Memphis non si ferma, colpo Dallas, che Westbrook!

Memphis si conferma la più forte dell’Ovest vincendo anche a Portland, colpi esterni per Dallas e L.A Clippers, bene Rose, Spurs e Hawks. Kobe beffato dai T-Wolves, che ritorno di Westbrook!

Boston Celtics – Chicago Bulls 102-109
BOS: Green 10, Sullinger 23, Bradley 18, Bass 16, Turner, 13
CHI: Gasol 15 (14 rimb), Noah 15 (13 rimb), Butler 22, Rose 21, Mirotic 13, Brooks 15

B3jiJAVCMAE0OnF.jpg-largeLa partita comincia subito bene per gli uomini in pigiama che chiudono un primo quarto da 35-24 tirando col 59% dal campo, nel 2° quarto la difesa di Chicago continuerà a fare acqua e la forbice si allargherà fino al +16 Celtics (56-40). Chicago però non demorde e con le giocate di Rose torna in partita fino al +2 (68-70) dopo 5’ del 3° quarto! Finale in volata con Rondo che fa 0/2 dalla lunetta a 62” sul 102-102, i Celtics conquistano la palla nella lotta a rimbalzo (dopo l’instant replay) ma Sullinger sbaglia la tripla e Rondo manda in lunetta Butler. La guardia di Chicago non trema per il +2 (102-104) a 50” dalla fine, successivamente Noah prima stopperà Turner e poi realizzerà il jumper che ucciderà la partita!

Charlotte Hornets – Golden State Warriors 101-106
CHA: Zeller 15 (14 rimb), Jefferson 18, Stephenson 11, Walker 13 (13 ass), Roberts 20
GSW: Thompson 17, Curry 26, Speights 27

Stephen Curry spara 1/10 da 3 punti mai i Warriors vincono ancora battendo gli Hornets con uno scatenato Marreese Speights nell’ultimo quarto; le squadra ci entrano sul +6 Charlotte (80-74), Speights realizzerà 16 dei suoi 27 punti nei primi 7’ di gioco portando da solo Golden State dal -6 al è+2 (90-88)! Ad uccidere la partita ci penserà poi il solito Steph Curry con 4 punti consecutivi per il +7 (90-97) a 2’34” dalla sirena finale.

Atlanta Hawks – New Orleans Pelicans 100-91
ATL: Carroll 19, Millsap 13, Horford 10 (10 rimb), Korver 11, Teague 26, Schroder 11
NOP: Evans 18, Davis 14 (11 rimb), Asik 10 (11 rimb), Holiday 20, Anderson 20

Gli Atlanta Hawks limitano Anthony Davis a 14+11 e battono i Pelicnas trascinati da Jeff Teague; partita sostanzialmente sempre gestita dai falchi, nell’unico momento delicato (64-56) ad inizio 4° periodo ecco il break di 8-0 per il nuovo +16 (72-56).

Detroit Pistons – Milwaukee Bucks 88-104
DET: Smith 13, Drummond 26 (20 rimb), Caldwell-Pope 21, Augustin 10, Singler 11
MIL: Ilyasova 22, Middleton 12, Bayless 10, Dudley 16

Italian Job: Datome DNP

Continuano a fare bene i Milwaukee Bucks vincenti nella notte al Palace di Detroit grazie al supporto della panchina (69-13!), per i Pistons 7° K.O consecutivo; Milwaukee tiene le redini del match ma i padroni di casa restano a contatto chiudendo il 3° sotto solo 69-74, Ersan Ilyasova però è in una di quelle serata e l’apertura di 4° periodo sarà tutta sua! Il turco realizza 8 degli 11 punti di Milwaukee spingendo i suoi sul +15 (72-85) dopo neanche 2’30” di gioco, Detroit non recupererà più.
Da sottolineare la pazzesca giocata di Giannis Antetokounmpo, euro-step…dalla linea dei 3 punti!!!

Toronto Raptors – Dallas Mavericks 102-106
TOR: Johnson 20, Valanciunas 8 (13 rimb), Lowry 25, Laptterson 10 (12 rimb), Williams 16, Vasquez 14
DAL: Parsons 16, Nowitzki 15, Chandler 11 (10 rimb), Ellis 30, Aminu 14

786_1389703_335586Primo colpo esterno della notte firmato Dallas Mavericks vincenti in quel di Toronto (DeRozancon uno strepitoso Monta Ellis; Monta si scatena nel 4° periodo, un suo personale break di 7-0 lancia i texani sul +11 (83-94) a 3’27” dalla fine ma Kyle Lowry non molla e da solo riporta Toronto fino al -3 (96-99) a 33” dalla fine. Ellis gli risponderà per ben 2 volte e i liberi di Harris chiuderanno i giochi a 6”.

