Davis ferma Atlanta, pazzesca rimonta Grizzlies!

Davis e i suoi Pelicans stoppano la striscia degli Hawks, Memphis pazzesca rimonta a Phoenix, Westbrook da tripla-doppia e vittoria, bene Cleveland, Milwaukee e Nets di misura.

Cleveland Cavaliers – Philadelphia 76ers 97-84
CLE: James 18 (11 ass), Love 5 (15 rimb), Mozgov 10, Smith 12, Irving 24, Shumpert 11, Dellavedova 12
PHI: Mbah a Moute 13, Covington 18, Sampson 10, Thompson 10, Grant 18

NBA: Philadelphia 76ers at Cleveland CavaliersSoffrono ma alla fin vincono i Cavaliers contro i Sixers per l’11^ vittoria consecutiva con ben 6 giocatori in doppia-cifra; Phila come sempre da del filo da torcere alle sue rivali, a 3’48” dal termine Covington porta i suoi sul -3 (86-83), Cleveland risponderà con un parziale di 10-0 con 2 triple di Dellavedova per il +13 (96-83) a 58” dalla fine.

Washington Wizards – Charlotte Hornets 88-92
WAS: Pierce 11, Beal 18 (11 rimb), Wall 16 (10 ass), Humphries 13
CHA: Kidd-Gilchrist 13 (13 rimb), Jefferson 18 (12 rimb), Henderson 17, Roberts 18, Neal 12

Sorpresa dei Charlotte Hornets che vincono nella Capitale trascinati da Al Jefferson (18+12); finale in volata con Washington che arriva sul -3 (85-88) dopo un gioco da 3 punti di Wall a 45” dalla conclusione e lo stesso Wall avrà la palla del possibile -1 a 15” ma sbaglierà il layup! Nel finale Henderson e Roberts faranno 4/4 dalla lunetta per assicurarsi la vittoria.

Brooklyn Nets – Los Angeles Clippers 102-100
BKN: Johnson 22, Lopez 24, Williams 15, Bogdanovic 11
LAC: Barnes 12, Griffin 13, Jordan 22 (20 rimb), Paul 20, Crawford 18

Jarrett Jack ha chiuso con soli 6 punti a referto ma gli ultimi 2 sono valsi il referto rosa ai Brooklyn Nets, vincenti in rimonta sui Clippers; le squadre entrano in perfetta parità nell’ultimo periodo sul 72-72 ma i Clips scappano sul +11 (79-90) con 5’16” d giocare, sembra finita ma Brooklyn ci crede e a 15” dalla fine è avanti 100-98! Paul pareggia in un lampo ma lascia 8” agli avversari, Jack si incarica del tiro e segna il jumper del +2 con ancora 1” da giocare ma L.A non riuscirà neanche a tirare.

Toronto Raptors – Milwaukee Bucks 75-82
TOR: Valanciunas 12 (13 rimb), DeRozan 16, Patterson 9 (11 rimb), ROss 10, Williams 12
MIL: Antetokounmpo 12 (12 rimb), Henson 12, Dudley 14, Middleton 25

Sorpresa anche a Toronto dove i Bucks si sono imposti malgrado un 4° periodo da brividi; infatti gli ospiti dominano e dopo appena 9” del 4° periodo si portano sul +15 (60-75), ma per 8’ non segneranno più un punto sul tabellone!
Toronto ne approfitterà arrivando fino al pareggio sul 75-75 a 3032” ma Milwaukee si sveglierà dal letargo e chiuderà la partite con un parziale di 7-0.

New Orleans Pelicans – Atlanta Hawks 115-100
NOP: Cunningham 10, Davis 29 (13 rimb), Asik 9 (17 rimb), Gordon 20, Evans 15 (12 ass), Anderson 15, Fedette 10
ATL: Millsap 15, Teague 21, Korver 12, Schroder 10

Atlanta Hawks v New Orleans PelicansGli Atlanta Hawks hanno visto fermarsi a 19 la loro striscia di vittorie consecutive sul campo dei New Orleans Pelicans, trascinati da un mostruoso Anthony Davis (29+13); primo tempo superbo del “Monociglio” che ne piazza 19 guidando i suoi sul +13 (55-42), Atlanta abbozzerà una rimonta ma arriverà solo sul -7 (60-53) ad inizio 3° quarto, New Orleans ritornerà subito in in vantaggio in doppia-cifra e non si girerà più indietro.

