New York derby e aggancio! Spurs sono 19!

Miami ed Indiana a braccetto, New York si prende il derby e aggancia Atlanta battuta da Chicago, Spurs indomabili (19), Memphis e Phoenix raggiunte da Dallas!

 

 

Indiana Pacers – Detroit Pistons 101-94
IND: George 27 (13 rimb), West 15, Hibbert 11, Stephenson 11, Hill 12, Mahinmi 10
DET: Smith 24, Monroe 17 (16 rimb), Drummond 14 (14 rimb), Singler 10, Jenninhs 12, Stuckey 16

Italian Job: Datome DNP

Gli Indiana Pacers tornano a vincere e lo fanno contro i disastrati Detroit Pistons grazie alla doppia-doppia di Paul George (27+13); malgrado due allunghi importanti Indiana non riesce a chiudere la partita e, a 3’49” dalla fine, Detroit è sul -1 (91-90)! Hibbert sbaglia ma segue a rimbalzo il suo errore, apre per George che spara una PAZZESCA tripla da quasi centrocampo per il +4 dando vita ad un mini-break di 7-3 che deciderà l’incontro.

New York Knicks – Brooklyn Nets 110-81
NYK: Anthony 23 (10 rimb), Stoudemire 13,Smith 24, Shumpert 10, Hardaway Jr. 17
BKN: Johnson 16, Williams 12, Anderson 11

Italian Job: Bargnani DNP

Notte magica al Madison Square Garden per i New York Knicks che prima vincono il derby con i Nets e poi esultano per il risultato degli Hawks, agganciati! Come sempre le vittorie dei Knicks maturano nel primo tempo, sotto 19-20 q 2’14” alla prima sirena dell’incontro, ecco il break di 15-0 per il +14 (con tanto di tripla sulla sirena di Hardaway Jr.), 34-20 e partita in discesa per i padroni di casa che toccheranno anche il +20 (54-34) a 3’31” dall’intervallo lungo!

Orlando Magic – Cleveland Cavaliers 98-119
ORL: Harkless 10, Oladipo 16, Moore 10, Harris 11, Lamb 14
CLE: Thomspon 20 (11 rimb), Hawes 20, Waoters 26, Irving 17, Jack 13

Torna Kyrie Irving nelle fila dei Cavs ma è ancora Dion Waiters i protagonista della vittoria; partita decisa sul finire del 2° quarto con Orlando che ha sbagliato 11 degli ultimi 12 tiri, da -9 a -23 (47-70)all’intervallo lungo.

Philadelphia 76ers – Charlotte Bobcats 93-123
PHI: Young 11, Sims 15, Carter-Williams 22, Williams 12
CHA: Jefferson 25 (10 rimb), Henderson 14, Neal 15, Tolliver 16, Douglas-Roberts 14

Tutto estremamente facile per i Charlotte Bobcats che passeggiano in quel di Philadelphia; anche qui match chiusi all’intervallo con gli ospiti avanti 38-63 con “Big Al” Jefferson reo di 17 dei suoi 25 punti finali.

Toronto Raptors – Houston Rockets 107-103
TOR: Ross 14, Valanciunas 15, DeRozan 29, Vasquez 15, Salmons 12
HOU: parson 20, Asik 9 (15 rimb), Harden 26, Lin 16, Motiejunas 13

Continua la sfida a distanza tra i Raptors e i Bulls per il 3° posto ad East con i canadesi che si portano a casa un’altra importante vittoria sconfiggendo in casa i Rockets; Toronto domina, vola sul +20 ma poi va nel pallone tanto che Houston, dopo 5’ del ° periodo, piomba sul -1 (92-91)! DeRozan segna e offre un assist a Terrence Ross dando vita al break finale di 13-5 che salverà i Raptors.

Washington Wizards – Boston Celtics 118-92
WAS: Ariza 18, Booker 10, Gortat 22, Beal 19, Wall 13 10 ass), Harrington 12
BOS: Green 13, Rondo 13, Sullinger 25, Olynyk 14

Con il successo casalingo ottenuto stanotte contro Boston i Washington Wizards tornano ai Playoffs dopo ben 6 anni; match sotto controllo dall’inizio alla fine, +11 all’intervallo (57-46) e poi un super 3° periodo da 32-16 col quale hanno ucciso la partita entrando nell’ultimo periodo sul +27 (89-62).

Atlanta Hawks – Chicago Bulls 92-105
ATL: Millsap 22 (11 rimb), Korver 12, Teague 21
CHI: Boozer 12, Noah 10 (10 rimb), Butler 17, Hinrich 17, Augustin 23

I Chicago Bulls rispondono ai Toronto Raptors espugnano la Philips Arena di Atlanta e mettendo gli Hawks nei guai (agganciati da NY all’8° posto); Chicago si trova sul +11 (80-91) a metà dell’ultima frazione, Atlanta non ci sta e arriva fino al -6 e palla in mano ma Taj Gibson stopperà Carroll e sul capovolgimento bomba spezza-gambe di Augustin per il +9 (87-96)!

