NFL Tuesday 19: Recap della Week #12

Oakland prima gioia dell’anno, Denver in rimonta su Miami, Patriots facili su Detroit, Cowboys all’ultimo contro i Giants, Baltimore passa a New Orleans e Arizona cade a Seattle!

Kansas City Chiefs @ Oakland Raiders 20-24

Derek+Carr+Kansas+City+Chiefs+v+Oakland+Raiders+NsCDvHBoIPMxArriva finalmente la prima vittoria stagionale per gli Oakland Raiders nella notte di Giovedì giocando un match quasi perfetto contro dei Chiefs che arrivavano da una gran partita con i Seahawks e sembravano una delle squadre più in forma al momento.
Partita perfetta dei Raiders per quasi tre quarti dove si ritrovano avanti nel punteggio per 17-3. Grande protagonista è Latavius Murray, il RB segna ben 2 TD su corsa nei primi due quarti, i Chiefs non ne avevano concessi ancora uno fino ad ora, molto spettacolare il secondo con una portata da 90Y. Sfortunatamente il RB chiuderà la partita prima dell’intervallo per una concussion concludendo con 112Y in 4 portate.
Dalla fine del terzo quarto i Chiefs si scatenano e trovano il TD di Fasano su passaggio di Smith e del solito Jamall Charles su una ricezione da 30Y.
Nel finale Kansas City prova a vincerla, approfitta di qualche penalità dei Raiders ma non riescono comunque a recuperare la partita visto che non riusciranno a convertire un 4&13, dopo il sack di Sio Moore.
Evita la stagione imperfetta Oakland e finalmente i giocatori possono sorridere. I Chiefs si inguaiano in una partita giocata in maniera orrenda e ora non dovranno più fare passi falsi.

Cleveland Browns @ Atlanta Falcons 26-24

Cleveland torna a vincere grazie ad un FG di Cundiff a tempo scaduto ma anche grazie ad una gestione del finale orrenda di Atlanta che regala quasi 50 secondi nel finale ai Browns al posto di far scorrere il tempo e chiudere la partita.
E’ il giorno del rientro di Josh Gordon e lo fa con gran stile, 120Y ma soprattutto mettendo una ricezione fondamentale nel drive finale decisivo.
L’ultimo quarto è da cardiopalma, i Falcons entrano sotto di 9 punti e grazie a due turnover di Hoyer, fantastico l’intercetto di Trufant, riescono a rientrare in partita e portarsi avanti con il FG di Matt Bryant a 45 secondi dalla fine dopo la pessima gestione descritta sopra.
Hoyer si rimbocca le maniche e costruisce il miracolo, con un drive da 61Y in cui trova Gordon e Austin per due big play porta i Browns in posizione da FG dove Cundiff non sbaglia.
Altra vittoria per i Browns che tengono la linea di galleggiamente nella NFC North mentre i Falcons continuano la loro stagione nera nonostante comandino la division al momento.

Tennessee Titans @ Philadelphia Eagles 24-43

Vittoria schiacciante per i Philadelphia Eagles che impiegano molto poco a liberarsi di Tennessee nonostante un Sachez molto impreciso, che ha mostrato di essere poca cosa quest’anno.
La notizia in casa Eagles è il ritorno di Lesean McCoy con oltre 130Y corse ed un TD, da diverso tempo mancava una prestazione del genere. Ottimo l’apporto pure di Darren Sproles con un TD mentre la differenza l’ha fatta lo Special Team con Josh Huff protagonista di un ritorno da 107Y mentre il K Parkey si è mostrato solidissimo.
Per Tennessee invece giornata pessima con la OL che ha concesso 5 sack oltre a tantissima pressione, senza contare i 4 turnover persi.
Vittoria importante per gli Eagles che ora affronteranno tutte le sfide divisionali importanti, a partire da giovedì con i Cowboys nel Thanksgiving.

