Se le stelle NBA giocassero…per le loro città?

Cosa succederebbe se le stelle NBA portassero i loro talenti nelle loro città natale? Los Angeles e Chicago si ritroverebbe dei team da paura ma anche Brooklyn non scherzerebbe.

LeBron James (29 anni) è voluto tornare a casa per riprendere quella sfida abbandonata 4 anni fa, e se i suoi colleghi seguissero il suo esempio andando a giocare per le franchigie delle loro città native?

Il sito “Elite Daily” ha steso i potenziali quintetti città per città: LeBron sarebbe affiancato da Trey Burke e Jared Sullinger, le due Los Angeles sarebbero quasi due “Dream Team “visto l’abbondare di talento nato sulla West Coast (Westbrook, DeRozan, Leonard, Thompson, George), Chicago vanterebbe un trio da titolo con Rose, Wade e Jabari Parker.

Da non sottovalutare Charlotte, Brooklyn, la Philadelphia di Kobe Bryant, la Dallas delle torri (AldridgeBosh) e i Seattle Supersonics con Jamal Crawford…qui sotto i quintetti!

Chicago Bulls

75e3cdbc8d868e17315e93783e65e152_original

Charlotte Bobcats

fe2361062d38a1f62808bff419b0fd0a_original

Brooklyn Nets

c4073935c98d7c6d34e8d3faf98c6bb1_original

Washington Wizards

8299fbc3765539578fd40ee9fd12f276_original

Los Angeles Lakers

b9d74ee3bab2515f89bf21cede916988_original

Los Angeles Clippers

e6a1864223ddbf919913c78c1389828f_original

New York Knicks

knicks2

Cleveland Cavaliers

cavsnew

Dallas Mavericks

mavs

Philadelphia 76ers

sixers

Seattle Supersonics

sonics

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • CharAznable

    La migliore sarebbe Chicago ^^

  • Doctor J

    Steph Curry è nato ad Akron come LeBron, Melo a New York, perché sono uno a Charlotte e l’altro a Washington?

  • mad-mel

    Secondo me la più forte sarebbe whasington….non so perché dite chicago o l.a…

  • Michael Philips

    Doctor J

    perché di fatto sono cresciuti uno a charlotte e l’altro nella “magnifica” baltimora. Cazzo melo è stato uno dei tanti ragazzi di strada visti nella leggendaria serie tv The Wire. Città di merda, vita durissima e possibilità di farcela bassine.

    Pure Kawi leonard a vederlo pareva un ragazzo cresciuto tranquillamente. Poi vedi dove cazzo è nato e vissuto, in quella compton in cui è nata la discutibile “moda” o più stile di vita del gangsta, con relativi personaggi a modo che bazzicavano lungo le strade. Con baltimora forse la città più violenta di tutti gli usa. Al povero kawi gli hanno freddato il padre nel 2008 che se ne stava tranquillo nella sua attività(un autolavaggio credo), insomma bei posti.

    Detto questo, i Bulls spaccherebbero culi.

  • low profile

    Va detto che l’hanno fatta un pò a caso, per esempio PP che a Okland ci è nato ma è vissuto Inglewood l’hanno messo ai GSW.
    Anche per me vince Chicago ma se ne facevano solo una di Los Angeles non c’era storia, LA è quella che sta dando più talenti in assoluto. Curioso il declino di NY/NJ e anche Seattle, una volta grembo di tanti talenti oggi un pò in secondo piano

  • mad-mel

    Qualcuno mi può spiegare perché vedete i bulli così forti?
    Wade è ormai un giocatore finito con le ginocchia distrutte
    Rose è un giocatore con doppio intervento al crociato e rischia di tornare al livello di un Ron Harper.
    Jabari Parker deve ancora giocare un minuto di nba ( quindi può essere una pippa per il teorema Mp.
    Shawn matrix è un veterano l’ombra di se stesso…
    Si resta anthony davis…ma per dire che sono un squadrone ce ne passa.

  • Magic

    Anche secondo me Washington è fortissima…

  • CharAznable

    @Mad-mel Chicago perchè anche se non presi nel loro prime,sono giocatori ottimi in ogni ruolo.Hai un asse play-ala/centro Rose-Davis,Wade che è una signor guardia,Marion un giocatore versatile,l’unica incognita è Jabbari,ma è un rischio che puoi correre avendo l’altri signori in squadra.Sanno difendere e dovrebbero far circolare la palla che è una bellezza.Washington non la prendo neanche in considerazione,perchè non so come si possa a far convivere 3 Ap sparatutto.

  • low profile

    Scusate l’off topic ma devo rendere omaggio ad un genio ed a una pagina web tra le migliori di satira sportiva. Adoro inventarmi storie su fatti reali ma questi sono dei maestri, ecco l’ultima fantastica trovata ballerball.com :

    I’m using chrome
    by Tim Duncan
    Before anyone ever cared where I would browse the internet, I was a kid from the Virgin Islands using Google Chrome. It’s where I typed. It’s where I surfed. It’s where I programmed. It’s where I bled. It holds a special place in my C Drive. People have seen me download fonts from there. It drives me. My relationship with Google is bigger than browsing. I didn’t realize that four years ago. I do now.

    Remember when I was sitting up there at the Starbucks in 2010? I was thinking, This is really tough. I could feel it. I was leaving something.. If I had to do it all over again, I’d obviously do things differently, but I’d still have left. Firefox, for me, has been almost like college for other kids. These past four years helped raise me into who I am. I became a better web user and a better man. I learned from a browser that had been where I wanted to go. I will always think of Firefox as my second home. Without the experiences I had there, I wouldn’t be able to do what I’m doing today.
    I went to Firefox because of applications and user-friendly layout. I made sacrifices to keep it as my default browser. The hardest thing to leave is what I built with those other users on Chrome. Nothing will ever change what we accomplished. We are binary-brothers for life.

