NBA Finals 2015, le pagelle di Gara3!

E come d’abitudine ecco le pagelle di Gara 3, finiti gli aggettivi per James e Dellavedova, prestazione negativa di troppi in maglia Warriors

CLE-Bar

Matthew Dellavedova 8,5: l’uomo in più di queste Finals. Effettivamente non ha replicato gara 2 come in tanti pensavano, ha fatto meglio, pur con qualche forzatura. Su ogni palla vagante, in ogni mischia sempre e solo lui, e poi sempre più convinto anche in attacco
IRREALE

Iman Shumpert 6,5: prende un colpo alla spalla dopo pochi minuti di gioco che preoccupa parecchio i fans dei Cavaliers, rientra e, pur con qualche problema, si rende utile alla causa specie nella sua metà campo
DILIGENTE

LeBron James 9,5: gioca un’altra incredibile partita, sfiora la tripla doppia mettendone ancora 40, e le percentuali non vogliono dire niente. L’attacco e stanotte a tratti anche la difesa dei Cavs sono lui, solo lui. E con quelle percentuali ci vuole quel qualcosa in più dentro per mettere la tripla che chiude la partita.
ABBACINANTE

Tristan Thompson 8: dominatore dei tabelloni, specie quelli offensivi, riesce anche ad essere utile alla causa in attacco con 10 preziosissimi punti che completano tutto il resto. Rimane un rebus insoluto per i lunghi Warriors.
IMPRENDIBILE

Timofey Mozgov 6,5: meno presente e quindi meno utilizzato nella fase offensiva, si prende un turno di riposo anche a rimbalzo ma in aiuto nella sua area c’è sempre.
SOLIDO

JR Smith 7,5: questa volta entra deciso nella partita giocando il suo basket, ed l’unico dei Cavs, #23 a parte, che sa crearsi un tiro dal palleggio. Importante nel break decisivo del terzo quarto da il suo anche in difesa.
ECUMENICO

James Jones 7: gioca 10 minuti di grande intelligenza cestistica facendosi trovare molto pronto quando viene chiamato in causa dal perimetro, due tiri sette punti utilissimi.
ENCOMIABILE

Mike Miller 6: vero che gioca solo 5 minuti ma quel tuffo per recuperare il pallone alla fine del primo quarto vale la sufficienza.
VOLENTEROSO

David Blatt 8,5: sta dimostrando di reggere perfettamente senza problemi la pressione di queste sue prime Finals NBA, certo per chi lo conosce dall’Europa la sorpresa è relativa. Cavalca LeBron come e più di prima ed ha ragione lui, oltretutto ottiene sempre di più dai vari Thompson, Dellavedova e Jones. Ed anche quando la squadra va in affanno nel quarto periodo lui rimane attaccato al suo piano di gioco portando a casa la partita e definitivamente l’inerzia della serie.
SICURO

GSW-Bar
Stephen Curry 7: difficile dargli un voto. Per tre quarti è peggio di gara 2, poi, senza pressione, resuscita e gioca un quarto periodo da MVP facendo venire sudori freddi ai Cavs. Peccato che sul più bello perda un paio di palloni decisivi ma ha dato comunque dei segnali
RISVEGLIATO

Klay Thompson 5,5: non inizia nemmeno male, sembrerebbe molto deciso ma durante la partita si perde dietro forzature inutili e scelte offensive sbagliate con una faccia che tradisce un discreto nervosismo
FRETTOLOSO

Harrison Barnes 4: solo perché ho deciso di non scendere sotto questo voto. Verrebbe da chiedersi perché ha giocato?, poi leggi lo 0/8 e dici purtroppo si, per i Warriors. E la pct al tiro non è nemmeno la cosa peggiore della sua partita.
ANNIENTATO

Draymond Green 5,5: passa più tempo a litigare con arbitri, pubblico, giocatori avversari e probabilmente con altri, solo che adesso mi sfugge, che a pensare di giocare. Solo un paio di volte riesce a tirare fuori l’energia che serve ai suoi compagni. Deve far fare un passo indietro al suo ego per tornare ad essere importante.
DISPERSO

Andrew Bogut 5: un altro che di questa serie non ci ha ancora capito niente. Difensivamente ed a rimbalzo assolutamente inutile, offensivamente fa venire meno la sua capacità di passare il pallone. A due incubi, uno russo ed uno canadese, che lo perseguitano ed a cui non riesce a trovare un rimedio.
DEPRESSO

Andre Iguodala 7,5: mezzo voto in più perché comunque un minimo sta limitando James. Poi è l’unico che sta giocando deciso, con la faccia e la grinta giuste per una serie finale. Dovrebbe essere seguito da tutti, invece è abbandonato
ESEMPIO

Festus Ezeli 5,5: entra e sembrerebbe voler fare la voce grossa contro gli incubi di Bogut. Solo che quello canadese diventa anche suo e si perde presto nel tentare di uscirne senza esito.
SPAESATO

Shaun Livingston 5: fa il suo compitino, o tenta di farlo, ma comunque se entri dalla panchina non devi fare solo il compitino, non in una serie finale specie se hai quel talento.
MORBIDO
Leandro Barbosa 6,5: un altro che attacca la partita, magari anche troppo, ma nel momento migliore Warriors lui è in campo. Meriterebbe più spazio.
SOTTOSTIMATO

David Lee 7: scongelato dal frigo della panchina Warriors, entra e cambia la partita, l’unico lungo che non soffre, o soffre di meno, Thompson. Ed in attacco trova gli spazi giusti per essere l’arma in più dentro la zona pitturata. Se Golden State si riavvicina è anche merito suo.
RIESUMATO

Steve Kerr 5,5: per tutta la partita perde il suo aplomb brittanico incapace di trovare le giuste soluzioni per la tragedia che vede sul campo. Per essere una gara 3 ha per troppo tempo una faccia tra il rassegnato e l’impotente e solo a partita quasi persa cerca, e trova, nuove soluzioni che si dimostrano quasi vincenti. Anche lui deve riuscire a recuperare serenità
NEBULOSO

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati

  • InYourWais

    Darei qualcosa in più a Blatt…si parla solo di James, e Delly, e TT, ma questo sta distruggendo Kerr per ora

  • Steven John

    Momenti clutch della partita assolutamente 2:
    1- TT che decide di togliere dal canestro un tiro di Lebron già entrato
    2- Shumpert che serve Curry tutto solo con un grande assist su rimessa Comunque avevo invitato David Lee e si è rivelato molto utile. Ora manca solo che entri Marion e decida le prossime.

  • sakukoziz

    Shump e JR anche qualcosa meno. A Bogut ancora meno, considerando fra l’altro come ha giocato i turni precedenti.
    In effetti i cavs si sono dati delle belle zappate… l’infiocinata di TT che leva il canestro fatto di Lebron e l’assist di Shump a Curry sono due perle che raggiungono in vetta lo schiaccione di Speights della scorsa partita. A seguire l’air ball di Curry in gara due (mutande cacate)