È festa Spurs, CAMPIONI NBA per la 5^ volta!!!!

Un terzo quarto super da parte di un Patty Mills indemoniato e un’altra gara favolosa di Kawhi Leonard, regala il quinto titolo ai San Antonio Spurs. Miami dura un quarto.

Barra-Finals

San Antonio Spurs (#1) – Miami Heat (#2) 104-87 
(22-29; 47-40; 77-58)
[SAS W 4-1]

Spurs:  Duncan 14 (5/10), Leonard 22 (4/7, 3/4, 10 rimb), Splitter 3 (1/1), Parker 16 (7/17, 0/1), Green (0/2, 0/3), Diaw 5 (1/4, 1/3), Mills 17 (1/2, 5/8), Ginobili 19 (3/5, 3/6), Belinelli 4 (2/3), Baynes 2 (2/2 tl), Bonner, Ayres 2 (1/1), Joseph (0/1, 0/1)
All. Popovich

Heat: Lewis 3 (1/2 da tre), James 31 (7/12, 3/9, 10 rimb), Bosh 13 (6/9, 0/5), Chalmers 8 (2/3), Wade 11 (3/10, 1/2), Andersen (0/1), Jones (0/1 da tre), Cole 2 (0/1, 0/1), Allen 5 (0/5, 1/3), Haslem 2 (1/2), Battier, Beasley 9 (4/7), Douglas 3 (1/2 da tre)
All. Spoelstra

Italian Job: Belinelli (2/3), 4 pt, 2 rimb, 1 ass

MVP: Leonard 22 pt (4/7, 3/4, 5/6), 10 rimb (2 off), 2 ass, 1 rec, 1 stop, 3 perse

Recap

786_1272239_901418Spoelstra cambia finalmente le carte in tavola, e inserisce Ray Allen nel quintetto base al posto del dannoso Mario Chalmers, quindi senza il portatore di palla, e la mossa paga subito i dividendi. Gli Heat trascinati da Lebron James, dimostrano la faccia giusta, volando 0-8 mentre i San Antonio Spurs, pagano visibilmente la tensione, soprattutto con Tony Parker che fallisce tanti tiri con metri di spazio. James continua a dominare, e porta i suoi sul 5-22, per gli Spurs, entra Manu Ginobili, il quale scuote la sua squadra e con  6 punti in fila e un assist per la tripla di Leonard, avvia un parziale di 12-0, poi chiuso dalla tripla di Mills, riportando a contatto gli Spurs. James ha una faccia impressionante e continua a macinare canestri, anche da 9 metri, ma nel finale Leonard fissa il punteggio a fine primo quarto sul 22-29.

Il secondo periodo si apre con 4 punti in fila di Leonard e il margine si è ricucito per gli Spurs, nonostante Bosh e Wade li provano a tenere a distanza. Successivamente fa il suo ingresso sul parquet, Marco Belinelli e subito timbra il cartellino con un palleggio arresto e tiro di una calma olimpica invidiabile. L’attacco degli Heat torna ad essere quello visto in Florida, e Duncan batte un colpo nel match segnando alla Duncan, poi Leonard e Ginobili portano in vantaggio la propria squadra. L’argentino di Baia Blanca, non ha finito e con uno schiaccione in faccia a Bosh prima e una tripla con la mano in faccia, regala il massimo vantaggio ai Texani (+8), nel finale Diaw manda le squadre negli spogliatoi sul 47-40.

Al rientro dagli spogliatoi le mani di tutte e due le squadre sono letteralmente congelate, ma l’atteggiamento Heat soprattutto non è quello buono, e gli sSpurs prendono il largo, trascinati da un indemoniato Patty Mills, che con 4 bombe , spacca letteralmente il match, e insieme a Manu Ginobili, fanno chiudere avanti sul 77-58 il terzo periodo agli Spurs. Per Miami Lebron sembra avere finito la benzina, e si trova davvero da solo contro tutti.

Spoelstra gioca le carte Chalmers e Beasley, ma gli Heat non hanno più energie, soprattutto Lebron, dalla faccia alza bandiera bianca, mentre per gli Spurs si sveglia Parker che inizia a martellare la retina solo a questo punto della gara. Il quarto periodo è puro garbage time, la gara si chiude col punteggio di 104-87, e i San Antonio Spurs si laureano campioni NBA per la quinta volta, Duncan e Pop si mettono al dito il quinto anello della loro carriera e per loro non ci sono più parole pare descriverli. Ci sarebbero da tributare tutti i San AnNBA: Finals-Miami Heat at San Antonio Spurstonio, tutti hanno giocato col cuore e alla grande queste finali, da Parker a Ginobili, a Green a Boris Diaw, dal dominante Leonard all’inaspettato Patty Mills, ma io voglio celebrare Marco Belinelli, il nostro azzurro, che porta un pezzo di tricolare sul tetto del mondo, solo due parole: eroe nazionale.