Detroit Lions @ New England Patriots 9-34

Tim+Wright+Detroit+Lions+v+New+England+Patriots+cvS0TbfIVlsxVittoria schiacciante per i Patriots su dei Lions che son parsi veramente poca cosa contro Tom Brady e compagni.
Prova incredibile della difesa che annulla pima Calvin Johnson grazie a Brandon Browner e Darrell Revis, mettendo poi tantissima pressione su Stafford grazie soprattutto a Ninkovich e Ayers.
“Another Day in the Office” per Brady che lancia per 349Y e 2 TD per Tim Wright mentre celebra alla grande il ritorno a Foxborough LeGarrett Blount con 78Y corse e 2TD.
Pessima giornata invece per i Lions che combinano poco o nulla, running game inesistente mentre il gioco aereo mai ha carburato con un Staffordo da 18/46 e 264Y.
Vittoria che tiene ancora molto in alto i Patriots mentre per i Lions ora le cose si fanno difficili per i playoff.

Green Bay Packers @ Minnesota Vikings 24-21

Aaron+Rodgers+Green+Bay+Packers+v+Minnesota+S-n9M06UXwOxVittoria molto sudata e difficile per i Packers che riescono a contenere il comeback finale dei Vikings mettendo un altro tassello per la vittoria della NFC North.
La partita fa fatica a trovare un padrone con le due squadre che si equivalgono per oltre metà partita. Al primo TD di Eddy Lacy, 125Y corse, risponde Charles Johnson su passaggio di un buon Bridgewater, 210Y, 2TD e INT.
Nel secondo quarto arriva il TD di Richard Rodgers, su passaggio di Aaron, con una bellissima palombella da un lato all’altro del campo dando il 14-10 a favore dei Cheesehead, punteggio su cui si concluderà il primo tempo.
Dopo un terzo quarto di equilibrio, nell’ultimo i Packers scappano sul 24-13 grazie al TD di Eddie Lacy su uno Shovel Pass di Aaron Rodgers, 209Y e TD.
Nel finale Bridgewater prova a rimontarla, prima orchestra un bel drive dove trova Jennings e poi riesce a realizzare pure la conversione da 2 punti. Nei minuti finali però è la difesa che manca non riuscendo a stoppare le corse di Lacy.
Vittoria che cementa il primato in division per i Packers mentre per i Vikings oramai non si aspetta che la fine della stagione.

Jacksonville Jaguars @ Indianapolis Colts 3-23

Dopo 20 minuti la partita sembrava una bazelletta con ben 5 turnover totali, di cui 4 fumble. La partita continua a essere orrenda per tutto il primo tempo con le difese che la fanno da padrona e i due QB in piena difficoltà, il fumble senza senso di Luck e l’intercetto di Bortles ad esempio.
Nel secondo tempo però i Colts mostrano il loro maggiore talento, prima torna a segnare Trent Richardson con una corsa da 1 Yard e poi il sempre più dominante TY Hilton segna su una ricezione da 73Y.
Per i Jaguars buona la prova difensiva con un Cris Clemons protagonista di 3 sack e un fumble forzato ma non basta ai Jags per provare a vincere la partita.
Colts sempre più padroni della AFC South mentre i Jags continuano la loro corsa alla 1° pick assoluta del prossimo Draft.

Cincinnati Bengals @ Houston Texans 22-13

Dura una partita l’effetto Mallett a Houston e arriva la sconfitta casalinga contro i Bengals che comunque han provato in tutti i modi a fare restare in partita i Texans.
Il primo tempo è a favore con Cincinnati con Dalton che trova Sanu in endzone e poi la difesa forza una safety su Alfred Blue placcato in endzone da Geno Atkins.
Il terzo quarto si apre il TD del rookie RB Jeremy Hill su una corsa di un paio di yard ma un paio di possessi più in la Dalton riapre la partita lanciando un Pick Six per Jonathan Joseph e poi Randy Bullock con un FG dalle 25Y porta sul -3 i Texans. Nell’ultimo quarto però Houston si spegne e non riesce a rimontare mentre i Texans con un paio di FG di Nugent chiudono la partita.
Primato in Division e playoff che sono ad un passo per i Bengals se non commetteranno ulteriori errori mentre per Houston la corsa playoff è praticamente finita e rischiano di aver perso per infortunio pure Ryan Mallet.