Houston Rockets – Los Angeles Clippers 85-102
HOU: Ariza 13, Black 11, Harden 16, Canaan 13
LAC: Griffin 30 (10 rimb), Jordan 7 (13 rimb), Redick 15, Paul 10, Crawford 21

Los Angeles Clippers v Houston RocketsStavolta l’assenza di Dwight Howard è costata cara agli Houston Rockets, sconfitti in casa dai Clippers con Blake Griffin da 30+10; L.A sempre in controllo della partita, +12 all’intervallo (44-56) e uccisa subito ad inizio 3° quarto con un parziale di 10-2 per il +18 (50-68), James Harden stavolta non ha fatto il miracolo chiudendo con 5/12 dal campo

Oklahoma City Thunder – New York Knicks 105-78
OKC: Ibaka 14, Adams 6 (13 rimb), Westbrook 32, Jackson 10, Lamb 13
NYK: Stoudemire 20, Hardaway Jr. 11

Italian Job: Bargnani DNP

New York Knicks v Oklahoma City ThunderTorna Russell Westbrook e torna l’entusiasmo ad Oklahoma City, il #0 ne spara 32 a referto (12(17 dal campo) contro i Knicks privi di Anthony; di questi 32 Westbrook ne ha realizzati 20 nel primo tempo dominato assolutamente da lui e dai suoi compagni, 59-33 il parziale con NY da 0/13 da 3 contro il 7/12 di OKC (3/3 di Westbrook)!

Indiana Pacers – Orlando Magic 98-83
IND: Hill 11, West 18, Stuckey 24, Allen 10
ORL: Harris 14, Vucevic 16, Oladipo 14, B.Gordon 12

Ritorno importante anche in casa Pacers con David West e conseguente vittoria per Indiana su Orlando; 3° quarto decisivo soprattutto nel finale con le 2 triple consecutive realizzate prima da Watson e poi da Hill per il +15 (72-57), Orlando non recupererà più.

San Antonio Spurs – Sacramento Kings 112-104
SAS: Leonard 19, Duncan 18, Green 11, Parker 27, Baynes 10
SAC: Hay 23, Hollins 15, McLemore 14, Collison 15, Landry 12

Italian Job: Belinelli (0/1, 0/5 da 3), 1 rimb in 13’

786_1389743_130523Seconda vittoria per Ettore Messina e i suoi Spurs rei di aver battuto i Sacramento Kings privi però di DeMarcus Cousins; partita tranquilla per i campioni in carica mai messi veramente in difficoltà dagli ospiti, un 5-0 tutto firmato Manu Ginobili ridà il +10 (56-46) agli Spurs nell’unico momento in cui i Kings si sono affacciati, San Antonio manterrà per tutta la partita un vantaggio in doppia-cifra.

Denver Nuggets – Phoenix Suns 122-97
DEN: Chandler 11, Faried 11, Mozgov 13, Afflalo 22, Lawson 11 (10 ass), Hickson 10 (11 rimb), Gallinari 11
PHX: Bledsoe 16, Tucker 11, Green 12, Warren 11, Goodwin 11

Italian Job: Gallinari 11 pt (2/4, 2/3, 1/1), 8 rimb (2 off), 1 rec

I Denver Nuggets si prendono la rivincita su Phoenix Suns asfaltandoli tra le mura del Pepsi Center; Denver realizza 66 punti nei primi 2 quarti (33+33) andando al riposo lungo avanti 66-47, nel 3° quarto altri 33 punti a referto per il +29 (99-70) dopo aver toccato anche il +31!

Portland Trail Blazers – Memphis Grizzlies 99-112
POR: Aldridge 19 (10 rimb), Matthews 26, Lillard 20, Kaman 16 (11 rimb)
MEM: Allen 11, Randolph 14 (13 rimb), Gasol 26, Lee 13, Conley 21 (10 rimb), Pondexter 10

Memphis Grizzlies v Portland Trail BlazersMarc Gasol porta a scuola LaMarcus Aldridge & Co. ed insieme a Zach Randolph espugna il Moda Center nel big-match della notte, confermando la forza di questi Memphis Grizzlies; a 7’26” dalla fine Portland rimonta dal -14 ed + sul -4 (85-89) ma per 3’ non riuscirà più a segnare, gli ospiti ne approfitteranno mettendo 5 preziosi punti sul tabellone per il +9 (85-94) a 5’25” dalla fine.
Memphis poi deciderà di tirare giù il sipario con un parziale di 9-3 per il +15 (93-108) a 97” dalla fine.

