A Kevin Durant i Thunder vanno bene così!

Malgrado sia sfumato all’ultimo l’arrivo di Lopez la stella dei Thunder è ottimista e soddisfatta del supporting-cast che si ritrova, i punti in post-basso non sono un problema.

DurantContinua fa dura rimonta degli Oklahoma City Thunder che stanotte si sono tolti un sassolino dalla scarpa battendo per la prima volta (su 4 incontri) i Golden State Warriors, sono stati necessari 36 punti di Kevin Durant (26 anni) e la pazzesca tripla-doppia di Russell Westbrook (26 anni), per KD la squadra è a posto così.

Col successo di stasera OKC si è portata a solo una partita dal 50% (19-20) e a 3.5 gare dall’8° posto occupato dai Phoenix Suns, nei giorni scorsi è sfumato il colpo Brook Lopez (26 anni) in quanto i Nets non erano interessati/sedotti dallo scambio con Jeremy Lamb (22 anni) e Kendrick Perkins (30 anni), per Durant non è un problema perché è soddisfatto della squadra, anche dei punti in post-basso:

Noi mettiamo sempre molti punti a referto, è quello che facciamo, non importa da dove vengano, segniamo molto. L’aggiunta di un buon giocatore per la tua squadra aiuta sempre, ma mi piace quello che abbiamo qui. Segnare punti a referto non è il nostro problema.

Ad oggi gli Oklahoma City Thunder realizzano una media di 99.5 punti col 44% dal campo, 21esimi nella Lega dietro addirittura i new York Knicks.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • LMF

    Se a lui piace cosi…faccia pure anche io sono d’accordo con questa squadra e sono sicuro che quest’anno andremo alle finals

  • scemo del villaggio

    insieme ai bulls

  • LMF

    E se qualcuno mi chiede perche sia cosi fiducioso che andremo alle finals ecco la risposta:
    A est ci vanno i cavs ma non vincono perche non hanno ancora la chimica giusta
    Spurs- Hanno un anno di piu sara piu difficile per loro trattenere i thunder
    Warriors-Poca Esperienza
    Clippers- Non so cosa ma ho la sensazione che manchi qualcosa
    Memphis- forse l’unica squadra che puo bloccarci
    Portland- Assenza di una panchina decente
    Houston-l’anno scorso li hanno messi ko i blazers con houston che aveva asik e parsons pensiamo adesso senza loro due
    Dallas- non so perche ma li vedo come un mix tra portland e clippers

  • InYourWais

    Boh, Houston a me non convince ma non parlare solo di chi manca, hanno sostituito Parsons con Ariza, e non è detto che ci abbiano perso, hanno aggiunto Brewer, JSmooth, il Lituano lo scorso anno non si alzava dalla panca, il Greco neanche c’era…rispetto ad un anno fa mi sembrano molto meglio

    E poi che significa che sono usciti con Portland? Ogni serie, ogni accoppiamento fa storia a se, OKC soffre Memphis, la quale prende spesso schiaffi epocali dagli Spurs, ma questo non significa che OKC non possa accoppiarsi bene con San Antonio, come più volte dimostrato

  • Condivido pienamente con IYW i Thunder saranno sicuramente un problema per chiunque li dovesse incontrare e se per caso azzeccano il mese vincono anche il titolo però non giocano a basket. C’è il punto è che se per caso questi facessero 3 passaggi per ogni azione non dico molto avrebbero già il titolo in mano perché è evidente di come appena segnano 2 o 3 canestri in fila muovendola si infiammano tutti in attacco e in difesa e sinceramente con la fisicità e con l atletismo che hanno sono infermabili. Di fatto però si fermano da soli perché puoi essere Kevin Durant e salvare una partita mettendone 40 (esempio contro Memphis col canestro sul finale di partita di due anni fa) però non vinci giocando cosi fortunatamente aggiungerei. Lo ha capito Jordan lo ha capito Kobe dopo il three peat lo ha capito Lebron lo dovrà capire anche lui sennò la vedo molto molto molto maga la situazione

  • Condivido pienamente con IYW i Thunder saranno sicuramente un problema per chiunque li dovesse incontrare e se per caso azzeccano il mese vincono anche il titolo però non giocano a basket. C’è il punto è che se per caso questi facessero 3 passaggi per ogni azione non dico molto avrebbero già il titolo in mano perché è evidente di come appena segnano 2 o 3 canestri in fila muovendola si infiammano tutti in attacco e in difesa e sinceramente con la fisicità e con l atletismo che hanno sono infermabili. Di fatto però si fermano da soli perché puoi essere Kevin Durant e salvare una partita mettendone 40 (esempio contro Memphis col canestro sul finale di partita di due anni fa) però non vinci giocando cosi fortunatamente aggiungerei. Lo ha capito Jordan lo ha capito Kobe dopo il three peat lo ha capito Lebron lo dovrà capire anche lui sennò la vedo molto molto molto magra la situazione