Tampa Bay Buccaneers @ Chicago Bears 10-21

Jay+Cutler+Tampa+Bay+Buccaneers+v+Chicago+Km7yh645or7xTampa uscirà con tanti rimpianti da questa partita visto il terzo quarto orrido dove ha perso ben 3 palloni permettendo la rimonta dei Bears.
Primo tempo in cui i Bucs la fanno da padrona, con la DL che ha sempre la meglio sulla OL di Chicago con McCoy che riuscirà a recuperare un pallone. Tampa va all’overtime sul 10-0 grazie al TD del solito Mike Evans su passaggio di McCown e al FG di Murray.
Il terzo quarto è un incubo per gli ospiti, prima Cutler trova Jeffery in endzone e poi McCown commette due turnover consecutivi, un fumble e poi un intercetto, capitalizzati entrambi da Forte, 89Y totali. I Bucs sono pure sfortunati con Vincent Jackson che perde palla vicinissimo alla endzone ma al replay pareva che il fumble non ci fosse.
Nell’ultimo quarto i Bucs provano a rimontarla ma la difesa di Chicago sbarra tutto e si porta a casa una utilissima vittoria.

Arizona Cardinals @ Seattle Seahawks 3-19

Russell+Wilson+Arizona+Cardinals+v+Seattle+l3MwgiVJAuXxDoveva essere il big match di giornata e alla fine è stato un dominio dei Seahawks con una Arizona finalmente “normalizzata”.
La partita è molto fisica, come nelle attese, con le due DL in grado di portar tanta pressione sul QB avversario, 7 i sack per Arizona (3 dal solo Campbell) e 3 da parte di Seattle.
La differenza la fa però la maggior efficienza di Seattle, Hauschka mette 3FG ma soprattutto riesce a tenere il possesso per la maggior parte del tempo con un Russell Wilson molto preciso, 17/22 con 211Y ed un TD per il TE Helfet.
I Cardinals pagano un Stanton molto impreciso e soprattutto degli errori madornali, come il punt bloccato o il drop di Jaron Brown in endzone.
Seattle si lancia bene per l’ultima parte di stagione in cerca dei playoff mentre Arizona perde ma non compromette nulla anche se ora la schedule è veramente difficile.

St.Louis Rams @ San Diego Chargers 24-27

Partita molto bella e combattuta alla Qualcomm Arena tra i Rams ed i Charges con molte emozioni e che si è decisa solo nei minuti finali.
La partita si apre nel secondo quarto quando sul punteggio di 3-3, Philip Rivers si fa intercettare da Janoris Jenkins sulla linea della yard con il CB che riporta l’ovale in TD.
Nel terzo quarto arriva il primo suicidio dei Rams, prima Ryan Matthews corre per 32Y per la segnatura e poi Shaun Hill commette fallo con Gachkar che ricopre il fumble tra le dormite generali e riporta in TD. Sul drive successivo St Louis è costretta al punt ma Keenan Allen insieme ad un compagno commette un disastro regalando la palla ai Rams che ne approfitteranno subito con Tavon Austin.
L’ultimo quarto si apre col botta-risposta tra Keenan Allen e Stedman Bailey con il punteggio sul 27-24 per i Chargers. Dopo un 3&out, San Diego va al punt e Tavon Austin compie un gran ritorno ma viene annullato per un Holding. Nonostante questo i Rams grazie a Kenny Britt si presentano in redzone ma con una gestione scellerata delle chiamate offensive, Shaun Hill si fa intercettare da Gilchrist e la partita si chiude.
Vittoria sudata ma importante per i Chargers che sono la prima esclusa dai PO al momento. I Rams danno la conferma che sono una squadra vera e che sono ad un QB dall’essere una contender.

