Top 10 giocatori attesi per la stagione 2014/15!

La Free-Agency che conta è finita e dopo i Mondiali si tornerà a fare sul serio con molte novità nella prossima stagione NBA, andiamo ad analizzare chi saranno i giocatori più attesi.

In questa Top 10 andremo ad analizzare quei 10 giocatori dai quali ci aspetterà una stagione 2014/15 di livello, chi per ragioni legate al contratto e chi per ragioni legate a se stessi/al gioco. Logicamente escluso dalla Top 10 LeBron James.

10) Gordon Hayward (UTA): I Jazz si sono svenati pur di non farlo scappare a Charlotte pareggiando la super-offerta di $63 milioni in 4 anni, non gli si chiede di trascinare la squadra ai Playoffs ma con questo contratto lo aspettiamo tra le top SG della stagione.

9) Lance Stephenson (IND): Ha lasciato Indiana perché voleva un “suo spazio”, Charlotte è reduce da un’ottima stagione (8° posto), dovrà dimostrare di essere quel giocatore da step in più ma, soprattutto, di essere un giocatore più maturo in campo.

8) Eric Bledsoe (?): Resterà a Phoenix? Sono mesi di fumate nere perché l’ex Clippers si ritiene un Top Player tanto da rifiutare l’estensione da $36 milioni, ovunque giocherà dovrà dimostrare di essere un Top Player altrimenti la figuraccia è dietro l’angolo…da non escludere il rischio di vederlo giocare “svogliato” apposta (vedi Rajon Rondo inizio stagione 2009)

John+Wall+Indiana+Pacers+v+Washington+Wizards+Rf8-uaVq1kVl7) John Wall (WAS): Lo ha detto lui stesso nell’ultima desolante intervista (CLICCA QUI per leggere) dopo il 2° taglio da Team USA, la stagione 2014/15 è stata la sua migliore da quando è un PRO, la squadra c’é, il feeling con Bradley Beal pure e le motivazioni sono a 1000. Tutti possono arrivare in alto, restarci fa la differenza tra un buon giocatore e un grande giocatore.

6) Roy Hibbert (IND): Via Stephenson, K.O George, Indiana automaticamente passa nelle sue mani, il finale della scorsa stagione stagione è stato tragico malgrado un buon inizio, non gli si chiede di essere Shaq ma una stagione da 20-10 in teoria è alla sua portata…sempre che rimanga ai Pacers (si vocifera trade con Monroe).

5) Chandler Parsons (DAL): Dirk Nowitzki voleva un 3° alfiere, un giocatore affidabile e costante e Mark Cuban lo ha accontentato, Parsons potrebbe davvero rivelarsi il giocatore chiave per la rinascita dei Mavs dopo le belle cose fatte a Houston. Lui ha detto che si sentiva già a Houston la 3^ stella della squadra, è il momento di dimostrarlo!

4) Kevin Love (CLE): Basta giocare, adesso si fa sul serio! LeBron lo ha voluto e alla fine lo ha ottenuto, adesso l’ex UCLA nonché re delle doppie-doppie deve far vedere di non essere solo un giocatore di numeri ma un giocatore concreto, solido e determinate. La posta in palio è alta sia per i Cavs che per lui.

3) Dwyane Wade (MIA): Una frase che sento spesso su Wade è “Se non fosse arrivato James, la carriera di Wade sarebbe finita già 3 anni fa”, le ginocchia sono quello che sono ma lo spirito da campione non muore mai, Miami è tornata SUA, è motivato a dimostrare di non essere finito e a zittire i critici. Una stagione costante no, ma attendiamoci diversi lampi da Flash quest’anno.

Dwyane+Wade+Kobe+Bryant+Los+Angeles+Lakers+wsK5HKGlMafl

2) Kobe Bryant (LAL): Più o meno (ripeto, più o meno) è lo stesso discorso di Wade, una stagione da “Black Mamba” difficilmente la vedremo visto anche il livello degli attuali Lakers, però in ballo c’è l’orgoglio di dimostrare di essere ancora un assoluto Top-Player della Lega..e se c’è l’orgoglio di mezzo nessuno riesce a dare il meglio di se come Kobe.

Derrick+Rose+Team+USA+Showcase+VK2z7-PrNnEx1) Derrick Rose (CHI): Ma dai? Ancora tu? Riscrivere le stesse motivazioni dell’anno scorso sarebbe banale però siamo sempre li, Chicago resta una delle prime 2/3 squadre ad East, quest’anno si è rafforzata grazie ad un mercato mirato e di qualità ma tutto, come sempre, dipenderà dalle ginocchia di D-Rose. L’anno scorso di questi tempi tutti erano impressionati dal super recupero, quest’anno idem…sarà la volta buona?

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B