Miami 1^, Hawks e Suns vittorie cruciali!

Miami ed Atlanta si aiutano a vicenda battendo NY ed Indiana, colpaccio dei Suns che ringraziano San Antonio, Dallas non molla, Harden salva Houston!.

 

 

Miami Heat – New York Knicks 102-91
MIA: James 38, Bosh 14, Chalmers 15, Allen 12
NYK: Chandler 10 (11 rimb), Smith 32, Felton 15

Miami batte i New York, avvicinandosi sempre di più al primo posto, ed allontana dai playoff i Knicks che ora hanno di distanza tre partita da Atlanta. In una partita equilibrata, dove New York tira da 3 punti 15/42, ed è decisamente aggrappata JR Smith che di triple ne segna ben 10/22, realizzando 32 punti, Miami riesce a scappare in chiusura di terzo periodo piazzando un parziale di 7-0, da cui i Knicks non rientreranno più (73-64). Nel finale il solito JR con una bomba delle sue prova a tenere a contatto i suoi, e New York a 2’ dalla sirena finale arriva a -6 (97-91), ma Bosh dall’altra parte ripaga con la stessa moneta, e spegne definitivamente i sogni di rimonta di New York. Nel momento decisivo, Bosh è venuto fuori come spesso gli accade in questa stagione, ma Lebron in questo periodo vuole a tutti i costi la prima piazza ad Est, e questa sera con i suoi 38 punti l’ha ampiamente dimostrato.

Los Angeles Clippers – Los Angeles Lakers 120-97
LAC: Griffin 23, Jordan 11 (12 rimb), Redick 15, Paul 23, Collison 14
LAL: Hill 22, Meeks 17, Marshall 10 (11 ass), Johnson 10, Young 18, Sacre 9 (10 rimb)

L’ultimo derby di Los Angeles va di nuovo ai Clippers (7-1 n3gli ultimi 2 anni) che escono nella ripresa archiviando i poveri Lakers; all’intervallo Clips sul +8 (57-49) ed ad inizio ripresa break di 8-0 con tanto di fallo “clear path” di Nick Young su Blake Griffin, da +8 a +16 (65-49) e titoli di coda.

Sacramento Kings – Dallas Mavericks 91-93
SAC: Gay 32, Cousins 28 (10 rimb)
DAL: Nowitzki 15, Dalembert 6 (11 rimb), Ellis 23, Calderon 14, Carter 17

I Dallas Mavericks sudano freddo ma portano a casa un’altra preziosissima vittoria in chiave Playoffs; a 18” dalla fine i Kings si portano sul -3 (92-89), Shawn Marion va in lunetta ma non è freddo, 0/2 e commette fallo poi su Rdy Gay, 2/2 e -1 Kings (92-91) con 8” da giocare. Va in lunetta Nowitzki ma anche lui non è perfetto (1/2), Sacramento ha l’ultimo tiro e va da Cousins per il pareggio ma niente da fare.

Indiana Pacers – Atlanta Hawks 88-107
IND: George 18, West 13, Hill 12, Mahinmi 10, Scola 10
ATL: Millsap 17 (11 rimb), Antic 18, Korver 11, Teague 25, Mack 13

Gli Atlanta Hawks ringraziano Miami e si sdebitano vincendo con autorità sul campo degli Indiana Pacers, adesso a -1.0 dagli Heat; la partita dura giusto i primi 12’, 11-33 il parziale in favore degli ospiti che poi voleranno pure sul +32 (15-47)! Con questa vittoria gli Hawks mettono 2 gare di distacco tra loro e i Knicks per l’8° posto!

Houston Rockets – Denver Nuggets 130-125 OT
HOU: Parsons 15, Jones 14, Asik 13 (23 rimb), Harden 32 (10 ass), Lin 19, Garcia 11, Canaan 15
DEN: Miller 19, Faried 16 (13 rimb), Mozgov 15, Foye 11, Brooks 4 (15 ass), Fournier 26

È stato necessario un tempo supplementare due doppie-doppie con i fiocchi di Asik (18+23) & Harden (32+10 assist) ai Rockets per domare i Nuggets; proprio il “Barba” ha salvato la partita con una tripla a 7” per il pareggio a quota 117 con Foye che ha mancato il buzzer-beater. nell’overtime decidono 3 triple consecutive (1 Garcia, 2 Parsons) dei texani che dal -1 volano sul +8 (130-122) a 1’54” dalla fine.

