Final Four 2014, analisi delle semifinali!

Stasera al Forum di Assago si darà inizio alla danze delle Final Four d’Eurolega con in campo subito il CSKA Mosca di Ettore Messina, a seguire lo spettacolare derby iberico

CSKA Mosca – Maccabi Tel Aviv

Scontri stagionali: Le due squadre si sono affrontate nelle Top 16, e il CSKA ha vinto tutte e due le partite, in modo piuttosto netto in casa propria col punteggio di 100-65 e in un match più tirato a Tel Aviv 76-81, dimostrando la propria superiorità. (2-0 CSKA)

Qui Mosca: Dopo aver vinto la serie di playoff contro il Panathinaikos con qualche patema di troppo, la banda di coach Ettore Messina, ha mostrato tutti i suoi problemi nelle due partite casalinghe di quarti di finale della VTB league contro il Lokomotiv Kuban, perse tutte e due in malo modo. In più non si sa ancora se Aaron Jackson (PG chiave nello scacchiere di Messina) sarà delle Final Four, complica ulteriormente le cose. Questo evento è una storia a parte si sa, ma ad oggi il CSKA non ci arriva in grandi condizioni psicologiche e soprattutto ci arriva con tanta pressione addosso.

Qui Tel Aviv: Battuta Milano in quattro gare, Il Maccabi ha ritrovato quella fluidità di gioco e quel’energia positiva smarrita nel finale delle Top 16 andando a vincere la stagione regolare del proprio campionato e il primo turno di playoff sempre in 4 gare contro il modesto Gilboa Galil. A complicare però il tutto, l’infortunio di Joe Ingles, che potrebbe essere recuperato in extremis, ma sicuramente non sarà al meglio della condizione.

Chiave tattica: Il primo compito per il CSKA è saper arginare Sofoklis Schortsianitis, l’enorme centro greco sul quale si basa il gioco interno del Maccabi. La battaglia tra gli esterni, dove è leggermente favorito il CSKA, anche per la maggior esperienza giocherà un ruolo importante. Il match verrà deciso in difesa e chi saprà di più adattarsi agli schieramenti avversari. Messina utilizzerà molto la mossa dei quattro esterni per allargare il campo, il Maccabi ha però gli uomini per contrastare lo schieramento avversario.

Duello (Teodosic-Hickman): Milos Teodosic si deve assolutamente scrollare quella scomoda etichetta da perdente, che gli è stata appiccicata addosso proprio alle Final Four degli ultimi anni e alla terza chance non può più fallire. La partita nella partita si gioca contro Ricky Hickman, ed è una brutta gatta da pelare, perché l’ex pesarese, ha dimostrato soprattutto nella serie contro Milano, di saper giocare a pallacanestro quando conta e di non aver paura nei momenti decisivi. Messina ha imparato che se il serbo non è in serata è meglio metterlo subito in panchina, ma senza il miglior Teodosic è difficile andare in finale.

Pronostico: Il Maccabi sta meglio sia psicologicamente che fisicamente, sulla carta però il CSKA è più forte, queste partite però fanno storia a se, e non le vince chi ci arriva meglio. La partita a scacchi tra due dei migliori coach d’Europa sarà molto affascinante, e dal loro risultato dipenderà l’esito della gara. Io dico Maccabi perché è sfavorita e l’essere sfavorita ti premia alle Final Four, ed ha quell’incoscenza nei propri giocatori che serve per queste partite. (MACCABI 60%)

Real Madrid – Barcellona

Scontri Stagionali: Le due squadre si sono affrontate 4 volte in stagione, in campionato due volte, e il resto nella Supercoppa di Spagna e nella finale di coppa di Spagna, e c’è una chiara prevalenza del Real Madrid con 3 vittorie a 1, peraltro l’unica vittoria del Barcellona è avvenuta la scorsa settimana in campionato. (3-1 Real Madrid)

Qui Madrid: Il primo posto in regular season nel proprio campionato è gia in ghiaccio da un bel pezzo, ma la sconfitta proprio con il Barcellona settimana scorsa e i quarti di finale contro l’Olympiacos non esattamente irresistibili, hanno fatto suonare un campanello d’allarme. L’inizio di stagione è stato scintillante, poi è stato comprensibile un calo di forma, ma l’Eurolega manca ormai da troppo tempo, e tutto quello fatto vedere fino ad ora sarà vano se non si arriva fino in fondo.

Qui Barcellona: La stagione è stata di alta e bassi, soprattutto in campionato, complice il terzo posto in stagione regolare in ACB, ma in Eurolega è la squadra che ha fatto meglio nelle Top 16 con sole 2 sconfitte, peraltro avvenute a primo posto acquisito e nei quarti di finale il secco 3-0 con il quale ha liquidato il Galatasary. La squadra sta bene e ha tanta voglia di vendicarsi dei risultati in stagione, ma soprattutto nella semifinale di un anno fa.

Chiave tattica: Il Barcellona ha probabilmente il miglior gioco interno dell’intera Eurolega, con Ante Tomic unico vero e proprio lungo inserito nel primo quintetto dell’Eurolega, è li che il Real si dovrà far trovare pronto difensivamente. A suo volta il Real Madrid dovrà tenere i ritmi alti, cercando di essere aggressivo sugli esterni per recuperare palloni e far volare i propri esterni in contropiede, la vera arma letale dei blancos.

Duello (Mirotic-Papanikolau): Di duelli entusiasmanti tra giocatori ce ne sono parecchi in questa sfida, ho optato per quello tra le due ali forte, soprattutto per quanto riguarda Mirotic. L’ala serba naturalizzata spagnola, è stato l’mvp del primo girone d’Eurolega, un suo calo è coinciso con quello di tutta la sua squadra; un caso? Direi di no. Nelle ultime gare sembra essere tornato quello della prima parte di stagione, ma adesso deve dimostrare il suo vero valore, e di fronte si troverà uno spauracchio che di partite pesanti se ne intende, vedere la finale di un paio d’anni fa per credere.

Pronostico: A mio avviso potrebbe essere considerata tranquillamente la finale anticipata, le due squadre si assomigliano sulla carta e sono a livello di profondità uguali. Per me è leggermente favorito il Barcellona per una questione di lunghi, nonostante le partite in stagione abbiano detto altro. (BARCELLONA 55 %)

Orari delle diretta TV

Euroleague-Schedule

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B