Miami Dolphins @ Denver Broncos 36-39

Wes+Welker+Miami+Dolphins+v+Denver+Broncos+WNIdqfze1UIxVittoria soffertissima per i Broncos che riescono ad avere la meglio sui Dolphins grazie ad un ultimo quarto superlativo in cui Manning e compagni han fatto quello che volevano.
Partita che si mette subito bene per Miami che scappano subito sul 14-3 grazie ad un ottimo Tannehill (228Y, 3 TD e INT) ed il TD di Daniel Thomas. Segni di ripresa di Denver si vedono a metà secondo quarto con Manning (257Y e 4TD) che trova D. Thomas in endzone. Sul Drive successivo dei Dolphins i Broncos forzano ben 3 fumble ma non riescono a recuperarne neanche uno e alla fine soccombono il TD di Mike Wallace. Prima della fine del tempo Manning orchestra un drive da 102 secondi e trova il TD di un immenso Thomas, 87Y totali.
Il secondo tempo si apre un drive infinito dei Broncos ma che viene annullato dal brutto FG di McManus dalle 33Y. La sfortuna pare non finire per i padroni di casa che su un punt dei Dolphins, Burse provando il ritorno commette fumble concedendo la palla agli avversari sulle 12Y, che capitalizzano al massimo col TD di Jarvis Landry.
L’ultimo quarto è però incredibile, la difesa dei Broncos domina e l’attacco gira che è una meraviglia con un gioco di corse di alto livello con CJ Anderson, 167Y corse e TD, grande protagonista e Thomas li riporta sul -3 grazie anche ad un gioco da 2 pti di Sanders, e poi è proprio Anderson a portare avanti i padroni di casa. Sul drive successivo Tannehill si fa intercettare e Manning chiude la partita con un passaggio su Welker. Miami prova a rientrare in partita con il secondo TD di Landry ma non convertono l’onside kick di rabona di Sturgis.
Vittoria importante per Denver dopo un momento difficile mentre Miami si inguaia nella corsa playoff.

Washington Redskins @ San Francisco 49ers 13-17

Vanno in vantaggio, soffrono, si complicano la vita e alla fine vincono. Questi 49ers sono molto lontani dalla perfezione ma per lo meno non si può dire che ci mettano il cuore quando giocano, anche se rischiano ogni Domenica di perdere la partita in maniera discutibile.
MVP assoluto del match è Anquan Boldin che mette un TD a inizio partita e poi è protagonista della ricezione decisiva nel drive finale dove distruggerà pure Ryan Clark dopo una collisione. Il TD della vittoria sarà di Carlos Hyde, protagonista in negativo ad inizio partita per aver perso un fumble.
I Redskins soffrono tantissimo la difesa dei 49ers, ben 5 sack subiti, 2 di Aldon Smith, e non riescono mai a dare tempo a Robert Griffin di entrare in ritmo e solo in un paio di drive Washington trova facilità di guadagno, azioni culminate con il TD di Alfred Morris ed il FG di Forbath. Ma non basterà per vincere e la differenza di talento alla fine uscirà
San Francisco galleggia, non convince però trova la 3 W consecutiva e rimane in corsa per i playoff. La situazione a Washington continua a essere complicata ed oramai è un continuo scarica barile quando di tratta di trovare le colpe.

New York Jets @ Buffalo Bills 3-38

Vittoria netta e dominante per i Bills che hanno la meglio su dei Jets veramente inesistenti. Partita che è stata spostata Lunedì per i problemi di neve in quel di Buffalo.
Senza strafare Orton lancia per 230Y e 2TD per Woods e Chandler, con il primo protagonista di una catch spettacolare ad una mano lungo la sideline. Gli altri due TD arrivano grazie a Manny Lawson, dopo che Dixon è riuscito a bloccare un punt, e poi è lo stesso Dixon a segnare con una corsa da 30Y.
Per i Jets c’è poco da dire, Vick dopo un intercetto esce dal campo per aver provato a portare un placcaggio mentre Geno Smith non fa di meglio una volta in campo con un attacco veramente ridicolo che ha faticato a guadagnare anche solo una yard.
I Bills vincono e sperano ancora nei playoff nonostante sarà molto difficile mentre per i Jets oramai la stagione sta diventando un incubo.

