Dallas & Houston a braccetto, Clippers a fatica!

Le texane volano con Houston che batte i 76ers e Dallas i Celtics in volata, Nets facili sui Thunder, Marc Gasol supera Davis mentre tripla-doppia per CP3 contro Utah. Kings ok

Philadelphia 76ers – Houston Rockets 93-104
PHI: Mbah a Moute 10, Davies 13, Noel 10, Wroten 20, McDaniels 14, Shved 12
HOU: Ariza 24, Howard 11 (14 rimb), Harden 35, Canaan 13

Houston Rockets v Philadelphia 76ersJames Harden (35 punti) e Trevor Ariza (24 con 6/9 da 3!) mantengono imbattuti gli Houston Rockets, vincenti sul campo dei poveri 76ers; padroni di casa che sono in partita all’intervallo (54-55) e lo sono anche dopo il 3° quarto (74-79), poi classico e solito crollo nell’ultimo periodo, un break di 9-0 (3 triple consecutive firmate Canaan, Ariza e Harden) regala il +16 (86-102) a 2’13” dal termine.

Brooklyn Nets – Oklahoma City Thunder 116-85
BKN: Johnson 13, Lopez 18, Bogdanovic 12, Williams 17, Plumlee 10, Anderson 18
OKC: Jones 16, Ibaka 15, Jackson 23, Telfair 16

Il ritorno di Reggie Jackson non aiuta la causa degli Oklahoma City Thunder, asfaltati in quel di Brooklyn dai Nets; partita dominata dal 1° all’ultimo minuto dagli uomini di coach Hollins, +19 all’intervallo (59-40) con tanto di alley-oop Bogdanovic-to-Plumlee sulla sirena.

Memphis Grizzlies – New Orleans Pelicans 93-81
MEM: Prince 14, Randolph 15 (11 rimb), Gasol 16 (11 rimb), Allen 12 (11 rimb), Conley 11
NOP: Evans 21, Davis 14, Gordon 11, Holiday 10

New Orleans Pelicans v Memphis Grizzlies New Orleans Pelicans v Memphis Grizzlies New Orleans Pelicans v Memphis GrizzliesI “Fratelli della Distruzione” di Memphis Randolph-Gasol registrano una doppia-doppia a testa nel successo interno contro i Pelicans di Anthony Davis; Grizzlies che creano e disfano, dopo aver toccato il +10 nel primo tempo sparano a salve nel 3° facendosi raggiungere sul 48-48 a 4’55” dalla fine del 3°. Torna in campo Marc Gasol e la musica cambia, lo spagnolo realizza 10 punti nel break di 12-0 in 2’ per il +12 (60-48), New Orleans stavolta non recupererà.

Dallas Mavericks – Boston Celtics 118-113
DAL: Parsons 29, Nowitzki 27, Ellis 14, Chandler 10 (12 rimb)
BOS: Green 35, Sullinger 14, Bradley 32, Rondo 7 (15 ass)

Boston Celtics v Dallas MavericksAnche i Dallas Mavericks portano a casa la vittoria malgrado la grade resistenza dei Boston Celtics; Mavs che volano nel 1° quarto chiudendolo 40-19, sembra fatta ma i Celtics non ci stanno e a 39” dalla fine della partita sono sul -1 (114-113) che sarebbe stato pari se Avery Bradley avesse fatto 3/3 dalla lunetta! A togliere le castagne dal fuoco ci ha pensato Monta Ellis, suo il canestro del +3 e i liberi che hanno chiuso il match.

Denver Nuggets – Sacramento Kings 105-110
DEN: Chandler 14, Faried 10 (10 rimb), Mozgov 10, Afflalo 16, Lawson 9 (12 ass), McGee 16, Arthur 10, Robinson 10
SAC: Gay 14, Thompson 4 (10 rimb) Cousins 19, Collison 21, Sessions 13, Landry 14

Italian Job: Gallinari (0/3, 0/3 da 3), 2 rimb, 1 persa in 14’

Sacramento Kings v Denver NuggetsI Sacramento Kings si confermano anche al Pepsi Center di Denver superando i Nuggets di un Danilo Gallinari in campo solo 14’ con 0 punti a referto; partite equilibrata tanto che siamo sul 96-96 a 3’25” dalla sirena finale, da quel momento i Kings cambiano marcia rifilando un mini-break di 7-2 per il +5 (98-103) con 93” da giocare, Denver riuscirà con 3 liberi di Chandler ad arrivare sul -2 a 25” ma Gay e Collison tireranno bene i liberi (7/8) strappando la vittoria.

Los Angeles Clippers – Utah Jazz 107-101
LAC: Griffin 31, Paul 13 (10 rimb, 12 ass), Crawford 19, Bullock 12
UTA: Hayward 27, Kanter 17, Burks 16, Booker 12

Utah Jazz v Los Angeles ClippersCi sono voluti i 31 di Blake Griffin, i 19 del rientrante Jamal Crawford ma soprattutto la tripla-doppia di Chris Paul (13+10+12) ai Clippers per superare gli Utah Jazz; ospiti che rimontano 13 punti di svantaggio e stanno in scia ai Clips, il momento chiave arriva a 4’13” dalla conclusione sul +4 (95-91) Griffin porta casa un 2+1 che dà il via ad un parziale di 9-3 per il +10 (104-94) a 1’56” dal termine.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B