Chicago che reazione, asfaltati gli Spurs!

Superba reazione dei Bulls che asfaltano gli Spurs con tutto il quintetto base in doppia-cifra, Turner punisce i Trail Blazers, Utah espugna Milwaukee, facile vittoria per i Clippers.

Chicago Bulls – San Antonio Spurs 104-81
CHI: Snell 12, Gibson 15, Gasol 12 (17 rimb), Butler 17, Rose 22, Brooks 15
SAS: Leonard 16, Mills 12, Joseph 11

Italian Job: Belinelli DNP

Chicago Bulls V San Antonio SpursI Chicago Bulls rialzano la testa e lo fanno demolendo i campioni in carica allo United Center con Derrick Rose da 22 punti; a 17” dalla fine del primo tempo Spurs sul -3 (43-40) ed è li che cambierà la partita, Tony Snell chiude la frazione con un gioco da 3 punti per il +6 e in apertura di ripresa break di 11-2 per il +15 (57-42) dopo 2’30”! San Antonio non rientrerà più e finirà anche sul -21 (83-62)

Milwaukee Bucks – Utah Jazz 99-101
MIL: Antetokounmpo 13, Pachulia 10 (10 rimb), Knigh 16, Dudley 12, Mayo 12
UTA: Hayward 24, Kanter 23 (16 rimb), Gobert 14 (10 rimb), Exum 15, Burke 10

Gordon Hayward trascina gli Utah Jazz sul campo dei Bucks strappando di misura il referto rosa; finale convulso, Dudely porta i Buck sul -2 (99-101) a 89” dalla fine e da quel momento nessuna delle due squadre segnerà più! Booker ed Exum sbaglieranno la tripla del K.O per i Jazz e Milwaukee, palla in mano negli ultimi 17” sbaglierà ben 3 tiri consecutivi con Dudley (tripla), Knight (tiro), Pachulia (tap-in).

Portland Trail Blazers – Boston Celtics 89-90
POR: Kaman 13, Robinson 9 (12 rimb), Matthews 18, Lillard 21, McCollum 10
BOS: Sullinger 17, Bass 13 (10 rimb), Bradley 18, Turner 10

Piove sul bagnato in casa Portland Trail Blazers, prima la notizia che LaMarcus Aldridge starà fuor 6/8 settimane e poi sconfitta in volata in casa contro i Celtics; uomo partita Evan Turner, sua la tripla a 1” dalla fine per il sorpasso (89-90), in precedenza sanguinoso 1/2 ai liberi di Robinson. Portland non riuscirà neanche a tirare.

Los Angeles Clippers – Brooklyn Nets 123-84
LAC: Griffin 24, Jordan 14 (12 rimb), Redick 17, Paul 6 (17 ass), Crawford 17, Davis 10
BKN: Plumlee 16, Morris 11, Jordan 11 (11 rimb)

Non c’è stata partita allo Staples Center di Los Angeles con i CLippers che hanno archiviato in 24’ i Brooklyn Nets; 70-37 il punteggio a fine del primo tempo con Blake Griffin autore di 22 dei 24 punti finali e Chris Paul di 12 dei suoi 17 assist finali, 65%dal campo, 24 assist di squadra e 30 rimbalzi contro i soli 12 degli avversari

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • mad-mel

    Son proprio tante 6-8 settimane cazzo.
    Per fortuna una e’ di all star game.
    Certo che Portland con qst infortunio finira’ in zone pericolose della classifica.
    Che sfiga cazzo, e’ una squadra che adoro.
    Vediamo se Lillard riuscira’ a fare un ulteriore step e limitare i danni.

