried 18 (13 rimb), Foye 20, Lawson 13, Fournier 15
SAS: Leonard 14, Duncan 20, Splitter 8 (12 rimb), Belinelli 27, Diaw 11, Mills 16, Daye 11

Italian Job: Belinelli 27 pt (4/6, 6/9, 1/2), 1 rimb, 2 ass, 1 recm 1 persa

San Antonio vince la 16esima partita consecutiva ma lo ha fatto grazie ai 27 punti (con 6/9 da 3!) del nostro Marco Belinelli; la partita è già bella e chiusa all’intervalli sul +19 Spurs (43-62) con il Beli già a quota 19 punti!

Phoenix Suns – New York Knicks 112-88
PHX: Tucker 11, Plumlee 11 (12 rimb), Dragic 32, Bledsoe 16, Markieff Morris 16
NYK: Anthony 21, Stoudemire 19, Smith 15

Italian Job: Bargnani DNP

I Phoenix Suns non fanno sconti a nessuno, battono New York grazie ai 32 punti di Goran Dragic e sono sempre più vicini alla post-season; la partita viene decisa dal 2° quarto perfetto dei padroni di casa, 28-14 il parziale per il +22 all’intervallo (62-40).

Golden State Warriors – Memphis Grizzlies 100-93
GSW: Speights 15, Thomspon 14, Curry 33, O’Neal 10, Green 12
MEM: Randolph 21, Gasol 17, Lee 11, COnley 20

Ad aiutare la causa Suns ci hanno pensato i Golden State Warriors che battono in rimonta i Grizzlies (adesso -1.0 da PHX e + 0.5 da DAL) con i 33 di Steph Curry; a 4’00” dalla fine Grizzlies avanti 86-93, Golden State piazza un 7-0 per pareggiare e poi trova il sorpasso a 1’21” con la bomba di Curry, i Warriors piazzeranno un break di 14-0 negli ultimi 4’!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B