Miami Heat – Milwaukee Bucks 96-77
MIA: James 17, Bosh 15, Chalmers 14
MIL: Adrien 14, Pachulia 8 (16 rimb), Sessions 19, Knight 11, Henson 10

Miami archivia la pratica Milwaukee senza toppi patemi e tiene la testa dell’East; bastano i primi 12’ ai campioni in carica per chiudere le ostilità, 33-19 con 8 punti di James e 6 di James Jones.

Minnesota Timberwolves – Memphis Grizzlies 102-88
MIN: Love 24 (16 rimb, 10 ass), Martin 21, Rubio 14, Turiaf 11
MEM: Gasol 18, Lee 14, Davis 10

Terza tripla-doppia della stagione per Kevin Love che complica la vita ai Memphis Grizzlies; Minnesota parte piano poi vola via comandando il match e toccando anche il +18 (77-59) a 1’ dalla fine del 3° quarto. Memphis abbozza una rimonta ma arriverà solo fino al -10.

San Antonio Spurs – Golden State Warriors 111-90
SAS: Leonard 11, Duncan 15, Parker 18, Ginobili 13, Mills 12, Belinelli 13
GSW: Barnes 11, Thompson 15, Curry 11 810 ass), Speights 22, Crawford 16

Italian Job: Belinelli 13 pt (5/9, 0/4, 2/2), 1 rimb, 1 ass

Neanche Steph Curry e suoi Warriors sono riusciti a contrastare gli Spurs alla vittoria consecutiva n°19; dopo aver chiuso sotto 31-18 il 1° quarto, Golden State reagisce e arriva sul -7 a 4’30” dalla sirena del 3° quarto, 13-0 Spurs per il +20 e partita chiusa.

Denver Nuggets – New Orleans Pelicans 137-107
DEN: Faried 34 (13 rimb), Mozgov 15, Lawson 14 (12 ass), Fournier 12, Brooks 24, Vesely 10
NOP: Evans 27, Witheny 12, Morrow 17

Career-high per Kenneth Faried (34 punti) e super vittoria per i Nuggets contro i Pelicans; pazzesco 1° quarto da 40 punti (40-26) per i padroni di casa che poi non si sono più voltati indietro.

Phoenix Suns – Los Angeles Clippers 108-112
PHX: Tucker 10 (11 rimb), Frye 14, Plulee 13, Dragic 15, Bledsoe 14, Green 15, Markieff Morris 11, Marcus Morris 16
LAC: Barnes 19, Griffin 23, Jordan 4 (11 rimb), Collison 23, Paul 20, Dudley 12

I Phoenix Suns non riescono ad approfittare del K.O dei Grizzlies sconfitti in casa ed in rimonta dai Clippers del rientrante Blake Griffin; Suns che entrano nell’ultima frazione avanti di 13 (91-78), L.A rimonta e a 1’48” dalla conclusione ecco la giocata decisiva, tripla di Paul per il sorpasso 106-108, Phoenix perde per 2 volte la palla e Blake Griffin, dopo un errore di Barnes, cattura il rimbalzo e segna il tap-in del +4 (106-110) a 49”.
Adesso Suns, Grizzlies e Mavericks hanno lo stesso record (44-31).

Sacramento Kings – Los Angeles Lakers 107-102
SAC: Gay 31, Cousins 20 (10 rimb), McLemore 12, McCallum 27, Thompson 2 (12 rimb)
LAL: Bazemore 14, Hill 18 (15 rimb), Meeks 21, Marshall 7 (10 ass), Young 17, Johnson 8 (12 rimb)

Continua a stupire il rookie dei Kings Ray McCallum che registra il suo career-high (27 punti) aiutando i Kings a battere i Lakers; partita decisa nel finale, a 29” i Lakers hanno la palla per il possibile -1 ma Bazemore sbaglia il layup e basterà un libero a McCallum per chiudere il match.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • Magic

    Una delle vittorie più convincenti della stagione, con un redivivo jr smith e un hardaway che forse risulta la guardia migliore dello scorso draft (mc lemore non ha fatto meglio, anzi).
    Ora lotta fino alla fine con Atlanta.