Los Angeles Lakers – Minnesota Timberwolves 119-120
LAL: Johnson 19, Boozer 15, Bryant 26, Lin 18 811 ass), Davis 6 (10 rimb)
MIN: Young 22, Brewer 13, Williams 25 (11 ass), Bennett 11, LaVine 28

Zach LaVine sente profumo di casa e chiude a referto con 28 punti (11/14 dal campo) aiutando i T-Wolves a battere di misura i Lakers di un Kobe Bryant da 26 punti; a 5” dalla fine il “Black Mamba” pareggia i conti sul 119-119 ma Nick Young commette fallo su Thaddy Young a 2” dalla sirena, Young non è impeccabile e fa 1/2, ultimo tiro nella mani del #24 che però mancherà l’appuntamento col buzzer-betaer.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Bj Elder

    Rondo che in assoluto è il mio giocatore preferito ha avuto un atteggiamento da schiaffi nell’ultimo quarto… Rose invece gioca con il freno a mano tirato solo arresto e tiro, gioca con tanta tanta paura…

  • 24>23

    Boston scienziati del tanking! Nel finale 0 su 2 ai liberi sia di rondo che di sullinger.
    Phila non la riprendono ma se iniziano a tankare da novembre 20 vittorie forse non arrivano..

  • michele

    partita emblematica della prima parte di stagione di boston,

  • Michael Philips

    Oh, Rose gioca con la strizza ma è innegabile che sia migliorato nella gestione dei possessi, del jumper dalla media e piano piano anche da 3. Spero possa tranquillizzarsi ed evitare altre situazioni in cui non se la sente di continuare dopo aver sentito un mezzo dolore.

  • InYourWais

    Cazzo mi pare non sia la prima volta che Rondo si fuma due liberi nel finale di partita questa stagione…che squadra strana, non che abbiano chissà quale talento, però stanno rendendo meno di quanto potrebbero

  • Giasone

    Spero per Rondo che quei liberi li abbia sbagliati volontariamente, ma ho i miei dubbi.
    Se Rose riesce a rendere anche modificando profondamente il suo gioco potrebbe ancora avere una carriera ricca di soddisfazioni.

    Ps: quella divisa dei Celtics è orrenda anche solo per andare a dormire, ma messa contro i Bulls diventa una bestemmia.

  • 24>23

    Ormai è ufficiale: i lakers stanno tankando sul serio. Non puoi perdere contro questa minnie…con tutti gli infortunati che hanno!
    Prestazione offensiva buona di tutti al tiro ma una difesa degna di un under 16 femminile. Nessun difensore sull’1 vs 1 e concediamo un career high di media a partita. Oggi è toccato a lavine. La prossima a uno tra ross o lowry.

  • rofled

    155-53
    Rose dovrebbe prendere esempio da westbrook, già l’anno scorso
    appena tornato da un serio infortunio si caricò tutto sulle spalle e faceva penetrazioni ancora più pericolose di prima. Così stanotte, il numero 0 ha una fame di vittorie irreale, cosí si dovrebbe comportare un professionista secondo me.

  • Rondo 30% dalla lunetta…..

  • low profile

    Rofled

    Russel ha sempre avuto una fame di vittoria irreale, forse ne ha pure troppa visto che questa smania lo porta a giocare fuori controllo, ma come voglia di vincere e secondo a nessuno e per questo gli perdono tutto il resto

  • michele

    mi chiedo i lacustri che ironizzavano sul presunto tanking dei celtics cosa diranno del finale di partita dei lakers stanotte ehehhe

  • mad-mel

    Squadre dell’est contro squadre dell’ovest sono attualmete 24-58….pensavo peggio…anche se è comunque imbarazzante come dato.

    Complimenti ai Knicks. Capiso che mancava Melo, ma essere sotto di trenta gia dopo due quarti fa capire che non c’è nessuna voglia di scendere in campo e difendere. (vedi Indiana)
    Capiso che Fisher sia lo zerbino di Jackson ma mi domando se sia un allenatore decente…aggiungi inoltre il triangolo in attacco e il mistero si infittisce.

