Oklahoma City Thuder 2013/14: Game over, insert coin!

Ieri il F.M.B ha anlizzato cinicamente l’annata dei Pacers, oggi tocca a me la patata bollente dei Tunder dell’MVP Kevin Durant, ancora una volta stroncati sul più bello.

Durant1I Thunder salutano la compagnia e sul più bello se ne vanno.

Avevano le carte in regola per diventare la Reginetta del Ballo ma non sono riusciti nemmeno a farsi invitare alla festa. Hanno indiscutibilmente fallito. Fare un’analisi sul perché non abbiano raggiunto le Finals è molto facile ed altrettanto complicato. Veniamo al commento facile: sono stati eliminati dagli Spurs, una squadra più forte e meglio organizzata di loro, e le parole dopo “Spurs” le ho scritte per chi, senza sapere nemmeno cosa sia il basket, abbia deciso di leggere questo articolo.

Ma questo, per quanto vero, potrebbe sembrare estremamente giustificativo per una squadra che aveva le stimmate per poter vincere l’anello. In fin dei conti OKC si è presentata a questa post season con l’MVP della stagione regolare, Kevin Durant.

Russell+Westbrook+San+Antonio+Spurs+v+Oklahoma+VCS57agzivDxSia ben chiaro a mio parere, per quello che conta, MVP stra-meritato vista la stagione fatta da un punto di vista tecnico e di leadership. Questa squadra, inoltre, ha dimostrato durante l’anno di poter giocare e bene anche in contumacia secondo violino, quel Russell Westbrook che riesce a farti esaltare ed innervosire dieci volte nella stessa azione di gioco.
Solidi in difesa con Sefolosha e Perkins a far legna con Serge Ibaka più di una volta utile sia in aiuto che in attacco, il tiro dai 5/6 metri che si è costruito negli anni è di notevole fattura. E quanto Ibaka sia fondamentale in questo sistema lo si è capito dalla differenza fatta vedere dal gioco dei Thunder nelle prime due partite contro San Antonio in sua assenza.

Dalla panchina poi che dire di Jackson, che secondo molti potrebbe fare lo starter in tantissime altre franchigie, e che quando ha sostituito l’infortunato Westbrook ha sempre tenuto alto il livello, Collison ed Adams i classici bianchi duri e rocciosi e cestisticamente intelligenti, senza dimenticarci del venerabile maestro, Derek Fisher, che ha dato come sempre il suo contributo.

E per arrivare fino alla fine senza sorprese è arrivato anche Caron Butler, ottimo attaccante oltre che un altro veterano utilissimo nella post season. Già ma allora?? Lo abbiamo scritto che non è facile se la si vuole analizzare andando oltre.
Diciamo che già contro i Grizzlies, OKC ha fatto vedere che, sorprendentemente, la coperta era sembrata corta. Per non parlare della fatica fatta contro i Clippers, serie finita in 6 partite ma con fischi di cui comunque abbiamo deciso di non parlare. Alla fine si può dire una cosa certa che è Serge+Ibaka+San+Antonio+Spurs+v+Oklahoma+City+mrJzNkmGMjcxuscita da queste tre serie di playoff: i Thunder sono sembrati troppo dipendenti da……Russell Westbrook, molto più di quanto non lo siano da KD35.

In fin dei conti è il prodotto di UCLA ad avere in mano il pallino del gioco della franchigia di coach Scott Brooks e fino a che l’equivoco non sarà chiarito, Westbrook è un grande giocatore, e chi lo discute, ma non un playmaker soprattutto intelligente, i Thunder saranno destinati a non riuscire ad arrivare in fondo. Durant soprattutto avrebbe bisogno di un costruttore di gioco non di uno che comunque si prende mediamente 20-25 tiri a partita. Certo quando Russell gioca come in gara 4 OKC è infermabile, ma è nel Westbrook di gara 6 che c’è tutta l’essenza del giocatore, basta leggere le sue statistiche.

Qualcuno potrebbe chiedersi: “e Durant?”

