Playoffs 2015, SUKA Awards (2° Turno)

Anche il secondo turno è in archivio e stavolta abbiamo due sukatori non male, ad East troviamo i Bulls e la fine dell’era Thibodeau, ad Ovest tragedia Clippers

Barra-East2015

Chicago Bulls

Jimmy+Butler+Milwaukee+Bucks+v+Chicago+Bulls+z44VQeS-vz6xSe neanche contro dei Cavs che arrivavano senza Kevin Love, senza J.R Smith nelle prime 2 partite e con un Kyrie Irving malconcio sono riusciti a batterli…a sto punto meriti di SUKARE!
L’era Thibodeau finisce nella maniera più amara possibile, 4-2 con le ultime 3 perse soprattutto Gara6 dove si sono sciolti come neve al sole mostrando tutti i limiti di cui si è palato durante la stagione, il tutto contro una squadra che non giocava ne col roster completo e ne al 100%, in questi 5 anni di gestione Thibodeau i Bulls hanno avuto solo 2 squadre che potevano davvero competere e arrivare fino in fondo; la prima 2010/11 con Derrick Rose MVP e li, con fattore campo a favore, hanno salutato i Playoffs nelle finali di Conference contro i Miami Heat di James & Wade, questa non era al livello di quella ma le chance per giocarsela ce le aveva soprattutto contando come erano i Cavs e chi c’era dall’altra parte del tabellone e hanno fallito.
Noah tanto cuore e grinta ma alla fine è stato come il proverbiale cane che abbaia e non morde, Rose e Butler hanno fatto il loro ma non è stato sufficiente, Mirotic ha pagato l’esordio nei Playoffs e Dunleavy è un giocatore poco affidabile, ma il vero problema è che la franchigia dell’Illinois per quanto talento schierasse in campo non ha avuto quella durezza mentale che invece James, Irving e Smith hanno messo in campo andando a colmare le lacune tecnico/tattiche

Barra-West2015

Los Angeles Clippers

LOS ANGELES, CA - MAY 14:  Blake Griffin #32 (L) and DeAndre Jordan #6 of the Los Angeles Clippers sit on the bench after Griffin fouled out in the final stages of the fourth quarter against the Houston Rockets  during Game Six of the Western Conference semifinals of the 2015 NBA Playoffs at Staples Center on May 14, 2015 in Los Angeles, California. The Rockets won 119-107.   NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement.  (Photo by Stephen Dunn/Getty Images)

Momento, momento, momento, momento, ricapitoliamo: vanno a Houston SENZA Chris Paul e vincono con autorità, perdono Gara2 ma ci può stare, tra le mura dello Staples Center annichiliscono i Rockets rifilando ben due partite con oltre 120 a referto portandosi 3-1 nella serie, cedono alla reazione d’orgoglio di Harden in Gara5 e ci può anche stare, tornano a L.A con Match-Point e servizio, vanno sul +19 a 15′ dalla fine…….e poi è la fine!
Josh Smith da caso disperato diventa l’eroe della serie, si va a Gara7 dove i Clips vengono spazzati via indecorosamente con il danno dell’eliminazione e la beffa perché indirettamente hanno salvato la stagione dei Lakers (in Gara6 c’erano più tifosi giallo-viola camuffati che veri dei Rockets).
Chris Paul ancora una volta SUKA pesantemente accarezzando di nuovo le Finali di Conference tenendosi l’etichetta di “inconcludente”, i numeri dicono 10 stagioni, 7 viaggi ai playoff e 0 finali di Conference…pesante se sei ritenuto uno dei migliori giocatori della Lega. Blake Griffin numeri da urlo fino a 15′ dal termine di Gara6 poi il buio, DeAndre Jordan…va bè.
Federico Buffa più volte, negli anni passati quando ancora c’era lo Sterlo a capo della baracca, pronunciò una frase che riassunse alla perfezione i cugini dei Lakers: “Alla fine hanno pur sempre scritto Clippers sulla maglia” e questo progetto fondato sul trio Paul-Griffin-Jordan è risultato un progetto perdente e non sono solo i risultati a dirlo.
Ci sono ancora 2 serie e le Finals da giocare ma il SUKINO D’Oro è fortemente indirizzato…pure Magic Johnson non ha resitito

Schermata 2015-05-18 alle 10.04.09

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B

  • Lore

    The clippers are still the clippers…e menomale Magic…ti immagini LA che festegga l’anello dei cugini…non potrebbe accadere! Ps: uno tra i tifosi rockets (giallo viola travestiti) ero io…

