James si prende il Match-Point, orgoglio Harden!

LeBron e Irving portano Cleveland al Match-Point in un altro finale cardio-palma, Harden registra la tripla-doppia e Houston è ancora in vita nei Playoffs.

PlayoffsLOGO

Barra-East2015

Cleveland Cavaliers (#2) – Chicago Bulls (#3) 106-101 [CLE 3-2]
CLE: James 38 (12 rimb), Thompson 12 (10 rimb), Shumpert 13, Irving 25, Smith 12
CHI: Dunleavy 19, Gibson 10, Noah 10, Butler 29, Rose 16, Mirotic 10

786_1499344_739087LeBron James si carica sulle spalle tutta Cleveland, chiude Gara5 con 38 punti, 12 rimbalzi, 6 assist e 0 palle perse ma soprattutto trascina al successo i suoi Cavs sui Bulls (sempre privi di Gasol) per il match-Point; Cleveland controlla la partita sin dalla palla a due toccando anche il +12 durante il primo tempo ma, come da prassi in questa serie, ogni allungo viene sempre ricucito dagli avversari e infatti, a 80” dalla fine della partita Chicago è sul -2 (99-101) e palla in mano!
LeBron stoppa Rose, la palla finisce di nuovo nelle mani degli ospiti ma Jimmy Butler a 45” sbaglierà la tripla del possibile sorpasso. James vuole chiuderla, sbaglia il tiro del K.O ma ecco Iman Shumpert che cattura il rimbalzo offensivo mettendo la palla nella sagge mani di Kyrie Irving a 19”.
Il #2 dei Cavs prima fa 2/2 e poi intercetta un passaggio di Noah chiudendo di fatto la partita, da sottolineare un infortunio al polso destro per Derrick Rose durante il 3° quarto, infortunio avvenuto cadendo in una lotta per il possesso con Irving, e l’espulsione di Taj Gibson dopo essersi azzuffato con Dellavedova

Barra-West2015

Houston Rockets (#2) – Los Angeles Clippers (#3) 124-103 [LAC 3-2]
HOU: Ariza 22, Howard 20 (15 rimb), Harden 26 (11 rimb, 10 ass), Terry 11, Brewer 15, Jones 12
LAC: Griffon 30 (16 rimb), Jordan 13, Paul 22 (10 ass), Haws 11

786_1499371_320062Gli Houston Rockets rimangono ancora in vita in questi Playoffs grazie alla tripla-doppia di James Harden (26+11+10) nel successo sui Clippers in Gara5; il “Barba” si scatena nel 2° quarto (36-26 il parziale) realizzando 14 punti compreso il buzzer-beater per il +15 (63-48) al riposo lungo, Houston controllerà lil resto della partita con L.A che massimo arriverà sul -14 per poi finire addirittura sotto di 20 sul 101-81. Da sottolineare anche qui un infortunio con Austin Rivers, caduto verso fine partita ed infortunatosi all’anca.
Era dal 2004 che un giocatore dei Rockets non registrava una tripla-doppia nei Playoffs, in quell’occasione fu Steve Francis.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • gasp

    “ricordo quando noah veniva paragonato al verme e a me veniva da piangere”

    Noah nel 2013 era forse uno dei migliori tre centri dell’ NBA, tanto che mi ricordo che tu avevi dato segnali di un apertura sul confronto Rodman-Noah eheheheheh

    Comunque parlando delle partite la serie Rockets-Clippers mi sembra orientata verso un finale “Pippers alle WCF” (ahimè) invece Cavs-Bulls indecifrabile, non mi stupirei di nessun risultato.

  • michele

    gasp

    dovete rassegnarvi voi canarini. i lakers saranno a lunga la seconda squadra di los angeles eheheheh

  • michele

    a lungo, ovviamente

  • Sutek 23

    Da tifoso Bulls la penso come MAD, e mi domando:
    ma che squadra abbiamo?
    Il quintetto che ha elencato lui prima è davvero uno dei peggiori della lega, la vedo brutta. Prima dell’inizio della serie ero più ottimista ma dopo aver visto le ultime 2 partite sono sconvolto. Con TT via anche tutti gli altri tranne Rose e Gasol, è tempo di rifondare, così com’è questa squadra non vale una mazza.
    Continuo con il sostenere la linea del post precedente su Irving acciaccato, qui ci sono, o almeno c’erano, a Chicago a parte Rose dove sono gli altri? Disarmanti!!!

  • the best

    3-2 Atlanta, ottimo Horford, giocatore sottovalutato