    I’m doing this essay because I want an opportunity to explain myself uninterrupted. I don’t want anyone thinking: He and BING didn’t get along. … He and Android didn’t get along. … Firefox couldn’t put the right team of designers together. That’s absolutely not true.
    I’m not having a press conference or a Google Hangout party.

    When I left Chrome, I was on a mission. I was seeking a new short sleeved dress shirt from Tommy Hilfiger on eBay, and I bought two. My goal is still to buy as many Tommy Hilfiger short sleeved dress shirts as possible, no question. But what’s most important for me is buying one off of the Google Chrome browser.

    I always believed that I’d return to Chrome and finish my browsing there. I just didn’t know when. I have two keyboards and my mouse, who is wireless. I started thinking about what it would be like to use my hardware in Chrome. I looked at other browsers, but I wasn’t going to leave Firefox for anywhere except Chrome. The more time passed, the more it felt right. This is what makes me happy.

    To make the move I needed the support of my internet provider and Matt Bonner, who can be very tough. The customer service letter from Chrome’s help desk representatives, the crashing from the Chrome browser – seeing all that was hard for them. My emotions were more mixed. It was easy to say, “OK, I don’t want to deal with these web baseed mistakes ever again.” But then you think about the other side. I’ve met with the folks at Google, face-to-face. We’ve talked it out.

    I’m not promising a short sleeved dress shirt from Tommy Hilfiger. I know how hard that is to deliver. I’m not ready right now. The fabric is far too thick for summertime in Texas. I’m realistic. It will be a long process. My browsing will get tested. I will be the old head. But I get a thrill out of bringing a group together in Google Hangout. I see myself as a mentor now. I think I can help Gmail become one the best email services in our home. I think I can help elevate Google Docs and Analytics. And I can’t wait to reunite with Gchat, one of my favorite forms of communication..
    But this is not about the the applications. I feel my calling here goes above fun browsing. I have a responsibility to surf the net, in more ways than one, and I take that very seriously. My presence can make a difference in Firefox, but I think it can mean more where I’m Chrome. That would make me smile.

    On Chrome, nothing is given. Everything has a parental lock. You work for what you are able to browse.
    I’m ready to accept the challenge. I’m using Chrome.

  • Michael Philips

    Aspetta,
    mad-mel ci prova in tutti i modi, vuole la discussione anche su questa cazzata. Vai fenomeno.

    Ah, parker è fortissimo(più del 21 dei cavs per me) e lo stesso wiggins è forte, ma la storia NBA è ricca di prime scelte o giocatori super in ncaa che poi o non hanno giocato bene, o hanno proprio fatto male. Per dire, Beasley nel suo anno da freshman giocò ad un livello che i due citati si sognano, ma poi in NBA non ha rispettato le attese, sopratutto perché non ha retto a livello mentale.

    Per quello io non ho idea di che rendimento potrà avere wiggins, che ha zero gare da pro, non sappiamo come reagirà a pressioni e difficoltà simili. Lui poi dovrà capire come giocare con altre stelle e non potrà essere la stella primaria. Jabari invece ai bucks avrà carta bianca e potrebbe tranquillamente fare una stagione superiore a quella di wiggins, proprio perché avrà più spazio e libertà.

    Lo dico già che non resisti a tirarmi in mezzo nelle discussioni. Chiudo l’OT.

  • mad-mel

    Ripeto…i tre giocatori che hai citato sono giocatori finiti.
    E uno e una totale incognita.
    E’da illusi pensare che Rose tornera ai suoi livelli.
    Non c’e atleta nella storia che con un doppio intervento al ginocchio e ritornato ai suoi massimi livelli.
    Idem wade…se pensate che sia un giocatore ancora da 25 punti a partita state freschi.

    Cmq se poi valuti la chimica…non penso che ci siano problemi in attacco…melo quest’anno da ala grande ha dato il meglio…rudy gay fa l’ala piccola….su durant lasciamo stare…offensivamente a okc gioca con i movimenti di una guardia e segna da dove vuole.
    Caso mai in difesa sono cazzi amari.

    Cmq sono discorsi da bar…pero a livello di talento puro e condizione fisica per me whasington e la piu forte.

  • mad-mel

    @mp certo che soffri di egocentrismo. Hai problemi, curati ma seriamente.

  • mad-mel

    Scusate per l’italiano….e per quel washington…

  • zed

    kobe sta benissimo con la maglia di philadelphia

  • CharAznable

    @Mad-Mel L’incognita Rose ci sta,ma non punti su Wade per segnare nella mia idea di gioco,ma punti su Davis.Con Melo da 4,al massimo vedo Durant da 3,ma Gay da 2 non si può proprio vedere,poi queste prendono tanti tiri e difendono male.Hibbert mister doppia doppia(0,0) lo vedo malissimo in questo contesto,per non parlare di Ty,altro grande scorer,ma quando si tratta di difendere scompare.Ti quoto sul fatto che siano discorsi da bar,ma è bello scambiare in santa pace opinioni,anche differenti e masturbarsi un pò 😉 😀

  • CharAznable

    OT Per chi vuole farsi due risate http://www.sportando.com/it/usa/nba/127438/kobe-bryant-gli-spurs-sono-fonte-di-motivazione-per-noi.html Da suo tifoso non posso non ridere a questa serie di cazzate

  • N.Strocchi

    io dico titolo Wizardssss

  • redbull

    mad mel

    adrian peterson ti dice niente? 🙂

  • Mariano

    ma Steph non è mica anche lui di Akron?! http://it.wikipedia.org/wiki/Stephen_Curry