Kupchak guarda avanti: “No sacrifici per Kobe”

Dead-Line deludente per i giallo-viola che continuano a guardare al futuro con p senza la loro stella, infatti il GM non ha intenzione di stravolgere i piani per aiutare il suo leader a vincere.

BryantDopo non aver mosso un dito durante la Dead-Line ed essersi fatti soffiare Goran Dragic (28 anni) l’obiettivo dei Los Angeles Lakers per il resto della stagione è chiaro, tankare per centrare almeno il quartultimo posto nella Lega che vorrebbe dire scelta Top 5 al prossimo Draft.

Il piano sta andando alla perfezione, 13-41 e quartultimo posto in NBA, ma c’è sempre quel “problema” chiamato Kobe Bryant (36 anni); il “Black Mamba” il prossimo anno percepirà $25 milioni, vuole chiudere la sua carriera cin giallo-viola ma allo stesso tempo vorrebbe ancora un’ultima chance per poter lottare per il titolo, il GM Mitch Kupchak però non sembra dell’idea dell’All-In vista la tragica annata 2012/13 (Nash, Bryant, Gasol, Howard) e avverte:

I Lakers sono stati la squadra di Kobe per 18/20 anni, stiamo arrivando alla fine della corsa e dobbiamo pensare a come cominciare un nuovo ciclo! Rischiare di rovinare il progetto dei prossimi 5/7 anni per firmare veterani con contratti consistenti solo per aiutare Kobe a vincere non ci sembra una saggia idea.

I Lakers sono ancora convinti di riuscire a prendere Dragic in estate anche se lo sloveno aveva fatto sapere che Miami, L.A Lakers e Knicks erano le squadre con le quali avrebbe firmato l’estensione di contratto, il Draft sarà importante ma ancor di più la Free-Agency 2015 per il futuro della franchigia di Hollywood:

Prenderemo le giuste decisioni anche in merito ai veterani, vorremmo una squadra giovane in gradi di poter arrivare a 55 vittorie nella prossima stagione, ma non è facile.

Se non lo hai ancora fatto, ISCRIVITI al nostro servizio di Newsletter!

Newslettr-Banner

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B