Draft 98, quando Philadelphia rinunciò a…Paul Pierce!

Svelato un retroscena che avrebbe radicalmente cambiato i destini di Boston e Philadelphia con quest’ultima che passò su quello che diventò poi il simbolo dei Celtics.

PierceIl Draft del 1998 è stato quello con Michael Olowokandi prima scelta assoluta dei Los Angeles Clippers, quello di Vince Carter, di Jason Williams ma soprattutto quello che ha visto con la #10 Paul Pierce (27 anni) scelto dai Boston Celtics…grazie soprattutto ai Philadelphia 76ers!

Infatti in una recente intervista radiofonica Larry Brown ha parlato proprio di quel Draft dove Philadelphia aveva la scelta #8, ammettendo che Pierce era nei loro piani ma che per via di una promessa fatta avevano già deciso di puntare su Larry Hughes:

Scegliemmo Larry perché credevano che fosse necessario alla nostra causa anche perché glielo avevamo promesso quando lo incontrammo per la prima volta, sapevamo che avremmo avuto l’8^ scelta assoluta e se lui fosse stato libero sarebbe stato nostro.

La storia dice che Hughes non fu la scelta del secolo per i 76ers, errore che poi commisero anche i Cleveland Cavaliers quando lo presero nell’estate 2005, una lezione che anche i grande maestro oggi allenatore di SMU ha imparato:

Ho sempre pensato che bisognava prendere il miglior giocatore, qualunque cosa uscisse sul tabellone dovevamo ragionare sul cercare il migliore per il lungo periodo e l’ho sempre detto al mio personale, invece a quei tempi cercavamo solo il giocatore necessario.

Ai Sixers in quegli anni stava emergendo un giovane ruspante proveniente da Georgetown col #3 sulla maglia, sarebbe stato davvero curioso vedere Allen Iverson e “The Truth” insieme sotto gli ordini di Larry Brown, ma con i se e e con i ma non si fa la storia che, tanto per cambiare, a sorriso a Boston.

Se non lo hai ancora fatto, ISCRIVITI al nostro servizio di Newsletter!

Newslettr-Banner

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B