L’MVP delle Finals è di Kawhi Leonard, a 21 anni, che da gara 3 in poi, ha dominato completamente queste finali su tutti e due i lati del campo. Per Miami è finita la benzina, Lebron da solo contro tutti non ha potuto niente in queste finali, e da domani si apre un’estate bollente per lui e per tutti i Miami Heat. 

La premiazione

L’MVP delle Finals

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P

  • makahuna

    Spero che o gestori bannino chi sta riempiendo il Blog con insulti omofobi come quel coglione di cristel

  • Ade

    Cosa darei per vedere le facce a lutto di quei froci alla espn..ora putroppo non hanno più motivi per cambiarsi le mutandine.e devo dire che questo mi rallegra ancor più della sconfitta del prescelto dagli dei.dai Chris Palmer, fatti forza

  • zed

    io personalmente non paragonerei mai jordan e lebron,nè lebron e bird e nemmeno lebron e kobe dopo quest’altra finale,ma sono i lovers di lbj che si ostinano quando fa qualcosa di notevole a metterlo continuamente a paragone coi veri grandi del gioco,poi quando le becca e qualcuno li prende in giro giustamente per le loro sparate.ecco che si indignano e non si sa neanche perchè ,visto che nelle ultime 2 finals veramente squilibrate degli ultimi 8 anni nella squdra perdente c’era sempre guarda caso lebron,io ad esempio non capisco perchè dopo la finale con gli spurs del 2007 fece una finale pessima senza lasciare alcuna traccia e nessuno disse niente,qualcuno conosce iverson e sa dirmi cosa fece in gara 1 coi lakers nel 2001,ecco cosa impediva e impediva anche in queste finals al 6 di fare almeno una partita come quella di the answer?,se fosse tutto sto fenomeno almeno un 50ello e unapartita da solo l’avrebbe vinta sia nel 2007 che nel 2014

  • Max

    Se è x questo Maka avrebbero pure dovuto bannare certi insulti a Magic x la questione Clippers non molto tempo fa

  • nitrorob

    insulti omofobi??? what??

  • ILoveThisGame

    Si tratta di vedere le cose in maniera oggettiva: sarò un lovers solo perché il mio preferito è LBJ, ma a me piace tutto il mondo NBA in generale. Ammetto i limiti di Lebron nelle finale 2011 ma dico anche che quest’anno è poco criticabile. Qui LBJ è visto come uno sbruffone, tirarsela fa parte del personaggio ma dovete anche contare la sua vita privata in cui è un esempio x tutti, si potrebbe chiamare 1900 tipe l’anno e invece sta ancora con la ragazza che aveva al liceo nonostante non sia sta gran bellezza. La decision è andata in beneficenza.È sotto la pressione mediatica 24su24. È paragonato a Jordan perché è stato il solo a dividere la massa e fare parlare tantissimo di se nel dopo Jordan a livello di quest’ultimo.
    Tanto per dirne una dopo Lebron il mio preferito e Kobe che reputo il giocatore con più talento di sempre nel tirare, anche più di MJ. Non è una questione di o uno o l’altro ma semplicemente di ammettere le cose in maniera oggettiva.

  • zed

    quoto l’ammiraglio-i kobe fans premettono sempre che anche se si avvicina kobe non è assolutamente jordan,invece i lebroniani pretendono addirittura un vero confronto con mj,uno che fatto 15 di media in una finale nel suo prime,8 e 9 punti in partite di playoffs e perso 3 finali su 5 paragonato al re .è talmente assurdo che da oggi in poi e dopo quest’altra finale persa non entrerò più in questo diatriba inutile,anche i lebroniani le spareranno grosse non replicherò è come paragonare michelangelo ad un artistra da quattro soldi

  • Il re del losing effort

    che ne dite di iscrivere nel club anche lebron? a conti fatti i 28 punti col 60% più inutili nella storia delle finali nba.

    scherzi a parte, tecnicamente per me è inattaccabile la sua serie, ma come carisma lascia a desiderare, con un jordan o un bryant miami due blowout di fila in casa non li prende, bosh e wade sarebbero stati appesi al muro dopo 5 minuti.

