NFL Mid-Season: punto della situazione!

Siamo arrivati al giro di boa della stagione NFL, mancano solo 8 Weeks alla fine e nella AFC come da pronostico Brady-Manning al vertice, nella NFC sorpresa Cardinals, Cowboys in agguato.

AFC

1800411_10152601270676263_1120908241806865561_nDopo lo scontro diretto di Domenica, i New England Patriots al momento comandono la AFC dopo aver faticato nelle prime settimane. Tom Brady sta vivendo un momento magico, il migliore degli ultimi 3 anni e oggi partita è uno spettacolo vederlo perchè riesce ad essere letale in ogni azione. Ma chi si sta esaltando è Gronkoski, una forza della natura, immarcabile, un incubo per le difese avversarie e con lui sano i Pats possono volare. La difesa sta facendo molto bene, soprattutto grazie ad una secondaria di alto livello, Revis, Browner, Butler, Arrington stan tutti giocando molto bene.I Patriots dopo aver battuto i Broncos si presentano come LA forza della AFC e a Gennaio saranno scintille se continueranno così

Denver fino alla partita contro i Pats han dimostrato di essere una corazzata, vincendo con chiunque, tranne che con Seattle in trasferta ma li se la giocò fino all’OT. Con NE tutte le certezze sono cadute, battuti malamente e mai realmente in partita. Sicuramente quelli visti a Foxborough non sono i veri Broncos e da qua a fine stagione dovranno aggiustare qualcosa su entrambi i lati del campo. Il talento è presente e pure molto, Ware e Von Miller per esempio sono la coppia più produttiva a livello di Sack. Importanti saranno i contributi di Fox ed il Coaching Staff, se troveranno gli aggiustamenti corretti, Denver potrà giocarsela sino all’ultimo e dare a Manning che quel secondo anello che tanto merita.

Cincinnati al momento possiede il terzo seed ma non è così facile che ci rimarranno per il resto della stagione. La concorrenza nella AFC North è spietata e la Cincinnati vista fino ad ora non da assolutamente garanzie. Dalton non sta giocando benissimo, anzi si sta mostrando spesso impreciso e inconcludente, le partite con Patriots e Colts ne sono la dimostrazione. Chi sta giocando bene invece sono i RB, Bernard e Hill che in coppia si stanno mostrando letali. Oltre all’immenso AJ Green, c’è stata l’esplosione di Sanu, WR multidimensionale in grado di fare qualsiasi cosa. La difesa invece è di basso livello al momento, sulle corse è la peggiore mentre sui passaggi è a malapena migliore.
I Bengals ora dovranno migliorare e di molto le loro prestazioni, altrimenti rischiano di perdere il treno PO.

Standing
Standing

I Colts al momento si presentano come quarto seed ed i PO dovrebbero essere visto il mediocre livello della loro Division, l’AFC South. I Colts contro le big hanno fallito, Broncos, Steelers e Eagles mentre le “piccole” han fatto la voce grossa.
Luck si sta dimostrando un fenomeno, viaggia a 337Y di media a partita e ha già 26TD all’attivo ma a volte si prende degli abbagli impressionanti lanciato intercetti o facendo morire drive con scelte azzardate.I RB ed i WR il loro lavoro lo stan facendo, soprattutto TY Hilton, quasi a quota 1000Y e miglior amico di Luck. Il problema è la difesa che fa trasformare attacchi mediocre in grandi attacchi e non permette all’attacco di poter riposare ed amministrare il risultato per agevolare la vittoria. I Colts andranno ai PO nonostante i limit, però una variabile impazzita, possono perdere di 30 e vincere contro avversarie più forti senza problemi.
Alle Wild Card al momento ci andrebbero Pittsburgh e Kansas City. Gli Steelers dopo un avvio stentato, stanno ingranando grazie ad un Big Ben da sogno, 12TD nelle ultime due partite, divenendo fulcro di un attacco inarrestabile. Le’Veon Bell, RB, sta vivendo una stagione incredibile insieme ad Antonio Brown, inarrestabile a tratti. La difesa invece è il punto debole, concede sempre troppo e per ora i turnover li stanno aiutando. I Chiefs stanno vivendo lo stesso percorso, inizio a fatica e poi hanno ingranato col passare delle settimane, nonostante i tanti infortuni. Houston, Charles e Kelce sono i protagonisti di questa cavalcata con un Alex Smith che fa il suo. Ad inizio stagione sembrava impossibile rivederli ai PO, ora invece paiono più determinati che mai.

