Si riaccende Duncan e San Antonio vola, Match-Point!

I texani tornano a casa e dominano i rivali col veterano a dettar legge sotto i canestri, ottima prestazione della difesa nel 3° quarto che ha annullato l’attacco di OKC.

BarraFinaliConf

San Antonio Spurs (#1) – Oklahoma City Thunder (#2) 117-89
(32-32; 65-55; 94-74)
[SAS 3-2]

Spurs: Leonard 14, Duncan 22 (12 rimb), Bonner, Green 14, Parker 12, Ginobili 19, Diaw 13, Splitter 6, Mills 9, Joseph 4, Belinelli 2, Baynes, Ayres 2
All.Popovich

Thunder: Durant 25, Ibaka 6, Perkins, Jackson 11, Westbrook 21, Adams 6, Collison 5, Fisher 5, Butler 2, Lamb 4, Jones 2, Sefolosha 2, Thabeet DNP
All.Brooks

Italian Job: Belinelli 2 pt (1/4, 0/2 da 3), 1 rimb

Recap

201405292041744848407-p5I San Antonio Spurs tornano a casa e si rivitalizzano asfaltando gli Oklahoma City Thunder grazie ad un Tim Duncan spaziale da 22+12, adesso è Match-Point Spurs; 1° quarto chiuso in parità a quota 32, nel 2° quarto i padroni di casa mettono la freccia e con 5 punti consecutivi di Manu Ginobli toccano il +13 (65-52) a 6” dalla sirena del primo ove Russell Westbrook, di nuovo, spara la bomba del -10 all’intervallo lungo.
Il match cambia radicalmente nel 3° quarto con i padroni di casa che stringono i bulloni in difesa costringendo OKC a solo 19 punti con 7/19 dal campo (0/6 da 3!) e 5/9 dalla lunetta (1/4 di Durant), dall’altra parte 29 punti realizzati dagli Spurs on 8/19 dal campo (0 perse) e 8 punti per Tim Duncan che consentono ai texani di entrare nell’ultima frazione avanti di 20 lunghezze (94-74). Ancora una volta, come in Gara2 San Antonio toccherà anche il +33 (109-76) con un break di 15-2 nei primi 6’ dell’ultimo quarto.
Serge Ibaka è stato ben contenuto dalla difesa nero-argento che ha vinto il duello nei punti in pitturato (40-36) e costretto il lungo spagnolo a 3/10 con 2 stoppate subite.

StatG5SAS

Highlights

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B