  • sp

    Io lo sapevo che ricominciava la storia di Chris Paul… ma non è possibile che quello che ha fatto ne sti playoffs più l’infortunio non basta a definirlo un vincente nato dentro…. basterebbe guardare le partite ieri anche sul meno 20 ancora lottava… ok i clippers hanno perso ma non sarà che nelle ultime 3 gare redick Barnes e Crawford (gli stessi che avevano ammazzato gli spurs) hanno tirato con il 30% scarso dal campo e che hanno una panchina indecorosa che li ha fatti spompare (gli altri hanno una panchina 30 volte migliore nonostante le assenze di moti e beverley). Per carità i clippers hanno gravi colpe ma parlare solo di Paul è da bar sport… più o meno come i “nobili” tifosi lakers che tifano contro (gli stessi che dicevano che “non esiste rivalità abbiamo troppi anelli etc “) come quell’altro scienziato di magic

  • InYourWais

    Chris Paul, quando contava di più, si è sciolto nè più nè meno degli altri…in questa Lega ci sono dubbi anche su gente che nei playoff è arrivata molto più lontano di CP3 negli ultimi 10 anni, se non ha mai giocato neanche una finale di conference (e si che in un paio di occasioni aveva tutto per farcela) la colpa è anche sua

    Ed essendo il leader tecnico di questi Clippers, è giusto che si mangi la porzione più consistente di merda, lui e quel Doc che finora non ha giustificato minimamente il contratto firmato, nè ha fatto granchè meglio di Vinnie del Negro

  • sp

    Bisogna guardare il come e non solo il tabellino e il risultato è dire che uno che ha di media 20 e 9 assist in carriera nei playoff (UNICO nella storia) è un perdente. E se il Rivers Gm è stato una delle prime cause della sconfitta clippers il Rivers allenatore è 30 volte meglio di quel caprone di del negro basta guardare la qualità offensiva dei clippers (1 in stagione regolare) e gli ATO e tante altre cose:
    p.s scommetto che se prendo gli articoli post gara 7 sono tutti commenti super favorevoli a CP3 e Doc… bisogna essere più equilibrati e non dire che chi va fuori ha giocato male e chi rimane è un fenomeno a priori.

  • Fantocci

    Magic 20 punti, 12 assist e 8 rimbalzi di media carriera ai playoff…….

  • low profile

    Non credo di capire il senso del discorso.
    Prima dici di non guardare i tabellini e poi tiri fuori la storia del 20 e 9 di media.
    Paul non è mica l’unico responsabile ma in quel parziale da 40-15 con i rox in versione facciamo 2 tiri prima delle ferie anticipate CP e Blake c’erano. E sta cosa deve far riflettere.
    Nella serie precedente, ma anche fino al momento incriminato avevano giocato da fenomeni veri, nessuno l’ha negato ma a maggior ragione, quindi per niente affatto un attenuante, sono stati tra i principali colpevoli di quell’implosione storica.
    Se non si è capaci di amministrare il più comodo dei vantaggi a serie praticamente chiusa cosa gli dobbiamo fare? I complimenti?
    Avranno modo di rifarsi, ma fino ad allora standiamo un velo pietoso e passiamo oltre senza difese a mo’ di arranpicata sugli specchi

  • Rob

    In america utilizzano le statistiche per fare squadre però quando c’è da etichettare un giocatore come perdente si fa riferimento a dei non precisati parametri..
    Per me CP3 ha fatto quello che doveva, se sei un play e ti tornano indietro valanghe di assist perché i compagni rifiutano tiri con 2 metri di spazio cosa devi fare? Non si può valutare un giocatore senza pensare al suo ruolo, se sei un creatore di gioco hai bisogno di giocatori che prendano i buoni tiri.
    Suka awards ovviamente strameritato per lui e i Clips ma per l’etichetta di perdente ci sono altri ben più meritevoli..

  • hanamichi sakuragi

    Sp guarda io tifo lakers da sempre ma a me questa versione dei clippers piace proprio tanto. CP3 e BG sono tra i miei giocatori preferiti e sono uno dei pochi che difende pure Jordan. In più adoro Doc Rivers che ho conosciuto ed è una persona super disponibile e gentile.
    Ma non posso non dare colpe a Paul e Doc in primis. Quando in gara 6 cominciavi a scioglierti Paul doveva attaccare il momento e non l’ha fatto e Doc agire in qualche modo (al limite copiare Mc Hale ritirare i titolari incularseli a sangue e poi rimetterli dentro). Io credo che hanno capito che la partita gli stava, e sottolineo gli stavam sfuggendo di mane quando il vantaggio si è dimezzato.
    Non posso non pensare a paul in questo momento come un perdente. James l’anno scorso ha fatto la stessa cosa.. non ha attaccato la partita si è limitato a fare il compitino (bene). Paul ha fatto altrettanto ma male.