  • InYourWais

    Cos’è il tanking? L può fare un GM acchittando una squadra mediocre, un Coach lasciando in panchina la stella o quei giocatori che potrebbero farti vincere, di certo quando sei in campo punto a punto dubito ci sia qualche giocatore che deliberatamente decida di perdere, specie con quegli ego che si portano appresso

    E sinceramente, non vedo neanche grossi nomi all’orizzonte, un Duncan, un LeBron, da dover iniziare a perdere già a Novembre. Se Rondo si fuma due tiri liberi è perchè ha fatto una cazzata, non perchè volesse perdere, se Kobe sbaglia sulla sirena idem

    Persino i 76ers sono semplicemente una squadra imbarazzante, ,a pensate davvero che ci tengano a perderne 16 di fila? Ok, sono contenti di avere una top pick a Giugno, ma possono averla anche senza perderne 82, nessuno ci tiene ad entrare nella storia dalla parte sbagliata. Sono semplicemente mediocri, molto mediocri

    Direi che a Detroit e Charlotte qualcosa non va, e qualcosa deve cambiare. Specie i secondi non valgono meno di 40-45W, ed invece le stanno perdendo tutte, e male, facendosi spesso rimontare vantaggi in doppia cifra. In questi casi il primo a saltare è sempre il coach

    Memphis, tolta OKC se recupera, è la squadra più indicata a prendere il testimone dagli Spurs se questi non vanno in finale. Sono una squadra da PO, costruita per i PO, sui due lati del campo. Ed il buon Marc Gasol sta giocando a dei livelli che suo fratello non ha mai toccato

  • rofled

    @low profile
    sisi, io lo adoro proprio x questa sua tenacia. Vedere rose fare quelle dichiarazioni mi lascia perplesso perchè di solito con questo modo di pensare/fare non si va molto avanti in NBA

  • Michael Philips

    Bucks senza senso. Il quintetto non va in doppia cifra mentre 4/5 della panchina ci va….boh?

    Chiariamo due cose:

    Rondo sbaglia i liberi perché per ora li tira peggio di shaq e in carriera ha un misero 61%.

    Kobe sbaglia il game winner perché può capitare, e credo che in carriera abbia il 29% dal campo nei game winner.

    Westrbook da paura, ma era prevedibile, uno la voglia e poi le gambe erano al 100%, a meno che non sia qualcosa di particolare gli infortuni alle mani si recuperano meglio e più in fretta.

    Gara assurda di LaVine ma non se lo cagherà nessuno. Non come quando ne ha messi 29 wiggins in una gara persa. Male jabari.

  • Jurassic_Park

    Non so voi, ma io in Lavine ci vedo un bel potenziale che possa rendere Rubio una pedina di scambio per arrivare ad un lungo… Alla fine non sarà un genio dell’assist come lo spagnolo, ma tira molto meglio (una grave mancanza nel caso di Ricky) e in difesa siamo su livelli molto simili, se non fosse che almeno su Lavine ci puoi lavorare di più.

  • in your wais

    Si ma Lavine è un due, al massimo fa scopa con Martin, Rubio che c’entra?

  • Jurassic_Park

    Io qui leggo point guard http://www.nba.com/draft/2014/prospects/zach_lavine

    Poi anche se dovesse sottoporsi a un processo di transizione da 2 ad 1 non sarebbe molto dissimile a quello che hanno vissuto altri giocatori

  • redbull

    24>23

    se lo fa ross il career high, sono più di 50 punti ahahah

  • Mr. White

    L’altro giorno qualcuno qui aveva detto “un caso che i Knicks giochino meglio e se la giochino contro Dallas senza Melo?”, ecco la risposta. Un caso, una partita in cui Calderon metteva di tutto e Dalembert faceva cose decenti. Ecco, ora siamo tornati alla dimensione standard di una squadra che, priva di Melo, faticherebbe contro Il Barcellona.

    Acy non può giocare in NBA, Calderon è buono, ma ha limiti evidenti e l’età avanza, Larkin è da D-League, Shumpert sembra aver già esaurito la verve iniziale, Jr no comment….

    Io spero che domani torni Melo, almeno per la dignità delle sconfitte.

    Per il resto non sarebbe male scegliere in alto al draft, per una volta.

  • Verbal

    @InYourWays adesso non esageriamo con i Gasol, Pau ad ora ha toccato vette ben più alte del (fortissimo) fratello

  • low profile

    “Jr no comment….”

