Westbrook non di ferma più, Houston di forza!

Westbrook scatenato anche a Charlotet senza Durant, New Orleans beffa Dragic all’esordio ma perde ancora Davis (spalla), Chicago tirata su Phoenix, Houston e Clippers vittorie facili.

Charlotte Hornets – Oklahoma City Thunder 103-110
CHA: Kidd-Gilchrist 20, Zeller 13, Jefferson 20, Mo Williams 24 (12 ass)
OKC: Ibaka 16 (12 rimb), Kanter 10 (13 rimb), Westbrook 33 (10 ass), Waiters 10, Augustin 12, McGary 9 (10 rimb)

Oklahoma City Thunder v Charlotte HornetsKevin Durant OUT (piede) ma tanto c’è Russell Westbrook che rifila in 48 ore un’altra doppia-doppia da 30+10 assist (33+10) e trascina i Thunder ad un’altra vittoria; a metà del 4° periodo punteggio in perfetta parità sul 94-94, Charlotte spreca con Mo Williams il tiro del sorpasso ed OKC piazzerà un break di 8-0 per il 94-102 a 4’13”! A chiudere le danze il nuovo arrivato D.J Augustin con la tripla del +9 (98-107) a 2’41”.

Miami Heat – New Orleans Pelicans 91-105
MIA: Whiteside 11 (16 rimb), Wade 19, Dragic 12, Chalmers 20
NOP: Asik 15, Gordon 24, Evans 13, Cole 12

786_1445016_721157Esordio bagnato per Goran Dragic con i Miami Heat, sconfitti in casa dai New Orleans Pelicans che, ancora una volta, hanno perso Anthony Davis per infortunio (spalla); ospiti sempre al comando delle operazioni grazie al duo Gordon-Evans, all’intervallo +10 Pelicans (42-52) e match chiuso ad inizio 3° quarto con un break di 14-0 che ha spinto gli ospiti dal +11 al +25 (56-71) dopo 5’ di gioco.

Chicago Bulls – Phoenix Suns 112-107
CHI: Dunleavy 15, Gasol 22 (14 rimb), Butler 19, Rose 16, Gibson 12, Brooks 12
PHX: Tucker 20, Len 8 (11 rimb), Green 10, Bledsoe 13, Knight 13, Marcus Morris 17, Goodwin 12

Phoenix Suns v Chicago BullsPau Gasol sale in cattedra (22+14) e trascina i Bulls al successo sui Suns nel giorno dell’esordio di Brandon Knight; la partita è tirata fino alla fine, grazie ad un 5-0 in un amen i Suns si portano sul -2 (106-104) a 49” dal termine, Rose trova Gasol che va a segno col suo gancio cielo per il +4 ma Phoenix risponde con la bomba di Tucker per il -1 (108-107) a 25”.
Rose viene mandato in lunetta ma non trema per il +3 e sul capovolgimenti non andrà a segno la bomba del pareggio di Bledsoe, chiuderà Butler dalla lunetta.

Houston Rockets – Toronto Raptors 98-76
HOU: Motiejunas 12 (11 rimb), Harden 20, Brewer 26 (10 rimb), Jones 11
TOR: J.Johnson 27, Valanciunas 11m DeRozan 10m Lowry 11

Toronto Raptors v Houston RocketsHouston spazza via Toronto con un super Corey Brewer da 26+10; i canadesi stanno in partita nel primo tempo (40-36) poi nel 3° cedono anche perché James Harden decide di iscriversi alla partita! Il “Barba” ne realizza 16 dei suoi 20 punti finali su 28 di squadra nella frazione, Toronto tirerà 5/17 dal campo e dal -4 del riposo lungo finiranno sul -15 (68-53).

