Durant e Westbrook all’unisono: “Brooks non si tocca!”

Le stelle dei Thunder non hanno dubbi sul futuro del loro allenatore e lo hanno difeso pubblicamente nella conferenza stampa di fine stagione, Brooks non ha timori.

Brooks-Durant-WestbrookMalgrado l’annata superba di Kevin Durant (25 anni) e il solito Russell Westbrook (25 anni) neanche quest’anno gli Oklahoma City Thunder sono riusciti ad andare alle Finals fermandosi solo davanti ai San Antonio Spurs, tutti hanno puntato il dito sul GM Sam Presti ma soprattutto su coach Scott Brooks.

Nella classica conferenza stampa di fine stagione Brooks ha risposto così alle critiche e a chi ha messo in dubbio il suo futuro sulla panchina di OKC

È qualcosa che non considero, io faccio il mio lavoro ogni giorno. Ho imparato un sacco di preziose lezioni da mia madre, lei mi ha sempre detto che questo “Tu fai il tuo lavoro ogni giorno e vivi con i risultati”. Dicono che non ci si può preoccupare di ciò che gli altri dicono anche perché non gli incontrerai mai.

Sull’argomento sono voluti intervenire anche le due stelle di Brooks, difendendolo a spada tratta, prima KD

È uno di noi! Sto guidando con lui. È facile per chiunque al di fuori di criticare, ma una volta che sei nel fuoco, una volta che sei in quel campo, questi sono i ragazzi che contano. I ragazzi che condividono il sangue, sudore e lacrime, le notti insonni, quelli sono i ragazzi che contano, quelli sono i ragazzi che contano nel nostro libro. Tutti quelli all’esterno non sanno.

Poi Westbrook

Fin da quando sono qui e Scotty diventato l’allenatore, ha fatto un grande lavoro di avere fiducia in me personalmente. Ci sono momenti in cui le cose sono andate male e lui è l’unico che ha sempre, sempre coperto la mia schiena, indipendentemente da quello che era successo. Fa un grande lavoro a rimanere sempre positivo e avendo sempre fiducia nei ragazzi e nella squadra.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B