Oklahoma City Thunder – Orlando Magic 104-97
OKC: Ibaka 16, Adams 12, Westbrook 25 (11 rimb, 14 ass), Waiters 24, Morrow 15
ORL: Harris 18, Vucevic 20, Oladipo 22, O’Quinn 11, Green 13

Orlando Magic v Oklahoma City ThunderCi è voluta una tripla-doppia di Russell Westbrook agli Oklahoma City Thunder (senza Durant) per superare gli Orlando Magic e continuare a sperare nell’8° posto; Westbrook parte subito a fuoco con 12 punti nel 1° quarto, Orlando non riesce a stagli dietro e in apertura di 3° quarto il #0 ruba palla e schiaccia chiudendo un break di 9-0 per il +20 (70-50).

 

Dallas Mavericks – Minnesota Timberwolves 100-94
DAL: Nowitzki 16, Parsons 18, Chandler 6 (10 rimb), Ellis 23
MIN: Young 15, Wiggins 14, Pekovic 8 (10 rimb), Rubio 10, Martin 19, Williams 15

Torna Ricky Rubio nelle fila dei Minnesota Timberwolves ma non basta per evitare la sconfitta in quel di Dallas; Minnesota che ci prova e non molla i padroni di casa tanto che a 4’05” dalla fine è sotto solo di 3 punti (92-89), in un minuto Nowitzki e Chandler confezioneranno un 4-0 per il +7 che varrà la vittoria finale.

Phoenix Suns – Memphis Grizzlies 101-102
PHX: Markieff Morris 14, Bledsoe 21, Dragic 15, Wright 11, Thomas 24
MEM: Randolph 19, Green 12, Gasol 15, Conley 23, Allen 10

Memphis Grizzlies v Phoenix SunsI Memphis Grizzlies fanno un grande favore a Pelicans e Thunder andando a vincere in rimonta e di misura a casa dei Suns; a 109” dalla sirena finale sembra fatta per i Suns avanti 101-94 dopo la tripla di Thomas ma sarà proprio in quel momento che spariranno dal campo! Memphis chiude con 8 punti la partita compreso il decisivo gioco da 3 punti messo a segno da Jeff Green a 4” per il +1 (101-102)! Ultima chance nelle mani di Markieff Morris che verrà stoppato da Marc Gasol!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Giasone

    Di tutte le squadre che potevano fermare atlanta mai avrei detto che saremmo stati noi! Però non scherziamo, ai playoff ci vanno i Thunder…

  • mad-mel

    I Suns qst doveva vincerla, in ottica playoffs potrebbe pesare parecchio.
    Rondo out e Dallas vince ehehehe….mancava solo perdere con Minnesota.
    La vera sorpresa ad est comunque sono i Bucks oltre ad Atlanta.

    Se New Orleans riesce qualificarsi ai playoffs per me l’mvp possono darlo a Davis.

  • nitrorob

    Ave Maria piena di grazia…………….
    ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di un Westbrook mostruoso per battere gli orlando pippa???
    mamma mia che schifo
    sopratutto lasciatemi dire un eresia
    ultimamente giochiamo meglio senza KD….:-( e questo non va bene purtroppo
    Waiters fa sempre schifo come al solito, ora non facciamoci ingannare dai punti, visto che ha giocato 40 minuti (peggior trade di sempre, questo non porta niente, peggiora solo le cose, sopratutto il rendimento di Reggie)
    peggio ancora di Butler l’anno scorso

    KD, meglio che stai fuori tutto il tempo che ti serve a questo punto, prima ha avuto problemi al piede destro, mentre ora al sinistro
    fa una cosa, riposati il più possibile e torna per degli eventuali PO

    Nola che fa il miracolo quando non serviva ahahahah maremma che sfiga!XD

  • mad-mel

    @giasone
    La prossima è ock contro new orleans contro okc. Ci sarà parecchia intensità.
    Cmq il record delle squadre della southwest division è qualcosa di assurdo.
    Mi piacerebbe sapere se nella storia ci sono state division in cui tutte le squadre erano oltre il 50 percento abbondante.