Los Angeles Clippers – Sacramento Kings 126-99
LAC: Jordan 11 (15 rimb), Redick 24, Paul 10, Crawford 23, Rivers 28
SAC: Gay 15, Cousins 21, McCallum 10, Casspi 11 (17 rimb)

Allo Staples Center basta un grande 2° quarto ai Clippers per archiviare la pratica Kings; i primi 12’ vedono gli ospiti avanti 24-29 ma nei successivi non ci sarà più storia, 42-18 il parziale Clips con 17/23 dal campo (6/8 da 3), 12 assist e 4 recuperi per la banda di Doc Rivers che andrà nel spogliatoi avanti 66-47 e non si girerà più.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • LMF

    Ho vosto okc, devo dore che tra i nuovi arrivati i migliori sono sicuramente kanter e augustin, molto deluso da singler, inveve mcgary continua ad essere una sorpresa

  • Verbal

    Dite che ormai è impossibile pensare Russell MVP se continua su questi ritmi fino a fine stagione? Comunque Kanter è un buonissimo boost per i Thunder che con ieri notte hanno messo un bel mattoncione per i PO.
    Davis purtroppo si dimostra ancora una volta abbastanza fragile ed è un grosso dispiacere per lo spettacolo.

  • deron

    onestamente i Thunder hanno uno squadrone assurdo sulla carta, gli mancano due cose secondo me, un pò di esperienza e un coach all’altezza del titolo Nba. In ogni caso in termini di talento sono superiori alla versione con il Barba che arrivò in Finale.

  • @Deron quoto, sulla carta hanno una squadra da Finals, per me dipenderà tutto dall’adeguamento di KD a 2° violino perché ormai è chiaro

  • 8gld

    @LMF

    A diversità’ del pensiero Durant e del poco acume tattico e gestione delle risorse di Brooks i Thunder hanno avuto e hanno, gli ultimi arrivi sono interessanti, un bel pacchetto giocatori da ruotare intorno a RW e KD con Ibaka.
    Da Singler non bisogna aspettarsi che spacca le partite. Un atleta che svolge bene i suoi compiti. Di rotazione…dalla panchina va bene.

    In attesa di Durant e con West che lavora hanno tutto per poter far bene anche quest’anno.

  • 8gld

    @deron

    Leggo ora. Non saprei se superiori alla versione barba ma di sicuro sono messi bene.

  • alert70

    Durant secondo violino dietro Russell mi sembra una forzatura. Se non è sano fisicamente non gioca ai suoi livelli per cui è salito in cattedra Russell.

    Non so perchè si parla di Brooks come di un coach non all’altezza, vorrei ricordare che i Thunder storicamente non hanno mai avuto un centro con punti nelle mani e che questo giocoforza ha forzato il coach ha giocare un basket che tutti conosciamo.
    L’arrivo di Kanter darà un minimo di talento nel pitturato che dovranno, se saggi, sfruttare al meglio. Non so se un altro allenatore con Perkins e il kiwi avrebbe potuto fare diversamente.

  • low profile

    Senza iperboli post vittoria contro la corazzata Hornets credo che ormai sia diventato pacifico a tutti che Russel Westbrook è il giocatore in attività più assetato di vittoria. Lo dico senza paura di essere smentito e sempre dubbioso che da un momento all’altro potrà costare delle partite per il suo modo di fare. Ma non si può non voler bene ad uno come lui, mille difetti ma ma da sempre il 100%

  • low profile

    No Alert non sono minimamente d’accordo, Brooks per me è stato ed è ancora oggi l’anello deboile della catena

  • alert70

    Kings/Clips
    La differenza in talento è talmente palese che perdere di 20 e rotti è normale.
    Con la second unit in campo i Kings sono letteralmente sprofondati nell’incapacità di prendersi un tiro in ritmo. Ci stava anche non metterlo a segno ma in 4/5 minuti facevano fatica a prendersi un tiro. Isolamenti, scarsa circolazione della palla….palle perse……
    D’altronde se hai DMC e Gay puoi isolarti visto il talento che hanno, se hai Williams e Casspi no. Karl avrà un lavoraccio da fare e sospetto che 4/5 Kings attuali cambieranno canotta.

