LeBron versione QB ma: “Non decido sempre io!”

Dopo i rumors degli ultimi giorni sulla decisione degli schemi in casa Cavs la stella aha voluto dire la sua confermando in parte e facendo un paragone con colleghi illustri dell’NFL

JamesAlla fine sono costretto a riportare la notizia che di giorni riempie le home-page dei principali e non siti mondiali sulla pallacanestro, LeBron James (30 anni) chiama i giochi d’attacco della squadra e David Blatt come un pappagallo li ripete agli altri, questo è il succo che ha destato (…) scalpore in America nelle ultime 48 ore.

Ma quante volte su questo sito e anche sui Social abbiamo discusso questo argomento? Quante volte mi avete visto commentare al motto “Cleveland è strutturata come una squadra NFL” o “Il compromesso James-Blatt è la chiave del cambiamento dei Cavs”? Da almeno 4 mesi, ossia da quando Cleveland ha cambiato marcia rimontando e arrivando al 2° posto ad East, ma gli espertoni stelle strisce capitanati dalla ESP(Fuckin)N ci sono arrivati l’altro ieri e quindi apriti cielo.

Prima del match di stanotte vinto poi contro i Miami Heat al “King” è stato domandando proprio di questo suo agire in campo chiamando gli schemi al posto dell’allenatore, la risposta dell’ex Heat è stata precisa quasi da fa ridere come se nessuno si fosse accorto in questi 12 anni di come il figlio di Akron preferisca giocare:

No, io non ho la libertà di chiamare tutti i giochi, non è quello che ho detto, io ho la libertà di chiamare gli aggiustamenti, tutto ciò che sento meglio e che possa adattarsi alla nostra squadra. Il che non è diverso da quello che facevo a Miami o quando ho cominciato qui. Perché non darmi la libertà di chiamare gli schemi? Come andare da Peyton Manning o Tom Brady e chiedere loro di non fare aggiustamenti o cambiare schema durante l’huddle.

Punto sul vivo il James risponde in pompa magna:

Sono un giocatore intelligente, che usa la testa con un IQ cestistico molto alto e tengo seriamente a queste cose. Quindi so cosa si adatta meglio al nostro team e il nostro staff tecnico fa bene. Ma se non si consente che chiamare i giochi nel corso di una partite allora questo non è andare a beneficio della nostra squadra.

LeBron spiega anche il suo modo di giocare confermando quello che si è sempre detto di lui nelle telecronache, ossia che immagazzina ogni tipo di dato durante l’arco dei 48′:

Quando scendo con la palla mi ricordo cosa è successo il possesso prima se non i 3 precedenti, quindi cerco di capire come possiamo bucare la difesa, faccio così ogni partita, ogni notte da circa 11 anni.

Ok LeBron, grazie per la delucidazione evidente e lampante al 99,9% del mondo, però ricordati che se Tom Brady ha demolito tutti i record dei Playoffs e portato a casa 4 titoli è perché ascolta il suo staff e solo in pochi casi si permette di scavalcare il magico duo Belichick (HC)-McDaniels (OC).

Se non lo hai ancora fatto, ISCRIVITI al nostro servizio di Newsletter!

Newslettr-Banner

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B