  • @Nitro guarda, io quest’anno tifo 76ers però ti sono solidale, voglio troppo GSW-OKC al 1° turno

  • nitrorob

    @FMB, guarda io a questo punto dico che è meglio non fare i PO piuttosto che uscire al primo turno con GSW

    sopratutto perchè se non facciamo i PO ci sono buone possibilità che Brooks se ne vada….
    mentre se li faremo sarà cmq una mezza vittoria e terremo in coach un altro anno ancora
    quindi trà le 2 scelgo il licenziamento se permetti!XD

  • nitrorob

    Suns, vedi a giocare il quintetto piccolo contro Memphis??
    mannaggia, non puoi fare queste cappelle

  • rofled

    Davis MVP, mostruoso!

  • Michael Philips

    Per uno streak che finisce, quello degli hawks a quota 19, c’è quello dei cavs che entra nel vivo con 11 w di fila.

    Davis mostruoso e spero davvero che in futuro non lo facciano gonfiare di muscoli, perché mi pare che anche così riesca a cavarsela…

    Durant out e Thunder la vincono con westbrook. Kd non è fisicamente a posto e lo dimostrano i continui stop.

    nitro
    Comunque in effetti non si capisce cosa sia meglio per i thunder, se arrivare ai playoffs rischiando di essere fuori al primo turno(ma i thunder al completo, e in modalità playoffs possono mandare a casa chiunque)e in tal caso brooks potrebbe ricevere i complimenti per aver portato un team pieno di infortunati ai playoffs della western.

    O se per loro sia meglio saltare i playoffs e usare questo come scusa definitiva per buttar fuori brooks.

    Memphis con jeff green ha forse colmato le lacune offensive che poteva avere.
    Ora hanno atletismo, uno da 14-15pts che a memphis peseranno come un ventello, e uno che sa anche difendere e in un sistema così solido potrebbe mascherare i difetti e mettere in luci i pregi.

    E dopo tutte queste chiacchiere veniamo ai numeri:
    memphis con jeff green è 10-1 con uno scarto medio di 12pts…

    Intanto i Bucks continuano a vincere senza alcuna ragione. L’anno prossimo con più esperienza, un gruppo più solido e un parker in campo possono iniziare a mettere le basi per qualcosa di grande. Già solo l’arrivo di un monroe potrebbe farli diventare fortini.

  • michele

    intanto Cleveland ha praticamente agganciato la corazzata Bulls….vien da ridere a ripensare ai commenti di un mese fa dei vari FMB e In Your Weis in versione zie premurose che chiedevano la testa di Blatt ( il “sionista””, ipse dixit). eheheh

    Milwaukee sorpresa dell’anno per adesso.

    ah ragazzi, nel pagellone che avete fatto, sui celtics c’è stata la chiosa “Where’s celtics Proud”…ragazzi è PRIDE, non proud…le basi proprio, c’era pure un noto utente che aveva il fake “pride”.

  • Giasone

    @MadMel
    lo so bene, ormai non faccio altro sto tutto il tempo davanti ai calendari di nola phx e okc esaminando, confrontando, valutando, una specie di russel crowe in A beautiful mind. Non c’è nessuna possibilità che facciamo i playoff, Thunder tutta la vita…

  • @michele Non mi ricordo di avere chiesto la testa di Blatt che stimo tantissimo, mi ricordo di aver detto durante il periodo buio che, SE davvero aveva perso lo spogliatoio e la squadra seguiva Lue e non lui, era impossibile allenarli.

    Poi è evidente che lui e James sono scesi ad un compromesso stile NFL: Blatt allena la difesa, James l’attacco “alla Peyton Manning”, i risultati stanno dando ragione.

  • mad-mel

    Se è alla Peyton Manning allora fanno poca strada ai playoffs

  • brazzz

    FMB
    grazie per il tuo tifare sixers..

  • michele

    dai FMB, avevi pure fatto uno status su facebook il cui succo era “non ha lasquadra in mano, bisogna cacciarlo per salvare la stagione”

    quindi adesso Lebron è pure allenatore ( dopo aver fatto il GM chiedendo l’arrivo di Love), l’agiografia acquista una nuovo, avvicnentge capitolo eheheeh

    semplicemente Blatt si è trovato a dover lavorare in un ambiente con giocatori che non avevano mai giocato prima assieme, c’è stato anche l’infortunio di Lebron di mezzo, bisognava lasciarlo lavorare.

  • mad-mel

    @michele perdi tempo lascia perdere, loro hanno sempre ragione.

