Wade sulla stagione scorsa: “Non piacevole!”

La stella degli Heat ha parlato di come la passata annata sia stata difficile e frustrante per se e per i compagni, fissa l’obiettivo per la questa e non si dimentica dell’amico di Cleveland.

hpg1415-wade04-md-140926-e1411778156583Dopo 3 stagioni da degno alfiere Dwyane Wade (33 anni) torna quest’anno ad essere il leader/stella assoluta dei Miami Heat, con 871 partite, 20,962 punti (RS + Playoffs), 10 presenze all’All-Star Game e 4 titoli NBAil prodotto di Marquette non vuole abdicare e darla vinta a critici che lo danno ormai sulla via del tramonto.

Per per D-Wade è la stagione n° 11, alle spalle 91 compagni di squadra dei quali, per sua ammissione, non ricorda tutti i nomi ma di uno e anche se non condivide più lo spogliatoio rimane un amico e un degno avversario che ospiterà il giorno di Natale, LeBron James (29 anni)

Siamo tornati come a prima di giocare insieme e non continuo a capire le domande tipo “come si fa essere amici di un avversario”, perché prima non succedevano queste cose, Magic & Larry (Bird, ndr) non el facevano. Noi lo siamo. Io sarei andato a Cleveland da lui, saremmo andati fuori insieme, lui è venuto a Miami, abbiamo giocato insieme, ci siamo divertiti e uscivamo ogni notte a competere. A fine partita amici come tanti, giocando insieme ci siamo uniti molto

L’ultima cavalcata dei due però non è andata come speravano, la 4^ Finals in 4 anni consecutivi non ha regalato il “Three-Peat” che tanto volevano, si da ottobre 2013 si capiva che qualcosa in quegli Heat non girasse bene e lo stesso Wade ha ammesso:

Non è stata una stagione divertente, non lo so, non so dirtelo con certezza però io e i miei compagni volevamo molto quel titolo e ci siamo messi in quella situazione, a volte ci si mette addosso troppa pressione e si fa terra bruciata intorno. L’anno scorso non c’è mai stato un momento piacevole, tutta la stagione così e sinceramente non ho capito come riuscimmo ad arrivare fino alle Finals.

L’era dei “Three-Kings” è finita ma Wade ha molta fiducia nel futuro

Proprio quest’anno, venendo qui, posso vedere, anche gli allenatori, che c’è una nuova energia! Nessuno sa che cosa succederà, nessuno sa se andremo a giocarci el Finals o a vincerle o ad avere una stagione deludente, però in questo momento chiunque sia qui è contento di esserci e vuole esserci ogni giorno.

Vedere il marito di Gabrielle Union così carico fa solo che piacere però su di lui regna sempre la madre di tutte le domande, riuscirà a giocare una stagione intera senza stop e senza deterioramenti fisici (ginocchia, ndr? Lui ci crede!

Continuo a pensare che sono uno dei migliori al mondo della mia posizione, sono stato messo nella categoria dei grandi giocatori e voglio dimostrarlo per tutto il tempo che il buon Dio mi darà! Supererò tutti gli ostacoli come ho sempre fatto nella mia vita.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B