Warriors senza problemi, Finals 40 anni dopo!

Curry ma soprattutto Harrison Barnes nel 4° periodo chiudono la serie riportando i Warriors alle Finals 40 anni dopo, notte da incubo per Harden.

WestFINAL

Golden State Warriors (#1) – Houston Rockets (#2) 104-90 [W GSW 4-1]
GSW: Barnes 24, Green 9 (13 rimb), Bogut (14 rimb), Thompson 20, Curry 26, Ezeli 12
HOU: Ariza 15, Smith 11, Howard 18 (16 rimb), Harden 14 (13 perse), Terry 16, Brewer 16

Houston Rockets v Golden State Warriors - Game FiveIl secondo match-point è quello buono per i Golden State Warriors che battono gli Houston Rockets staccando il biglietto per le Finals 40 anni dopo l’ultima volta, bene Steph Curry malgrado la botta al braccio di G4, mentre tragica prestazione di James Harden (2/11 dal campo e 13 perse); la partita è viva, nel 3° quarto Airza e Howard si caricano sulle spalle i compagni tenendoli a 1/2 possessi di distacco, nell’ultimo quarto Houston si porta subito sul -6 (76-70) con un canestro di Brewer ma dall’altra parte si innesca Harrison Barnes!
L’ala piccola di Golden State realizza 9 punti (13 nella frazione su 24 finali) nel break di 11-2 col quale i padroni di casa scappano sul +15 (87-72) con 7’ da giocare. I Rockets riusciranno ad arrivare massimo sul -8 a 4’19” dalla sirena finale ma ormai è troppo tardi.
Anche stanotte non è mancato il momento paura per i tifosi dei Warriors con protagonista Klay Thompson, dopo aver realizzato 13 punti nel 2° quarto, aver commesso 5 falli e quindi costretto a stare tutto il 3° quarto in pan, rientra e subisce un brutto fallo da Trevor Ariza (ginocchiata in faccia!) che lo costringe a lasciare il campo per commozione.

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B