Eurolega: Top 16 (Day #12): Gentile trascina Milano!

Un super Gentile trascina Milano alla vittoria contro il Laboral Kuxta, speranze di passaggio del turno ancora, vive ma lievi, il Fener è inarrestabile, il Real batte il Maccabi

Gruppo E

Zalgris Kaunas – Fc Barcellona 72-83

ALBA Berlino – Stella Rossa Belgrado 73-68

Galatasary – Panathinaikos 84-86

Real Madrid – Maccabi Tel Aviv 86-75

Il Barcellona con la vittoria fuori casa sullo Zalgris Kaunas, si qualifica alla fase successiva e toglie qualsiasi speranza, anche matematica allo Zalgris Kaunas di qualificazione. L’ALBA Berlino continua a rimanere in vita grazie ad un vittoria con il patema d’animo contro la Stella Rossa Belgrado, ma la qualificazione è appesa ad un filo. Contro un Galatasary che non ha più niente da chiedere, si stava consumando la sconfitta del Panathinaikos che avrebbe voluto dire pericolo estremo per la qualificazione perché sarebbe andato a pari merito proprio con l’ALBA Berlino, ora con una vittoria in più, può gestire la qualificazione, ma quanta sofferenza ad Instanbul. E i turchi hanno gettato al vento con i due liberi sbagliati da Justin Carter la possibilità dell’aver time, e il Pana si salva con per il rotto della cuffia. Infine il Real Madrid batte facilmente il Maccabi Tel Aviv e si riscatta della brutta prestazione di settimana scorsa all’Oaka Arena, e continua il testa a testa con il Barcellona per aggiudicarsi la prima piazza del girone. Ora i bianchi di Madrid hanno una vittoria di vantaggio sui blaugrana.

Gruppo F

Fenerbahce Ulker – Unicaja Malaga 78-63

Olympiacos Pireo – Anadolu Efes Instanbul 86-75

Nizhny Novgorod – CSKA Mosca 82-86

Ea7 Milano – Laboral Kuxta Vitoria 99-85

Il solito Andrew Goudlock, con 22 punti, trascina il Fener, che ormai è diventata una macchina inarrestabile, che tira dritto come un tir a tutta velocità, senza conoscere ostacoli, l’Unicaja Malaga di queste Top 16, non rappresenta un grosso scoglio, ma la disarmante facilità con la quale la squadra di Obradovic se ne è sbarazzata è disarmante. Dopo la brutta caduta di settimana scorsa, per l’Olympiacos arriva il pronto riscatto contro un Anadolu Efes incapace di porre una credibile resistenza ad Atene. Per l’Efes saranno decisive le prossime due partite. Nel derby russo, il Nizhny si dimostra squadra ostica, e il CSKA Mosca, chiaramente calato rispetto alle prime gare d’Eurolega, fatica e non poco, ma i 21 punti di Sonny Weems, sono abbastanza per tenere il passo del Fenerbahce, ora le due compagini vanno a braccetto, ma il Fener, ha chiaramente dalla sua parte lo scontro diretto. A una vittoria di distanza c’è l’Olympiacos, che quasi sicuramente si dovrà accontentare della terza piazza.

Infine Milano, che rimane ancora una volta in vita, ma senza compiere l’impresa di cui avrebbe avuto tanto bisogno, ovvero ribaltare la differenza di 19 punti contro il Caja Laboral. Un Alessandro Gentile, in completo delirio onnipotente, ha dominato la gara del Mediolanum Forum di Assago, con ben 29 punti, ma senza trovare un singolo giocatore che lo potesse tenere. La gara non parte bene per Milano, che va sotto di 15 punti, ma l’infortunio di Davis Bertans, colpisce psicologicamente gli spagnoli, e da fiducia a Milano che si sveglia all’improvviso con il duo Gentile-Marshon Brooks, e riporta sotto l’EA7. Nel secono tempo arriva il momento onnipotenza cestistica di Alessandro Gentile, inizia a segnare in tutti modi, e da tre punti è una sentenza, Milano trova anche il +19, che nella differenza canestri vorrebbe dire parità. Da quel momento arriva la risposta del Laboral, che non sbrocca e mantiene i nervi saldi. Samardo Samuels è letteralmente incontenibile e la squadra Vitoria, comunque non può nulla contro questa Milano, ma negli ultimi minuti di gara si salva per il rotto della cuffia, permettendo così di avere la differenza canestri a favore, e ora basta una vittoria per avere la meglio di Milano, non chiaramente dell’Anadolu Efes, che essendo a pari merito potrebbe vincere tutte e due le restanti gare. Per quanto riguarda Milano, ci sono tanti rimpianti ma ancora speranze, seppur lievi. La prossima settimana si andrà a casa dell’Efes, e servirà una vittoria di almeno tre punti per ribaltare la differenza canestri e avere  lo scontro diretto a favore, ma per avere meglio del Laboral bisogna vincere tutte e due le gare, soprattutto quella contro il CSKA Mosca, e sperare che il Laboral Kuxta non ne vinca nessuna.

 

Nico P

Nico P

Appassionato di ogni tipo di sport, con il basket a svettare nella sua classifica, tifo Lakers e Broncos con la preferenza sempre verso la squadra più debole. Nickname: Nico P