Colpo Pacers, Kings col brivido finale, ok Cavs!

Cleveland bombarda Atlanta con tanto di record NBA, colpo Indiana a Chicago e colpo casalingo dei Kings sugli Spurs trascinati da Cousins. Tutto facile per Golden State e Dallas, ok Clippers.

Washington Wizards – Orlando Magic 98-93
WAS: Pierce 10, Nene 16, Wall 15 (10 ass), Humprhies 16, Porter 12, Butler 10
ORL: Harris 19, Frye 14, Vucevic 14 (11 rimb), Fournier 15, Oladipo 18

John Wall timbra il cartellino (15+10 assist) ma stavolta è la panchina di Washington che fa la differenza nel successo sui Magic; ospiti che dal -10 dell’intervallo arrivano fino al -1 (60-59) grazie alle triple di Frye e Fournier, a cavallo tra il 3° e il 4° quarto i Wizards danno quel colpo di reni con un break di 11-3 per il +9 (71-62) per poi tornare di nuovo sul +10 (76-66), vantaggio che difenderanno fino alla fine.

Cleveland Cavaliers – Atlanta Hawks 127-94
CLE: James 32, Love 13, Marion 11, Varejao 2 (10 rimb), Irving 20, Harris 12, Thompson 12
ATL: Millsap 16, Sefolosha 10, Muscala 13, Jenkins 12

786_1379708_396057Alla Quicken Loans Arena è una pioggia di triple (19!) da parte dei Cleveland Cavaliers che stabiliscono inoltre un nuovo record NBA, 11/11 da 3 nei primi 11 tentativi! La partita è già in archivio dopo i primi 12’!
Cavs avanti 42-25 con James e Love già in doppia-cifra e 9/9 dal 3, all’intervallo il punteggio reciterà 71-43 con 13/17 dal 3! Altro dato importante sono i 94 punti subiti, Cleveland nelle ultime 6 partite aveva sempre concesso 100+ punti agli avversari.

Toronto Raptors – Utah Jazz 111-93
TOR: Valanciunas 17 (14 rimb), DeRozan 27, Lowry 19, Williams 13, Patterson 16
UTA: Hayward 12, Favors 18, Kanter 18, Burks 10 (10 rimb), Burke 12

I Toronto Raptors continuano la loro marcia battendo anche gli Utah Jazz con DeMar DeRozan da 27 punti; Jazz che a 8’05” dalla fine sono avanti 82-83, parziale di 17-3 Toronto con due triple (Patterson e Vasquez) che spacca in due il match portando i canadesi sul +13 (99-86) a 4’24” dalla sirena finale

Chicago Bulls – Indiana Pacers 90-99
CHI: Gasol 12, Butler 32, Hinrich 15
IND: Copeland 13, Scola 21 (11 rimb), Hill 21 (12 rimb), Price 21

201411152113764116364Colpo esterno della notte firmato dagli Indiana Pacers che sbancano (senza Watson, Miles, Stuckey, West, Hill) lo United Center di Chicago con i 20elli i Scola, Hill e Price, vani i 32 punti (career-high) di Jimmy Butler; Pacers che scappano subito ad inizio 4° periodo, dal +4 volano sul +10 (65-75) grazie ad una tripla di Copeland e ad un 2+1 di Price, Butler prova la rimonta ma si fermerà solo sul -6 (71-77) prima di ricevere un altro break che farà sprofondare i Bulls fino al -17 (71-88).

Memphis Grizzlies – Detroit Pistons 95-88
MEM: Randolph 17 (22 rimb), Gasol 23, Conley 18, Lee 12
DET: Smith 11, Monroe 16 (11 rimb), Drummond 6 (10 rimb), Jennings 14, Singler 21

Italian Job: Datome DNP

Detroit Pistons v Memphis GrizzlieVittoria n° 9 su 10 partite per i Memphis Grizzlies del duo Randolph-Gasol che nella notte ha demolito il duo dei Pistons Monroe-Drummond; Grizzlies che comandano toccando anche il +11 nel 4° periodo ma si rilassano troppo presto, Detroit con le triple di Singler si fa minacciosa fino al -5 (89-84) a 1’43” dalla fine con anche 2 chance di poter ribaltare il risultato ma Singler sbaglierà la tripla del possibile -2 e Jenning la perderà sul possesso successivo. Conley realizzerà il layup della sicurezza a 31”.

