Coach Of The Year: Gregg Popovich!!!!

L’allenatore dei nero argento fa tripletta vincendo il riconoscimento per la 3^ volta in carriera grazie all’neessima cavalcata di suoi Spurs in cime alla Western Conference

Ancora lui e come fai a non darglielo dopo questa ennesima dominante Regular Season? Gregg Popovich cala il tris, infatti questo è il suo 4° “Coach Of The Year” ed il 2° negli ultimi 3 anni visto che lo aveva vinto anche due anni fa.

Pop si è conquistato 380 voti (59 per il 1° posto) precedendo Jeff Hornacek (339 punti) dei Phoenix Suns e l’astuto Tom Thibodeau (159 punti) dei Chicago Bulls; i San Antonio Spurs hanno chiuso la stagione regolare con 62 vittorie (19 consecutive) e 20 sconfitte, primi nella Lega per punti di scarto inflitti (+7.8), 105.4 pinti di media realizzati contro 97.6 concessi.

E, come ciliegina sulla torta, questa bellissima frase a cuore aperto all’amico Craig Sager (CLICCA QUI per vedere)

Popovich raggiunge Don Nelson e Pat Riley a quota 3 “C.O.Y”

ALBO D’ORO (Ultimi 10 anni)

2012/13 – George Karl (Denver)
2011/12 – Gregg Popovich (San Antonio)
2010/11 – Tom Thibodeau (Chicago)
2009/10 – Scott Brooks (Oklahoma City)
2008/09 – Mike Brown (Cleveland)
2007/08 – Byron Scott (New Orleans)
2006/07 – Sam Mitchell (Toronto)
2005/06 – Avery Johnson (Dallas)
2004/05 – Mike D’Antoni (Phoenix)
2003/04 – Hubie Brown (Memphis)

ALTRI AWARDS

DPOY

COY2 copy

MIP

6man

ROYMVP

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • zed

    come auspicato da me e dal mio amicone michael philips pop coy,meriatissimo.qualcuno dirà hornacek ma fare 60 e più vittorie sempre coi soliti noti di 5 10 anni fa è impresa da leggenda

  • in your wais

    Se finiva ai PO lo davano ad Hornacek…io personalmente lo avrei dato comunque al coach dei Suns, ha fatto una stagione assurda considerando il materiale a disposizione…

    Sul Pop e più in generale sugli Spurs ormai poco da dire, sono da 15 anni la miglior franchigia dello sport USA, specie pensando a cosa sia San Antonio come città e mercato

    E comunque, 62W alzando le mani dal manubrio a 4-5 gare dalla fine della RS, nella Western Conference, senza un singolo giocatore oltre i 30′ di utilizzo per gara, e con infortuni che hanno fermato per 3-4 settimane quattro dei migliori otto giocatori

    Vorrei vedere il Pop lontano da San Antonio e da Duncan, per capire come reagirebbe e quali risultati otterrebbe. Sicuro con Brown e Riley è il miglior coach degli ultimi 30 anni (c’è n’è anche uno con 11 titoli, ma, parere personale, non lo metterò mai al livello dei primi 3)

  • Astoppardi

    Pop é un grandissimo…ma anche phil jackson ragazzi… Altro che sistema spurs in cui comunque si é tutti dediti alla causa con teste non calde…
    Jackson ha allenato personalità deviate come ron artest o rodman, ha avuto a che fare con atleti dall’ego smisurato come kobe e jordan, ha addomesticato o’neal …
    É un grandissimo anche lui non si vincono 11 titoli per caso…

  • L’Ammiraglio

    Ci sta alla grande, nonostante alternative molte valide.

  • redbull

    grande pop, forse potevano darlo a hornacek che ha fatto cose impossibili e se non si fosse infortunato bledsoe magari sarebbero ai playoff.. di certo non si può dire che non sia meritato

    per quanto riguarda i migliori coach, phil jackson ok ha sempre avuto squadre mostruose, ma io ho letto qualche suo libro e per come si approcciava ai giocatori e alla squadra in generale mi ha sempre affascinato.. poi ha avuto il grande merito di saper gestire gente come ron artest, rodman, jordan, kobe e shaq.. insomma è certamente un allenatore diverso rispetto agli altri, ma io lo metterei sempre nei primi 3.. anche qui son gusti

  • gasp

    Meritato ma lo avrei dato comunque a Hornacek

  • low profile

    ripeto quello che ho scritto giorni fa.

    Annata con candidati autorevolissimi, alcuni di loro hanno compiuto/sfiorato dei veri e propri capolavori, tanti lavori eccezionali, uno più eccezionale degli altri: 62 w con protagonisti impensabili, col peggior Parker degli ultimi 7-8 anni, la gestione dei vecchi, un gioco sinfonico come non si vedeva da anni, record della prima squadra dalla fusione con l’ABA ad avere tutti gli effettivi sotto i 30′ di utilizzo, tutto questo dopo la batosta di G6. Troppa carne al fuoco per non dargli il giusto riconoscimento.

