Cavaliers spietati, clamorosi Rockets e si va a Gara7!

Cleveland chiude subito la serie senza bisogno di un super LeBron ma Irving è K.O, clamorosa rimonta Houston (dal -19) a Los Angeles e si va a Gara7!

PlayoffsLOGO

Barra-East2015

Chicago Bulls (#3) – Cleveland Cavaliers (#2) 73-94 [W CLE 4-2]
CHI: Butler 20, Noah 4 (11 rimb), Rose 14
CLE: James 15 (11 ass), Thompson 13 (17 rimb), Shumpert 13, Smith 12, Dellavedova 19

Chicago Bulls V Cleveland Cavaliers - Game SixI Cleveland Cavaliers sfruttano subito il Match-Point, sbancano con autorità lo United Center e staccano il biglietto per la finale della Eastern Conference, tutto con LeBron James che sfiora la tripla-doppia (15+9+11) e Matthew Dellavedova top-scorer con 19 punti; ospiti che vanno all’intervallo avanti sul 44-58 grazie ad un 2° quarto da 12-25 guidato da Iman Sumpert reo di 11dei suoi 13 punti finali, Chicago tirerà col 31% dal campo con Rose e Butler che combineranno appena 6 punti.
Cleveland però perderà nel 2° periodo e per il resto della partita Kyrie Irving, infortunatosi al ginocchio sinistro dopo un contatto con Tristan Thompson.
Nella ripresa si aspetta una reazione casalinga, Butler si carica sulle spalle i Bulls ma il suo sforzo vale solo il -13 (60-73) a fine 3° quarto, ad inizio ultima frazione Dellavedova si infiamma realizzando 7 punti nel break di 11-2 col quale i Cavs voleranno sul +22 (62-84) mettendo fine a partite, serie ed era dei Bulls di Tom Thibodeau.

Barra-West2015

Los Angeles Clippers (#3) – Houston Rockets (#2) 107-119 [TIED 3-3]
LAC: Griffin 28, Barnes 9 (10 rimb), Redick 15, Paul 31 (11 ass)
HOU: Ariza 13, Smith 19, Howard 20 (21 rimb), Harden 23, Jones 16, Brewer 19 (10 rimb)

Houston Rockets v Los Angeles Clippers - Game SixCon l’eliminazione a 12’ gli Houston Rockets giocano un 4° periodo stratosferico, rimontano dal -19 e portano la serie a Gara7 con il duo Smith-Brewer sugli scudi; a 3’ dalla sirena del 3° quarto sembrava di assistere al remake di Gara3 e 4 con i Clippers assoluti padroni del match sul +19 (87-68) ma, come un pugile messo alle corde, i Rockets stavolta hanno reagito e che reazione!
Prima chiudono il 3° quarto con un break di 11-5 per il -13, giocano gli ultimi 12’ da favola; parziale di 40-15 con Josh Smith e Corey Brewer autori si 14 e 15 punti, Clips nel totale pallone tanto da tirare 4/22 (18%) e asfaltati a rimbalzo 5 (solo difensivi) contro 21 dei Rockets!!!!
Il break che ammazzerà la partita arriverà a 6’ dalla fine, sul +8 CLippers (102-94) Houston ne realizzerà 25 filati con sono 2 liberi di Paul, L.A segnerà un solo canestro dal campo per giunta sulla sirena!

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Quaqquo (sonostatoazzurrodisci)

    Non c’entra una mazza ma… alla fine Ray Allen come mai non ha firmato per nessuno ? Ha fatto qualche dichiarazione pubblica ?

  • mad-mel

    sto via il pomeriggio e arriviamo oltre i 100… a qualcuno la coda pende…

  • sconocchini

    @stoppani

    al quarto rigo ho smesso di leggere il tuo post perché il 90 per cento di quello che ho letto non ha il minimo senso.

    va beh, dai, oggi ti dovevi sfogare sparando un po’ di cazzate a destra e sinistra e l’hai fatto. a posto così. nessun problema.