    Griffin
    Senza di lui la palla si muove meglio. Questo però non deve ingannare, la sua assenza è pesante anche se nel frattempo le W sono arrivate. Indice di un team talentuoso come pochi nella lega.

  • alert70

    low profile

    Non ritengo Broosk un fenomeno ma nemmeno un brocco.
    Riguardo la voglia di vincere di Russell, trovo questo comune a tanti cestisti. Ha un talento straordinario che a volte usa in modo sbagliato. Però ad avercelo uno così in squadra.

  • Leoluch Vi Britannia

    Spiace dirlo, ma ormai wade non sposta più una cippa.perdere in casa con i pelicans di un Davis subito fuori, è grave

  • alert70

    Thunder
    Quando la fortuna ti bussa alla porta. Westbrook, Durant e Harden.
    Ci sono squadre come Wolves e Sixers che hanno avuto pick alti per ritrovarsi con un pugno di mosche in mano.

    brass
    A volte penso che ricostruire da zero sia una caxxata enorme. Accumulare pick non serve a nulla se poi prendi Noel, MCW (sbolognato), Embiid rotto……………………lasci andare Turner……

    Ti capita una volta nella vita di prendere tre fenomeni in tre anni. Infatti solo i Thunder possono vantarsi di questo. Giusto ricostruire le scelte, ma una, due non svendendo di tutto e di più. Anche perchè poi per costruire un team vincente hai bisogno di chi ti fa il lavoro sporco, quello che ti gioca 15 minuti etc……..

  • alert70

    Pensate che c’è un problema di fragilità per Davis?

    Wade
    Il meglio è passato da un pezzo.

  • InYourWais

    Alert

    Una volta è fortuna, dopo 3 o 4 significa che o sai fare il tuo lavoro, o non lo sai fare. Ci sono GM che sanno scegliere al draft, a prescindere della posizione, altri che non lo sanno fare. Gli Spurs non sono fortunati, fanno degli scouting della Madonna

    Non ci voleva nulla a prendere KD nel 2007, ma nel 2008 Westbrook era dato attorno alla 10, e manco si sapeva che pesce era (un play? una guardia? non che oggi se ne sappia di più…). Nel 2009, con un reparto esterni del genere, sembrava pacifico puntare su un lungo, invece preso il Barba, altra scommessa vinta…senza parlare di Ibaka o Reggie J. presi a fine primo giro

    Ci sono squadre che scelgono in lotteria da anni, e le scelte se le danno in faccia, o scappano via appena possibile. I Clippers degli anni ’90 erano degli artisti ineguagliabili in questo. Per quanti anni Toronto o Minnesota o 76ers hanno preso giocatori inutili, scarsi, rotti, o tutte queste cose assieme?

    Chi è causa del suo mal…

  • low profile

    Alert

    Wes non è l’unico che ha voglia di vincere, cavolo no, ma mi da sempre l’idea di essere quello che ne ha più di tutti, quello che sempre e comunque gioca al massimo delle sue possibilità. Questo, e un cervello non proprio fino, lo porta di tanto in tanto ad andare fuori giri, è comunque un giocatore erratico ma appunto come dici tu, ad averceli giocatori del genere

  • Michael Philips

    LP

    Anche per me non c’è dubbio, westbrook pare in effetti quello più affamato, più furioso nel cercare la vittoria. Il suo modo di fare, l’atteggiamento, il modo di giocare esplosivo mi ricorda il barkley tra aii 80 e 90.

    F.M.B

    durant ha mille problemi, e se è vero che a livello di leadership westbrook ormai ha preso un pò il suo posto, a livello tecnico e tattico, nessuno sano di mente metterebbe durant come secondo violino.
    In nessun team nba.

    Intanto Davis continua a lottare con gli infortuni. Come diceva qualcuno, i problemi di durant sarebbero più tipici di giocatori pesanti, il cui carico sulle caviglie risulta eccessivo. Durant in effetti non è quello di 2 anni fa. Ora durant credeteci o no, pesa solo 2 kg in meno di lebron che ok è più basso di 5-6cm, ma è costruito in un modo molto più robusto.