San Antonio Spurs – Memphis Grizzlies 112-92
SAS: Leonard 26, Duncan 13, Parker 10, Ginobili 26
MEM: Conley 18, Johnson 20

Italian Job: Belinelli 5 pt (0/2, 1/3, 272), 1 rimb, 4 ass, 3 perse

Kawhi Leonard registra il suo career-high (26 punti) e San Antonio archivia dolorosamente Memphis; Grizzlies che, dopo il -16 dei primi 12’, riescono ad arrivare sul -6 con 3’ da giocare ddel 2° quarto, gli Spurs non si fanno problemi chiudendo il 1° tempo con un parziale di 12-2 per il nuovo +16 (54-38) con tanto di bomba sulla sirena di Leonard (15 su 6 nei primi 24’).

Golden State Warriors – Utah Jazz 130-102
GSW: Iguodala 11, Green 11, Bogut 6 (11 rimb), Thompson 33, Curry 31 (16 ass), O’Neal 7 (10 rimb), Barnes 10, Crawford 10
UTA: Favors 10, Hayward 10, Burke 24 (15 ass), Burks 24, Kanter 8 (12 rimb)

Tutto facile per i Golden State Warriors degli “Splash Brother” che chiudono con 64 punti e 12/20 da 3; partita chiusa dopo 14’ con Jordan Crawford che spara la bomba del +18 (40-22) da quel momento i Warriors gestiranno il vantaggio fino alla fine.

Phoenix Suns – Oklahoma City Thunder 122-116
PHX: Tucker 22, Dragic 26, Bledsoe 18, Markieff Morris 10, Green 24, Marcus Morris 10
OKC: Durant 38 (11 rimb), Ibaka 11, Westbrook 33, Jackson 11

Anche i Suns si sdebitano con gli Spurs battendo i Thunder di Kevin Durant (41esima partita consecutiva sopra i 25 punti) rischiando nel finale; a 2’20” dalla conclusione Markieff Morris segna il layup del contro-sorpasso sul 113-112, OKC sbaglierà 3 attacchi consecutivi non sfruttando la persa di Bledsoe ed il rimbalzo offensivo di Ibaka! Phoenix chiuderà la partita con un break di 11-0 con in mezzo anche due scippi di Bledsoe a Durant e Tucker a Fisher!

Portland Trail Blazers – New Orleans Pelicans 100-94
POR: Batum 16 (12 rimb), Aldridge 25 (18 rimb), Matthews 21, Lillard 20
NOP: Davis 15, Evans 10, Roberts 13, Morrow 17, Rivers 14, Ajinca 13

Infine vittoria in rimonta dei Portland Trail Blazers del suo Aldridge-Lillard sui Pelicans; ospiti che toccano il +9 (50-59) ad inizio 3° quarto poi ecco Portland, break di 27-6 per il +12 (77-65), New Orleans non andrà mai sotto i 4 punti di scarto.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Chissà perchè ma Melo quando è il momento importante della stagione (ora per una speranza debole ma concreta di P.O, l’anno scorso ai P.O.) gli arriva sempre male alla spalla o chissà quale altra componente debilitante…mhà sarà ma il prossimo anno con dispiacere ma è meglio che porti la sua leadership da qualche altra parte e noi cercheremo con pazienza zen di ricostruire…cercando un leader un po’ più di sostanza e che non si spenga sempre nel momento del bisogno di una squadra già abbastanza sgangherata da una folle dirigenza. Senza nulla togliere al suo gran talento ma che oggettivamente parlando (dati alla mano) non porta a nessun concreto traguardo.