  • Magic

    In tutto ciò desta enorme tristezza verificare come un campione straordinario come Wade (nel 2006 è stata la cosa più vicina a Jordan che io abbia mai visto) ridotto a ciarpame (rispetto al Wade che fu s’intende), una parabola discendente iniziata anni fa, troppo presto per la seconda miglior guardia degli ultimi 8/9 anni. Non avrei mai immaginato che dal 2009 in poi il suo rendimento sarebbe calato così…

    Anche Carter da quando le ginocchia hanno inizato ad abbandonarlo era calato molto, ma a 32 anni (nel 2009) il suo fisico reggeva decisamente meglio di quello di Flash.

    Dispiace…perché era un giocatore che emozionava come pochi altri: velocità, coordinazione, verticalità, carisma..un giocatore fantastico, a cui forse per allungare la carriera è mancato un costante lavoro balistico e sui fondamentali del tiro, per avere alternative valide alle sue penetrazioni tanto entusiasmanti ed inarrestabili quanto improponibili non appena le ginocchia hanno ceduto.

  • Lemmy

    hanamichi

    James meglio di Kobe? Chi lo sostiene scusa? Ah, vero, sempre i soliti.
    “Odio” il Mamba, e apprezzo LeBron. Ma Kobe ancora 2 piste avanti a James.

  • zed

    @re dle,in fondo hai ragione,mai suoi numeri da compitino ben svolto hanno poi un utilizzo futuro,cioè permettere a mp di paragonare ad esempio bird a lebron,ma chi ha visto anche solo una finale giocata da larry e una da lebron se ne infischia dei numeri,e sa che larry legend è un altro pianeta

  • mugnu

    Cristel
    Spero che sei davanti a uno dei tuoi poster di kobe24 http://m.youtube.com/?hl=it&gl=IT#/watch?v=k7tQKBrA3Ao

  • low profile

    Un minuto di raccoglimento per questi disgraziati:
    http://cdn0.vox-cdn.com/assets/4622041/Ringless-Spurs.png

    No, T-mac non conta, lui era già sfigato di suo

  • tom

    uno dei miei giocatori preferiti all time: terry porter :'(

  • Kobe24

    @Lemmy Straquoto,ma non dirlo qua se no si alza un putiferio

  • Hanzo

    Si vede che in Italia la concezione di sport è esattamente la stessa che nel calcio: si parla di miti, di leggende, di giocatori che vincono da soli, di altri che giocano bene/male solo per meriti/demeriti altrui, di cifre…
    Ancora nessuno che riesca a capire che questa non è atletica o uno sport di singoli; qua si gioca in 10 (non solo in 5), e tutto il resto viene di conseguenza. Gli Spurs sono, da 20 anni, una delle squadre allenate meglio nella storia di questo sport, e nessuno che lo faccia presente. C’è chi se lo mena con Lebron, chi con Jordan, chi con Kobe. Poi, però, penso alle migliori squadre di sempre, e questi due non ci giocavano, Gente che davvero crede che Jordan le vinceva da solo, un po’ come Maradona nel calcio; forse era troppo impegnato nei primi anni di carriera per vincere di più.
    Se in questo sport vedete unicamente un duello tra chi ce l’ha più lungo, allora auguri: siete del partito “Forza Azzurri” e “Vinceremo il tricolor”.

    P.S. Oh, “Sdeng” campione del mondo, eh. Per fortuna, perché era l’unico dei “nostri” che mi sta simpatico.

  • gasp

    Tornando alle Finals, a me sembra la fine di un era: Miami da ricostruire totalmente e a San Antonio ci sono serie possibilità che i veterani si ritirino dopo il titolo.

    Credo che nelle prossime Finals vedremo facce nuove, specialmente a Est.

  • Hanzo

    Si vede che in Italia la concezione di sport è esattamente la stessa che nel calcio: si parla di miti, di leggende, di giocatori che vincono da soli, di altri che giocano bene/male solo per meriti/demeriti altrui, di cifre…
    Ancora nessuno che riesca a capire che questa non è atletica o uno sport di singoli; qua si gioca in 10 (non solo in 5), e tutto il resto viene di conseguenza. Gli Spurs sono, da 20 anni, una delle squadre allenate meglio nella storia di questo sport, e nessuno che lo faccia presente. C’è chi se lo mena con Lebron, chi con Jordan, chi con Kobe. Poi, però, penso alle migliori squadre di sempre, e questi due non ci giocavano, Gente che davvero crede che Jordan le vinceva da solo, un po’ come Maradona nel calcio; forse era troppo impegnato nei primi anni di carriera per vincere di più.
    Se in questo sport vedete unicamente un duello tra chi ce l’ha più lungo, allora auguri: siete del partiti “Forza Azzurri” e “Vinceremo il tricolor”.

