Irving post-operazione: “Mi sentivo alla grande…”

Il PG dei Cavs è tornato con la squadra a Cleveland e si è concesso ai media per parlare dello spiacevole incidente di Gara1 che lo ha messo K.O.

Irving

Media-Day pre Gara4 in quel di Cleveland e a presentarsi ai microfoni uno dei grandi assenti di queste NAB Finals nonché Kyrie Irving (23 anni) costretto a salutare la serei dopo l’infortunio nell’overtime di Gara1, l’ex Duke può solo assistere i compagni ed è tornato su quel brutto momento.

Subito dopo l’ufficialità del suo forfait i media si sono, tanto per cambiare, scatenati nel scrivere eresie con molte di queste accuse a coach David Blatt di aver spremuto troppo il suo #2, Irving ha difeso il suo allenatore parlando così di quella notte:

No, non ero dubbioso o preoccupato, mi sentivo alla grande! Il mio ginocchio, a livello di stabilità stava molto bene, certo che c’erano dei rischi andando sul campo ma a questo punto non ti importa. Mi fio dei nostri trainers, il ginocchio era ok mi sentivo bene mentre giocavano e, come molti hanno scritto, i minuti non sono stati un problema, è stata un’azione pazza!

Il campione del Mondo 2014 con Team USA ha difeso a spada tratta lo staff tecnico e medico dei Cavs, oltre a non poter condividere il campo con i compagni la cosa che più ha fatto soffrire Irving è stata un’altra:

La cosa che più mi ha ferito è stata il come mi sentivo mentre stavo giocando, mi sentivo bene in campo e poi in un momento strano mi tocca stare fermo dai 3 ai 4 mesi, però non cambierei nulla di quello fatto!

Un’assenza dolorosa ma che non si sta facendo sentire visto la serie indiavolata che sta giocando Matthew Dellavedova (24 anni) addirittura finito in ospedale dopo Gara3 per via di crampi ma regolarmente in campo stanotte per la già delicata Gara4!

Se non lo hai ancora fatto, ISCRIVITI al nostro servizio di Newsletter!

Newslettr-Banner

F.M.B

F.M.B

Una vita passata nello sport specialmente nel mondo della pallacanestro, praticamente appassionato di tutti gli sport con una predilezione per quelli Made In USA. Non ho una squadra NBA preferita, tendo a simpatizzare quelli snobbati/odiati dalla comunità o i casi patologici, in NFL invece vi basti sapere TB12. Nickname: F.M.B