L’MVP meriterebbe un articolo solo per lui. Chiaro che se la squadra di Durant va a casa non è che lui possa essere esente da colpe. Anche se in questi playoff in più di un’occasione ha tolto le castagne dal fuoco con prestazioni incredibili e giocate da MVP, compresa gara 5 con LAC con due triple decisive nel finale dopo una partita tragica. Fondamentalmente è mancato in leadership, specie in questa serie, quella decisiva.
Dall’MVP e presunto leader indiscusso della franchigia ti aspetti che il pallone tra le mani nelle giocate decisiva lo pretenda. Cosa che invece molte, troppe, volte non è accaduta. Ha aspettato troppo, dovrà continuare a farlo almeno per un’altra stagione. Buon ultimo arriviamo anche a coach Brooks. Scriviamo così: improvvisare, a meno che non ti chiami Greg, difficilmente funziona.

E quando il buon Scott lo ha fatto non è mai stato premiato. Sono mancate le contromosse in assenza Ibaka, è mancato il controllo del solito Westbrook. Poi all’improvviso si è deciso di modificare il quintetto inserendo Jackson, togliendo Sefolosha dalle rotazioni, per avere più attacco ma così si è tolto dallo starting five il vero leader difensivo. Certo il futuro potrebbe essere ancora loro, ma il presente ci dice che c’è ancora da lavorare, forse di più di quello che in tanti si aspettavano.

Sul mercato magari ma, credo, non solo. Arrivederci OKC Thunder e grazie di tutto il pesce…

 

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati

  • low profile

    “arrivederci OKC Thunder e grazie di tutto il pesce…”

    E con questa citazione sei ufficialmente il mio idolo, hai scritto un articolo decisamente notevole, forse il più notevole, sicuramente quello di maggiore successo, mai pubblicato dalle grandi case editrici dell’Orsa Minore. Più popolare del “Manuale di economia domestica celeste”, più venduto di “Altre 53 cose da fare a gravità zero” e più discusso della trilogia di bestseller filosofici di Oolon Colluphyd “Dove ha sbagliato Dio”, “Ancora alcuni tra i più grandi sbagli di Dio” e “Chi è questo Dio, in fin dei conti?”. La Guida ha già soppiantato la grande Enciclopedia galattica, come l’indiscussa depositaria di tutta la conoscenza e la saggezza, per due importanti ragioni. Primo, costa un po’ meno; secondo, reca la scritta, DON’T PANIC, niente panico, in grandi e rassicuranti caratteri sulla copertina.

  • bella la citazione dalla guida Galattica per Autostoppisti, peccato che questi Thunder di fantascientifico abbiano davvero ben poco 😀

  • Docpretta

    Okc: poco cervello rispetto al talento

  • Yomovoice

    Fisher e contributo (se si intende positivo) non possono stare nella stessa frase. Attacco stagnante e difesa inesistente, gli Spurs hanno cercato di farlo stare in campo più tempo possibile perché era come avere contro 4 difensori. Brooks è mancato di brillantezza nel costruire alternative efficaci una volta compreso che con il modello rodato dei due lunghi in campo non si andava. Let Westbrook be Westbrook, che è una furia di Dio così com’è. E Durant? Se quando conta la palla in mano non la prende/non la vuole/non gliela danno la colpa non può essere solo della tartaruga ninja, ma ci si deve porre un problema sul carattere del ragazzo. Si può essere il miglior giocatore del mondo e allo stesso tempo non il leader della propria squadra? Forse si

  • in your wais

    Personalmente non sono affatto sicuro che non si possa vincere con Westbrook in cabina di regia. Se togli lui e metti anche un Chris Paul, poi devi pure trovarti un 3° attaccante perchè CP3 non segna quanto Russell e KD non può caricarsi tutto l’attacco sulle sue spalle

    Giudicare l’operato di un coach non è mai facile, ma direi che è fondamentale, per la prossima stagione e le seguenti, creare una gerarchia interna, basilare specie quando ci sono due esterni dominanti (fossero un piccolo ed un lungo sarebbe molto più facile). E Brooks o chi per lui deve trovare il maschio Alfa e quello Beta (inutile dire chi dovrebbe essere l’Alfa)

