Miami, parla Riley: “Stare qui, se si ha il coraggio!”

Il presidente dei vice-campioni in carica ha parlato ieri nell’abituale conferenza stampa di fine stagione, free-agency al centro di tutto ma lui non ha nessun timore.

RileyLa stagione dei Miami Heat si è ufficialmente conclusa ieri con l’ultima conferenza stampa (CLICCA QUI per quella di James) dell’anno, quella più importante vista la situazione che la franchigia della Florida affronterà in estate, infatti ha parlato il presidente Pat Riley…per nulla preoccupato del futuro!

La Free-Agency col futuro delle sue tre stelle Chris Bosh (29 anni), LeBron James (29 anni) e Dwyane Wade (32 anni) sono l’argomento principale che sta occupando le pagine di tutti i rotocalchi e siti web, l’ex coach di Lakers e Knicks detto che ha incontrato tutti e tre i giocatori nell’arco di due giorni di questa settimana dicendo loro che sia lui che il proprietario Micky Arison sono disposti a fare tutto il necessario per proseguire l’avventura iniziata 4 anni fa.

Prima domanda a fuoco su Carmelo Anthony (30 anni) con risposta protocollare, ma anche…

Che è un sogno irrealizzabile, ma tutti pensavano che il 2010 è stato un sogno irrealizzabile..comunque non è sulla nostra strada

Poi sui “Three Kings”

Come possiamo tenere i ragazzi insieme? Siamo pronti, abbiamo tutto il necessario per tenerli insieme e cercare di andare avanti. Non si tratta di opzioni, non si tratta di Free-Agency, ma di quello che abbiamo fatto in questi ultimi 4 anni, si tratta di stare in una stanza e vedere chi si alza. Abbiamo avuto LeBron qui per 4 anni, speriamo per altri ancora, 8 o 10. Onestamente non vedo come Dwyane o altri lontano da Miami, è un posto dove tutti vorrebbero giocare e vivere.

Poi ha preso le difese del suo pupillo Wade, fortemente criticato per le Finals non giocate all’altezza

Dwyane è un campione ed un Miami Heat a vita. Lui è stato esaminato più di chiunque altro…. Si possono criticare le sue prestazioni ma non è un ragazzo “what-have-you-done-for-me-lately” o un “Johnny-do-nothing”, il che è un insulto per un ragazzo dal 2003, che ha reso tutto magico per noi.

Poi il messaggio alle sue stelle

I San Antonio Spurs in 17 anni hanno vinto 5 titoli, queste cose sono dure e bisogna stare insieme se si ha il coraggio e di non scappare alla prima porta che si apre

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B