  • mad-mel

    @magic…ma quanto ti fanno incazzare qst risultati? se avessimo giocato cosi da inizio stagione non saremmo qui a soffrire fino all ultimo…
    cmq bel steal hardaway….unica nota positiva per adesso di qst annata

  • Nitrorob

    la vera sfida sarà stanotte!!!

    can’t wait…..

    quasi quasi me la guardo in diretta ahahahah

  • deron

    dai che per i play-off torna bargnani..ahhahahah

  • Kobe 24

    New York ad un una gara da Atlanta adesso.Indiana non vuole mollare il primo seed,ma Miami risponde.Memphis cocente sconfitta,ma Phoenix non ne approfitta.Lakers che vincono in trasferta.San Antonio,non ho più parole per descriverli.Citando Barney Stinson stanno facendo il possimpibile.

  • brazzz

    i knciks faranno i po,questo non salva l stagione,dato che li faranno solo xhe atlanta ha mezza squadra rotta..e in ogni caso,ottavi in questo est è ridicolo comunque..
    a ovest solta tonnara …umanamente spero in suns e mavs..
    per il resto indiana fatica abattere i pistoni,direi che la cirsi non è certo finita,spurscol pilota automatico,anche se dei warr reduci da un ot la sera prima non potevano impensierirli troppo…

  • low profile

    Deron

    Evidentemente non sei pratico della teoria del caos, ma sappi che hai appena scatenato il famigerato “mozzarella-effect”

    Al solo nominare Bargnani qua in Europa in America un banger si da al punto croce

  • @Mad-Mel saremmo #3 ma facili…mannaggia!

  • Mamba 93

    @low profile,sempre a pensare a bangare,porcone!

  • Bill Simmons

    stasera non ci sarà nessuna sfida, san antonio andrà in villeggiatura a oklahoma, probabile che non faccia giocare i tre big.

  • Verbal

    @F.M.B. Off-topic: due parole su Milano e Gentile oggi ci starebbero!!

  • Magic

    Mad mel
    Ormai è andata disgraziatamente così…facciamoci onore in queste ultime partite; tra fare o non fare bi po…io scelgo comunque di farli.

  • low profile

    io ero convinto che Pop mandasse tutti in vacanza ma visto l’utilizzo più ridotto del solito dei big stanotte forse se la gioca, per lo meno all’inizio, anche perché da quello che filtra gli amigos minacciano il primo ammutinamento in 15 anni, a quanto pare vogliono proprio esserci. Per me Pop cede ma a patto che se la partita diventa una battaglia i 3 dopo venti minuti vanno sotto la doccia.
    Un aneddoto per far capire quanto influisce questo allenatore, i bookies ieri notte avevano presentato le quote di tutte le partite di oggi tranne OKC-SAS. Non costringe solo gli allenatori avversari ad aggiustamenti, anche las vegas

  • Nicola

    Ma che senso avrebbe far giocare i tre amigos contro OKC stanotte?

    1) la perderebbero cmq;

    2) gli altri non giocano da tantissimo, saranno belli freschi, giocheranno col sangue negli occhi, la butteranno col fisico e vincendo con i big three in campo darebbero un bel segnale di forza;

    3) evitiamo possibili infortuni;

    4) bella la serie di vittorie ma lascia il tempo che trova: più vincerne 19 filate, più 21 è uguale;

    5) il primo posto a 7 gare dal termine è quasi sicuro.

    Per questi motivi mi sorprenderei se il Pop li facesse giocare.

  • hatersgonnate

    Se i Knicks dovessero andare ai Po è solo perchè Atlanta avrebbe deciso di avere una scelta migliore al draft.
    Guardate i calendari, i Knicks di quest’anno potrebbero tranquillamente perdere tutte le 6 partite rimanenti.
    Io non guardo le loro partite da tempo, per me è una sofferenza ma certe decisioni non le concepisco nè accetto.
    Purtroppo ho paura di fare l’omino incoerente e di vederli perdere 4-0 al primo turno sospendendo il mio sciopero personale.
    @Magic
    Hardaway può diventare un gran tiratore ma è un giocatore limitatissimo (sa davvero fare solo quello e spesso tende ad esagerare), vediamo se ha altri margini di miglioramento.
    Onestamente sono curioso di vedere il lavoro di Phil l’anno prossimo, non capisco quali frecce potrebbe avere nell’arco.

  • brazzz

    mi sfugge perché i Thunder dovrebbero avere il sangue agli occhi..conta poco x gli spurs,ma pure x loro conta zero..son partite di fine stagione,che la vinci o che la perdi non mandi nessun segnale..per cui..prevedo un mezzo allenamento per tutti..

  • L’Ammiraglio

    “1) la perderebbero cmq”

    Tutto da dimostrare. San Antonio può suonarle a chiunque con molta tranquillità.

  • Lemmy

    Simpatizzo Spurs, ma credo che vinceranno i Thunder stanotte (fossimo già ai PO sarebbe tutta un altra storia).