    A mia memoria, squadre con due giocatori dominanti ma senza una gerarchia interna non vincono, parlando degli ultimi anni. Magic e Kareem lo hanno fatto, ma erano un piccolo ed un lungo, ben diverso a livello di chimica. Nei Bulls, nei Rockets, negli Spurs, persino nei Lakers del 1° three peat, si sapeva chi era il Capo. E questo a prescindere dai punti segnati

    Perchè ovviamente Kobe o Parker possono o potevano segnare più di Duncan o Shaq, anche prendersi il doppio dei tiri di tanto in tanto. Ma la norma era che il gioco prima passava dal lungo, poi si cominciava a giocare

    Durant deve diventare il leader della squadra, non necessariamente a livello vocale, ma a livello di carisma e presenza. Westbrook è un mostro ma in qualche modo deve diventare ancora di più un 2° violino. Non so come possano farlo, ma Brooks o chi dopo di lui deve creare questa gerarchia

    OKC, eliminazione o meno, ha sicuramente ancora molto futuro davanti, e stravolgere la squadra non ha senso. Gli Spurs saranno una rogna fino la prossima stagione, poi si rifonda. Ed altre squadre ad Ovest migliori di OKC in prospettiva e non solo non ne vedo. Miami può andare avanti 1-2 stagioni, poi o Riley fa un altro miracolo, o si riparte dal basso

    Solo che a forza di aspettare che decrescano gli altri, non si fa molta strada, quel futuro potrebbe non arrivare mai. Serve un veterano tra gli esterni, e poi serve che Lamb e soprattutto Adams diventino qualcosa di più che un progetto. Per arrivare in cima basta poco, ma quel passo è infinitamente più faticoso degli altri

  • Il Nichilista

    “C’è ancora da lavorare sul mercato magari…”
    Si certo, se il mercato continua a farlo quel fesso di Presti può solo continuare a peggiorarla questa squadra…. Probabile che regali Westbrook questa estate come ha già fatto con Harden..
    Grazie mille genio, continua cosi sei meglio di un dito in gola per vomitare

  • troy hudson 88

    Anche io sono d’accordo che anche ( se non soprattutto) con westbrook si possa vincere.. E non credo sia un problema di gerarchie ..ssi tratta di muovere la palla e costruire buoni tiri cosa che Okc raramente fa.. Si tratta di difendere meglio.. Con sefo e Perkins/adams in campo non puoi permetterti di subire in difesa quando già giochi in 3 in attacco.. Si tratta d di PRENDERE UN VERO COACH!! Uno che ti dia un gioco in attacco è che ti faccia difendere meglio.. Il personale a grandi linee c’è per fare tutte e 2 le cose..
    Bisogna cambiare e farlo subito prima che KD decida di traslocare da qualche altra parte..

  • troy hudson 88

    Insomma licenziare brooks, prendere un bravo coach amnistiare Perkins , ingaggiare dei buoni passatori visto che scarseggiano nel roster attuale..
    Si parte da qua

  • marcus833

    Devono cacciare Brooks.
    Stanno sprecando l’enorme talento che hanno. L’MVP della stagione e secondo miglior giocator della lega, un altro che è fra i primi 5-10 giocatori della lega, uno dei migliori 5 lunghi della lega, un gran sesto uomo, un signor difensore ed alcuni giovani di prospettiva. Cacciare Brooks e prendere un allenatore serio.
    Brooks per carità bravissima persona, ottimo professionista, bravissimo a lavorare con un gruppo giovane, ma non in grado di fare lo step successivo.
    Lampante gara 6 con gli Spurs…32 minuti a Fisher???? Ma stiamo scherzando???? Spurs nel pitturato con una facilità disarmante…
    Oklahoma necessita un cambio di guida, solo allora potrà pensare di arrivare all’anello. E non possono certo aspettare la fine del ciclo Spurs e che LBJ se ne vada da Miami.