Le Wild Card sono tutt’altro che chiuse, anzi. Con lo stesso record, a seconda del bye, inseguono nell’ordine: Cleveland, Buffalo, Miami, San Diego e Baltimore. FIno a settimana scorsa sembrava che i Chargers ci potessero arrivare in carrozza all Post season invece è arrivato un calo inaspettato. Cleveland è la sorpresa, nessuno la aspettava li, soprattutto con Hoyer al timone. Stesso discorso per Buffalo, sembravano destinati ad una stagione di transizione, invece eccoli qui a giocarsela. Miami è una sorpresa, l’attacco gira bene con Tannehill mentre la difesa al momento è una delle migliori. Baltimore invece è forse quella con più possibilità, è esperta e forte in ogni settore, manca qualcosa a livello di talento però pare quella più solida.

NFC

 

Larry+Fitzgerald+Arizona+Cardinals+v+Dallas+SAK0ZR7qiEWxLa dominatrice al momento della NFC sono gli Arizona Cardinals, vera sorpresa al momento. La squadra di Bruce Arians ha solo una sconfitta all’attivo ma soprattutto sta mostrando di essere molto efficiente e quadrata, riuscendo a conquistare vittorie di spessore con 49ers, Dallas e Philadelphia per esempio. La squadra è guidata da un Carson Palmer che sta vivendo una seconda giovinezza con il RB Andre Ellington che sta vivendo una stagione da favola. Fitzgerald sta ingranando mentre Malcolm Floyd ed i due Brown stanno dando una mano importante. La difesa è spettacolare, contro le corse è perfetta e grazie alla massiccia dose di blitz riesce a portare i QB avversari all’errore forzando i turnover necessari. Chi si sta esaltando è Antonio Cromartie, protagonista di diversi intercetti e ottimo su ogni tipo di WR.
Di questo passo i Cardinals saranno i veri favoriti per il Super Bowl in questo lato della lega ma si sa, chi ospita il SB non lo gioca mai.

Chi sta sorprendendo sono i Detroit Lions, attualmente con in 2° seed. Chi si aspettava la squadra del Michigan in grado di comandare la NFC North e soprattutto di poter essere davanti ai più quotati Bears. I Lions stanno sfoggiando una difesa clamorosa ed un attacco che sta girando bene nonostante l’assenza di sua maestà Calvin Johnson. Alcune vittorie sono arrivate in maniera fortunosa, con Saints e Falcons ad esempio, però paiono una squadra diversa da quella degli ultimi anni, meno spettacolare ma più quadrata ed efficiente. Molto bene sta facendo Golden Tate, arma preferita di Stafford nell’ultimo periodo. Il calendario ora però diventa molto difficile e da qua in poi scopriremo di che pasta son fatti questi Lions.

Matthew+Stafford+Detroit+Lions+v+Atlanta+Falcons+0COXYajMXuOxIl terzo seed è dei Philadelphia Eagles di Chip Kelly con record di 6-2. La squadra della città dell’amore fraterno ha all’attivo due sconfitte con 49ers ed Arizona però il campo dice che stanno incontrando diversi limiti, soprattutto a livello offensivo. Foles non è quello dello scorso anno, tantissimi INT, anche molto brutti, non riuscendo mai a dare fluidità all’attacco e nell’ultima partita con i Texans ha rimediato un infortunio alla clavicola che lo terrà fuori per almeno 6 Week, dando spazio a Mark Sanchez. Ottimo Maclin fino ad ora, vero go-to-guy di questo team mentre McCoy non sta ingranando.La difesa invece sta giocando molto bene, nonostante alcuni infortuni chiave, prima quello di Kendricks e poi quello di Demeco Ryan. Phila ha tutte le carte in regola per essere una gran protagonista a Gennaio me servirà una maggiore efficienza offensiva dato che al momento sta facendo troppa fatica.