    Il ragazzo pesa 107 kg(per la cronaca, quanto melo) e ad inizio carriera e almeno nei primi due anni ne pesava 98. Fate voi.

  • gasp

    Westbrook MVP e concordo con alert, Russell primo violino “costretto” per condizioni fisiche precarie di Durant

  • Nedone

    adoro westbrook, ma KD secondo violino..via su..

  • Westbrook ad inizio carriera non mi stava proprio simpatico, però ultimamente visti anche gli ultimi playoff, dove sembrava lui l’unico a crederci e non gli interessava “sporcare le %” e si prendeva lui le responsabilità nel crunch time, l’ho rivalutato tantissimo. Non sarà mai il mio tipo preferito di PG stilisticamente, però ci mette una fotta tutte le volte e non hai mai paura di fallire, cosa che invece un pó ho notato in Durant.

  • alert70

    IYW

    La verità per me è nel mezzo.
    Per gli Spurs con 50 W ogni hanno e uno squadrone fatto e finito è “facile” cercare il ragazzo giusto perchè non hanno l’ossessione di avere dei risultati immediati dal rookie. Studiano, vanno a cercare quello con determinate caratteristiche e se funziona bene, se va male pazienza, nessuno gli dirà nulla se pescano dalla 25 in su. Quanti rookie diventano buoni buoni ogni hanno su 60 prese? 15 se va di lusso.
    Se sei nei Sixers, Wolves………hai bisogno del fenomeno e raccatti quello che al college ha fatto il fenomeno. Lo farebbero gli stessi Spurs se fossero nelle loro condizioni.

    Il draft è una brutta bestia specie se sei disperato. Se poi con la prima sai che prendi James, TD, Shaq………..Davis…… allora è facile, se invece hai da scegliere tra Bennet e cagatine varie…………è un pò meno eccitante.

    Dunque capisco la bravura del GM ma scegliere quello giusto non è facile, la fortuna conta.

  • alert70

    MP

    Durant è un fenicottero, se lo irrobustisci come un tacchino………………….non puoi aspettarti che infortuni.

  • InYourWais

    Direi che la verità non sta esattamente in in mezzo…nessuno nega che la fortuna è importante, guarda Portland che cosa gli è successo con Oden e Roy (però questo dimostra anche cosa può fare un buon GM, dato che da due perdite devastanti si sono rialzati benissimo in pochi anni), ma se ci sono franchigie che da sempre fanno cazzate ed altre che stanno ai vertici, la colpa è solo di chi fa cazzate

    Se prendi Araujo, Bargnani e Villanueva in lotteria, significa che non sai fare il tuo lavoro, al di là della sfiga. Se scegli Novitzki e lo scambi il giorno del draft col Trattore Traylor, significa che non sai fare il tuo lavoro (ed i Bucks hanno molti esempi al riguardo, Respert, il Cinese, Alexander). I buoni GM e le buone organizzazioni su 10 pick ne azzeccano 8 e ne cannano 2, i GM di merda fanno il contrario

    Oppure scelgono bene e non sanno valorizzare i giocatori, o li scambiano a cazzo, o non gli costruiscono buone squadre attorno e quelli se ne vanno dopo 5 anni. Basta vedere i TWolves. Ed il fatto di avere lottery pick o scelte basse è del tutto fuorviante, basta vedere i Thunders come le hanno usate

    Anzi, per certi versi è molto più difficile. Gli Spurs pur scegliendo sempre dopo la 20 non ne hanno cannata praticamente una, almeno un giocatore ne è uscito fuori (vedi Hill, Mahimmi, Uldrich, Blair)

  • Joe Yabuki

    hanno esagerato anche con Durant nel farro irrobustire,lo voranno utilizzare come ala grande tattica? comunque dipende da quale Lebron si intende sappiamo della cura di questa estate.