    P.S. Oh, “Sdeng” campione del mondo, eh. Per fortuna, perché era l’unico dei “nostri” che mi sta simpatico.

  • nitrorob

    “Tornando alle Finals, a me sembra la fine di un era: Miami da ricostruire totalmente e a San Antonio ci sono serie possibilità che i veterani si ritirino dopo il titolo.

    Credo che nelle prossime Finals vedremo facce nuove, specialmente a Est.”

    e speriamo eheheh 🙂

  • hanamichi sakuagi

    @ ILoveThisGame: james mi sta sul cazzo proprio per i motivi che dici tu ma come giocatore oggi è ancora il n.1. non mi stava sul cazzo perchè contendeva a kobe qualche hanno fa il primato di giocatore più forte della lega, così come trovo ridicolo chi spara merda su durant perchè contende questo “titolo” a james. mi sta sul cazzo il personaggio.
    il fatto che riceva così tante critiche secondo me dipende dal fatto che lui si mette al centro del mirino molto più che durant (ad esempio vedasi discorso rushmore). secondo me lui crede di essere, a torto o a ragione uno dei migliori, già meglio di bird. e non fa nulla per nasconderlo. questo fa di lui, ai miei occhi filtrati dalla TV, una persona poco ipocrita, ma altrettanto arrogante e non mi piace. e come me credo molti.
    mi sembra onesto ammettere tutto ciò. come mi sembra giusto ammettere che la decision è andata in beneficenza DOPO le vagonate di merda che ha preso, non prima.
    per curiosità che voto daresti globalmente a james per queste finals?
    io come ho scritto un voto attorno al 7, è stato il migliore dei suoi ma temevo un rendimento maggiore, tipo G7 o supplementari di G6 dell’anno scorso

  • gasp

    nitro
    Però non vedo i Thunder…proprio facce nuove

  • hanamichi sakuagi

    non so proprio immaginare cosa passi nella testa di lebron. cmq sia lui che wade che bosh per ripartire devono firmare al minimo ed essendo tutti in nba dal 2003 comunque hanno un bel salary cap. in ogni caso se restano assieme miami sarà sempre un contender fatta e finita.
    se lebron si sposta allora terremoto.

  • hanamichi sakuagi

    raga non c’entra un cazzo, proprio oggi, ma l’ho letta da gramellini
    massima del grandissimo Boskov: «Se uomo ama donna più di birra ghiacciata davanti a televisione con finale Champions, forse vero amore, ma no vero uomo».

  • tom
  • mad-mel

    La realta dei fatti e che tra i tre amigos quello da eliminare o scambiare o riformare a molto meno e il signor wade.

    Cmq vorrei risentire il signor west che dopo l eliminazione di Indiana a risposto dicendo che purtroppo sono caduti nell epoca di james.

  • Heat Fan Since 07

    Cedere Wade sarebbe alto tradimento. Sono furioso con lui,ma se Pat facesse una cosa simile smetterei di tifarli per almeno 2-3 anni per protesta…Wade E’ MIAMI e non solo per il basket. Poi ancora con la solfa di Kobe meglio di James? ma basta dai…James ha lottato ma da solo non poteva vincere..e quando Kobe perse contro Boston nel 2008 non lo citate? fece pure più
    schifo di James eppure non sento offese nei suoi confronti,mentre James è colpevole solo di essere James…e le finals del 2007..ancora lo incolpate di averle perse? ma scherziamo???? doveva vincere da solo contro quegli spurs? l’unica colpa che ha James sono le finals 2011..ma direi che si è fatto perdonare dal 2012…
    qui vanno accusati i vari Wade,Bosh…no James.

  • Jeffrey

    “Quanto è bella e quanto è significativa sta foto, il ragazzo timido che a detta sua deve essere spinto per essere aggressivo, che non fa un passo senza che Pop glielo chieda, che lavora duro, migliora giorno per giorno e che, mistero della fede, ha giocato tutte le sue migliori gare in carriera nelle 2 nba finals disputate, che gioca con degli all time greats….e tutti, dalla leggenda al role players fanno squadra col gesto del Claws:

    http://www2.pictures.zimbio.com/gi/2014+NBA+Finals+Game+Five+ZU-Zg4i95rRx.jpg

    Mi dispiace per Manu, uno che nei PO ha sempre dato il meglio di se chiuderà la carriera senza nessun finals mvp, lui che a differenza di molti presunti tali veramente migliora i compagni come nessuno, il mago argentino ha dato al basket più di quello che ha ricevuto ma come lui è figlio di TD e Pop ora se gli spurs avranno un futuro molto merito lo ha lui per aver fatto da collante tra la vecchia guardia e questi nuovi, giovani ed improbabili eroi. Senza nulla togliere al mito Kawhi che sembra definitivamente pronto a ricevere il testamento ideologico di Duncan, giocatori diversi ma così dannatamente uguali sotto l’aspetto morale….Duncan che tra l’altro si è detto “onorato di giocare nella squadra di Kawhi Leonard”, Duncan non Patty Mills”

    Grande LP 😉

  • Bj Elder

    Grandi Spurs, alla fine giusto così, meritavano la rivincita e l’hanno ottenuta; comunque mai e poi avrei pensato a questo epilogo dopo le scorse finals.

    Su Leonard, dopo gara tre dissi che secondo me era già almeno al livello di PG24, beh ora penso sia adirittura superiore e queste ultime tre uscite sono li a dimostrarcelo… è anche vero che un giudizio più esauriente lo avremo dopo il ritiro di duncan e gino quando verosimilmente sarà con Parker il primo/secondo violino, ad ogni modo gli Spurs hanno un pilastro su cui ricostruire.

  • gasp

    Quando vedi un servizio sul Beli nel TG1 capisci che ha fatto la Storia…

  • Kobe24

    @Gasp Visto anch’io,non mi va di parlare di politica,ma questa volta farò un’eccezione,anche Renzi l’ha citato 😀

  • cristel

    quando continui a leggere cose del tipo “lebron cosa avrebbe dovuto fare in finale contro gli spurs,vincerla da solo?” oppure che lebron già oggi ha fatto più di bird,pensi a chi te lo fa fare di rispondere a gente che probabilmente passa tutte le giornate a succhiarglielo idealmente con ingoio e che proverebbe grosso piacere a farselo trapanare da dietro.
    ma visto che sono un signore mi permetto di dargli l’ennesima lezione.

    nessuno al mondo ha mai chiesto a lebron di vincere la finale del 2007,solo che ricordando cosa fece jordan da solo opposto a bird,mchale,parish,walton e dennis johnson chiudendo a 43 di media pensi almeno che pur sconfitti si possa comunque uscire a testa alta,invece che chiudere una serie a 22 di media,tirando col 30% dal campo e perdendo quei 5 o 6 palloni a partita,in generale giocando da cani.
    nessuno ha mai osato criticare iverson per quanto fece nel 2001 opposto ad una squadra distante anni luce rispetto alla propria.
    nessuno l’ha mai criticato perché appunto da solo vinse gara 1,chiuse quella serie a testa alta a 35 di media e tenendola viva per almeno tre partite.

    sul paragone bird inferiore a lebron ci vuole proprio una gran faccia di merda per mettere oggi il 6 su un livello superiore.
    lasciando perdere che bird avrebbe ancora un titolo in più di lebron,vorrei ricordare a questi frocetti che bird arrivò ai celtics in uno dei momenti peggiori della franchigia e tempo due anni li portò subito al titolo.
    e che per vincere non ha dovuto emigrare da magic.
    ha giocato 5 finali (in un periodo per qualità non paragonabile all’attuale)facendosi sempre trovare pronto,al contrario di lebron che ha cannato la prima,ha trascinato i dallas nella seconda,ha dormito quasi 6 gare su 7 nella quarta e in quest’ultima dopo le prime due gare ha riempito le statistiche solo a babbo morto perdendo lo scontro diretto con uno di 22 anni.
    per tutto questo e altro ancora,direi che oggi il paragone tra i due è molto forzato.

    makahuna

    ti considero un personaggio buffo,non so se anche te come al caro in your gay piaccia l’uccello penetratore,però mi sento di dirti di non prendertela più di tanto.
    i gusti omosessuali di in your gay sono per tutti risaputi,non c’è niente di male ogni tanto a farglielo notare.