Dallas Mavericks – Minnesota Timberwolves 131-117
DAL: Parsons 12, Nowitzki 15, Chandler 12 (16 rimb), Ellis 30, Aminu 10, Wright 13, Barea 14, Jefferson 10
MIN: Bennett 10, Martin 34, Williams 13, Dieng 12, Brewer 13, Muhammad 18

Dopo i 139 subiti a New Orleans i T-Wolves “limitano i danni” subendone 131 a Dallas contro i Mavericks; padroni di casa che dopo un primo quarto equilibrato (28-22) cambiano marcia nel 2° volando anche sul +21 (63-42), all’intervallo il punteggio sarà 63-44.

Portland Trail Blazers – Brooklyn Nets 97-87
POR: Lopez 10, Leonard 7 (12 rimb), Mathews 10, Lillard 28 (10 ass), Kaman 12
BKN: Johnson 20, Garnett 12 (12 rimb), Lopez 21, Williams 19, Jack 10

Senza LaMarcus Aldridge e Nicolas Batum i Portland Trail Blazers battono lo stesso i Brooklyn Nets con un Dame Lillard da 28 punti e 10 assist; a metà del 4° periodo Blazers in controllo sul +13 (86-73), Brooklyn ci prova e arriva fino al -6 (88-82) a 3’30” ma una boma di Wesley Matthews ucciderà definitivamente la partita.

Sacramento Kings – San Antonio Spurs 94-91
SAC: Gay 18, Cousins 25 (10 rimb), Collison 19
SAS: Leonard 16, Duncan 15, Green 16, Parker 11, Ginobili 21

Italian Job: Belinelli DNP

786_1379845_763203DeMarcus Cousins vede Tim Duncan, cambia faccia e chiude a referto con una bella doppia-doppia nel successo interno dei suoi Kings sugli Spurs; finale alla Sacramento Kings, sotto 87-88 a 2’ dalla fine ecco il parziale di 6-0 per il +5 (93-88) a 21” dalla fine…ma San Antonio rientra subito con Ginobili che segna col fallo per il -2 (93-91) a 8”.
Collison va in lunetta ma fa 1/2, ultima chanche per i campioni ma la tripla dell’Argentino non andrà a segno

Golden State Warriors – Charlotte Bobcats 112-87
GSW: Barnes 17, Bogut 13, Thompson 21, Curry 19, Speights 13
CHA: Jefferson 19, Stephenson 16, Zeller 5 (10 rimb), Roberts 17

I Golden State Warriors battono Charlotte con gli “Spash Brothers” al lavoro nella notte dell’inaugurazione della nuova T-Shirt (orribile!); anche qui 2° quarto spartiacque della partita, Golden State chiude avanti di 5 il 1° periodo, ne rifila 39 nel 2° con Thompson ne realizza 16 e la quadra che tira 6/8 da 3 per andare al riposo lungo sul +21 (67-46).

Los Angeles Clippers – Phoenix Suns 120-107
LAC: Barnes 12, Griffin 19, HìJorda 12 (18 rimb), Redick 14, Paul 32, Hawes 14
PHX: Dragic 19, Bledsoe 1 (10 ass), Len 17 (11 rimb), Thomas 19, Green 26

786_1379919_487174Chris Paul chiude con 32 punti e 9 assist nel successo dei Clippers sui Suns; si va egli spogliatoi sul 54-54 ma soltanto i Clips poi usciranno in campo, 42-20 il parziale del 3° quarto con il 72% dal campo dei padroni di casa guidati da CP3 (11 punti) contro il 27% degli ospiti!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B