  • low profile

    eh si, Lma è uno dei miei giocatori preferiti e con Lillard fa una coppia difficile da non prendere in simpatia. Speriamo bene

    Giovedì, diretta nazionale, TNT, prima o seconda notte di un b2b. Ovvero storia di un’idiosincrasia ormai radicata nel tempo. Sempre creativi al momento di approcciarla mai nei risultati. L sempre e comunque

  • nitrorob

    Low pensa in grande, state perdendo per dare la possibilità a noi di giocarci un posto ai PO!!
    che squadra altruista che siete eheheheh

    cmq problemi Bulls….. ogni volta che qualcuno dice qualcosa su una squadra o su un giocatore, puntualmente la sera dopo quella squadra o giocatore smentisce tutti ahahah
    assurdo

  • low profile

    Nitro
    l’equazione era scontata, non c’era occasione migliore per i Bulls, che no, non se la stavano passando bene ma in termini generali leggo un sacco di chiacchiere che li riguardano e spesso senza nessun fondamento. Da entrambe le parti, maniavantisti e catastrofisti. Stanno semplicemente provando a spostare il baricentro in avanti, per utlizzare un gergo calcistico, cosa tra l’altro giusta perchè non si vive di sola difesa per quanto dovendo scegliere di essere elite da una parte e merda dall’altra sappiamo tutti qual’è il male minore.. ma non solo stanno anche tentando di recuperare gli ex giocatori e trovare l’equilibrio con i nuovi eroi. Insomma tanti cambiamenti insieme in pochi mesi, non sarà mai un percorso facile e l’esito non è affatto scontato ma come dicevo ad oggi leggo solo un sacco di chiacchiere e putroppo anche dai diretti interessati

  • Michael Philips

    LP

    “Da entrambe le parti, maniavantisti e catastrofisti.”

    Na, ci sono tutti mettono le mani avanti, o in negativo o in positivo.

    Pare io sia, secondo qualche utente, uno che mette le mani avanti in positivo(e lo sono assieme a quasi tutti i giornalisti che davano i bulls come miglior team della eastern e tra i migliori in assoluto). Tutti tifosi dei cavs ovviamente, che cercano di costruire un alibi perfetto, quasi hitchcockiano, nel caso(non remoto, ops metto le mani avanti!)in cui i cavs non dovessero spaccare il culo ar monno.

    La gara di ieri comunque vuol dire poco o nulla, ma almeno una reazione di carattere c’è stata da parte dei bulls. Sono un team “nuovo” ma potrebbe fare di più.

  • low profile

    MP
    Fondamentalmente hai ragione, sono entrambe correnti del maniavantismo anche se vanno in direzioni opposte ma per evitare di far confusione rimango sulle mie definizioni.
    Maniavantista è colui che indica Chicago come rullo compressore difronte alla quale nemmeno lo stesso James in persona, dall’alto della sua onnipotenza, potrà fare niente per sconfiggere.
    Catastrofista è colui che vede Chicago come una banda di scappati di casa senza capo ne coda che in una serie di PO perderebbe pure da Montegranaro, l’ennesima finta contender che andrà a stendere il tappeto rosso a James nella sua consueta passeggiata fino alle finals di un est sempre più ridicolo.

    fonte
    Lowpedia

  • Michael Philips

    LP

    attendo con ansia i maniavantisti di secondo grado(tipo gli spingitori di spingitori di cavalieri di guzzantiana memoria), quelli che mettono le mani avanti preannunciando l’arrivo di quelli che metteranno le mani avanti.

    Volendo potrebbe anche chiamarsi maniavantception.

    L’ho già segnalato ma ripeto che per me Rose probabilmente si è segnato sul caro diario tutti gli scontro diretti con i play rivali e fino a qui li ha smantellati quasi tutti e ha toppato praticamente solo contro i warriors e non certo grazie alla difesa asfissiante di curry.

    Io continuo a vedere miglioramenti, lui in campo sta sempre meglio, osa sempre di più e tolti sempre più rari momenti di confusione, l’esplosività dal palleggio sta incredibilmente tornando a galla e lui prende sicurezza ogni gara che passa, sopratutto dopo gli scontro diretti con altri play talentuosi.

  • 8gld

    Per come la vedo continuano ad avere potenzialità e possibilità per arrivare fino in fondo anche non attraversando un buon momento.