  • Joe Yabuki

    comunque mi chiedo due cose, su Brooks, perchè preferire Kyle Singler a Perry Jones e due che fine farà Mitch (questo Mitch) quando tornerà Adams, tenendo conto delle sua ossessione di affidarsi ai veterani,negli anni costringendo tante volte a fare troppi minuti inutilmente a Wes e Durant.

  • low profile

    Concordo con voi che separate le cose.
    La leadership di Westbrook mi pare una logica conseguenza delle 2 personalità, magari è venuta fuori nettamente causa i problemi di salute di KD ma un qualcosa che mi sarei comunque aspettato in situazioni normali. Il trascinatore è lui, pochi cazzi.
    Detto questo e tolto i gradi di leader a KD sarebbe un suicidio tecnico/tattico vederlo come secondo violino. Lo so che si tende a delieneare il leading scorer col leading e basta ma mai come in questo caso non andrebbe fatto, uno fa i trentelli a ripetizione e l’altro guida emotivamente il team.
    La situazione ideale sarebbe che anche dando per buono questo scenario Durant ci mettesse un pò più di attributi e Russ fosse un pò meno impetuoso nelle scelte e chiudiamo la lega

  • Michael Philips

    LP

    mi ricorda il periodo migliore dei denver, quando c’era melo con il ruolo di scoring machine, e billups nel ruolo di leader e collante.

    Pensare che i thunder hanno un leader “leggermente” più forte di billups e una scoring machine più forte di melo.

  • rofled

    Westbrook MVP

  • alert70

    IYW

    Non è sempre facile pescare bene al draft. Per lavorare al meglio devi avere le idee chiare, una dirigenza che ti lascia fare il tuo lavoro, un coaching staff all’altezza e programmi seri.

    Prendi i Kings
    In tre mesi, tre coach, presa al draft strana a dir poco e un futuro certo, incerto, boh chi lo sa. Siamo a febbraio e forse non sanno che direzione prendere. Questi avevano un coach preso da Ranadive, un GM che lo voleva silurare, una proprietà che voleva a roster Royce White malvoluto dal coach stesso. Chiaro che non ci sono le premesse per far bene. Spero che con Karl le cose vadano meglio.

    Tornando al punto di prima dico che se non hai una sistuazione stabile e dei professionisti all’altezza è facile, molto facile, prendere dei granchi. Non dico che tu abbia torto, anzi, sottolineo il fatto che ci vuole stabilità, ruoli certi e pazienza, cosa non comune in NBA.

  • The Big Sleep

    Ma nessuno che commenta Perkins ai Cavs??

  • hanamichi sakuragi

    Fino all’anno scorso ritenevo harden>RW ora devo dire il contrario. Non amo le combominkia ma rw é migliorato tantissimo e se continua cosi può ambire all’mvp. Però kd é più forte e deve darsi una svegliata xké se steccano la colpa sarà sua. Dal di fuori sembrano molto uniti, e kd é il tipo che lo lascia anche sfogare.. A differenza degli anni passati questo rw quando si sfoga i danni li fa principalmente agli avversari. Se kd si tira su ai p.o possono fare bene

  • Shady

    perkins ai cavs ci può stare; in attacco sarà una bestemmia, ma tanto a loro serve di tutto tranne altra gente che a punti nelle mani; ai cavs serve un elefante di 210 da piazzare sotto il ferro e che sappia difendere e non rompa tanto i coglioni, per far rifiatare ogni tanto il russo… in questo perkins è l’ideale quindi buon per loro

  • michele

    Oggi sembra la giornata del Presti Pride, aspettiamo l’arrivo del Nichilista per cambiare un po’ spartito e vivacizzare la discussione eheheh

