Team Folder 2014/15: Washington Wizards

Oggi andiamo a trovare una delle squadre che lo scorso anno ha più impressionato e sorpreso, i Washington Wizards della “House Of Guards” che dovranno fare a meno di Bradley Beal per qualche mese

Wizards

Partiti, e non benissimo, con un grosso punto di domanda sulla testa, grazie alla chimica di squadra che si è venuta a creare durante la stagione ed alle giocate del duo Wall & Beal, la squadra della capitale è riuscita a paortare a casa 44 vittorie. E nella post season, se possibile, le cose sono andate meglio, dopo aver letteralmente spazzato via i Bulls l’eliminazione contro i Pacers è sembrata arrivare più per loro demeriti che per meriti altrui. La squadra è giovane, con qualche veterano di qualità, ha delle gerarchie ben prestabilite. Quest’ anno coach Randy Wittman, alla sua terza stagione sulla panchina di Washington, deve cercare di ottenere ancora qualcosa di più dai suoi giovani, sperando che tutti mantengano le promesse, sperando che i veterani facciano il loro lavoro. Adesso sotto con voti ed analisi.

Tk43i.AuSt.156GUARDIE: da chi iniziare se non da John Wall, che lo scorso anno ha definitivamente rimosso tutti i dubbi, perché ce ne erano??, sulle sue qualità di giocatore, in primis, e di leader assoluto della squadra. Magari non un playmaker totalmente dedito alla regia, ma un gran bel giocatore da vedere, su entrambi i lati del campo. Crescesse ancora dove potrà arrivare?? Ed anche qui una coppia che non scoppia, in quanto Bradley Beal si integra perfettamente con il suo play, tanti punti e tanto attacco nelle mani, con un fisico esplosivo. Ci si aspetta di più a Washington da Andre Miller, che è sembrato in fase calante la scorsa stagione, ma che dalla panchina può e deve ancora dare qualcosa di importante. Un’addizione importante potrebbe essere Glen Rice jr, Dna cestistico importante, un signor attaccante ed anche, per il ruolo, notevole rimbalzista, trovasse un equilibrio caratteriale…..Bisognerà vedere quanto spazio troverà Garrett Temple, gran atleta ma per ora poco altro nella lega.
VOTO: 7,5 Wall-Beal uno dei più bei duo della lega, ed il reparto è lungo, grazie alle G/F, e abbastanza completo.

ALI: iniziamo da Nenè, che sembra aver trovato una seconda giovinezza, punti nelle mani, rimbalzi, uno dei leader dello spogliatoio. Sarà anche a fine carriera ormai ma Paul Pierce è un signor giocatore che merita tanto rispetto. Inutile descriverlo, a D.C. gli verrà chiesto leadership e aiuto a far crescere i tanti giovani. Ed uno che deve crescere, oddio basterebbe che iniziasse a giocare, è Otto Porter, #3 del draft 2013 ma mai visto praticamente la scorsa stagione. Calcolando il tipo di giocatore che si presume sia, uno che attacca il canestro sempre e rimbalzista, sarebbe un vero acquisto per i Wizards. Poi Martell Webster, specialista tiratore che il mattoncino, fisico permettendo, lo porta sempre. Altro veteranissimo è Drew Gooden, che sa qual’è il suo lavoro e lo fa anche sufficientemente bene. Chiudiamo con Rasual Butler, specialista dall’arco, e Kris Humphries, ultimamente più famoso per vicissitudini extra cestistiche che per il lavoro sporco sotto i tabelloni.
VOTO: 6,5 reparto esperto, con un giovane, Porter, che si spera sano ed esplosivo.

LUNGHI: the Polish Hammer, Marcin Gortat, mani sempre sorprendentemente notevoli, gran giocatore di pick and roll e, soprattutto buon difensore. La facilità ad incorrere in falli un difetto e la continuità due difetti notevoli. É arrivato via Dallas DeJuan Blair, poche soddisfazioni via da San Antonio ma rimbalzista molto attivo in campo. Chiudiamo con Kevin Seraphin, il francese misterioso, con un fisico fatto e finito per la lega e due mani da guardia, sul perché non trovi più spazio è un enigma
VOTO: 6/7 reparto che nella Eastern può decisamente dire la sua anche grazie a Nenè, ovviamente, e Gortat è un signor difensore.

Percentuale playoff: 58% non sono molto diversi dalla scorsa stagione e questa è già una bella cosa oltre che positiva, hanno freschezza atletica ed esperienza e devono continuare a giocare il bel basket visto un anno orsono.

Arrivederci a domani con i Los Angeles Clippers.

Altre squadre
• Milwaukee Bucks
• Philadelphia 76ers
• Orlando Magic
• Utah Jazz

• Boston Celtics
• Los Angeles Lakers
• Sacramento Kings
• Detroit Pistons
• Cleveland Cavaliers
• New Orleans Pelicans
• Denver Nuggets
• New York Knicks
• Minnesota Timberwolves
• Phoenix Suns
• Atlanta Hawks
• Dallas Mavericks
• Charlotte Hornets
• Memphis Grizzlies
• Golden State Warriors
• Chicago Bulls
• Houston Rockets
• Toronto Raptors
• Brooklyn Nets
Portland Trail Blazers

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati

  • nitrorob

    Mannaggia forse per la prima volta non sono d’accordo su 2 cose!!!
    reparto guardie:
    a Walle Beal gli avrei dato almeno un 8! Wall ha dimostrato più di quello che “doveva” e poveraccio viene sempre snobbato in favore di Irving che ancora qualcosa da fare ce l’avrebbe!

    % PO almeno 65, però vabbè qua dipende tutto da Porter e Pierce, vedremo se la mancanza di Ariza si farà sentire o no

  • Shady

    sui voti sono d’accordo, certo essendo ad EST una 65% glielo avrei dato

  • Lore

    Quoto nitro…però loro son migliori di altre ad est quindi playoff sicuri dai…

  • 8gld

    -salvo terremoti p.o. a mani basse…diciamo 90%
    -importante sarà vedere se cresce Porter e quello che può dare Pierce in prospettiva p.o.
    -reparto ali e centro 7.
    -peccato per l’infortunio ma molto bene Beal

    -Wall:
    forse in questo caso rischio di prendere una cantonata o di vaneggiare ma per me l’atleta in questione non ha ancora fatto vedere tutto. Sì, ha tolto dei dubbi che personalmente non avevo ma è una parte di quello che può fare. Manca di continuità a livello di alte prestazioni e ancora di prendere le partite e farle girare da solo ma ha tutto per poterlo fare. Ha potenzialità per prendersi la franchigia sulle spalle e chiudere partite da solo anche ai p.o.
    Mi aspetto uno step in avanti, mi aspetto quell’atleta che con un quarto spacca la partita. Cerco troppo? Quando gira è un piacere.

    Con i Cavs alle prime armi e i Bulls con l’interrogativo D-Rose se inseriscono Porter hanno tutto per poter dare fastidio e sfruttare gli eventuali tentennamenti delle altre franchigie.

  • hanamichi sakuragi

    doc per me questi ai play off ci vanno sicuri. %? 100%