Di nuovo super-Aldridge, colpo Mavs, Miami 2-0!

Miami sofffre ma va sul 2-0, Portland e Aldridge (43) si confermano a Houston per il 2-0, invece colpaccio dei Dallas Mavericks che espugnano San Antonio per l’1-1!

BarraEST1

Miami Heat (#2) – Charlotte Bobcats (#7) 101-97 [MIA 2-0]
MIA: James 32, Bosh 20, Wade 15, Chalmers 11
CHA: Kidd-Gilchrist 22 (10 rimb), Jefferson 18 (13 rimb), Henderson 15, Walker 16

I Miami Heat confermano il fattore campo portandosi sul 2-0 nella serie contro i Bobcats grazie ad un’ottima difesa (42% dal campo per Charlotte); Miami però ha dovuto sudarsela fino alla fine, infatti a 11” dal termine la tripla di Kemba Walker dava il -1 Bobcats (98-97), James va in lunetta e non trema per il +3, ultimo possesso per gli ospiti ma Douglas-Robets si fa scippare palla da Dwyane Wade che subirà un fallo (clear to path) e chiuderà i giochi

BarraWest1

San Antonio Spurs (#1) – Dallas Mavericks (#8) 92-113 [TIED 1-1]
SAS: Duncan 11, Parer 12, Ginobili 27
DAL: Marion 20, Nowitzki 16, Ellis 21, Calderon 12, Harris 18

Italian Job: Belinelli 7 pt (2/6, 1/1 da 3), 5 rimb, 1 ass, 2 perse

I Dallas Mavericks stavolta non sbagliano e vincono a casa degli Spurs pareggiando la serie, ancora una volta il duo Ellis-Harris è stato il problema per la difesa dei nero-agento; stesso copione di Gara1, Dallas scappa avanti sul +10 (64-74) a 4’18” dalla fine del 3° quarto, Ginobili spara da 3 per il -7 ma stavolta la banda di coach Carlisle non si scioglie anzi, Jose Calderon realizza 7 punti consecutivi nel break di 12-1 che vale il +16 Mavericks (70-86) a 63” sempre dalla fine della 3^ frazione. Stavolta niente rimonta per San Antonio rea anche di 22 palle perse, mai successo nei Playoffs!

Houston Rockets (#4) – Portland Trail Blazers (#5) 105-112 [POR 2-0]
HOU: Parsons 15, Jones 13, Howard 32 (14 rimb), Harden 18, Beverley 14
POR: Aldridge 43, Lopez 6 (10 rimb), Lillard 18 (11 ass), Williams 13, Wright 15

Grazie ad un ancora spettacolare LaMarcus Aldridge da 43 punti (18/28 dal campo) i Portland Trail Blazer si portano sul 2-0 espugnando per la seconda volta il Toyota Center, malgrado il 32+14 di Howard; le selle di Houston giocano un buon primo tempo, nella ripresa faticano molto ma Houston è in partita fino ad inizio 4° periodo (81-83 dopo 3’), poi ecco due fiammate di Mo Williams, 2 triple in rapida sequenza che portano Portland sul +8 (81-89), di fatto queste due bombe di Williams segneranno la partita visto che gli ospiti gestiranno il vantaggio fino alla fine.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • sconocchini

    io a volte non vi capisco.

    anche persone capacissime di fare un ragionamento interessante e discutere pacatamente si abbandonano all’irrazionalità più completa quando c’è di mezzo lebron james.

    indipendentemente dai discorsi sulla tutela delle star (sono tutte tutelate a vario titolo) mi pare evidente che il gioco di lebron lo porta a ottenere meno fischi di quelli che meriterebbe (non perché c’è un complotto, ma perché sembra non sentire i contati). Secondo me ci può anche stare non fischiare quei falli (io più che altro non sopporto i falli “cercati” da wade, durant e harden).

    quello che non capisco è come si possa, dopo il fallo di mcroberts di ieri, incentrare il discorso sulla reazione di lebron. a me quel fallo ha fatto paura, per davvero. mcroberts alza i gomiti all’altezza del collo mentre un giocatore arriva a tutta velocità. fortunatamente prima di colpire lebron al collo il suo gomito “scheggia” il mento. se lo avesse preso direttamente sul collo poteva essere una tragedia.

    non è andata così, meno male. ma secondo me è un fallo assassino, e non perché lo ha subito lebron.

  • Kobe 24

    Sul fallo di Lebron concordo con te sconocchini,però può capitare una svista arbitrale.
    MP Guardati gara 1,anche Dirk non ha fatto una bellissima prestazione.Una gara storta capita a tutti,poi criticare Duncan è come bestemmiare in chiesa.L’anno scorso finale,questo miglior record ed a quell’età.
    Come detto da alcuni utenti già prima,Houston abbiamo un problema:HARDEN.
    Contento per Lamarcus che ha detta di qualcuno era aiutato dalla sua squadra e che i Blazers con Love avrebbero fatto meglio.
    Lasciando stare le polemiche ad ovest abbiamo tre serie sull’1-1 e si fa sempre più entusiasmante,contento per i Wizards ma non mi aspettavo di vederli sul 0-2,avevo pronosticato il loro passaggio.
    @Procionide Gran coach quello dei Blazers,non scrivo il nome perchè da ignorante che sono non lo scrivere 🙂

  • sconocchini

    kobe 24

    ma infatti a me non interessa la polemica arbitrale sul fatto che il fallo sia stato considerato o meno come flagrant. è chiaramente un flagrant ma ci sta che gli arbitri lo abbiano valutato male.

    sottolineo soltanto che è assurdo parlare di sceneggiata in questo caso, e aggiungo che interventi di questo tipo sono davvero pericolosi e bisognerebbe fare di tutto perché non si verificassero.

    il tanto temuto laccio californiano di mchale non era così pericoloso (ma so già che qualcuno tirerà fuori il solito pippone su quanto era duro il gioco negli anni ottanta).

    le botte ci stanno, fermare uno lanciato ci sta, ma possibilmente sarebbe meglio evitare di farlo piantandogli una comitata nel collo.

  • michele

    ma Duncan gay è una battuta? occhio, se lo sente Jason Collins chiede subito di andare a giocare a San Antonio!!!

    concordo sui playoff divertenti, non ricordo un primo turno cosi equilibrato e con cosi tante vittorie in trasferte!