  • brazzz

    bhà..storicamente i sixers han sempre scelto piuttosto bene…uno per tutti chuclk LL 5..negli scambi,cazzate a bob finire..ora,premesso che di cuck in giro non ne vedo,io contesto non tanto le scelte,ma la logica ..ammassare scelte e nulla più è una idiozia,intanto perché fenomeni da scelgiere ne vedo pochini,poi perché qualche balia per i ragazzi ci vuole..oltre a questo,negli ultimi 3 ani han scelo uno che han appena scambiato(dio sa perché)per un piatto di fagioli,e due rotti…
    ricordo inoltre che la grnade genialità spurs nelle scelte..Duncan lo avrebbe scelto pure mia nonna(e si sa cosa fecero per arrivarci)gino lo scelsero per sbaglio,confondendolo con un altro..bene parker,malinocon scola..insomma,bravi,bravissimi,ma senza che pasino per geni assoluti dai…la differenza la fa il coach e il sistema …

  • Michael Philips

    brazzz

    ma come, gente così non ne vedi?

    https://www.youtube.com/watch?v=_v9XE7BijJA

    devo ancora capire se sono più mostruose le dunk o le stoppate.

  • InYourWais

    Brazzz

    Il fatto che gli Spurs ti stiano sulle palle ovviamente non ha niente a che fare con la tua memoria selettiva. Oltre a Parker, che lo hanno pescato alla 28 ed è diventato un all of famer, ci sono Manu alla 57, Splitter alla 28, Hill alla 26 che hanno scambiato per avere la 14, che è diventata Leonard

    Senza contare come abbiano preso a fine primo giro o direttamente al secondo gente che nella NBA ci gioca, magari anche solo come role player: Scola (alla 55, e quando lo scelsero dello scambio coi Rockets non se ne parlava di certo), Uldrih, Mahimmi, Blair, Joseph. Dato che c’erano, hanno pure preso Barbosa e Dragic, prima di scambiarli

    Ora trovami una qualsiasi franchigia che negli ultimi 15 anni sia stata più efficace in sede draft, specie parametrato al non aver avuto una lottery dal 1997 ad oggi. Citami una sola squadra che ha fatto meglio

    Poi ovvio che senza coach, GM e sistema zeru titoli, ma intanto la squadra devi saperla costruire, e loro lo sanno fare come nessuno

  • low profile

    Brazz

    Il segreto è il coach nel senso che il coach è anche president of basketball operation da ben prima di auto-nominarsi coach.
    Poi non confondiamo l’essere bravi con l’essere perfetti, certo che non lo sono, citi Scola ma potrei citare anche Dragic, o i carneadi scelti negli anni a discapito di tanti altri diventati buoni/ottimi giocatori o, perchè no? Richard Jefferson. Insomma di sbagli ne hanno fatti ma in un mondo di errori la grande dirigenza azzecca anche le mosse e nel caso degli Spurs tolto Duncan le mosse risultate vincenti furono anche molto controintuitive. Per questo sono grandi e per questo la fortuna esiste ma incide solo in minima parte, se per alcuni si ha l’impressione di non sbagliare mai tanto ci azzeccano e altri sembrano non dover mai cavare un ragno dal buco. Altro che fortuna.

    Poi bisogna anche saper ascoltare, narra la leggenda che Pop bocciò secco a Parker e fu proprio Presti ( lui nuovo protagonsita del capitolo sbaglio si ma cazzo quante volte c’azzecco) ad insistere e fargli fare un secondo work out.
    Su Ginobili la leggenda dice che nel ’97 RC e un altro furono mandati dal Pop a vedere un torneo per nazionali giovanili in sudamercia a visionare un play diciotenneche interessava e RC tornato in america disse al Pop di lasciar stare il ragazzo che aveva appena visto una guardia di 20 anni che li aveva mandati via di testa. Quindi non lo presero pensando che era un altro ma lo scoprirono osservando un altro. Anche qui, botta di culo perchè andarano in Argentina in pratica a caso ma 20 anni fa nessuno in NBA faceva ste cose. Fortuna o stavano semplicemente 20 anni avanti?