  • nitrorob

    @Giasone non nego che anche io ultimamente seguo solo quelle 3 squadre ahahahah

    cmq non so se lo dici perchè sei convinto o per scaramanzia, ma ora come ora dare i Thunder ai PO al posto dei Suns è un pò azzardato!

  • Michael Philips

    Michele

    tanto per chiarire, io continuo ad avere dubbi du blatt, ok? Non basta uno winning streak a cambiare idea dal nulla manco fosso uno schizofrenico.

    Le cose sono cambiate con il ritorno di james a posto fisicamente(e ha giocato con il fastidio al ginocchio per le prime 20 gare) e sopratutto dopo l’arrivo di mozgov, smith e shumpert. Non è che da un giorno all’altro blatt ha sistemato le cose e questi hanno carburato. Si sono liberati di quel coglioni di waiters e hanno preso 3 giocatori utili alla causa e poco dopo c’è stato il ritorno di lebron in piena forma, ed eccoti spiegate le 11 vittorie, alcune contro avversarie non eccelse tipo ieri, e l’altra gara contro i wolves.

    E per la cronaca forse dovresti espandere le tue informazioni, perché non è che io fmb e iyw siamo gli unici pazzi a criticare blatt, ma ogni sito nba ha posto il problema e fatto notare che il coach non stava gestendo bene il roster e che i giocatori davano più ascolto a lue(il che è tutto dire).

    Quindi la solita manfrina di far sembrare le nostre critiche come uno sparo nel buio, quando invece sono state il trend fino a prima dei movimenti di mercato, lascia il tempo che trova. Un pò come le frecciatine giornaliere sui bulls e su come ci sia una volontà di caricarli di hype per gonfiare una eventuale vittoria dei cavs, o per giustificare una sconfitta di questi ultimi. TUTTI hanno caricato i bulls di hype perché il roster ti obbliga a farlo.

    Forse dovresti davvero guardarti in giro prima di fare qualche critica del genere, magari scoprendo che il resto del mondo sta dicendo la medesima cosa.

  • michele

    ahahahah

    ma no mad mel

    pero’ dai, per un paio di mesi Blatt è stato trattato come l’ultimo dei coglioni, lo ha fatto notare anche Low Profile…mi sembrava davvero ingeneroso per un allenatore che ha vinto come lui, che ha portato la Russia a vincere un europeo in casa della Spagna campione del mondo e futura vice campione olimpica. Adesso vabbè scopriamo che si occupa solo della difesa e il resto lo delega a un giocatore, no comment eheheheh

  • michele

    “ma ogni sito nba ha posto il problema e fatto notare che il coach non stava gestendo bene il roster e che i giocatori davano più ascolto a lue(il che è tutto dire).”

    mi sembra ovvio che se le cose non vanno bene (e Cleveland non è andata bene nei primi mesi)il primo indiziato sia l’allenatore, specialmente in america si guarda con diffidenza a un allenatore di estrazione FIBA, figuriamoci se poi nel roster ci sono delle superstar.

    poi tu stesso dici che adesso Lebron sta bene fisicamente e che non c’è più il cancro Waiters e le trade hanno avuto effetti positivi…ma non era mica colpa di Blatt se Lebron si è infortunato e anzi la trade immagino l’abbia caldeggiata l’allenatore stesso.

  • Michael Philips

    Michele

    il punto è che noto un problema alla spoelstra con blatt: lui non mi pare grosso artefice delle vittorie e del gioco(gioco?) dei cavs. Se ne vedi una di gara c’è lebron che porta palla e decide che farne, con irving e love a supporto. Sinceramente è quello che accadeva agli heat dove si è vinto grazie al trio. In difesa ha voluto mozgov e ha avuto ragione e con l’arrivo di shumpert hanno fatto un salto di qualità, ma sinceramente tra blatt e mike brown non vedo grosse differenze, e brown è notoriamente un coach pacco che è arrivato dove è arrivato grazie a chi sai.

    Poi vedremo, sinceramente non ho visto aggiustamenti tattici, ma solo nuovi giocatori che hanno fatto il loro. Love non sa come usarlo ed è sacrificato, lebron ha troppo la palla in mano e non ha più giochi per andare in post.

    Spoelstra si vede cos’è ora che non ha più chi lo ha fatto vincere. E la differenza tra blatt e mike brown è che mr.potato aveva tra il 2005 e il 2010 un roster ridicolo e comunque 1 finale, una finale di conference e due volte il miglior record nba lo ha portato a casa, ed è un coach mediocre.