  • gasp

    Kobe24
    Citato come esempio di competitività all’ estero! 🙂

  • in your wais

    fabiostoppani

    Scusa, un po’ di domande sparse…dimmi, chi di noi avrebbe scritto

    1-che l’Est non è molto meno competitivo dell’Ovest, quando si è solo fatto notare come ai tempi di Jordan fosse più o meno uguale, ovvero Ovest più talentuoso, quando chiunque qui ha sempre detto che la decima/undicesima dell’Ovest sarebbe andata ai PO con la pipa in bocca nell’altra conference

    2-chi ha detto che LeBron gioca da solo? Mi puoi citare la fonte? Si è detto, più di una volta, che il supporting cast di James è stato spesso discontinuo (ti debbo ricordare la serie con Boston 2012, o quella contro gli Spurs nel 2013?), che i Big 3 alla fine dopo un paio di anni erano abbastanza “appannati”, con un Big 1 e due figliocci, e che in queste finali tolto James gli altri hanno fatto schifo. Dov’è la bugia?

    3-Paragonare Jordan a James? Forse non ti sei accorto che l’ultima volta che è uscito il discorso, si è solo detto di non aspettarsi partite di James da 50 punti, perchè a differenza di Jordan, non è quel tipo di giocatore, domina in modo diverso le partite, meno tiri e più all around

    Il tutto premettendo sempre a caratteri cubitali (per non far scaldare gli animi dei 20 enni che hanno visto MJ solo su youtube, ma vogliono venirti a spiegare chi era) che Jordan era un giocatore superiore

    Scusa, ma mi pare molto diverso da quello che hai scritto tu. Come diceva un utente qualche tempo fa, quelli a cui piace LeBron non hanno grossi problemi ad ammetterne i difetti. Chi lo odia invece non riesce ad ammettere neanche mezzo dei suoi pregi. Questa è la differenza, questo è il motivo per cui gente a cui non è mai fregato un cazzo di LeBron è dipinta come “lover”. Solo perchè non gli getta merda a priori

    Io, MP, Gasp, Speroni, I Love this Game, Yomovoice, Astoppardi, icemen, whitechocolate…ti dico alcuni che hanno scritto oggi, ed hanno “difeso” LBJ…quanti di loro pensi che tifino Miami? Facciamo 1 o 2? Non è magari che invece di alzarsi la notte per vedere Tizio o Caio prenderle, è più che altro gente che ama semplicemente il buon basket?

    Poi se uno vuole leggere le cose e rigirarle come meglio crede, è libero di farlo

  • duncan dice a belinelli che ora ha la mano piena di anelli

    la strenua difesa dei fan di james,sarà anche poco credibile,ma gli fa onore.
    in un mondo ideale sarebbe bello credere e pensare a james come il vero erede dell’unico vero re che questa lega abbia avuto negli oltre 60 anni di storia.
    sarebbe bello credere e pensare che james delle 5 finali disputate le avrebbe portate tutte a case giocandole tutte nel modo più epico possibile.
    sarebbe bello credere e pensare che james per vincere non avrebbe scelto la via più facile.
    purtroppo niente è andato come molti avrebbero sperato.
    per vincere ha dovuto raggiungere wade portandosi dietro l’altro all star.
    ha giocato 5 finali senza giocarne neanche una indimenticabile.
    prima di lui verranno sempre almeno quei soliti sette o otto giocatori,tra cui uno che l’ha appena schiacciato portandosi a casa il quinto anello.

  • big dipper

    prossimo anno in finale a est ?? semplice…cleveland
    1 scelta a minnesota per love , il quale rifirma visto il ritorno del figliol prodigo . che ne so , waiters fa le bizze?? lo scambiamo con monroe visto che a detroit servirebbe anche una guardia , varajao x una guardia che difende forte (allen/bradley??) , un paio di role player in scadenza (kirilenko o simili) e il gioco è fatto . irving-allen-lebron-love-monroe (jack-kirilenko-tompson-bennett). E nessuno potrebbe dire che ritorna dove lo fanno vincere visto che le altre due stelle (presunte) della squadra ad aprile sono fisse in vacanza…. Sto esagerando ???? Sicuramente , ma secondo me sarebbe fattibile.

  • nico

    ai tempi dei bulls di jordan ricordo a est in sequenza squadre come i pistons di thomas,i knicks di ewing,starks e riley,i pacers di miller,i magic di penny e shaq,gli heat di hardaway e mourning col solito riley.
    non so dire se fosse superiore o inferiore all’ovest dell’epoca ma certamente niente a che vedere con l’est di questi ultimi anni,una roba così imbarazzante da faticare a credergli.