  • Il Nichilista

    Vi serve un buon passatore davvero? Eh….
    Magari avere un James Harden…. se potessimo comprare un giocatore del genere faremmo di tutto per tenerlo…… ops
    Presti vattene! (assieme al tuo amichetto Brooks)
    Ma prima restituite tutti i soldi di stipendio che avete rubato in questi anni

  • troy hudson 88

    Il nichilista
    il passato è passato.. Come si dice: è inutile piangere sul latte vrersato..

    Anche senza harden, gli elementi per vincere il titolp ci sono tutti ..

  • Il Nichilista

    Troy
    Avevi una squadra incredibile, sei arrivato alle finals perdendo contro una squadra come Miami solo perchè le loro tre stelle erano in età più matura delle tre stelle di OKC (che all’epoca avevano una media di 23 anni Harden-West-Durant..), i presupposti per vincere titoli su titoli erano evidenti una volta che tutti e tre avrebbero completato il loro percorso di maturazione.
    Hai ceduto Harden x Kevin Martin?
    Bene. MERITI 20 anni di lacrime ed eliminazioni.
    E’ giusto che l’incompetenza pianga e venga umiliata. Dispiace solo per i tifosi OKC, che infatti ormai Presti non lo vogliono far entrare nemmeno più al palazzetto

  • 8gld

    Beh…così su due piedi sembrerebbe che questo articolo punti su Westbrook, Brooks e “sfiori” Durant.
    Personalmente punterei su Durant, Brooks e “sfiorerei” Westbrook.

    gara 6: 34+8+7 +/- +11 Durant 31+14+2 +/- -3 (se parliamo di numeri/statistiche)

    “ma non un playmaker(si parla di Westbrook) soprattutto intelligente, i Thunder saranno destinati a non riuscire ad arrivare in fondo. Durant soprattutto avrebbe bisogno di un costruttore di gioco non di uno che comunque si prende mediamente 20-25 tiri a partita”.
    Sì, bel discorso ma i Thunder non possono rinunciare a questo. Non è dato dalla mancanza di intelligenza(non d’accordo) di Westbrook ma dal sistema. Il sistema oggi dei Thunder richiede punti dal poco intelligente…su questo bussare a Brooks.

    “Sono mancate le contromosse in assenza Ibaka, è mancato il controllo del solito Westbrook“.
    E’ mancato il controllo del solito Westbrook? Durant dove è andato a finire?

    “Dall’MVP e presunto leader indiscusso della franchigia ti aspetti che il pallone tra le mani nelle giocate decisiva lo pretenda”.
    Mettiamo ordine. Durant o chi per lui non deve pretendere nulla finchè la pretesa non è giustificata dal risultato. I Thunder sono partiti nella serie contro Memphis poggiando tutto su Durant, le gerarchie erano delineate. Nella serie contro Memphis Durant è stato ridicolo, con statistiche ridicole, con numeri ridicoli, con leadership ridicola e con momenti “depressivi”. La serie con Memphis stava sfuggendo dalle mani dei Thunder se non ci fosse stato un sostegno costante, nel bene e nel male, di R.Westbrook/Ibaka e la partita famosa di Jackson (con tanto di ringraziamento di Durant…emblematico) dove, con molta probabilità, salva serie e turno.
    Meglio rivedere la serie contro Memphis e rivedere discorsi di leader, carattere, spalle grosse.
    A quel punto, visto che l’andazzo continuava anche con i Clippers, cavallo pazzo ha capito che doveva farsi avanti…cosa doveva aspettare? l’MVP della r.s.? quello che con la sua presenza va in difficoltà? o quello che non ha dimostrato assolutamente quello che uno si aspettava?
    Nella serie contro Memphis, nella serie contro i Clippers(vedere sopratutto 4) e contro gli Spurs Durant ha giocato serie altalenanti con partite sul ridicolo andante sia a livello di gioco, di scelte e sopratutto caratteriale.
    Difende? Durant difende? non si parla mai della difesa di Durant. Si parla più di quella di Westbrook che quella di Durant. Almeno cavallo pazzo è un dito quando difende.