  • lilin

    a me non sembra giusto dare le colpe a melo di quest annata…squadra senza senso allenata malissimo.
    Stanotte j.r va in coppia con durant 10 su 22 DA 3 e 4 su 15 da 3 per i due ragazzi…j.r. si salva nelle percentuali ma non si possono vedere queste cose.

    Nel frattempo rientra anche battier, si iniziano a recuperare pezzi..non male i tempi duri arrivano.

  • Lebrone

    durant la partita di stanotte l’ha scambiata per un threee point contest? ma non si vergogna nemmeno un pò? 15 triple????????? l’mvp che vincerà gli ha dato alla testa

  • low profile

    alleanze curiose in entrambe le conferences.
    Prima e seconda contro ottava e nona e favori incrociati, Miami batte Ny e Atlanta ricambia il favore con Indiana, San Antonio batte Memphis e Phoenix ringrazia servendo su un piatto d’argento il primo seed avendo la meglio sui Thunders. Sarà un primo turno all’insegna del bon ton?

  • low profile

    Ah e il mito JR stabilisce nuovi record assoluti e di franchigia in un colpo solo.
    I 22 tiri da 3 tentati sono il record all time della lega.
    I 10 realizzati sono record di franchigia.

    Statistica fuori contesto

    I 26 punti di Leonard sono season high per un giocatore con meno di 30 minuti giocati (29:45) e zero liberi tentati (0). Il ragazzo sta salendo di colpi in maniera esponenziale

  • Nitrorob

    wow, questi ci hanno battuto per la 2° volta di fila!
    e ancora una volta ci hanno massacrato da 3 (pure KD ci ha provato, con “ottimi” risultati direi ahahaha)
    incredibile quanto soffriamo le squadre che giocano tanto fuori dall’aria!
    non si riesce ad avere una difesa perimetrale decente! bha….
    è vero che manca il Sefo ma non è una scusa
    cmq vabbè mancano pochi giorni alla fine, l’importante è mantenere la concentrazione per i PO
    l’importante è che la striscia di KD è salva ahahahah

    contento cmq per i Suns che cosi facendo mettono un bel tassello sull’8° posto!

  • il vicino di erba

    Aspetta, mi vuoi dire che in una finale di conferencew san antonio Okc la favorita è okc? are you kidding me?

  • Nitrorob

    ah no oh non famo scherzi, altro che relax (non avevo visto la classifica) abbiamo solo 2 partite di vantaggio dai Clips, se non vogliamo perdere anche il 2° posto qua si deve sgobbare fino alla fine!!!

    il 9 sarà importantissimo visto che abbiamo la sfida proprio con loro (anche se noi saremo in b2b)
    dai cerchiamo di tenere duro fino alla fine!

    ps. ora come ora siamo accoppiati con Dallas, il che non sarebbe male anche se loro quest’anno sono 2-1 contro di noi!

  • low profile

    I clippers sono 2-1 vs okc, dovessero vincere in casa mercoledì avrebbero il tiebreaker a favore

  • Nitrorob

    è si na bella merda infatti!
    co stò calendario non ci si può riposare un attimo!
    le ultime 2 partite le abbiamo prese troppo sotto gamba e come al solito nei minuti finali abbiamo scappellato!
    mo o si danno una svegliata o si arriva 3° rischiando di incontrare subito GSW

  • cuni

    Nitro mi pare una partita! Non due di vantaggio!

  • low profile

    Cuni

    a poche partite dalla fine i GB contano meno delle L, i clips hanno 2 L in più, in pratica dovrebbero vincerle tutte da qui alla fine, inclusa quella con OKC e sperare che i Thunder ne perdano almeno un’altra per arrivare a record identico ma col tiebreaker a favore, buon per loro che in parte dipendono da loro stessi ma 1 GB a poco dalla fine sono 2 sconfitte, quindi 2 partite.

    Considerando che OKC porta a casa 30+ liberi in trasferta se a L.A. hanno ambizione di finale devono per forza di cose arrivare secondi.