  • WhiteChocolate

    Mah… Che vinca o perda, si parla solo di LBJ, che oggi è il numero uno della Lega e forse il numero 1 di sempre tra i 3 assieme a Larry the Legend. LBJ ha perso, così come ha perso Malone, Chamberlain, Barkley, Drexler, Reggie Miller, Iverson, Hakeem, etc etc… in tanti hanno perso una o più Finals, ma non solo per demeriti propri, forse perchè il basket è l’unico spost di squadra, assieme a Rubgy, dove il collettivo conta più di un singolo straordinario e dove la squadra più forte vince. Neppure Jordan è riuscito a vincere da solo…. Oggi parliamo dei vincitori: di un Duncan eterno e sublime, ancora capace di emozionarmi e sorprendermi dopo 15 anni, di un Gino che sembra aver fatto il patto con il diavolo, visto che sembra ancora il giovane virgulto di Reggio Calabria, di Kawhi e di come sta nascendo una stella brillantissima…. ma non parliamo di LBJ!!!

  • Docpretta

    Grazie san antonio, grazie miami, questo è il vero spettacolo della nba, le due migliori squadre che si danno battaglia ed alla fine vince la migliore. Non esiste uno spot per il basket nba di questa finale 2014.

    Grazie marco, io in te ci ho sempre creduto.

    BRAVO

  • fabiostoppani

    @IYW Guarda di commenti ne ho letti anche di più estremi rispetto a quelli che ho citato prima ma l’ho messa nel calderone perché in tutta onesta non ricordo cosa, chi, quando, dove ed esattamente abbia detto questo piuttosto che quello. Se ti sei sentito chiamato in causa, non farlo anche perché hai spiegato le tue ragione riguardo a singoli spunti. Tuttavia pur essendo diversi nel taglio, continuo a non concordare nella sostanza come abbiamo avuto già modo di confrontarci tempo fa ma non vorrei ripetere le stesse cose.
    Dico solo:
    Dire che siano simili questo Est rispetto a 20 anni fa personalmente non esiste. Non perché ci sia la differenza che passa fra la A1 e l’A2 ma quando in questi 3 anni ti ritrovi 2 big assoluti di una conference che raggiungono un terzo in una squadra della stessa conference, potrebbe sorgere un problema. Se a questo aggiungi che Howard fa le valigie verso Ovest, Boston è ormai da rifondare con i suoi Big che invecchiano e quello che mostra meno segni d’invecchiamento raggiunge i 3 di Miami e da una grossa mano per vincere il secondo anello, si rompe Horford, Iggy va ad Ovest e in cambio arriva Bynum (…), i Nets mettono prima in cascina Deron e qualche vecchietto ma nel loro momento fa crack Brook Lopez, Detroit scompare dalle cartine geografiche, Cleveland ha 2 prime scelte la seconda la toppa completamente e la prima ancora deve dimostrare qualcosa di concreto (pur con tanta potenzialità), e soprattutto una Contender come Chicago perde uno come Rose per 2 anni e nemmeno si sa come tornerà… beh… Stando così le cose è evidente che se una squadra come Indiana che faticherebbe a passare il primo turno ad Ovest è l’unico avversario che Miami trova in finale di Conference per 2 anni consecutivi dopo averli sbattuti fuori l’anno ancora prima, il problema sorge. Poi magari ci sarà quello che lo metterà in chiave di lettura per sminuire i successi di Lebron (tutti questi troll dov’erano 2 anni fa?) io dico solo che è un problema per la Lega ed è una situazione mai vista da 30 anni a questa parte nemmeno in epoca Jordan che poteva contare su Knicks, Magic, Pacers ai massimi livelli, gli ultimi Pistons almeno per il primo anello e squadre fastidiose come Hawks e Heat che rappresenterebbero i Pacers odierni (al di la del fatto che la Lega sia molto cambiata e dal talento sparso per tutte le franchigie siamo passati ad uno molto più concentrato).
    Il supporting cast è stato discontinuo ma molte volte ha messo le pezze risolvendo situazioni, partite e serie. Poi è logico che la parte maggiore del merito vada a Lebron ma possibile dimenticare i meriti degli “altri”? Evitando di scomodare Bosh e Wade, senza Battier il primo anello Miami non lo vinceva. Senza Ray Allen non vinceva nemmeno il secondo. Poi mi citi alcune situazioni. Il ritorno di Bosh contro Boston è stato fondamentale per il passaggio del turno nel 2012. Fondamentale (per quello che deve garantire) contro gli Spurs lo scorso anno al netto di gara7. Wade? Boston 2012 è stato importante e ha “tradito” solo in 2 gare su 7 a mia memoria ma di certo non ricordo ammutinamenti. Non si può ricordare una serie solo per la straordinaria gara6 di James. Con San Antonio l’anno scorso Wade avrebbe demeritato più di James? Al di la di gara 7 la serie di Lebron fu molto deludente. Di certo non furono trascinati da lui fino all’ultimo capitolo ma fu merito di tutte le componenti. Ma sono discorsi veramente da bar. Confrontare prestazioni tali con altre, ma che discorsi sono? Mi chiedo come sia possibile negare i meriti di un supporting cast della madonna al servizio di un leader della madonna. Big 3 appannati? Puoi dirlo oggi dopo questa serie con San Antonio per tanti motivi (a partire dalle motivazioni). Ma prima erano davvero “appannati”? Ma stiamo scherzando? Vuoi farmi credere che queste 4 finali siano state principalmente merito di un uomo solo al comando con il resto della truppa a corredo? Quante situazioni ha risolto Bosh, al di la dei singoli episodi? In termini di spaziature, tiri pesanti presi, importanza nei finali. Lo considero anche più importante di Wade per il gioco di Lebron. Anzi direi che per il Lebron di oggi Bosh sia fondamentale. I discorsi che “gioca solo Lebron” non si sentono solo da queste finali ma è da mesi che vanno avanti.
    I confronti con Jordan sono andati anche più nel dettaglio quando è impossibile confrontarli per tipologia di giocatore come hai detto tu. Detto questo che sia all around o meno, la dominanza di Jordan era tangibile ogni singolo momento perché pur sbagliando partite sapeva sempre interpretare i momenti nella maniera migliore ed era una costante minaccia per 4/4 prendendo tanti ma tanti tiri senza selezione. Per questo mi pare di confrontare realtà fin troppo diverse per esser messe a confronto. Inutile chiedere a Lebron di fare Jordan perché evidentemente non lo può fare. Jordan invece avrebbe potuto fare il Lebron? Direi proprio di si (parlo come conduzione di partita). Il discorso si risolve facilmente qui.
    Sul paragrafo utenza ho sentito discorsi poco seri (per dirla elegante) da una parte che dall’altra. Dire chi ama Lebron vede i difetti mentre gli altri sono cattivi perché vedono solo quelli, non credo sia costruttivo. Magari ci saranno più troll da una parte che esasperano la situazione ma sui lovers di Lebron in questi anni ne ho viste delle belle. Poi tu potrai fare un discorso personale, che appartiene ai tuoi pensieri. Andando nella circostanza odierna, nei discorsi intrapresi la tua sfumatura sarà più tenue ma per me è impossibile non notare una difesa degli interessi del 6. Anche perché parli davvero spesso e tanto proprio di lui appena lo si sfiori anche tornando più e più volte su argomenti e trollate che davvero non dovrebbero esser considerate. Non è un delitto esser lover, io lo sono di tanti e tanti giocatori. Magari quando sento parlare di loro barcollo ma provo sempre ad esser il più obiettivo possibile (non che tu non lo sia). In tutta onesta io vorrei che ci fosse più competitività ad Est non per veder perdere Lebron ma per avere una Lega migliore. A me che l’Ovest sia così competitivo quando ci sono tante realtà da me apprezzate (Rockets, Thunder, Spurs, Portland, Utah, Lakers, Warriors) può far solo piacere. Troll a parte, non penso che nessuno qui dentro non ami il buon basket ma ognuno di noi lo fa a modo suo. Prospettive diverse.