Baltimore Ravens @ New Orleans Saints 34-27

Baltimore Ravens v New Orleans SaintsMonday Night che vede ancora accentuarsi la crisi dei Saints e della NFC South mentre i Ravens con una grande prova di forza si prendono una W importante per restare accodati agli avversari in Division.
La partita sembra partire bene per i Saints ma non riescono a capitalizzare una situazione dalla goal linea fallendo un 4&goal. Sul drive successivo inizia lo show di Justin Forsett, 182Y corse e 2TD, che diventa un arma fondamentale per i Ravens mentre Steve Smith va a segno. I Saints reagiscono subito con Jimmy Graham con un passaggio da Brees, 420Y e 3TD. Il secondo quarto si apre con il primo TD di Forsett però poi arriva un parziale di 10-0 per New Orleans con il FG di Graham ed il TD molto bello di Colston.
Il secondo tempo però i Ravens cambiano marcia con la difesa che sale di colpi, dopo un FG di Tucker, la Safety Hill intercetta Brees e riporta in TD per il vantaggio.
L’ultimo quarto si apre con du FG di Tucker e Graham ma a 3 minuti dal termine Forsett fa calare i titoli di coda con il 2TD di giornata. Negli ultimi secondi Brees trova Graham per riaprire la partita ma è oramai troppo tardi.
Vittoria importante per i Ravens che alimentano le loro speranze di playoff mentre i Saints rimangono ancora in corsa per i PO con un record di 4-7, l’opposto di quello dei Ravens.

MATCH OF THE DAY

Dallas Cowboys @ New York Giants 31-28

Dez+Bryant+Dallas+Cowboys+v+New+York+Giants+7wkKmfz0ud0xNella notte della vittoria dei Cowboys, splende la stella di Odell Beckham Jr, il WR rookie dei New York Giants, protagonista di una prestazione favolosa. La copertina della serata è sicuramente sua con la ricezione ad una mano ad inizio secondo quarto, ribattezzata da alcuni come la migliore catch mai vista in NFL.
Il match si mette subito a favore dei Giants con Manning che orchestra un bel drive e trova il primo TD di giornata di Beckham. Dopo un FG di Dan Bailey per i Cowboys, il secondo quarto si apre con la ricezione stratosferica di Odell Beckham Jr che da il 14-3 ai Giants. Dallas però reagisce e sul drive successivo Romo trova il solito Jason Witten per il TD. Prima della fine del primo tempo Eli Manning orchestra un altro gran bel drive(338Y e TD) culminato con il TD di Andre Williams. Prima del TD c’è stata una azione dubbio propria sullo stesso RB con un fumble che sembrava netto e ricoperto dai Cowboys ma i Refs lo hanno visto in diversa maniera.
10830580_741818999206993_6329497721014371762_oNel secondo tempo però i Cowboys cambiano musica anche grazie a Tony Romo, 275Y e 4TD, oltre ad un DeMarco Murray da oltre 120Y corse. Prima Dallas accorcia con Cole Beasley su una ricezione da 45Y e poi Romo trova il solito immenso Dez Bryant con un TD da 31Y. Nel mezzo della partita pure il solito intercetto di Manning, mettendo in difficoltà i suoi, e Odell Beckham richiamato nella locker room per buona parte del tempo per un infortunio ma prontamente rientrato in campo nell’ultimo quarto.
Buona parte dell’ultimo quarto è molto fisico e non succede praticamente nulla ma a tre minuti dal termine Eli trova Adrien Robinson con un passaggio da una yard dopo una ottima play action. A questo punto la palla passa in mano ai Cowboys e ad Romo e con un drive da 80Y e 7 plays, Romo trova Dez Bryant per il TD della vittoria in rimonta.
Gran vittoria Cowboys che con il morale a mille andranno a sfidare nel Thanksgiving gli Eagles per il primato della Division.

  • Giasone

    Assurdo quello che sta succedendo nella NFC South, sembra che tra Carolina Atlanta e New Orleans facciano a gara per non andare ai playoff. I Saints sono indecifrabili quest’anno, per buona parte della stagione sembrava che mancasse solo un poco più di attenzione e di fortuna per diventare una formazione solida. E invece anziché salire di colpi la squadra si sta sfaldando, difesa colabrodo e attacco che con una regolarità ormai disarmante si inceppa sempre sul più bello (anche Brees, che statistiche a parte non è più quello di qualche anno fa). Questa sarà con tutta probabilità la peggior stagione con Sean Payton allenatore, se non si raggiungono i playoff sento odore di divorzio a fine anno.

  • Sbagliato la Free-Agency senza rafforzare la difesa, davanti comunque Graham-Cooks-Colston con Drew ci sono…dietro sono imbarazzanti