  • cuni

    Mmmh giusto low, giusto

  • Nitrorob

    come la metti la metti noi siamo a bestia!

    abbiamo in ordine i Kings, i Clip (da vincere per forza e in b2b) Nola, Pacers (anche questa tosta) e Detroit in b2b

    mentre i Clips hanno solo 4 partite, con noi i Kings Denver e Portland quindi possibilmente 4 W

    è vero che noi abbiamo una partita in più, ma non è detto che le vinciamo tutte!

    di sicuro KD e RW non potranno riposarsi come l’anno scorso

  • Doctor J

    Devo ancora capire se ad Indiana c’è davvero qualcosa che non va o stanno “tankando” per arrivare secondi così da non incontrare i nets al secondo turno

  • Bubba Chuck

    Guarda caso da quando è arrivato Evan Turner i Pacers fanno un po cagare ahaha, a Phila ci manca tantissimo lol

  • Kobe 24

    Complimenti a KD che supera la striscia di MJ di partite consecutive con 25 punti o più.Male Indiana ed Atlanta vicina ai playoff.Miami bene senza Wade.Dallas e Phoenix vittorie cruciali approfittando della sconfitta di Memphis.GSW,Hou and Por non si prevedono scossoni.Occhio ai Clippers vicino ai Thunder.

  • gasp

    Indiana non sta perdendo apposta per prendere il secondo posto, perdere di 20 punti contro Atlanta non significa risparmiarsi; sono proprio in crisi, hanno giocato al massimo per 3/4 della RS e ora pagano lo sforzo…

  • brazzz

    ovvio che turner non ha a che fare con questa crisi..la verità è che i pacers sono una discreta squadra di medio basso talento,che per conformazione può dar fastidio agli heat(non oso imaginare i rox di hakeem allora che avrebbero potuto fargli,se basta hibbert)che son partiti andando oltre i propri mezzi e adesso arancano..ma non sono ovviamente nemmeno quelli che perdono con tutti in questo momento…
    e comunque,turner lo avrei tenuto a phila..

  • sconocchini

    secondo me il crollo di phila, più che tecnico è psicologico.

    la squadra funziona come gruppo di giocatori sottovalutati che uniscono le forze e giocano alla morte, ma quando sono diventati i “favoriti” o quasi qualcosa si è rotto.

    in questo voegel ha le sue colpe, ma anche i giocatori hanno dimostrato scarsa maturità e capacità di reggere la tensione.

    hibbert non perde occasione per criticare tutti (anche se stesso)

    paul george ha cominciato ad atteggiarsi a superstar e non ha smesso nemmeno quando ha cominciato a tirare col 30 per cento.

    stephenson è stato accusato neanche tanto velatamente di rubare i rimbalzi ai compagni e pensare solo alle statistiche.

    metteteci un gruppo che già di suo ha sempre avuto problemi di ball handling e palle perse e la frittata è fatta.

    io, ormai da settimane, continuo a dire che la vera minaccia per gli heat sono i nets. tantissimo talento, tiratori fortissimi, giocatori fisici e lunghi oltre che esperti, e livingstone che sta giocando la pallacanestro della vita.

    un quintetto d-will-livingstone-pierce-blatche-garnett secondo me può fare sfaceli contro la difesa heat, e in più dalla panca escono isojoe-teletovic-plumlee e kirilenko. mica male.

  • Psag

    @gasp, come al solito disamina perfetta la tua:). Ti considero uno dei più competenti in questo blog

  • gasp

    Grazie grazie, non pensavo di avere ammiratori 🙂

  • samantah

    @gasp

    Anche io sono una tua grande ammiratrice, i tuoi commenti sono sempre molto interessanti e dai l’idea di essere un gran figo, proprio come Lebron James. Cosa vi farei ad entrambi….

  • Psag

    @samantah, lascia stare gasp,che è una persona seria.oltretutto sarai un uomo, il che rende tutto un pò grottesco

  • gasp

    Samantah
    Grazie per il gran figo oh…manco la mia donna dice ste cose…ahahahahah

  • Docpretta

    Lol

  • andrea baggio

    Ciao, qualcuno ha aperto una league per fantasy.nba.com/drive?