Parla Paul, tra CBA e quella Gara5 contro OKC…

La stella dei Clippers si è aperta ai microfoni della CBS parlando di diversi temi come il discusso contratto collettivo, il futoro dei Clippers, le ambizioni…e quella Gara5!

PaulCon i San Antonio Spurs reduci dal titolo e quindi un potrebbero essere un po’ scarichi, con Oklahoma City che comincerà la stagione senza Kevin Durant (25 anni), i Los Angeles Clippers sono indicati da molti come i favoriti nella Western Conference, tutto come sempre dipenderà e sarà nelle mani della loro stella, Chris Paul (29 anni)!

Recentemente CP3 ha rilasciato un’intervista a 360° a Ken Berger di CBS Sport, tanti temi di cui parlare tra questi alcuni ostici come il prossimo contratto collettivo dove l’ex Wake Forest nonché presidente dell’Unione Giocatori si è espresso così in merito anche ai commenti di Kobe Bryant (CLICCA QUI per leggere):

Onestamente non lo so, sicuramente ci tornerò su guardando anche un po’ più in profondità però credo che i giocatori non debbano essere biasimati se richiedono i max-contract.

E ai fans che chiedono ai giocatori di prendere di meno per vincere? Ecco la risposta

Sento che bisognerebbe parlare, avere una discussione con un lungo dialogo, ma i fans alla fine della giornata vogliono vedere i giocatori uscire e giocare e i giocatori vogliono cercare di guadagnare quanto più possibile in questo breve lasso di tempo che dobbiamo giocare

Paul ha anche archiviato velocemente le questioni sulla durata della Regular-Season e delle partite

Sono assolutamente convinto che se ne discuterà, ne dovremo parlare. Partite da 44 minuti? Mi piace 48!

Durante l’intervista inevitabile la riapertura di una ferita che brucia ogni anno al povero CP3, quelle NBA Finals e finali di conference che ancora ad oggi non lo hanno visto protagonista malgrado da anni i Playoffs lo vedono presente ad alti livelli

È dura, è una di quelle cose dove non ci sono scuse. La prima volta che ho giocato i playoff mi sentivo come se lo avrei fatto ogni anno, ero anche reduce dal 2° posto nella classifica per l’MVP e mi dicevo “Vedrai che avrai la tua chance l’anno prossimo”, ma gli infortuni e gli eventi strani sono sempre dietro l’angolo. È veramente da cogliere l’attimo.

Poi c’è sempre quella Gara5 della scorsa edizione dei Playoffs contro gli Oklahoma City Thunder…

Quante volte ho rivisto quella partita? Mai abbastanza…Mi darà sempre fastidio, ma allo stesso tempo ho avuto la consapevolezza che non posso cambiare quello che è successo, siamo andati a Gara6 e abbiamo avuto la chance di pareggiare.

Sulle chance dei Clips

Indipendentemente dalla situazione qualsiasi altra squadra, c’è una finestra per noi! Siamo una di quelle squadre che non guarda a quello che fanno tutti gli altri, in realtà guardiamo solo a noi stessi. Ci troviamo in una situazione unica, solo un paio di squadre che possono davvero dire “Abbiamo una possibilità”

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA.
Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12.

Nickname: F.M.B

  • 8gld

    a) non li vedo come i favoriti a Ovest.

    b) i tifosi, quelli che tengono in piedi il baraccone, chiedono di prendere di meno per vincere e possono sentirsi anche rispondere che bisognerebbe parlarne ma su una cosa non sono assolutamente d’accordo e non mi piacerebbe sentirmela dire anche se non tifoso sopratutto da tutti quegli atleti che percepiscono più di 10 ml all’anno per 10 anni: “i giocatori vogliono cercare di guadagnare quanto più possibile in questo breve lasso di tempo che dobbiamo giocare”. Ma se già giocare un solo anno vuol dire guadagnare tanti di quei soldi che ti bastano a te, i tuoi figli e i figli dei tuoi figli per vivere sicuramente lontani dalle preoccupazioni economiche. Ahhh ma dai, troverei una risposta o motivazione diversa.