Curry si carica i Warriors ed è Match-Point!

Stephen Curry trascina i suoi Warriors alla vittoria in una importantissima gara 5 contro dei Cavs guidati dal solito LeBron James in tripla doppia

Barra-Finals

Golden State Warriors (#1) – Cleveland Cavaliers (#2104-91
(22-22;51-50;73-67)
  GSW 3-2 

WARRIORS: Curry 37 (6/10,7/13,4/4), Thompson 12 (4/10,1/4,1/1), Iguodala 14 (3/6,2/5,2/11), Barnes 8 (3/7 da 2pt.,2/4 T.L.,10rim.), Green 16 (3/6,1/3,7/10), Livingston 2 (1/3 da 2pt.), Barbosa 13 (3/4,1/1,4/4), Lee 2 (1/3 da 2pt.), Ezeli.
All.Kerr

CAVALIERS: Dellavedova 5 (1/4,1/5 da 3pt.), Shumpert 10 (0/3,3/6,1/2), James 40 (12/26,3/9,7/9,14 rim.,11 ass.), Thompson 19 (6/11 da 2pt,7/10 T.L.,10rim.), Mozgov (0/1 da 2pt.), Smith 14 (1/1,4/14 da 3pt.), Jones (0/1 da 3pt.), Miller 3 (1/1 da 3pt.)
All.Blatt

Recap

2015 NBA Finals - Game FiveGara 5 inizia nervosa che più nervosa non si può, ci vogliono 3’44” per vedere un canestro, Klay Thompson, poi Golden State aumenta i giri specie in difesa e trova canestri facili in transizione per il primo allungo Warriors 8-2 con 7’09” da giocare nel primo quarto. Ma questa volta coach David Blatt ci impiega pochissimo a reagire, toglie Mozgov ed abbassa il quintetto, trova importanti risposte in JR Smith, e quando anche Shumpert batte un colpo dall’arco i Cavs rientrano e sorpassano 16-17 a 2’54”. Il primo quarto termina con Stephen Curry e LeBron James che iniziano a farsi vedere e siamo 22 pari.

Il secondo quarto inzia con LeBron James che a suon di punti ed assits lancia i Cavs in un tentativo di allungo, Smith mette anche due triple consecutive e siamo 30-37 con 7’10” da giocare. A quel punto Curry ritorna prepotentemente in scena anche lui con due canestri dall’arco, e ad aiutarlo dalla panchina esce Leandrinho Barbosa, in contumacia Thompson, che segna 9 punti in un amen. L’ultima giocata del quarto è una poderosa schiacciata a rimbalzo offensivo di Harrison Barnes che subisce fallo da James e con il 2+1 porta all’intervallo lungo Golden State avanti di uno, 51-50.

Il terzo periodo si gioca all’insegna dell’equilibrio totale. Per lunghi tratti nessuno riesce a mettere le mani sulla partita, e le difese sembrano prendere il sopravvento. James segna solo 4 punti ma riesce a trovare un valido aiuto in Tristan Thompson, presente offensivamente oltre che a rimbalzo come di duo solito. Dall’altra parte sul finire del quarto, Andre Iguodala ritrova punti importanti ed insieme a Draymond Green, partita ricca di alti e bassi ma sempre un carico di energia per i Warriors, ed al solito Barbosa, provano l’ennesimo allungo 73-67 alla fine del terzo quarto.

L’ultimo periodo parte con James che riprende il discorso in parte interrotto nel terzo quarto, e grazie alle sue giocate, arriva l’ennesima tripla doppia nemmeno a dirlo, i Cavs richiudono il gap, 85 pari con 9’35” da giocare. Il finale è bellissimo e drammatico, sportivamente parlando. James mette una tripla dal parcheggio della Oracle Arena a 7’47” per il 79-80, quello che sarà l’ultimo vantaggio Cavs. Immediatamente gli risponde Curry con un’altra tripla incredibile, poi ancora dall’arco Thompson, all’unico vero colpo della partita, ed in un attimo si è sull’85-80. Da li i Warriors non si gireranno più indietro. Curry sale in cattedra, così come Iguodala, tre triple quasi consecutive dei due portano i Warriors sul +10, 96-86 con 2’44” sul cronometro.

Coach Blatt tenta anche la carta dell’hack a Andre, con qualche risultato, Iguodala finisce con un 2/10 tragico dalla lunetta e LeBron mette l’ennesima tripla da casa sua, ma a mettere in cassaforte un’importantissima vittoria in questa gara 5 per Golden State ci pensa l’MVP, con un incredibile canestro dall’arco.

Finisce 104-91 e l’allegra banda di coach Steve Kerr avrà martedì notte il primo match point.

StatsG5

Doc. Abbati

Doc. Abbati

Il diversamente giovane del gruppo, appassionato di motociclismo e, soprattutto, dello sport made in USA , fan dei Lakers, dei Raiders e dei Mets rigorosamente in quest’ordine, seguo il basket NBA fin dagli anni 70 Nickname: Doc.Abbati