Il quarto seed per i playoff al momento di New Orleans che solo nelle ultime due settimane sta riuscendo a venire fuori da una NFC South veramente mediocre con Tampa ed Atlanta in piena difficoltà e la sola Carolina pare essere l’unica vera rivale tra tutti i suoi problemi. Il record per i ragazzi di Sean Payton è di 4-4 ma la squadra non sembra essere al livello delle potenze della Division, i problemi difensivi sono importanti e la OL sta facendo molta fatica. La Division e il seed #4 è alla portata però vederli protagonisti sino in fondo a Gennaio è difficile pensarlo al momento.

Standing
Standing

I due posti per le Wild Card al momento le hanno Dallas e Seattle. I primi stanno sorprendendo, grazie ad un Demarco Murray in versione MVP sono arrivati ad un record di 6-2, battendo anche avversari importanti come Seattle e New Orleans. Romo sta giocando alla grande anche se l’infortunio potrebbe fermarlo per diverse settimane, Brandon Weeden non è una garanzia come backup e si è visto. La difesa, fatta da mesterianti, sta facendo molto bene, nonostante si vedano enormi limiti. Difficile prevedere il loro proseguo però con un Romo in forma i PO non sono una utopia.
I campioni in carica invece non stanno vivendo una gran stagione, tra problemi di infortuni e di spogliatoio stanno faticando e le sconfitte con Dallas e Rams ne sono la prova. Wilson sta faticando sul gioco aereo, anche perchè i WR stan faticando entrando in ritmo e il materiale non è d’elite. La difesa sta pagando l’assenza di Wagner e concede sempre qualcosa di troppo rispetto allo scorso anno. Arizona è in gran forma e andare a prenderli sarà dura, a meno di un cambio di gioco repentino.
“In The Hunt” per i PO ci sono praticamente due squadre, Green Bay e San Francisco, e forse Minnesota se troverà continuità.
Green Bay ha un calendario agevole da qua alla fine e vederli passare per la porta principale potrebbe essere possibile anche perchè i Lions non danno garanzie. Per San Francisco invece ci vorrà un miracolo, la concorrenza è altissima in Division e anche una sola sconfitta non è ammissibile. Servirà la perfezione, cosa che fino ad ora non si è mai vista nella baia.
A Minnesota servirebbe un miracolo ancora più grande per la WC, anche perchè a livello di talento sono ancora sotto le altre squadre della AFC North. Carolina invece potrebbe andare ai PO dalla porta principale se i Saints dovessero mollare qualche colpo e potrebbero approfittarne, anche se guardando la squadra pare molto debole.
Per il resto tutte sono praticamente fuori dai giochi, delusioni assolute sino ad ora Chicago e Atlanta, che partivano per fare qualcosa di molto meglio.
Situazione surreale invece a Washington, secondo alcune voci lo spogliatoio ha mollato Robert Griffin, che vorrebbe Colt McCoy titolare, e il QB pare un elemento alienato dal resto del team. Tempi duri si prospettano a Washington.

AWARD

MVP: Demarco Murray, RB, Dallas Cowboys
Oltre 1000Y corse, unico in NFL, e trascinatore principale dei Cowboys. Il segreto di Dallas è lui e sta vivendo una stagione fenomenale.

Offensive Player of the year: Demarco Murray, RB, Dallas Cowboys
Vedi sopra.

Defensive Player of the year: JJ Watt, DE, Houston Texans
Watt è senza dubbio il difensore più forte della lega al momento. 3TD a referto, una presenza costante nei backfield avversari e terrore per i QB.

Offensive Rookie Player of the year: Kelvin Benjamin, WR, Carolina Panthers
Il WR da FSU è l’unico target degno di Kelvin Benjamin e lui sta rispondendo alla grande. Ancora qualche drop di troppo però sta facendo numeri incredibili.

Defensive Rookie Player of the year: CJ Mosley, LB, Baltimore Ravens
Il LB da Alabama sta rimpiazzando degnamente Ray Lewis con una leadership e qualità da campione.

Comeback Player of the year: Von Miller, LB, Denver Broncos
Dopo un crociato rotto è sempre difficile tornare però lui lo lo sta facendo alla grande a suon di Sack e TFL.

Head Coach of the year: Bruce Arians, Arizona Cardinals
Non è il 7-1 ad impressionare ma impressiona soprattutto perchè il talento a disposizione di Arians non è di primissimo livello e lui sta facendo un capolavoro.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B