    Per me non solo uno dei migliori allenatori in circolazione/della storia del basket, uno dei migliori di ogni sport.
    Phil ha vinto di più ma la sua dote principale era quella di gestire le stelle, non dico che ciò sia stato facile ma portare al successo gente assurda senza mai spendere un centesimo di più del dovuto non è paragonabile a fare la collezione di all time greats.
    Brown come Pop ha allenato per lo più figli di un dio minore ma ha avuto meno successo, tanto successo ma meno del Pop.
    Tornando in dietro gente come Riley e Red hanno marchiato a fuoco la lega ma come per lo zen la capacità di fuoco delle franchigie che hanno reso grandi li mettono un passo in dietro alle gesta del Pop che per chiudere a differenza di tutti i sopracitati (escludendo forse Riley) ha avuto anche il grande merito di rimettere in discussione il suo credo cestistico adattandolo negli anni ai roster a disposizione, passare con nonchalance dal gioco iper-difensivo e basato sul gioco in post delle twin tower per mutare fino alla motion di questi ultimi anni ha dell’incredibile.
    Tutto sto pippone ovviamente IMHO

  • Lebrone

    larry brown meglio di phil jackson? posate il fiasco per favore.

  • Michael Philips

    Il paradosso di Phil Jackson:

    ha allenato i migliori dell’epoca quindi i titoli hanno “meno valore” di quelli del pop, ma allenare personalità complesse e folli rende il tutto più difficile, quindi?

    Andrebbe sempre capita una cosa: quanto il controllo dell’aspettp psicologico facilità la vittoria degli anelli? Tolto che la triangle era pensata da tex winter, phil si occupava principalmente della gestionde dei giocatori. Ricordo quando per minuti e minuti evitava di chiamare i time-out anche con il team din difficoltà, il tutto solo per aspettare e vedere come reagivano e prendere appunti. Il pop ha comunque dato molta importanza alla gestione delle personalità, altrimenti un parker avrebbe fatto le valigie tempo fa, e forse anche un Duncan con altri coach e senza quel rapporto di simbiosi con il pop, sarebbe stato ben altro giocatore.

    11 anelli fanno sempre paura a pensarci, ma va sempre ricordato chi ha allenato phil. Mai nessun rischio: jordan+pippen+rodman, poi kobe+shaq+rice, poi kobe+gasol+odom+bynum. Insomma credo senza esagerare che ogni stagione il suo era il miglior roster della lega. Andrebbe considerato anche questo quando si fa la conta degli anelli.

  • Kobe 24

    Tutti i coach che avete menzionato sono dei grandissimi,Brown,Riley,Phil,Pop.Per me l’impresa più grande l’ha fatta Brown,vincere un titolo con Detroit e con quel roster è qualcosa di eccezionale.Phil avrà allenato grandi stelle,ma anche Duncan,Robinson,Ginobli,Parker non mi sembrano delle pippe.Riley ha creato lo showtime,allenato i Knicks di un grande Ewing e portato all’anello Wade e O’neal.Secondo me stanno tutti sullo stesso piano.
    Per il coach of the year non si parla d’ingiustizia,ma sarebbe stato bello vedere vincere Hornacek,ha portato una squadra da tank ad una vittoria dai playoff.Per il resto Pop ha creato una dinastia ed una franchigia vincente,mai nessuno a parte i Lakers ed i Boston anni 60-70 sono stati talmente competitivi per tanti anni

  • Astoppardi

    Non sono molto d’accordo con l’affermazione “mai nessun rischio ad allenare jordan,pippen,kobe,shaq etc etc”…
    Il rischio esisteva eccome…il rischio di fallire,di non reggere la pressione, di venir esautorato e schiacciato dagli ego delle sue stelle…
    Ha avuto mega squadroni ma ragazzi saper tener a bada personaggi del genere non é di poco conto…
    Si parla comunque del meglio della storia della pallacanestro…

  • Lemmy

    Premio giustissimo. E meritatissimo. Condivido appieno l’analisi di Low Profile…

  • Procionide

    Per me andava dato all’unico allenatore che ha davvero portato ai playoff una squadra a cui nessuno dava un soldo, ovvero Terry Stotts.
    Alla fine Popovich ha ottenuto il miglior record con la squadra che l’anno scorso è arrivata in finale; Hornacek non ha raggiunto i playoff; Thibodeau allena a est, dove rotolano i cespugli.
    Nella mattanza dell’Ovest, Portland è arrivata quinta. Cosa doveva fare di più? Mi avreste creduto di più se vi avessi detto che gli Spurs avrebbero fatto 62-20 o che i Blazers avrebbero fatto 54-28?

  • Pingback: Most Improved Player: Goran Dragic! | NBA-Evolution()