    “Fondamentalmente è mancato in leadership, specie in questa serie, quella decisiva”.
    No, è mancato di leadership dalla prima all’ultima partita. Dalla prima all’ultima.

    Era meglio attendere un articolo tutto per lui, tutto per Durant e, eventualmente, un’altro su Brooks che parlare di Westbrook.
    In questi p.o. il trascinatore dei Thunder, quello che si è sbattuto o almeno ci ha provato è R. Westbrook e quello che ha toppato nettamente è K. Durant. Poi i prossimi p.o. vediamo.

    Poi se arriverà un coach che sappia gestire dinamiche e dare un gioco più corale e con alternative è altro discorso.
    Oggi metterei da parte il 2° violino. Secondo violino perchè così erano partiti.

    Prospettiva diversa.

  • Nitrorob

    vero, dopo questi PO sono ancora più sicuro di tenere RW
    a questo punto vorrei vederlo con un Coach serio che lo sappia gestire al meglio
    non oso immaginare cosa potrebbe fare

    su KD ha deluso, punto

    su Brooks siamo tutti d accordo, va cacciato!

    stessa cosa sul nichilista che ancora insiste con questa storia… a quanto pare Presti l’ha maltrattato da piccolo! sennò non mi spiego tutto questo astio

    per l’estate bisogna cercare un altro coach, amnistare Perkins e lavorare su KD

  • Il Nichilista

    Nitrorob spiegami soltanto per quale motivo la tua rifondazione non mette in discussione la figura di Sam Presti.
    Se la squadra non ha ottenuto i risultati sperati dopo diversi anni è ovvio che il primo che deve saltare è proprio il direttore generale (o general manager che dir si voglia) che è la testa di ponte della franchigia.
    D’altronde è giusto che sia cosi, il suo destino se lo è deciso da solo in quella estate 2012 con i ben noti fatti funesti che hanno rovinato OKC. Quella volta prese la sua decisione rischiando. Gli è andata male e adesso merita di pagarne le conseguenze senza se e senza ma

  • gasp

    Durant ha deluso e non poco: non perché c’e stato un abbassamento delle statistiche ma perché spesso in questi PO non è sembrato in grado di portare la squadra alla vittoria e giocare da MVP…maturerà con gli anni.

    Brooks da esonerare assolutamente, grande professionista ma lo metterei in una squadra tipo i Magic o i Pelicans, cioè squadre giovani con molto potenziale.
    Ci vedrei bene Thibo.

  • ILoveThisGame

    Nichilista l’heater accanito di un GM devo dire che non l’avevo ancora visto eheheh
    Presti ha comunque creato una squadra da zero, avrà pure avuto scelte alte al draft ma Westbrook e soprattutto Ibaka devi sceglierli. Condanni un GM per una cagata che ha fatto senza poi vedere tutti i lati positivi.
    Poteva gestire meglio lo scambio di Harden? Si
    Ha fatto comunque tanto per la squadra, diventata una contender fissa? Si.
    Io vedo più lati positivi che negativi, vista anche la bella figura del barba in questi PO.

  • ILoveThisGame

    KD come dicono tutti ha deluso, mi sbagliero’ ma non credo che possa diventare un vero leader all’interno di un gruppo, leader tecnico si, carismatico no. Westbrook neanche secondo me, non da abbastanza sicurezza e stabilità, secondo me il problema di OKC e questo, non puoi sperare che Fisher faccia tutto da quel punto di vista perché quando gioca 10 minuti è già tanto.
    Nitro se dovessi dirmi chi è il capitano di OKC chi mi diresti?

