Parla James, amarezza e tempo per decidere

Nella classica conferneza stampa di fine stagione dei Miami Heat tutti i riflettori erano logicamente sulla stalla col #6, con la free-agency al centro di tutto.

JamesL’anno scorso li avevamo lasciati sulle strade di South Beach belli baldanzosi per la conquista del titolo, quest’anno l’atmosfera in casa Miami è un po’ diversa soprattutto per l’incognita che c’è sul futuro della franchigia e delle sue tre stelle.

Nella giornata di ieri si è tenuta la rituale conferenza stampa di fine stagione, hanno parlato Dwyane Wade (32 anni), Chris Bosh (29 anni) anche loro molto vaghi sulla free-agency con CB1 molto fiducioso in Pat Riley, e LeBron James (29 anni), proprio sulle parole di quest’ultimo c’era più attesa ma lui è stato diplomatico senza far trapelare nulla; prima ha parlato dell’amarezza di non aver vinto il titolo quest’anno

Quando arrivi a questo punto, con l’occasione di poter giocare le Finals, l’unica cosa che vuoi è quella di alzare il trofeo, ne ho perse 3 su 5 e la cosa non è che mi piaccia molto, penso che avrei potuto dare di più.

Poi è iniziata la carrellata di domande sul suo futuro, rispetto al 2010 dove la pressione era il quadruplo, James è rimasto composto con risposte ovvie

È una decisione che prenderò insieme alla mia famiglia, l’importante che sia una decisone che renda me e la mia famiglia felici. Nel 2010 era tutto fuori controllo, quest’anno sono più tranquillo. Capisco che cosa questa squadra, questo franchise, mette in tavola, penso che ci sia una conversazione tra noi tre. Penso che sia giusto. Io non ho ancora iniziato a pensarci e non so cosa Dwyane sta pensando in questo momento, non so quello che Chris sta pensando in questo momento e probabilmente non ci stanno pensando, stanno cercando di raggiungere le loro destinazioni per le vacanze e poi preoccuparsi più tardi. Staremo a vedere cosa succede

Poi il fulcro di tutto

Quello che a me importa è vincere, abbiamo diversi buchi da coprire in questa squadra.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Max

    https://www.youtube.com/watch?v=FFXsntujvZA

    ahhahahahhahahaha muoio!!!!

  • Kobe24

    Quando arrivi a questo punto, con l’occasione di poter giocare le Finals, l’unica cosa che vuoi è quella di alzare il trofeo, ne ho perse 3 su 5 e la cosa non è che mi piaccia molto, penso che avrei potuto dare di più. Sante parole James

  • steve

    dovesse andarsene sarebbe l’ennesimo segnale di debolezza da parte sua.
    lasciare la nave mentre sta affondando l’ha fatto lui ai cavs,lo fece schettino con la costa concordia,quindi lo rifarebbe di nuovo lui in caso di addio agli heat questa estate.
    ma porca pupazzola,dovevi vincere 8 titoli,poi in realtà ne vinci 1(l’altro l’ha avuto in regalo da ray allen) e hai pure il coraggio di prendere in considerazione l’idea di andartene?
    cagasotto in campo e fuori.

  • Jacopo

    Il fatto che lui possa andar via non lo vedo cosi immorale o da cagasotto, quanto meno assolutamente non e’ paragonabile al 2010!
    Lui amava e ama Cleveland, 8 anni ci ha passato, chiedendo una sola cosa: fatemi vincere il titolo a casa mia!!!
    La societa come ha risposto ??? Prendendogli Shaq vecchio e di 157kg, ha centrato sempre (sicuro 6-7 anni) i playoff, e’ arrivato in finale NBA (e fidati, se ti dico di andare a vederti il roster di quella squadra) che poteva fare di piu’ se la societa’ fa cagare!?!?!?
    Vinto un titolo regalato da Allen ?? Diciamo che hai ragione, devi essere quindi coerente e dire che Kobe lo ha vinto con Horry e Fisher, e Jordan con Paxon e Kerr…………Ah gia’ loro non so odiati x principio!!!
    Vuoi sapere secondo me la cosa grave quale realmente ??? Non che vada via da Miami, ma che tra i nomi che si sentono ci sono Lakers, Chicago e Carmelo, ovvero altre superstar e super franchigie!!!
    Ma la domanda che piu’ volte tranquillo ha fatto: in base a cosa si puo dire che sia giusto o sbagliato cambiare squadra? Se si ha 28/30, e vuoi vincere, puoi aspettare una rifondazione di 2/3 anni !?!?!?
    Fidatevi che e’ un discorso piu complesso di quanto si pensi