  • sp

    @fantocci http://www.basketball-reference.com/players/j/johnsma02.html 19,5
    @rob e hanamichi già le vostre sono analisi più ragionate almeno… ma per definire paul perdente non basta, ci sono gli avversari in campo: nel 4 quarto i clippers senza harden avevano meno cattivi difensori ed erano continuamente preruotati su paul perchè hanno scommesso sulle cattive percentuali di redick barnes e crawford cosa che invece gli spurs non potevano fare perchè redick e gli altri ci hanno ammazzato (@low io le guardo le partite tranquillo, ma bisogna vederle con gli occhi equi non con i pregiudizi del bandwagon). Se paul avesse tirato gli avremmo dato dell’egoista etc… paul ha fatto le scelte giuste ma lui e i suoi compagni sono arrivati sfiniti mentalmente e fisicamente in quel quarto (se fossero sopravvisuti forse avrebbero preso gli schiaffi da GSW) e hanno beccato 3 triple di smith in un quarto (era 2/12 nella serie fino a quel momento).
    Ma poi Paul perdente… sono anni che dimostra il suo dominio delle partite nel 4 quarto di partite tirate, sempre sempre… non si può semplicemente dire che hanno perso cntro una squadra più forte? o in NBA 1 vince e 29 falliscono ogni anno?
    E per chi fare confronti con altri grandi http://www.basketball-reference.com/leaders/per_career_p.htmlhttp://www.basketball-reference.com/leaders/per_career_p.html

  • InYourWais

    Per me CP3 non è affatto un perdente…ma quest’anno, e non solo, ha fallito, quindi sarà uno dei migliori della Lega, senza il minimo dubbio, ma deve ancora dimostrare di essere un vincente, uno da ultimo step

    Ha avuto due match point in questa serie, li ha falliti, non da solo, per carità, ma da leader deve prendersi il carico maggiore di responsabilità

  • Geppetto

    Sukare di cosa che siamo implosi dopo neanche 1 mese?
    Bastava vedere le partite dei Bulls e non parlare per partito preso per vedere che non eravamo credibili manco per il cazzo.
    Visto comunque il talento (nostro e della conference) per non ipotizzare un secondo turno, ma pensare di andare più in là di li era francamente impossibile.
    Il nostro trascinatore è stato Mirotic, atipico quanto volete vista l’esperienza, ma sempre un rookie rimane, quindi…

  • hanamichi sakuragi

    @ SP: secondo me hai centrato il punto. era stanco mentalmente e non te lo puoi permettere. non ha saputo vincere. guarda è la prima volta tra qui e playit che do del perdente a qualcuno. sono rimasto molto colpito dalla sconfitta pippers. ci sono rimasto proprio male.
    personalmente, mi posso sbagliare, ma i rox più forti dei pippers mai nella vita. dei rox, escludendo le 2 stelle alle quali preferisco quelle dei velieri, vorrei solo ariza, che è il giocatore che manca ai pippers

  • sakkukoziz

    Ariza manca ai pippers anche perché hanno Barnes e avevano investito persino in Butler… e te credo … gli «mancherebbe» quasi anche villanueva…
    per me la colpa principale della sukata è di rivers, di un pressappochismo spaventoso sia come GM (è rimasto senza panchina, in pratica, sarà pur sua la colpa, visto il ruolo ricoperto), con conseguenze di vario tipo (tra cui mettibile anche la lingua a penzoloni di Paul) che come allenatore. Possibile che non riesci ad addormentare la gara una volta che ti trovi con un simile vantaggio?
    Possibile che nei finali che contano, il tuo schema principale sia dare palla a Redick e farlo tirare? Parliamo di Redick, uno che a Orlando faceva il sesto uomo ed era qualcosa come la quarta/quinta opzione.
    Possibile che non gestisci un po’ diversamente Griffin, spingendolo a giocare e giocarsela di più nei finali, e non riesci a motivarlo di più e a non far sì che si caghi addosso (parliamo di un giocatore notoriamente molto coachable)?