Draft 98, quando Philadelphia rinunciò a…Paul Pierce!

Svelato un retroscena che avrebbe radicalmente cambiato i destini di Boston e Philadelphia con quest’ultima che passò su quello che diventò poi il simbolo dei Celtics.

PierceIl Draft del 1998 è stato quello con Michael Olowokandi prima scelta assoluta dei Los Angeles Clippers, quello di Vince Carter, di Jason Williams ma soprattutto quello che ha visto con la #10 Paul Pierce (27 anni) scelto dai Boston Celtics…grazie soprattutto ai Philadelphia 76ers!

Infatti in una recente intervista radiofonica Larry Brown ha parlato proprio di quel Draft dove Philadelphia aveva la scelta #8, ammettendo che Pierce era nei loro piani ma che per via di una promessa fatta avevano già deciso di puntare su Larry Hughes:

Scegliemmo Larry perché credevano che fosse necessario alla nostra causa anche perché glielo avevamo promesso quando lo incontrammo per la prima volta, sapevamo che avremmo avuto l’8^ scelta assoluta e se lui fosse stato libero sarebbe stato nostro.

La storia dice che Hughes non fu la scelta del secolo per i 76ers, errore che poi commisero anche i Cleveland Cavaliers quando lo presero nell’estate 2005, una lezione che anche i grande maestro oggi allenatore di SMU ha imparato:

Ho sempre pensato che bisognava prendere il miglior giocatore, qualunque cosa uscisse sul tabellone dovevamo ragionare sul cercare il migliore per il lungo periodo e l’ho sempre detto al mio personale, invece a quei tempi cercavamo solo il giocatore necessario.

Ai Sixers in quegli anni stava emergendo un giovane ruspante proveniente da Georgetown col #3 sulla maglia, sarebbe stato davvero curioso vedere Allen Iverson e “The Truth” insieme sotto gli ordini di Larry Brown, ma con i se e e con i ma non si fa la storia che, tanto per cambiare, a sorriso a Boston.

Se non lo hai ancora fatto, ISCRIVITI al nostro servizio di Newsletter!

Newslettr-Banner

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • InYourWais

    Beh, Hughes fece un 1° anno al college mostruoso, e comunque prima di approdare ai Cavs fece in tempo ad essere un ventellista ed un difensore eccellente…tutto da vedere poi come Iverson e PP potevano convivere, viste le tendenze di AI…

    Ma il punto non è questo, è che in quel draft si è consumato lo scambio più assurdo della storia, altro che PP…a Milwaukee, durante una crisi mistica, decisero di scambiare ALLA PARI Tracktor Traylor (preso alla 6 dai Mavs) con Dirk Novitzki (preso alla 9 dai Bucks)…cioè, uno che nella NBA è stato nullo, prima di infartare per i troppi Cheeseburgers, dato via per una delle migliori 4-5 Power Forward di sempre

    Poi dici perchè alcune franchigie sono condannate alla mediocrità

  • Michael Philips

    IYW

    io ricordo da alcuni numeri di american superbasket(tipo del 1995) che traylor era nella lista delle potenziali star, ed era messo assieme a carter, garnett e pierce. Pareva un oliver miller con talento, ma poi si è visto essere solo appunto, un trattore.

    Dirk veniva dal nulla, e all’epoca se proprio si prendevano il rischio di scegliere un europeo(e non lo facevano comunque)guardavano verso l’est europa, mentre la germania rappresentava il nulla cosmico del basket.

    Inoltre dirk ricordo venne scelto un pò perché fece bene ai vari tornei estivi per i futuri candidati al draft(credo il nike hoop summit)ma sopratutto grazie ad un barkley che di fatto fu il suo scopritore.

    Oggi magari non te lo fanno un errore così(poi c’è bennett a smentirmi) ma all’epoca potevi anche essere “drazen bodirogavic” e agli ‘murricani non gliene fregava una ceppa.

    Poi certo, si sono rifatti (male) con gli interessi riguardo lo scegliere gli europei, basti pensare al colossale fail di bargnani prima scelta e il top dei top, darko alla 2nd in QUEL draft.

  • low profile

    Si infatti

    All’epoca dei fatti erano i bucks ad aver fatto il colpaccio, una gran bella figura di cioccolata ma mai come questo caso c’è voluto il senno di poi

  • DrDre

    OT
    Wall stagione finita a quanto ho letto poco fa

  • mad-mel

    La serie hawks-wizards prende una piega nettissima verso i falchi…