  • hanamichi sakuragi

    Quando uno non SA come argomentare stravolge la realtà dá del coglione al prossimo e fa il superiore… Il tutto con tono imparziale e distaccato

  • sconocchini

    hanamichi sakuragi

    e tu da dove salti fuori? scusami, di recente non avuto tempo di segnarmi alleanze telematiche e cose del genere. se ho offeso il tuo compare scusami. hai ragione, non ho saputo argomentare perché, come ho detto, chiaramente, al quarto rigo mi sono fermato. sarà un limite mio.

    obiettivamente se tu e il tuo compare siete convinti che il sistema Miami “drogava” (nel senso in cui lo intende stoppani) le precentuali di Lebron io proprio non posso farci niente. il mio punto di vista l’ho detto, voi avete detto il vostro. amen. per me state fuori di testa, e siccome le argomentazioni (quelle che ho letto) mi sembrano totalmente insensate non posso perdere tempo a confutarle, perché significherebbe dargli un valore che, onestamente, non hanno.

    detto questo ognuno la pensa come vuole, se sono stato brusco mi scuso. ognuno per le sua strada. confrontarsi e giusto, ma evidentemente non parliamo nemmeno la stessa lingua quindi oltre un certo punto diventa stucchevole. ciao.

  • sakkukoziz

    sulla droga.
    c’è da dire che il sistema Miami non ha drogato Deng quantomeno
    meno male

  • sakkukoziz

    l’idea di miami era quella di unire una grande carretta da Regular (Lebron) a un mostro da playoff (wade), la droga tecnicamente era lebron per aumentare il numero di vittorie in Rs

  • hanamichi sakuragi

    Ti fermi perché non hai argomenti…e nel farlo vuoi far passare x coglioni gli altri negando l’evidenza

  • gasp

    Non so perché quando vedo ste grandi rimonte sono sempre contento, specialmente se a subìrle sono i cugini ehehehe

  • sakkukoziz

    intanto avete visto che wall accusa schoeder di aver detto a bazemore di romperlo
    brutta storia
    per wall che la racconta poi
    il suo infortunio è strano

  • Michael Philips

    intanto butto lì un OT

    Kobe su twitter ha tirato fuori uno spunto molt interessante, che dovrebbe far riflettere:

    “I wonder how Larry Bird would have done in the nba draft combine”

    periodo di draft combine, in cui i giovani si mettono in mostra cercando di eccellere nelle loro qualità fisico-atletiche. Periodo in cui i non atletici rischiano di passare inosservati. Un bird verrebbe forse visto come un tizio bianco con una grande visione di gioco, grand tiro, ma lento, zero elevazione, poco fisico, insomma, un mike miller che sa passarla..

    sakkukoziz

    dove hai letto sta cosa di wall?
    Io ho notato che in gara 2 o 3 teague ha cercato almeno in due occasioni di far male a beal e si è beccato un flagrant.

  • Michael Philips

    ok ok ho trovato.

    Non so, shroeder si sta dimostrando uno che non ha paura e che può diventare un giocatore cazzuto, ma un conto è il trash talking, altra è voler far male (ad uno già infortunato poi).

    Se fosse vera questa cosa il tedesco rischia seriamente di avere qualche incontro ravvicinato con gente tranquillona come nene, che sta sempre ad un nulla dal tirare qualche cartone random quando lo provocano.

    A me ha sorpreso proprio un teague(sempre sembrato iper corretto e sportivo) giocare davvero sporco per due gare di fila, come fosse uno di quelli scarsi che deve alzare le mani per tenere il passo degli altri. E lui non è uno così.

    Negli hawks in stagione ho notato tra i provocatori potenziali protagonisti di giocate sporche o di cercatori di risse: bezemore, mike scott e qualche volta antic. Meno male che millsap è tranquillissimo, altrimenti per com’è piazzato sai che le legnate potrebbe tirare. Horford pare un signore, un Duncan 2.0.

    Poi pure nei wizards, gente come pierce, nene o seraphin è sempre lì per provocare o gettarsi all’istante se ci sono da dare manate.