  • michele

    beh , spoestra ha dato una bella identità difensiva agli Heat. Comunque ha avuto 4 anni di lavoro con Lebron, Blatt appena 4 mesi. Vedremo, per adesso i Cavs sono in previsione con la tabella di marcia.

  • InYourWais

    La cosa buffa di Michele è che lui non fa previsioni, pronostici, rimane lì a guardare, a controllare cosa dicono i suoi “nemici” del blog (si, tu hai i nemici, come ogni disadattato che tifa in modo spasmodico una squadra, gli altri non sono eventualmente rivali ma nemici…)

    Poi appena le cose virano in modo a lui gradito, parte la litania che di solito dura mesi (tipo “mica male questo George 2° violino…”, a due anni di distanza mi pare hai avuto torto, quel contratto non lo valeva, sfiga o non sfiga), ma visto che per fortuna altri utenti del blog hanno finito le elementari da un pezzo, non è che passano il tempo a rinfacciargli le cantonate…

    Ora è partito con Chicago, come se regular season e play off fossero la stessa cosa, come se i Bulls, con tutti i loro limiti, non avessero mostrato di essere solidi quando conta

    Poi c’è la litania Cleveland, ma immagino che il diverso fuso orario della Sardegna non ti abbia fatto giungere notizie su uno scambio che ha portato Mozgov, Shumpert e JR in Ohio, da cui è cambiata la stagione Cavs. Personalmente dopo la vittoria con i Clippers (solo la seconda consecutiva, niente di trascendentale in teoria) dissi che era una W molto diversa dalle altre, che anche durante la striscia di 8W consecutive a Dicembre mi sembravano una squadra di merda, mentre ora sembravano un altra squadra

    Cosa ribadita di recente…come ribadisco la ferma idea che a meno di miracoli i Cavs nel 2015 non vinceranno alcun titolo

  • michele

    Mozgov chi? quello che quando arrivò in Ohio fu tacciato da te come “pacco colossale” ?

  • michele

    Per quanto riguarda Paul George, hai certamente ragione tu. Basta guardare gli Indiana Pacers senza il loro “secondo violino”, sono rimasti una squadra fortissima, ai playoff io li darei anche favoriti contro questi poveri Cavs in cerca di una identità e con un allenatore incapace eheheheh

    sui Bulls, quello che fai finta di non capire è che nessuno ( a parte forse Stopppani) dice che non vinceranno l’Est, si avanzano solo forti dubbi su chi da’ per scontato che siano già in finale. Dovranno sudarsela e parecchio, squadre favorite a est non ce ne sono. Che è cosa ben diversa dal mettere le mani avanti “salvo miracoli i cavs non vinceranno”.

  • mad-mel

    @ michele…assieme a Stoppani metti anche il sottoscritto.

  • Il Nichilista

    Mozgov non mi sembra stia eccellendo ultimamente, la vera sorpresa dei nuovi arrivi è JR Smith.
    Poi la streak è iniziata col rientro dall’infortunio di Lebron che si è messo sotto da par suo, oltre a un Kyrie Irving davvero sorprendente che è il vero mattatore dell’attacco.
    Continua a essere un corpo estraneo invece Kevin Love.. altro 1/7 dal campo stanotte, a stò punto credo davvero che lui non si riprenderà mai, e verrà giustamente additato come peggior trade dell’anno.. Wiggins sarebbe stato molto più utile ai Cavs, credo. Ma a posteriori è facile parlare, in pochi penso potevano prevedere un flop di queste proporzioni da parte di Love, che pareva perfetto per accoppiarsi con Lebron

  • Andreaphilly

    sixers squadra bastarda già con 10/15 di roster di undrafted, chissà con un Embiid, un Saric, la prossima scelta al draft in più dove arriverànno

  • Michael Philips

    Love per ora sotto le aspettative(17+10.5reb comunque) ed è vero che lui teoricamente sarebbe perfetto per giocare con lebron, però ormai mi pare chiaro che con l’arrivo di j.r. smith i suoi possessi si ridurranno ancora e lui dovrà trovare il modo di impattare le gare difensivamente(vi prego non ridete, mi trattengo a stento anche io). 17pts comunque non sono male considerato che prima di lui c’è mr.26pts e mr 22pts, quindi chiaro che love deve prendere quel che rimane.

