March-Madness 2014: promossi & bocciati!

Anche quest’anno la March-Madness ci ah riservato colpi di scena e sorprese di ogni tipo, in questo post i nostri promossi e bocciati.

 

 

 

PROMOSSI

UCLA: Per la seconda stagione consecutive mopstrano importanti segnali di rinascita, il cambio di allenaotre ha fatto la differenza, Kyle Anderson è stato finalmente valorizzato dopo una stagione passata da riserva a Muhammad, nel giro di 2 anni rischiano di diventare la prima squadra di Los Angeles.
Voto: 8

Kentucky: Quando il talento supera l’esperienza, ma fino a un certo punto, sono stati vicini ad essere eliminati praticamente in tutte le partite ma hanno trovato sempre il modo di rientrare e vincere. Stesso copione contro UConn in finale, dal -15 sono arrivati fino al -1 ma alla fine i 7 freshman non sono riusciti nel sorpasso.
Voto: 8,5

Wisconsin: Sono andati tanto cosi dal tornare in finale dopo 73 anni, fra loro e il traguardo solo una tripla di Harrison a 3 secondi dalla fine. Per Bo Ryan è stata la miglior stagione in carriera e dopo la morte del padre ha trovato dentro di se energie nascoste.
Voto: 9

Dayton: Un fine marzo da incorniciare per i Flyres; ben 3 Upset battendo nell’ordine Ohio State nel derby statale, Syracuse una delle favorite alla vittoria, e Stanford. Si sono fermati soltanto alle Elite 8 contro la #1 Florida. La cenerentola di quest’anno sono stato loro.
Voto: 8

Connecticut: Nessuno, tranne i più accaniti tifosi e qualche veggente avrebbe dato loro qualche possibilità di arrivare fino in fondo, ma gli Huskies hanno ribaltato tuti i pronostici grazie alla stagione fenomenale di Napier e Daniels, i due punti di forza principali dopo il Coach Kevin Ollie, il vero artefice di questo successo.
Voto: 10

BOCCIATI

Ohio State: Messi nelle prime posizioni nel ranking prestagionale dopo il bel finale della scorsa stagione, si sono rivelati una squadra senza capo ne coda senza un vero leader in grado di dare la scossa, brutte partite per buona parte di stagione, la sconfitta contro Dayton è stato lo specchio della squadra. Sopravvalutata.
Voto: 3

Kansas: Forse con Embiid la storia sarebbe stata diversa, ma una sconfitta alla seconda partita era difficilmente preventivabile anche dai più pessimisti tifosi JayHAwks, il tanto atteso Wiggins ha disputato una stagione con più bassi che alti rispetto alle attese.
Voto: 5

Wichita State: Dopo una stagione da 34 vinte e 0 perse si ci poteva aspettare qualcosa di più. Gli accoppiamenti sono stati poco fortunati ma per una #1 che viene da una stagione imbattuta uscire alla seconda partita è senza dubbio una brutta figura. Forse la loro conference è stato tropo facile.
Voto: 5,5

Duke: La brutta sconfitta contro Mercer al primo turno non ha scusanti, Parker si è spento sul più bello e coach K rimedia una delle più brutte sconfitte al torneo, il futuro è sempre dalla loro parte soprattutto se lo stesso Parker dovesse restare. Per quest’anno brutto si meritano una insufficienza.
Voto: 5

Villanova: E’ qui come vittima sacrificale di tutta la nuova Big East, ha perso due volte contro Creighton e ha avuto un seeding più alto in virtu della più costante regular season disputata. Il livello della conference è stato sopravvalutato e le due squadre principali hanno chiuso con due brutte figure.
Voto: 4,5

Domani sempre alle 16 le pagelle dei giocatori

S.Bei

S.Bei

Sono di Rieti e ho una passione viscerale per il college basketball. Il mio giocatore preferito è Doug McDermott, non seguo particolarmente le vicende dei top team ma mi piace scovare giocatori promettenti nelle cosidette Mid-Major perchè a trovare il fenomeno a Kentucky, Duke o Louisville sono capaci tutti…il bello è trovarli dove non guarda nessuno! Nickname: Ste