  • Kobe24

    Jacopo una camomilla non ti fa male.Kobe e Jordan le finali giocate le hanno dominate.Kobe ha anche perso due finali,ed in quella con Boston bisognerebbe fare una statua a Gasol per essersela giocata alla pari con Garnett e per aver vinto il mismatch nell’ultimo quarto di gara 7.Detto questo il poverino,come definito da te si è accordato con il giocatore che nel 2006 ha vinto un titolo giocando una serie finale come solo Jordan aveva fatto,povero Wade e con un giocatore che teneva da solo sulle spalle una franchigia,il dinosauro più forte del gioco,Cristina Bosh.Cleveland avrà sbagliato a prendere Shaq con i suoi 23 milioni,ma l’ha fatto per metterlo in condizione di vincere.La differenza sta nel fatto che quando giocava a Cleveland anche un Gibson sembrava un all-star e i compagni giovavano del suo apporto,mentre ora vedo due all-star involuti.Con Dallas ha fatto schifo,Ed uno stoico Dirk febbricitante l’ha legnato,l’hanno scorso i liberi ed i turnover di Gino l’hanno salvato,qyest’anno ha giocato la sua miglior serie finale,ma a cosa è servito?Tim suo avversario ha una cosa che lui non ha e non avrà mai,loyalty e non venirmi a dire che San Antonio ha un mercato migliore di Cleveland,ma li esiste una cosa chiamata fiducia ed una dirigenza che a distanza da 7 anni dall’ultima volta ha vinto un titolo,dopo due finali consecutive con il solito storico nucleo.Se andasse via da Miami sarebbe un ingrato,dopo 4 finali di fila,anche se per vincere potrebbe farlo tranquillamente e non c’è bisogno di fare tante storie,basta solo non farlo passare per un super uomo pieno di etica o una vittima

  • i love this game

    Differenze sostanziali.
    Allen segnò una tripla impossibile con un movimento incredibile.
    Lebrone in quell’azione incise poco,se non il mattone che tirò in cui Bosh prese il rimbalzo scaricandola a Ray.
    Jordan a Kerr gli servì un cioccolatino,attirando il raddoppio su di se e poi servendo Kerr solo soletto nei pressi della lunetta per un tiro che un super tiratore coe lui non avrebbe mai potuto sbagliare.
    In caso avesse sbaliato,il punteggio sarebbe rimasto in parità,quindi probabili supplementari.
    E anche in caso di sconfitta avrebbero comunque avuto l’occasione di giocare gara 7 in casa.
    Nel 93 andò diversamente,senza quella tripla di Paxson i Bulls avrebbero perso quella gara che li avrebbe portati a giocarsi gara 7 in trasferta.
    Ma anche se avessero perso quelle finali chi avrebbe avuto il coraggio di criticare Jordan a 41 di media nella serie?

    Allen con quel miracolo salvò veramente la reputazione a Lebrone,senza il quale oggi avrebbe un titolo in meno e una finale in più giocata malissimo e che solo parzialmente riuscì a salvarla in gara 7.
    Gara che senza il tiro di Allen non avrebbe mai giocato.

    Capisci le differenze?

  • aledionigi

    Dimenticate una cosa: se Pop collegava il cervello la tripla di Allen non ci sarebbe stata.
    I due titoli vinti sono l’ anno scorso più per demeriti altrui e l’ anno prima nella stagione del lockout.
    Detto questo per me la buffonata fu “the decision” all’ epoca, ora può fare ciò che vuole (a parte portare Melo o altre superstar in Florida).

  • sgm

    “una finale in più giocata malissimo e che solo parzialmente riuscì a salvarla in gara 7.” misà che ti sei perso metà finals 2013…poi cambia nick, quello che hai adesso si vergognerebbe vedendo cosa scrivi.

  • i love this game

    Misà che non sai accettare la realtà.
    Mi sarò perso metà finals(se lo dici tu) ma penso di ricordare abbastanza la merda piovuta addosso a Lebrone in quella serie finale prima di gara 7.
    E se non l’avesse salvato Ray Allen con quella tripla apriti cielo.

    Il mio nick a me piace,io amo effettivamente questo gioco,un po’ meno i rimbambiti come te che se non gli metti il loro Lebrone sopra un piedistallo si sentono come in mancanza d’aria.
    Capisco che ti possa bruciare il culo dopo aver visto le ultime finali,è comprensibile,ma almeno un po’ di giudizio senza essere di parte ogni tanto potresti cacciarlo fuori.

  • Pingback: Miami, parla Riley: "Stare qui, se si ha il coraggio!" | NBA-Evolution()