    Non credo che questa sia la dimostrazione che lui non valga, perché se tu hai un ruolo da terzo violino avrai un rendimento da terzo violino, e lui sappiamo cosa può fare da primo opzione offensiva, quindi non credo abbia smesso di giocare, ma semplicemente gli ci vorrà tempo per capire come rendere bene da terzo violino.

    Se domani lo metti agli hornets o i pacers lui si rimette a segnare come ai tempi dei wolves.

    Michele

    riguardo george e i pacers, ripeto quello già detto qualche settimana fa: dopo il suo infortunio e la partenza di lance questi sono entrati un pò in modalità spurs 1996, e se in più pensi che anche hill ha giocato poco e nulla, eccoti spiegata la stagione no dei pacers.

    Non crederai davvero che george ha lasciato quel vuoto?

  • InYourWais

    Sarebbe capace di dirti che George è l’MVP morale 2015 pure di dar seguito alle sue tesi…come se Indiana avesse perso solo George rispetto lo scorso anno…Lance ha portato le sue labbra ad un indirizzo nuovo, Hill ha giocato 10 partite su 49, West ne ha perse 15…un’ecatombe, pare Beirut a metà anni ’80…

  • mad-mel

    Love fara’ la fine di bosh….rimbalzi e tiri da fuori. Vediamo se in fase difensiva riuscira a combinare qualcosa.

    Irving e’ un po come wade, un po fuori dagli schemi ma con un talento enorme

    Ci sono parecchie analogie.
    Devono solo creare un sistema difensivo solido. L’attacco e’ l’ultimo dei problemi

    Io non riesco a non vedere Cleveland in finale. Come Miami al primo anno.

  • Il Nichilista

    Ma Love tira con percentuali bassissime, è questa la cosa un po’ preoccupante..
    L’anno scorso ai Twolves tirava di più ma aveva anche percentuali più alte.
    Quest’anno sembra un pesce fuor d’acqua e sfiduciatissimo quando va al tiro. Da 3 è proprio irriconoscibile, sbaglia anche i tiri completamente aperti

  • low profile

    Mi devo esser perso la parte in cui born ready vince l’mvp, ah ecco, non me la sono persa, semplicemente tutto ciò non accadrà mai. E lo dico da (ex) estimatore di Lance, lui si giocatore di sistema, ma nemmeno tutti i sistemi, quello li dell’anno scorso.
    Ancora siamo qua a dibattere su quanto spostava George, ma voltare pagina no?
    Cosa devono fare i pacers, retrocedere in D-league?

  • Michael Philips

    Mad-Mel

    Love ha il ruolo di bosh nei 4 anni con james, ma i due sono molto diversi. Bosh è diventato solo tiri da fouri e pochissimi rimbalzi. Love tiri da 3, un paio di ganci in post e rimbalzi.

    Love ha più armi a disposizione, bosh era più efficiente a livello di % dal campo. In difesa il primo anno faceva cagare anche bosh, e a dirla tutta non è mai stato forte in difesa, ma diciamo che nel corso del tempo si è rimboccato le maniche dandosi una mossa. Ma non è un caso che miami prendeva legnate assurda da qualsiasi lungo avversario.

    Love comunque pare abbia smesso di prendere rimbalzi come un tempo, ma non è affatto così. Ora gioca con thompson(che è in campo solo per i rimbalzi) marion che ne butta giù, mozgov e un james che di solito ne prende. Love ancora oggi giocando da unico rimbalzista, stile howard ai magic o come l’anno scorso sarebbe sempre tra i top della specialità, senza avere la stazza dei vari jordan, cousins o drummond.

    Tra i due non saprei chi scegliere, perché se questo love comunque porta a casa quel bottino giocando completamente fuori ritmo, quel bosh fin dalla prima stagione anche quando era perfettamente inserito non è che abbia fatto molto meglio.

    Poi certo, i dubbi sui cavs nei playoffs forse hanno origine anche per via di questo dato:

    Irving – 0 gare di playoffs
    Love – 0 gare di playoffs
    Thompson – 0 gare di playoffs
    Dellavedova – 0 gare di playoffs
    Mozgov – 7 gare, ehm…99 minuti totali.

    Rimane ovviamente lebron, marion(bollito) miller(vedi marion), shumpert (13 gare) j.r. smith una cinquantina di gare.

    Ah il coach, ha 50 gare di rs e stop.