    Anche perché quando comment… il prof. Smith…è meglio che non lo fa!

    http://www.theroot.com/articles/culture/2014/11/according_to_knicks_player_j_r_smith_black_friday_is_linked_to_slavery.html

    ps l’origine del nome dovrebbe venire dalla polizia di Philadelphia che nei venerdì e sabato successivi al TGD si ritrovava la città presa d’assalto da migliaia di presone alla caccia degli acquisti natalizi, generando il caos

  • Michael Philips

    LP

    la risposta giusta è tra i commenti:

    “The term “Black Friday” was coined in the 1960s to mark the kickoff to the Christmas shopping season. “Black” refers to stores moving from the “red” to the “black,” back when accounting records were kept by hand, and red ink indicated a loss, and black a profit. Ever since the start of the modern Macy’s Thanksgiving Day Parade in 1924, the Friday after Thanksgiving has been known as the unofficial start to a bustling holiday shopping season,” according to BlackFriday.com”

    Jr. comunque regna.

    verbal
    Concordo, Pau Gasol al suo massimo per me era comunque superiore al miglior marc gasol.

  • low profile

    MP

    è un altra teoria, ma su Wiki le danno entrambe, io ho preso quella che mi piaceva di più

    http://en.wikipedia.org/wiki/Black_Friday_(shopping)

    JR regna sempre e comunque

  • Michael Philips

    LP

    sta a vedere che ha ragione J.R….

    Black Friday = Slavery Party Yo!

  • troy hudson 88

    Lavine ha un potenziale da all star.. per me lo diventerà.. alla 14 é un colpaccio..

    Ny é semplicemente la squadra che gioca peggio tra le 29 squadre nba.. io ho dei dubbi che nell’ nba di oggi il triangolo possa funzionare, eppoi con kobe e shaq era una cosa, con larkin e acy non si può guardare.. non un grande inizio di Phil Jackson.. almeno avranno una scelta alta..

    Gasol

    Se in attacco vince Pau, in difesa non se ne parla neanche.. anch’io preferisco questo Marc al miglior Pau.. certo che Pau ha vinto un titolo da protagonista, Marc vedremo quest’anno che farà..

  • low profile

    MP
    eh si, my nigga rulez!

  • bon

    mostruosi warriors

  • InYourWais

    Ah, non metto in dubbio che da qualche parte Lavine sia segnato come PG, ma non lo è, nel modo più assoluto, come non lo era ad UCLA, e dubito i TWolves lo abbiano presto per svilupparlo in una pointguard

    No, è un 2 fatto e finito (per modo di dire, a 19 anni), come cm, atletismo, attitudine

    Marc Gasol

    Io parlo del Marc di oggi, non dello scorso anno o di quello che sarà tra qualche mese. E ad oggi, mettendo assieme i due lati del campo, dico che Pau non ha mai avuto queste vette di rendimento

    Tralasciando il lato difensivo su cui non si inizia neanche a discutere, Marc sicuramente non ha il talento offensivo del fratello, però non ci va lontano, come dimostra la media punti, ancora più impressionante se si pensa che sta giocando in una squadra con un attacco tutt’altro che esplosivo, con un 4 che gli “ruba” palloni e responsabilità in post, e senza grandi passatori tolto Conley

    Mettiamoci poi i rimbalzi, le doti di passatore, di leadership (che Pau non ha mai troppo dimostrato, se non ad intermittenza)…il mio ragionamento si basa su quanto vedo ora, poi ovvio che se parliamo di carriera e talento Gasol Sr sta ancora avanti

  • Michael Philips

    IYW

    Pau ha vinto tutto, e sopratutto con la spagna ha spesso dominato in un modo che marc forse mai riuscirà ad eguagliare. In difesa non è mai stato un mostro, ma durante il re-peat il suo lo faceva eccome e lui sì che ha giocato con compagni che gli “rubavano” palloni. Ha giocato 3 finali consecutive dovendosi scontrare con un garnett super, un howard al suo massimo, di nuovo garnett+sheed.

    Vediamo come finisce la stagione Marc. Di stagioni su questo livello pau ne ha giocate diverse e marc è al primo mese.

    In suo favore va detto che:
    1) i suoi numeri durante i playoffs salgono sempre. Il suo rendimento è sempre migliore nei playoffs rispetto alla rs.

    2) i numeri parlano chiaro: con lui memphis negli ultimi anni ha avuto ottime % di vittoria.
    Questo è anche dovuto al fatto che ad attaccare sono in 3, quindi probabilmente anche senza uno tra randolph e conley soffrirebbero più del dovuto.