  • Quaqquo

    porcaccia ce n’è voluto per leggere tutti i commenti da ieri mattina !!

    Sparate sparse :

    Hakeem non ha mai perso una serie finale. Qualla contro Boston del 1986 vide scendere in campo Akeem senza l’ H 😉

    @ Low Profile + Hanamichi
    fu subito dopo gara 4 delle western finals mi pare, il pronostico al sakè era : se gli Spurs vincono gara 5 vincono anche il titolo”

    Quanti come me hanno notato la faccia di Duncan dopo la schiacciata di Gino ? Era un misto di gioia e stupore, sembrava non riuscire a crederci.. mi ha fatto spaccare dal ridere

    Ci voleva il Beli a sfatare la teoria deli anni dispari per gli Spurs ? A proposito, grande Marco, dopo la gara del tiro da 3 il titolo.. e ora ti prego ai prossimi raduni appena vedi quegli altri due (Gigione no, non se lo merita) dai loro tanti MA TANTI cazzotti sulla fronte, e lasciagli il marchio dell’ anello !

    Leonard quest’estate dovrà lavorare tantissimo off-court. MI fa impazzire come gioca, ma è imbarazzante al mocrofono, è troppo timido e og ni tanto lo sforzo che fa per rispondre “giusto” lo fa sembrare un pochetto tonto 😉

    e poi… Patty Mills !!!