    Oh, sto mettendo le mani avanti eh.

  • Michael Philips

    LP

    indiana non ha perso solo george, ma ha perso anche lance che l’anno scorso era sempre il secondo migliore in campo, anche in difesa. Quest’anno consapevoli di non avere il loro miglior giocatore e il secondo milglior giocatore, hanno avuto problemi.

    George hill 10 gare giocate su 49, e gioca solo una ventina di minuti
    West 34 gare su 49
    c’è in più uno stuckey che non combina nulla(come sempre in carriera)
    Scola che gioca sempre meno nonostante gli spazi che si sono aperti.

    ripeto, questi hanno giocato gran parte di questa stagione senza 3/5 del quintetto titolare dell’anno scorso, ma evidentemente è solo l’assenza di george a pesare.

  • low profile

    MP
    “indiana non ha perso solo george, ma ha perso anche lance che l’anno scorso era sempre il secondo migliore in campo, anche in difesa”

    Quindi se ho capito bene quel povero cristo oltre ad essersi maciullato una gamba adesso è retrocesso pure a terzo violino? Se Lance era il secondo eheheheh

  • Michael Philips

    LP

    ahahahah

  • Il Nichilista

    boh nessuno di voi sembra essere inquieto per l’involuzione di Love, dite che è normale e che se tornasse a Minnesota sarebbe il fenomeno realizzatore che era l’anno scorso.. e che soffre di essere terzo violino.
    Io dico che a occhio e croce un Anthony Davis se andasse ai Cavs manco avrebbe l’umiliazione di essere terzo violino ma sarebbe al pari di Lebron come importanza nel team perchè lui è realmente forte al contrario del sopravvalutatissimo Love che finalmente si è rivelato per la pippa che è

  • michele

    MP

    anche Wade e Bosh hanno saltato un po’ di partite o hanno spesso giocato non al meglio, ma nelle tue quotidiane analisi ” gli Heat senza Lebron sono da lottery” non mi pare tu lo abbia mai fatto presente ( posto che ovviamente Lebron sposta più di George, lo ribadisco altrimenti arriva il genio di Tor Pignattara che delira di lesa maiestatis eheheheh)

  • michele

    “Io dico che a occhio e croce un Anthony Davis se andasse ai Cavs ”

    una bella trade mozgov + love + scelte per monociglio sarebbe davvero equa e giusta, per mettere i cavs alla pari con le altre contender.

    anche se ha zero partite nei playoff, se imbastissero questa trade entro la deadline i Cavs sarebbero comunque degli underdog eheheheh

  • Michael Philips

    Michele

    beh no ti sbagli proprio, perché in più occasioni ho fatto notare che gli heat con wade+bosh e senza bosh e wade hanno praticamente la stessa % di vittorie. Il che è abbastanza demoralizzante per il povero spoelstra.

    cazzo immaginate 2015 si titira duncan, e a settembre o l’anno dopo(non so come) arriva davis come sostituto. Eh ma via duncan via anche popovic. Ok arriva budelhozer ad allenare Parker, green, leonard, diaw, davis…e la dinastia continua, senza soluzione di continuità.

  • low profile
  • michele

    così tocca sorbirci altri 10 anni di Tranquillo e di Spuoors…no grazie eheheheh

  • Michael Philips

    LP

    dopo un movimenti simile degli spurs ecco le reazioni a caldo:

    https://usatftw.files.wordpress.com/2014/11/usatsi_8218980.jpg?w=1000&h=666

    http://a.espncdn.com/photo/2014/0519/nba_g_durant13_286x431.jpg

    Comunue se non è davis, sarà probabilmente marc gasol perché:

    1) gli spurs lo vogliono, lui è fatto e finito per quell’ambiente e sistema, e probabilmente gli offrirebbero anche dei discreti soldini.

    2) memphis non ha un futuro nel lungo periodo, perché zach ne fa 34 qust’anno e per quanto possa rimaneere competitivo altri 2-3 anni, credo che dovendo scegliere tra spurs e grizzlies, lo spagnolo potrebbe cedere, nonostante lo stretto legame che ha con la città di memphis.

    Davis sinceramente non lo vedo per molto ai pelicans e se new orleans non fa qualche presa di mercato, questi rimarranno un team da ottavo posto se va bene. Davis agli spur sarebbe davvero perfetto sia tatticamente che come carattere etica lavorativa ecc…