  • low profile

    Troppe pippe mentali, prima di dare pareri sui giocatori dovremmo vederli agli ordini di un vero allenatore. Per me la squadra va bene così, Durant ha palesato gravi carenze a livello di leadership, è innegabile e Russelone per eccezionale che è stato manca ancora di ordine ma entrambi sono lasciati allo sbaraglio tattico, ovvio che a certe condizioni è più facile vedere i difetti rispetto alle qualità, che però essendo tante, ma tante tante basterebbe “solo” un buon tattico ma anche un bravo psicologo, non penso che TT sia l’uomo giusto perché pur essendo molto bravo nel primo è zero nel secondo. Jim Carrey è la mia prima scelta ma anche uno alla Rivers andrebbe bene, meno tattico ma riuscirebbe a tirar fuori il meglio da tutti.

    una volta fallito a queste condizioni potremmo iniziare il processo ai giocatori/dirigenza e chi più ne ha più ne metta

  • Il Nichilista

    Low Profile
    Peccato che il processo alla dirigenza lo puoi pure cominciare sin da subito se pensi che il problema è l’allenatore, perchè Brooks in panchina tutti questi anni non ce l’ho messo mica io….

  • Kobe24

    @Nichilista Kupchack ha dato via Shaq per un pezzo di cartone ed ha preso Gasol per un pezzo di cartone.Dimenticavo la perla Kwame Brown.La bravura di un gm non si vede solo negli scambi.Quando qualcun’altro pescherà tre scelte al livello di Durant,West,Harden consecutivamente parleremo di incompetenza.Non è da tutti avere buon occhio per i giocatori.
    Okc mi ricorda i Lakers del 2004,nel ruolo dei Pistons,una squadra che a livello di colletivo asfaltarono i Lakers,abbiamo gli Spurs che sono la miglior squadra a livello collettivo dell’ultima decade,anche Magic per modo di giocare a livello colletivo l’ha paragonata ai suoi tempi ed ai suoi Lakers.Okc nel 2011 è arrivata in finale di conference e nel 2012 in finale con Harden,andato via lui l’hanno scorso sono usciti per l’infortunio di West e quest’anno sono di nuovo in finale.La squadra c’è,ma a livello di gioco punta soltanto sull’individualismo di Kd e West,non creano gioco ed hanno un allenatore senza idea.Io azzarderei un’altra mossa,mandare via Brooks,prendere un buon allenatore,spostare West nel ruolo di point guard e prendere un Play che mette ordine e costruisce gioco.

  • low profile

    il nichilista

    sai come la penso su Presti, per me è uno dei 2-3 migliori dirigenti in circolazione ma lui come ogni altro essere umano su questa terra non è perfetto, e si, la scelta, o meglio la conferma del 2012 – perché tutto sommato a far crescere gli allora giovani è stato molto bravo – si è rilevata sbagliata. Tutto il resto per me è solo merda gratuita per un professionista dalle doti eccezionali e soprattutto documentate

  • gasp

    Il nichilista
    Come dice lp Presti non è perfetto, nessuno lo è tranne se ti chiami R.C Budford o Jerry West, e negli ultimi due anni ha fatto molte scelte discutibili ma attaccarlo costantemente per la faccenda Harden è ridicolo…perché se Presti è un buffone, il 90 % dei GM secondo il tuo metro di giudizio sono dei falliti (alcuni lo sono realmente)

  • nitrorob

    @i love this game
    cosi ad occhio ti direi KD, o almeno nella maggior parte delle partite è lui
    poi ci sono volte in cui il capitano o meglio il trascinatore è RW.
    secondo me KD potrebbe fare tranquillamente il capitano sia tecnico che carismatico, però prima deve togliersi la scimmia che ha addosso
    se non riesci a controllare te stesso figurati una squadra con Russell e tante altre teste calde….
    concordo con chi dice che prima bisognerebbe vederli con un coach vero!!
    ora è come se fossero autogestiti ed ognuno fa quello che gli pare (e si è visto)
    a me da fuori la soluzione sembra cosi facile, però che ne so? sembra che lassu nessuno se ne accorga del coach!
    anzi io scommetto pure che gli fanno fare un altro anno….
    sotto questo punto di vista era meglio uscire al primo turno cosi qualcuno avrebbe aperto gli occhi

  • hanamichi sakuragi

    Non dimentichiamo l’apporto fondamentale di caron telefonino Butler ed i suoi 6 punti di media nei play off.
    cmq i Thunder credo abbiano raggiunto il risultato più consono alle loro potenzialità. Finali di conference