  • InYourWais

    Questo è il miglior video su Sir Charles

    https://www.youtube.com/watch?v=mu3vkwP3GHQ

  • brazzz

    MP
    meglio le stoppate,se consideri che stoppa Robinson e ewing,tra gli altri..certo,l’ultimo canestro in maglia rockets è da lacrime agli occhi e..come lui NON,NON NE VEDO
    iyw..GRANDE VIDEO…

  • zed

    Barkley uno delle pippe incontrate da Jordan in finale vero Mp. Ah che personaggio che sei. Ogni tanto parlo di te con gli amici e sono risate grasse ogni volta. Datti all’ippica.

  • zed

    Per la cronaca la nostra perla preferita è quella sui jazz che non difendevano
    ma secondo te tutte le squadre incontrate dai bulls erano scarse avevano fatto solo più di 60 w e avevano un mvp in squadra vedi barkley o Karl Malone. Mi raccomando rispondi presto e metti le statistiche che le aspettiamo con ansia. Ah per la cronaca che c…c’entra una guardia quasi play come Russel con un quasi centro come barkley lo sai solo tu

  • Michael Philips

    zed

    boh, convinto avesse perso il napoli scopro che gioca domani, quindi non capisco cosa sia scattato nella zucca di zed(suona bene no?).

    Parli di me con i tuoi amici? Ok, non pensavo ci tenessi a fare outing riguardo la pochezza della tua vita privata.

    Riguardo la tua uscita, così dal nulla, non metterò certo mano al volume sacro “basketball references” per rispodere ai tuoi deliri partenopei.

    “Ah per la cronaca che c…c’entra una guardia quasi play come Russel con un quasi centro come barkley lo sai solo tu”

    parlavo di approccio alle gare in modo aggressivo. Non facevo paragoni tecnici, e la cosa era abbastanza ovvia.

    Ora, non mi importa molto se ci sei o ci fai(o visti commenti di oggi, ti fai), ma vabbè, lo dico per gli altri: ho sempre parlato di chi marcava 1vs1 jordan, non dei big che ha affrontato.

    1992 vs drexler – duro da marcare ma clyde non è mai stato un grande difensore, mai preso in considerazione tra i migliori difensori, mai selezionato in uno dei quintetti difensivi. Nada.
    1993 vs majerle e kevin johnson – come essere marcati da mike miller e da un chris paul, meno difensore.
    1995 vs payton(coincidenza, finals meno brillanti del solito con brutte %)
    1996 e 1997 vs russell, hornacek e anderson. Nemmeno commento.
    pure nel 1991 non lo marcava nessun degno difensore, e sopratutto, tolto il 1992 non ha mai dovuto tenere un avversario anche minimamente pericoloso offensivamente parlando.

    Nel 1991 divise il compito con pippen per marcare magic, che però non era uno alla kobe, wade ecc che ti può piazzare 30 a sera per una serie intera, e comunque, il più lo fece pippen in marcatura.

    Ma perché perdere tempo a frequentare questo blog quando puoi goderti tutte le migliori cose presenti sulla terra, tipo mangiare una bella pizza con la neo-melodica in sottofondo, mentre si ripercorrono nostalgicamente tutte le imprese di diego vostro.

    Perché negarti tutto questo??

  • Michael Philips

    knicks vs cavs gara inutile.

    Un appunto tecnico sul match: ma perché lebron non si rasa la testa invece che usare delle fascette che misteriosamente continuano ad ingrossarsi anno dopo anno, giusto per “mascherare” la calvizie???

  • michele

    brazz

    il punto sugli Spurs è che hanno avuto il colpo di fortuna del secolo con l’infortunio di Robinson + la prima scelta assoluta + il fatto che quell’anno c’era disponibile Duncan. Una concatenazione di eventi favorevoli senza eguali. Ricordarlo non significa essere hater, è un dato di fatto.

    Però poi hanno dimostrato di essersela meritata quella fortuna e il loro management è oggettivamente il migliore,